Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
86996 utenti
Registrati


#da non perdere

Il consuntivo del condominio prevede requisiti minimi di trasparenzaIl consuntivo del condominio prevede requisiti minimi di...

Anche senza sopralluogo scatta il risarcimento del danno da infiltrazioniAnche senza sopralluogo scatta il risarcimento del danno da...

Lavori di consolidamento in condominio, nessun rimborso se non urgenti.Lavori di consolidamento in condominio, nessun rimborso se...

Pignoramento immobile con regolare contratto di locazionePignoramento immobile con regolare contratto di locazione

Il portale N.1 sul Condominio
Attività commerciale o professionale in condominio e spese condominiali, possibile una maggiorazione?

Attività commerciale o professionale in condominio e spese condominiali, possibile una maggiorazione?

Le attività commerciali in condominio pagano di più?

Nel condominio in cui vivo al secondo piano c'è uno studio medico, mentre al terzo l'ufficio di un assicuratore.

Entrambi sono aperti dalla mattina alla sera ed entrambi sono frequentati costantemente. Io lavoro fuori casa e abitando al quarto piano pago le spese per l'ascensore e per la pulizia delle scale in misura maggiore rispetto a loro.

La cosa non mi pare giusta perché l'utilizzo delle scale e dell'ascensore da parte della loro clientela è molto più intenso di quelle esercitato dal sottoscritto.

Vorrei quindi sapere se esiste la possibilità di proporre all'assemblea di deliberare una maggiorazione delle spese per questi condòmini. Niente di personale, solamente una conseguenza pratica.

Si, questa possibilità esiste ma è molto difficile che possa essere attuata; vediamo perché.

Le spese per la manutenzione dell'ascensore, quelle per l'illuminazione e la pulizia delle scale ed in generale quelle connesse all'utilizzazione delle parti comuni sono raggruppate concettualmente nel novero delle così dette spese d'uso, a cui criteri di ripartizione in generale è dedicato l'art. 1123, terzo comma, c.c. e per casi specifici gli artt. 1124-1125-1126 c.c.

Rispetto alle spese d'uso spone spesso il problema di comprendere che cosa debba intendersi per utilizzazione.

Quando è stata chiamata a pronunciarsi, la Corte di Cassazione ha affermato che ai fini della determinazione dei criteri di ripartizione delle spese “si deve avere riguardo all'uso che ciascun partecipante può farne, cioè al godimento potenziale e non al godimento effettivo, e, quindi, non all'uso che effettivamente ne faccia o non ne faccia” (Cass. n. 13161/91).

L'esempio delle spese di manutenzione delle scale (art. 1124 c.c.) spiega chiaramente questo concetto. Nel determinare i criteri di riparto indicati dalla norma non si ha riguardo al fatto che un condomino abbia l'appartamento sfitto o lo utilizzi ai fini commerciali o professionali e non abitativi.

=> Di chi è l'ascensore? Di chi paga le spese di manutenzione.

Le concrete modalità di utilizzazione non incidono sulla determinazione dei criteri legali di ripartizione delle spese.

Questa la regola generale. Esiste, però, un'eccezione: la possibilità di accordarsi diversamente. Si tratta di quella “diversa convenzione” cui fa riferimento l'art. 1123, primo comma, c.c.

In buona sostanza al momento della formazione del regolamento contrattuale (da parte dell'originario unico proprietario o successivamente) è possibile prevedere una clausola che consenta di aumentare/diminuire le spese d'uso in ragione del più intenso e/o minore utilizzo concreto di determinate parti comuni.

Così, ad esempio, può considerarsi una decurtazione nelle spese di pulizia scale per chi ha un immobile sfitto (magari con le utenze scollegate) oppure una maggiorazione in ragione della destinazione (ed esempio utilizzazione per studio medico).

In ognuno di questi casi serve anche il consenso del proprietario dell'unità immobiliare interessata dalla spesa: non si tratta di una materia di competenza dell'assemblea, ma di una scelta che può essere assunta solamente da tutti i condòmini.

Un'altra opzione è quella di prevedere con un accordo tra tutti i condòmini un'estensione dei poteri dell'assemblea, ossia la possibilità di demandare all'assise la decisione in merito alla possibilità di aumentare/diminuire le spese d'uso in base alla maggiore/minore utilizzazione connessa alla destinazione/non uso.

=> Come si suddividono le spese riguardanti i più importanti beni ed opere comuni del condominio

Cerca: spese maggiorazione attività commerciali

Commenta la notizia, interagisci...
SERGIO
SERGIO mercoledì 30 marzo 2016 alle ore 12:09

Se i due appartamenti sono nati come attività è nella stesura della tabella millesimale che si sarebbe dovuto maggiorare il coefficiente di destinazione. Ne consegue che la tabella ascensore (50% a millesimi e 50% per altezza) già dovrebbe contenere la maggiorazione per la destinazione commerciale

MASSIMILIANO RATINI
MASSIMILIANO RATINI domenica 10 aprile 2016 alle ore 13:36

Condivido appieno il post del sig. Sergio, lamaggiorazione e' prevista solo in caso che la destinazione d'usooriginaria fosse stata abitazione, in quanto solo in tal caso non era stato considerato il maggior uso, ma nel caso di specie,essendo che tali immobili hanno gia categoria diversa perché nati come commerciali, se chi ha redatto imillesimi è stato bravo, la maggiorazione è in automatico.

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

ascensore manutenzione

Spese per sostituzioni funi e pulegge ascensore

ascensore manutenzione. Chi tra proprietario e inquilino paga le spese per la sostituzione delle funi e della puleggia dell'impianto di ascensore condominiale? Al riguardo la norma di riferimento è l'art.

Installazione ascensore per disabili anche se crea disagio nell'utilizzo delle scale

Installazione ascensore per disabili anche se crea disagio nell'utilizzo delle scale

Ecco perchè è legittima l'installazione dell'ascensore anche se è necessario tagliare il vano scale. È legittima l'installazione dell'ascensore per eliminare le barriere architettoniche deliberata dall'assemblea

Come subentrare nella proprietà dell'ascensore

Subentro nella proprietà dell'ascensore, come calcolare la quota da pagare?

Come subentrare nella proprietà dell'ascensore. Ci scrive una nostra lettrice: Nello stabile condominiale in cui vivo, qualche anno fa (sette anni fa per la precisione è stato installato l'ascensore; all'epoca