Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
87019 utenti
Registrati


#da non perdere

Il condomino moroso non può opporsi al decreto ingiuntivo per errori contabili approvatiIl condomino moroso non può opporsi al decreto ingiuntivo...

Il compenso dell'amministratoreIl compenso dell'amministratore

È nullo il contratto di locazione se registrato oltre il termine di leggeÈ nullo il contratto di locazione se registrato oltre il...

I lavori vanno ultimati, altrimenti l'appaltatore riscarcisce i danni al committente.I lavori vanno ultimati, altrimenti l'appaltatore...

Il portale N.1 sul Condominio
Infiltrazioni dal piano attico. Il condominio deve intervenire salvo ripartizione pro quota delle spese

Infiltrazioni dal piano attico. Il condominio deve intervenire salvo ripartizione pro quota delle spese

Infitrazioni dal piano attico. Chi paga?

Spetta al condominio rispondere dei danni causati dalle infiltrazioni provenienti dalla terrazza in uso esclusivo, che non derivino da un fatto imputabile al proprietario della stessa.

Per l'ente di gestione si configura la responsabilità da custodia ex art. 2051 c.c., mentre varranno in un secondo momento i criteri di ripartizione delle spese ex art. 1126 c.c., che prevedono un terzo a carico del proprietario esclusivo e il resto sui condomini i cui immobili sono compresi nella proiezione verticale del lastrico.

=> Piano attico e spese di riparazione. Ecco chi partecipa

Così ha stabilito la Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 25288 del 16 dicembre 2015, ha definitivamente bocciato la domanda presentata dai condòmini che lamentavano la violazione dei criteri di ripartizione delle spese necessarie ai lavori per i lastrici solari di uso esclusivo.

I fatti – La sentenza in commento prende le mosse dal giudizio promosso da alcuni condòmini per ottenere il risarcimento dei danni ai propri appartamenti causati da infiltrazioni provenienti dal lastrico solare di proprietà esclusiva.

Il condominio aveva eccepito, tra l'altro, il proprio difetto di legittimazione passiva, perché le infiltrazioni e i successivi lavori effettuati non riguardavano parti comuni dell'edificio, sicché chiamati in giudizio dovevano essere solo i singoli proprietari delle unità immobiliari cui le terrazze fanno da copertura.

=> Quando piove in casa per colpa del lastrico solare del vicino!

La domanda veniva accolta sia in primo grado che in appello. Secondo la Corte territoriale, in particolare, occorre scindere le due questioni.

Il Condominio è responsabile per i danni derivanti dai lavori ai lastrici solari anche se in uso esclusivo o di proprietà esclusiva, ma aventi funzioni di copertura del fabbricato, e tale responsabilità deriva dagli obblighi di custodia gravanti sullo stesso Condominio ex art. 2051 c.c.

Il riparto delle spese secondo i criteri di cui all'art. 1126 c.c., invece, interviene in un secondo momento per regolare i rapporti interni tra i singoli condòmini e, in ogni caso, non esclude la legittimazione processuale passiva dell'amministratore, quale rappresentante del Condominio-custode.

La Cassazione ha pienamente confermato il ragionamento seguito dai giudici d'appello.

Gli Ermellini ricordano che il lastrico solare – anche se attribuito in uso esclusivo, o di proprietà esclusiva di uno dei condòmini – svolge funzione di copertura del fabbricato e, perciò, l'obbligo di provvedere alla sua riparazione o ricostruzione, sempre che non derivi da fatto imputabile soltanto a detto condomino, grava su tutti, con ripartizione delle spese secondo i criteri di cui all'art. 1126 c.c.

=> Il lastrico solare rientra fra le parti comuni

Ne consegue che il Condominio, quale custode ex art. 2015 c.c. – in persona dell'amministratore, rappresentante di tutti i condomini tenuti ad effettuare la manutenzione, ivi compreso il proprietario del lastrico o colui che ne ha l'uso esclusivo – risponde dei danni che siano derivati al singolo condomino o a terzi per difetto di manutenzione del lastrico solare.

Gli Ermellini precisano che i criteri di ripartizione delle spese ex art. 1126 c.c. non incidono sulla legittimazione del condominio nella sua interezza nel giudizio eventualmente instaurato dai condomini per il risarcimento dei danni: infatti, l'amministratore è comunque tenuto a provvedere alla conservazione dei diritti inerenti alle parti comuni dell'edificio ai sensi dell'art. 1130 c.c., mentre la suddivisione delle spese interviene in un secondo momento e riguarda i rapporti interni tra i condòmini coinvolti (il proprietario esclusivo del lastrico solare e i condòmini proprietari delle unità immobiliari per le quali il lastrico svolge funzione di copertura).

=> Danni da infiltrazione dal lastrico solare, la parola di nuovo alle Sezioni Unite

Scarica Cassazione civile, n. 25288 del 16 dicembre 2015

Cerca: infilatrazioni attico ripartizione

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Piano attico e spese di riparazione. Ecco chi partecipa

Piano attico e spese di riparazione. Ecco chi partecipa

Riparazione piano attico, partecipano solo i condòmini delle abitazioni della colonna sottostante che traggono utilitas dalla copertura. Alle spese di riparazione della terrazza a livello di proprietà esclusiva

Di chi è l'ascensore? Di chi paga le spese di manutenzione

Di chi è l'ascensore? Di chi paga le spese di manutenzione

Ecco perchè l'ascensore è di chi paga le spese di manutenzione. In tema di ripartizione delle spese per interventi di manutenzione sull'ascensore sito in condominio, l'esistenza di uno specifico criterio

L'affitto percepito per il locale di portineria va diviso tra tutti.

Affitto locale portineria, il canone va diviso tra tutti se il locale è di tutti (anche nel condominio parziale)

L'affitto percepito per il locale di portineria va diviso tra tutti. In tema di condominio negli edifici, se il regolamento di origine contrattuale stabilisce che determinati beni siano comuni a tutti