Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
88089 utenti
Registrati


Il portale N.1 sul Condominio
Locazione appartamento a prostituta

Locazione appartamento a prostituta

Locare l'appartamento ad una prostituta e reato di favoreggiamento

Non integra il reato di favoreggiamento della prostituzione il locatore che concede in locazione un appartamento a coloro che esercitano, per proprio conto, l'attività

Il proprietario di tre appartamenti, dopo aver concesso in locazione gli immobili a coloro che esercitano l'attività di prostituzione per conto proprio, subisce il sequestro preventivo delle abitazioni disposto dal Gip e viene indagato per il reato di favoreggiamento della prostituzione.

Il locatore presenta ricorso al Tribunale del riesame che, invece, ha ritenuto il locatore responsabile del reato in questione poiché le dichiarazioni testimoniali rese dai conduttori degli immobili avevano confermato che egli era a conoscenza dell'uso al quale tali immobili erano stato destinati.

Il locatore ricorre in Cassazione, che attraverso la sentenza in commento, annulla l'ordinanza del Tribunale.

Secondo la sentenza in commento il Tribunale ha erroneamente fondato il proprio giudizio sulla colpevolezza del locatore esclusivamente sulla base del fatto che quest'ultimo fosse a conoscenza dell'uso al quale fossero destinati gli immobili concessi in locazione.

Riguardo a tale particolare aspetto la sentenza della terza sezione penale della Corte di Cassazione, sopra citata, aderendo ad un orientamento giurisprudenziale consolidato effettua alcune importanti precisazioni.

Infatti la pronuncia evidenzia che già in passato la Corte di Cassazione ha in varie occasioni osservato che " non integra il reato di favoreggiamento della prostituzione la condotta di chi conceda, anche in sublocazione, ad una prostituta dietro corrispettivo della quota parte del canone un immobile nella propria disponibilità ove i due convivano, sebbene in esso la donna vi eserciti per conto proprio la prostituzione" (Corte di Cassazione, III sez. Pen., 17.2.2014, 7338).

Inoltre, evidenza sempre la sentenza in commento, la cessione del godimento di un appartamento ad un soggetto che vi eserciti la prostituzione non può considerarsi fatto di per sé idoneo ad integrare il reato di favoreggiamento della prostituzione neanche laddove il locatore sia a conoscenza dell'uso che viene fatto degli immobili da parte dei conduttori. (Corte di Cassazione, III sez. Pen., 14 luglio 2013, n. 28754).

Dunque, secondo i giudici di legittimità, affinché al locatore possa essere contestato il reato di favoreggiamento della prostituzione è necessario anche "il riscontro, da parte del locatore, di altri servizi in favore della prostituta" in modo da agevolare quest'ultima nell'esercizio dell'attività di prostituzione ( come ad esempio la ricezione dei clienti, la fornitura di materiale specifico, la predisposizione dei testi per le inserzioni pubblicitarie).(Corte di Cassazione, sez. III, 21 luglio 2013, 33160).

Nel caso di specie, evidenzia la sentenza in commento, non è stata riscontrato il compimento di nessuna di tali attività collaterali da parte del locatore, così come è stato accertato che il canone di locazione non avesse un valore esorbitante rispetto al normale valore di mercato.

Seguendo tale ragionamento, tenendo conto della condotta posta in essere dal locatore quindi, la Cassazione ha disposto l'annullamento dell'ordinanza del Tribunale impugnata da quest'ultimo, puntualizzando che "laddove la locazione avvenga a prezzo di mercato, la cessione di un appartamento ad un soggetto che vi eserciti la prostituzione non è fattore di per sé idoneo ad integrare gli estremi del reato di favoreggiamento della prostituzione anche se il locatore fosse consapevole dell'uso cui l'immobile era destinato".

In poche parole, ora, la questione dovrà essere riesaminata dal Tribunale, che in diversa composizione, alla luce delle constatazioni effettuate dalla sentenza appena commentata, dovrà rivalutare la fondatezza o meno della richiesta di riesame del provvedimento di sequestro preventivo a suo tempo presentata dal locatore.

=> Se il canone di locazione non è esagerato non si incorre nel reato di favoreggiamento alla prostituzione

In conclusione, si evince che il reato di favoreggiamento della prostituzione può essere contestato al locatore di un appartamento solo nel momento in cui quest'ultimo si renda artefice di azioni in grado di facilitare l'esercizio dell' attività, mentre il medesimo reato non può essere contestato al locatore che sia semplicemente a conoscenza dell'esercizio di tale attività illegale negli immobili di sua proprietà.

=> Impedire la prostituzione in un appartamento condominiale

=> Carcere per chi affitta l'appartamento ad un gruppo di transessuali.

Scarica Corte di Cassazione, III sez. pen., 2.12.2015, n.986

Cerca: prostituzione favoreggiamento

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Favoreggiamento alla prostituzione; nessun reato se il canone di locazione non è esagerato

Favoreggiamento alla prostituzione; nessun reato se il canone di locazione non è esagerato

Se la locazione alla prostituta avviene a prezzo di mercato non si configura il reato di favoreggiamento alla prostituzione. Non sussistono i reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione nei confronti

Appartamento in affitto e morte del locatore, come comportarsi

Che cosa succede se muore il proprietario dell'appartamento in locazione?

Appartamento in affitto e morte del locatore, come comportarsi. Abito in una casa in affitto. Ieri ho saputo che è morto il proprietario di casa. Sono dispiaciuto, era una brava persona. Poi, però, mi sono chiesto:

Affitti alle prostitute? Ti becchi quattro anni di reclusione.

Affitti alle prostitute? Ti becchi quattro anni di reclusione.

Meglio pernsarci 10 volte se si vuole affittare un appartamento a delle prostitute. Mano pesante dei Giudici per impedire la riapertura delle case chiuse Quanto costa affittare alle prostitute? Diecimila

Carcere per chi affitta l'appartamento ad un gruppo di transessuali.

Carcere per chi affitta l'appartamento ad un gruppo di transessuali.

Ecco perchè può costare caro affittare l'appartamento alle prostitute. Il favoreggiamento e la tolleranza della prostituzione. Può costare caro affittare un'abitazione ad una prostituta ed ancora più se le squillo

Cosa succede se il conduttore recede dal contratto senza preavviso e il locatore si trattiene la cauzione?

Cosa succede se il conduttore recede dal contratto senza preavviso e il locatore si trattiene la cauzione?

Il locatore deve restituire al termine del contratto di locazione la cauzione. Non può trattenerla per giustificare il mancato rilascio dell'immobile ed il mancato preavviso della volontà di recedere dal contratto

Riaprono le "case chiuse"? Cosa succederà negli edifici condominiali?

Riaprono le "case chiuse"? Cosa succederà negli edifici condominiali?

La prostituzione in condominio e il ruolo dell'amministratore di condominio. Nuova proposta di legge. Torna in discussione al Senato la proposta di legge sulla Regolamentazione del fenomeno della prostituzione.