Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
103310 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Manovra finanziaria 2018. Basta con le maxifatture a conguaglio di gas, acqua e luce. Sospeso il pagamento in caso di reclamo
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Manovra finanziaria 2018. Basta con le maxifatture a conguaglio di gas, acqua e luce. Sospeso il pagamento in caso di reclamo

Varata la nuova disciplina di maggior favore per gli utenti in materia di contratti di fornitura di energia elettrica e gas e del servizio idrico

Redazione Condominioweb  

Definitivamente approvata dal Senato giusto in tempo per il Natale, la l. 27 dicembre 2017, n. 205 - ossia la Legge di bilancio 2018 - è entrata in vigore lo scorso 1° gennaio. Fra le primissime previsioni (art. 1, commi 4-9), il provvedimento reca una nuova disciplina di maggior favore per gli utenti in materia di contratti di fornitura di energia elettrica e gas e del servizio idrico.

=> Controversie per utenze elettriche e gas: dal 2018 dal Garante o dal Giudice

=> L'acqua come la TARI. Bollette "gonfiate"

La riduzione della prescrizione del diritto al corrispettivo Rispetto al previgente termine quinquennale, le aziende fornitrici avranno ora solo due anni per esigere e riscuotere i pagamenti connessi all'erogazione dei citati servizi. In particolare:

  • Nei contratti di fornitura di energia elettrica e gas, il diritto al corrispettivo si prescrive in due anni, sia nei rapporti tra gli utenti domestici o le microimprese, sia nei rapporti tra il distributore e il venditore,sia in quelli con l'operatore del trasporto e con gli altri soggetti della filiera;
  • Nei contratti di fornitura del servizio idrico, la prescrizione biennale del diritto al corrispettivo opererà soltanto nei rapporti tra gli utenti domestici o le microimprese.

Un'ulteriore distinzione viene introdotta in materia di termine di operatività della nuova prescrizione breve: le nuove disposizioni troveranno infatti applicazione alle fatture la cui scadenza è successiva:

  • Al 1° marzo 2018 per il settore elettrico;
  • Al 1° gennaio 2019 per il settore del gas;
  • Al 1° gennaio 2020 per il settore idrico.

Entro 60 giorni dall'entrata in vigore della l. n. 205/2017, l'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico - della quale la Manovra finanziaria ha peraltro modificato la denominazione(Autorità di regolazione per energia e reti e ambiente-ARERA), con attribuzione di competenze aggiuntive in materia di rifiuti -dovrà provvederà alla definizione delle misure in materia di tempistiche di fatturazione tra gli operatori della filiera necessarie all'attuazione delle nuove previsioni.

=> Il cliente deve sempre sapere quanto paga per il servizio

La sospensione dei pagamenti Un'ulteriore novità di indubbio rilievo per i consumatori risiede nel riconoscimento, a favore dell'utente che abbia proposto un reclamo contro una fattura a conguaglio reputata ingiusta, del diritto alla sospensione del pagamento.

Detta sospensione opera però solo nei casi in cui, a fronte della richiesta di conguagli per periodi superiori ai due anni, la citata Autorità abbia avviato un procedimento nei confronti dell'operatore interessato al fine di accertare possibili violazioni relativamente alle modalità dal medesimo operatore adottate per la rilevazione dei consumi, l'esecuzione dei conguagli e la fatturazione.

Sul venditore grava l'obbligo di comunicare all'utente l'avvio del procedimento, nonché di informarlo dei conseguenti diritti.

Il diritto alla sospensione dei pagamenti persiste per tutta la durata dell'accertamento della legittimità della condotta dell'operatore; a verifica conclusa, l'utente ha in ogni caso diritto a vedersi rimborsare entro i successivi tre mesi le somme che abbia eventualmente versato a fronte di conguagli non dovuti.

La legge di bilancio chiarisce tuttavia che, nell'eventualità in cui la mancata o erronea rilevazione dei dati di consumo sia da addebitare all'utente, non operano le citate disposizioni in materia di prescrizione breve nonché di sospensione dell'obbligo di pagamento in caso di reclamo.

=> Prova della contestazione delle bollette del consumo idrico

Ulteriore misure di garanzia dei consumatori Nella prospettiva di ampliare il più possibile la tutela degli utenti, la Manovra ha inoltre attribuito al soggetto gestore del Sistema informatico integrato per la gestione dei flussi informativi relativi ai mercati dell'energia elettrica e del gas il compito di attuare i necessari adeguamenti per consentire ai clienti finali l'accesso ai rispettivi dati di consumo, senza oneri a loro carico.

Del resto, entro tre mesi dall'entrata in vigore della legge di bilancio. l'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico - d'ora in avanti ARERA - dovrà provvedere alla definizione delle «forme attraverso le quali i distributori garantiscono l'accertamento e l'acquisizione dei dati dei consumi effettivi»; la medesima Autorità potrà altresì definire, con propria deliberazione, le misure destinate a potenziare lo strumento dell'autolettura, sempre senza oneri a carico dell'utente.

Infine, all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni spetterà la determinazione delle modalità tecniche e operative che il servizio postale dovrà adottare per garantire la certezza della data di spedizione delle fatture agli utenti da parte dei soggetti gestori di servizi di pubblica utilità.

=> Bollette acqua. I consumi pregressi, privi di specifica causale, non sono dovuti.

News a cura della Dott.ssa Marta Jerovante
Redazione Condominioweb

Cerca: manovra finanziaria 2018 conguaglio di gas acqua e luce

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento