Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
103167 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Per la revoca dell'amministratore di condominio è obbligatoria la mediazione
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Per la revoca dell'amministratore di condominio è obbligatoria la mediazione

Prima di intraprendere l'azione di revoca nei confronti dell'amministratore è obbligatorio espletare la procedura di mediazione.

Avv. Maurizio Tarantino  

"In tema di mediazione obbligatoria, la previsione di cui all'art. 5, comma quarto, lett. f), del D.Lgs. n. 28/2010, secondo cui non sono soggetti all'obbligo di mediazione i procedimenti che si svolgono in camera di consiglio, non è ostativa all'applicabilità della procedura ai procedimenti per la revoca dell'amministratore di condominio". Questo è il principio di diritto espresso dal Tribunale di Vasto con l'ordinanza del 4 maggio 2017 in merito alla revoca dell'amministratore di condominio.

=> Obbligo della mediazione civile-commerciale per sempre. Sarà stabile e definitiva

Si ringrazia l'Organismo di mediazione Primavera Forense per la gentile segnalazione dell'interessante sentenza in commento.

La vicenda. Nel giudizio di revoca dell'amministratore,il convenuto aveva preliminarmente sollevato una eccezione di improcedibilità della domanda per mancato esperimento della procedura di mediazione.

Revoca dell'amministratore di condominio. Il nuovo art. 1129 c.c., all'undicesimo comma, delinea i casi in cui l'amministratore può essere revocato. In primo luogo può essere revocato, l'ipotesi non contenziosa, per volontà dell'assemblea, in qualsiasi momento e con le maggioranze previste per la sua nomina (quando viene meno l'apprezzamento da parte dei condòmini).

Quelle successive risultano invece ipotesi giudiziali, in quanto prevedono l'intervento dell'autorità giudiziaria, tant'è vero che, è previsto il ricorso al Tribunale da parte di ciascun condomino, allorquando l'amministratore non comunica all'assemblea i provvedimenti dell'autorità amministrativa o citazioni che esulano dalle sue attribuzioni (art. 1131 c.c.) ovvero in caso di omessa rendicontazione o gravi irregolarità.

In particolare, la norma di cui all'art. 1129 c.c., viene riconosciuta come ad una tipica norma a fattispecie aperta che, appunto, non esaurisce tutte le possibili ipotesi di gravi irregolarità, ed è in tal senso che appare pienamente operante il principio della cd. mala gestio, mutuato appunto dalle norme sul mandato che, come abbiamo avuto modo di verificare, risultano applicabili anche alla figura dell'amministratore di condominio.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Tribunale di Vasto ordinanza del 4 maggio 2017

Cerca: mediazione revoca amministratore condominio

Commenta la notizia, interagisci...
Michele Cogotti
Michele Cogotti sabato 24 giugno 2017 alle ore 08:33

Anche i procedimenti di ingiunzione sono sottratti all' obbligo della mediazione preventiva obbligatoria. Se vale il ragionamento dei tribunali di Padova e Vasto, allora l'amministratore che deve recuperare crediti condominiali non potrebbe richiedere un D.I. ex art. 63 disp att cc senza aver prima esperito la mediazione; il che sarebbe paradossale. Mi risulta che il Tribunale di Milano, tribunale di ben altro spessore di quelli di Vasto e Padova (con un sezione specializzata in materia condominiale che fa scuola), sul punto abbia un orientamento opposto, forse perché ritiene anche più corretto trattare i procedimenti anziché sostanzialmente rinviarli con la scusa della mediazione.

Antonella
Antonella domenica 02 luglio 2017 alle ore 22:05

Una informazione: l'amministratore del io condominio ha 82 anni, poiché ha 3/11 degli appartamenti e alcuni amici che lo proteggono come posso, essendo in minoranza, mandarlo in "pensione"? Non c'è un limite di età per esercitare questa professione? Grazie della risposta che mi invierete.

    in evidenza

Dello stesso argomento