Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
98987 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Come impugnare una delibera se non si è mai ricevuto il verbale dell'assemblea condominiale?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Come impugnare una delibera se non si è mai ricevuto il verbale dell'assemblea condominiale?

Il verbale assembleare è impugnabile fintanto che non è stato comunicato.

Avv. Alessandro Gallucci  

Ogni condòmino può contestare formalmente le decisioni assunte dall'assemblea impugnando le delibere.

Si badi: ciò che s'impugna non è il verbale, ma la delibera. Quando s'impugna una delibera non si contesta necessariamente tutto ciò che è stato deciso dall'assemblea, ma solamente la specifica delibera contrastata.

Chiaramente può accadere che ad essere contestate siano tutte le decisioni assunte nel corso di una riunione: si pensi al caso della delibera contestata per omessa convocazione. Certo è che anche in questo caso il condòmino potrebbe avere interesse all'invalidazione di una sola decisione.

Ciò chiarito, brevemente, rinfreschiamoci la memoria sulla tempistica di impugnazione delle delibere assembleari.

Teniamo sempre a mente che si è soliti distinguere tra:

a) deliberazioni nulle;

b) deliberazione annullabili.

Le prime sono impugnabili in ogni tempo, salvo gli effetti della prescrizione e della usucapione, e da chiunque vi abbia interesse (cioè anche il condòmino che ha votato per la loro adozione, cfr. Cass. n. 6714/2010).

Le deliberazioni annullabili sono contestabili soltanto dai condòmini presenti che siano stati dissenzienti o astenuti e dai condòmini assenti.

Nel caso di condòmini assenti, è comunque importante specificare che se ad essere contestata è l'omessa, tardiva o incompleta convocazione, la impugnazione può essere avanzata solamente da chi è rimasto vittima di tale illegittimità (tra le ultime, si veda, Cass. 23 novembre 2016 n. 23903).

=> Omessa convocazione all'assemblea condominiale, può impugnare solamente chi non è stato convocato

Quanto alla tempistica d'impugnazione delle delibere annullabili, l'art. 1137 c.c. è previsto un termine, a pena di decadenza, pari a trenta giorni, così decorrenti:

a) per i presenti, come sopra individuati, l'impugnazione dev'essere proposta entro trenta giorni dall'adozione della delibera;

b) per gli assenti entro trenta giorni dalla comunicazione del verbale.

Per comunicazione s'intende il giorni di ricezione del verbale stesso; quanto alla data di comunicazione di questo documento, la più recente (ad oggi isolata) giurisprudenza ha specificato che l'assenza del destinatario all'indirizzo indicato, con rilascio di avviso di giacenza, fa decorrere il termine d'impugnazione a partire dal decimo giorno successivo a quello d'inserimento in cassetta del suddetto avviso (in tal senso Cass. 14 dicembre 2016 n. 25791).

=> Giacenza del verbale d'assemblea e termini di impugnazione, dietrofront della Cassazione

Che cosa succede se Tizio, non convocato all'assemblea, non riceve nemmeno il verbale? Come calcolare il termine d'impugnazione della delibera per una persona nella sua situazione?

Al riguardo, ad avviso di chi scrive, la situazione è la seguente: il verbale è impugnabile fintanto che non è stato comunicato.

Non valgono ai fini della comunicazione, ci dice la giurisprudenza, eventuali notificazioni di atti giudiziari contenenti rimando alle delibere non inviate.

In buona sostanza il condòmino che non è stato convocato all'assemblea, ma più in generale quello che all'assemblea non ha partecipato, ha termine per contestare la successiva deliberazione dalla data di ricezione del verbale dell'assemblea.

Per assurdo, anche un anno dopo, se il verbale gli viene comunicato con grossissimo ritardo.

È allora precipuo compito dell'amministratore, fondamentale mi sentirei di aggiungete, comunicare il verbale agli assenti con la maggiore celerità possibile; ciò per fare in modo che le decisioni assembleari, come si suole dire, si consolidino, divenendo inoppugnabili eventuali profili di annullabilità.

Cerca: assemblea delibera condòmini

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


Verbale assemblea e indicazione del nome dei condomini

Verbale assemblea e indicazione del nome dei condomini. Ai sensi dell’ultimo comma dell’art. 1136   Delle deliberazioni dell'assemblea si redige processo verbale da trascriversi in un registro tenuto dall'amministratore.