Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
89526 utenti
Registrati


Il portale N.1 sul Condominio
L'amministratore deve comunicare solo i nominativi dei condòmini che risultano morosi rispetto allo specifico credito vantato.

L'amministratore deve comunicare solo i nominativi dei condòmini che risultano morosi rispetto allo specifico credito vantato.

L'amministratore deve comunicare solo i nominativi che risultano morosi rispetto allo specifico credito vantato

L'obbligo dell'amministratore di condominio di comunicare ai creditori i dati dei condòmini morosi riguarda solo i condòmini che risultano morosi rispetto allo specifico credito vantato dal creditore istante. Non è sufficiente pertanto inviare al creditore l'elenco generico di tutti i condòmini morosi; è necessario, invece, indicare le morosità riferite allo specifico credito oggetto di interpello.

È questo il principio di diritto che si ricava dall'ordinanza emessa dal Tribunale di Tivoli il 16 novembre 2015.

La pronuncia applica il nuovo art. 63 delle disposizioni di attuazione del codice civile – modificato dalla legge n. 220/2012 – in forza del quale l'amministratore condominiale “è tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condòmini morosi”.

Il Tribunale di Tivoli, confermando le prime applicazioni pratiche della norma, ritiene che debbano considerarsi morosi i soli condòmini che sono debitori delle quote relative allo specifico contratto o titolo da cui sorge il debito del condominio verso il singolo creditore.

Vanno escluse, dunque, le complessive morosità condominiali che fanno riferimento ad altri debiti.

Il fatto – L'ordinanza ha affrontato il caso di un avvocato, creditore nei confronti del condominio di 35.500 euro circa in base a due decreti ingiuntivi esecutivi. Dopo vani tentativi diretti ad ottenere il pagamento del credito, l'avvocato chiedeva all'amministratore del condominio la comunicazione dei nominativi dei condòmini morosi e le rispettive quote di morosità, per poter agire pro quota nei confronti di ciascuno di essi.

Da non perdere: => Recupero crediti. Bisogna prima acquisire i nominativi dei condomini morosi

L'amministratore, però, inviava solo l'ultimo rendiconto consultivo della gestione condominiale, da cui non era dato evincere le generalità complete dei morosi, né capire se le morosità indicate fossero o meno riferibili al credito dell'avvocato. A questo punto, l'avvocato si rivolgeva al Tribunale per ottenere la condanna del condominio a fornire la documentazione richiesta ex art.63 disp. att. c.c.

Il Tribunale di Tivoli ha accolto il ricorso del creditore. In effetti, l'amministratore si era limitato ad inviare il rendiconto consultivo della gestione 2011-2013, con il verbale di approvazione sia del bilancio che del relativo progetto di riparto delle spese, ove figurava l'elenco di tutti i condòmini, le rispettive quote millesimali ed il relativo importo a conguaglio.

“Da tale documentazione – osserva il giudice – non è dato evincere quali siano i condomini morosi in relazione ai singoli crediti azionati dal ricorrente nonché l'importo delle rispettive specifiche morosità.

Né tale elencazione risulta essere evincibile dalla documentazione fornita dal Condominio e depositata dall'istante all'udienza del 9.1.2015, in cui risultano le complessive morosità e non anche quelle relative ai crediti sopra menzionati”.

L'art. 63 disp. att. c.c. fissa un beneficio di escussione a favore dei condòmini in regola con i pagamenti, obbligando il creditore a rivolgersi prima ai condòmini morosi per soddisfare il proprio credito. La nuova norma non brilla certo per chiarezza. Ce ne siamo occupati più volte.

Tuttavia, l'ordinanza in commento sembra fissare un punto fermo: la morosità cui fa riferimento l'art. 63 va valutata con riguardo al singolo creditore che fa interpello.

Ciò significa che l'amministratore non può limitarsi a fornire l'elenco generico di tutti i condòmini morosi verso i terzi creditori del condominio.

Deve invece fornire i nominativi dei soli condòmini che risultano morosi con specifico riferimento ai crediti vantati dal creditore istante, con indicazione delle relative quote di morosità, al fine di consentire al creditore di agire nei loro confronti.

Questa chiave di lettura, del resto, sembra ben coordinarsi con un altro principio affermato dalla Cassazione (sentenza n. 5038/2013), secondo cui ciascun condòmino, eseguendo un pagamento per spese condominiali, può imputare i pagamenti per singoli esercizi o singoli debiti attraverso lo strumento dell'imputazione di pagamento (art. 1193 c.c.).

=> Come comportarsi nei confronti dei condomini morosi

=> Elenco condomini morosi richiesto dal creditore. Danno da mancata/ritardata consegna

Cerca: morosi condòmini amministratore

Interventi edili su fune.
Scopri come snellire e velocizzare gli interventi edili
alleggerendone i costi.

Commenta la notizia, interagisci...
Alice
Alice mercoledì 03 febbraio 2016 alle ore 14:00

"Rispetto allo specifico credito vantato" secondo questa logica, si dovrebbe aprire un conto corrente per ogni voce di spesa. L'amministratore non deve comportarsi come "il buon padre di famiglia"? Si interrompe un servizio essenziale per pagare l'avvocato per colpa di certuni? Scommetto che se i condomini morosi avessero versato le quote stabilite in assemblea, l'avvocato avrebbe ricevuto il suo onorario e non ci sarebbero stati incrementi di spesa. La verità è che molte persone non sono cosa di vivere in un condominio. Il condominio è condivisione e collaborazione.

X Alice
X Alice giovedì 04 febbraio 2016 alle ore 23:00

certamente l'amministratore deve tutelare gli interessi del condominio, e quindi di tutti i condòmini indistintamente.
ma questo "alice" non lo sa! o forse lo sa ma gli interessa solo il proprio tornaconto accusando l'amministratore!.... comoda la faccenda......
(n.b.; questa è un'altra "alice"!).

Giuseppe
Giuseppe venerdì 05 febbraio 2016 alle ore 10:39

In realtà si può comunicare tutto l'elenco in quanto anche se il credito è relativo ad uno specifico servizio di cui usufruisce solo una parte dei condomini, è pur vero che potrebbero essere stati pagati debiti comuni a tutti a discapito di quello specifico servizio per il principio della confusione delle somme confluite sul conto corrente. Es.: su 11 fabbricati solo 9 hanno ascensore,ma ho pagato con i soldi di tutti, il custode a discapito dell'ascensore. Quindi ho tolto le somme dai 9 fabbricati con il servizio ascensore per estinguere il debito privilegiato del custode. Pertanto il creditore ha avuto il danno anche per colpa dei tre fabbricati senza il servizio ascensore.Questi non hanno il debito specifico ma la loro inadempienza ha comportato un danno anche a chi lo aveva. Basterà indicare tale evenienza per aggirare l'ostacolo. Almeno credo e credo sia anche giustificato. Spero di aver espresso bene il mio punto di vista.

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Perché i condomini dovrebbero decidere di farsi carico dei debiti altrui?

L'amministratore deve fornire i nomi dei condomini morosi.

L'amministratore deve fornire i nomi dei condomini morosi. Una recente sentenza del Giudice di pace di Genova affronta il tema dell'obbligo dell'amministratore di condominio di fornire, a chi ne fa richiesta

Guai per l'amministratore che non consegna l'elenco dei morosi. Rischia di pagare di tasca propria

Guai per l'amministratore che non consegna l'elenco dei morosi. Rischia di pagare di tasca propria. Se l'amministratore non consegna l'elenco dei morosi ai creditori rischia di pagare di tasca propria

Ecco perchè il creditore può richiedere i dati di tutti i condomini

Ecco perchè il creditore può richiedere i dati di tutti i condomini. Debiti del condominio: il creditore può richiedere all'amministratore i dati di tutti i condomini L'amministratore deve fornire al creditore