Like Tree2Ringraziamenti
  • 1 Post By colla250
  • 1 Post By prociotta

Odori molesti da ristorante etnico

  1. #1
    Non è collegato
    { 1 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    torino
    Messaggi
    3
    Reputazione
    0

    Odori molesti da ristorante etnico

    Buongiorno a tutti,

    Abito a Torino in un palazzo di 5 piani in uno dei quartieri piu rinomati della città.

    Ho/abbiamo un problema e chiedo , se possibile, il vs aiuto.

    Da circa 2 anni ha aperto(il proprietario ha affittato i locali) sotto il ns palazzo, un ristorante etnico (sushi-cinese).

    Nonostante 2 anni di segnalazioni/lettere/riunioni non siamo riusciti a risolvere molti problemi.
    i principali sono

    1 Il persistente cattivo odore dovuto alla loro attività di cucina che si protrae dalle 8 del mattino fino alle 22 della sera 6 gg a settimana. Questo problema è segnalato da tutti i condomini, l amministratore ne è a conoscenza, i gestori del locale anche ed anche i proprietari.
    Faccio notare che ciò impedisce di aprire le finestre e di stendere i panni che si imprenerebbero di puzza.
    Il locale ovviamente ha gli aspiratori e tutto l occorrente a norma, ma il disagio persiste e i gestori dicono che tenteranno di fare il possibile, ma non assicurano risultati, e che tutti i condomini con soto ristornti o simili hanno questo problema.


    2 La presenza di fusti di oli da cucina usati in cortile.
    Come tutti i locali loro raccolgono l olio usato e si rivolgono ad un' azienda specializzata per lo smalitimento.
    Il problema è che questi fusti sono all' esterno della loro cucina, nel cortile condominiale in un luogo adiacente la loro cucina che è dato in gestione esclusivo a loro. Aggiungo che davanti al fusto parcheggiano il loro furgone, e accanto vi sono posti auto utilizzati.


    Ciò che vi chiedo è:

    per il punto 1 ( la puzza)a parte prendere iniziative legali, il singolo condomino ( proprietario) e/o abitante perchè inquilino o altroi, cosa può fare?

    Per il punto 2: io nn so come classificarlo l olio ; rifiuto industriale, speciale...boh ....ma si può tenere un rifiuto del genere in cortile condominiale, tenendo conto che vi sono parcheggiati dei veicoli molto vicino e l olio potrebbe anche bruciare in caso di incendio?


    Vi chiedo a chi rivolgermi o come muovermi dato che non credo di essere l unico ad avere un problema del genere.


  2. #2
     E' online
    { 71 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore interno L'avatar di Haoren
    Località
    vercelli
    Messaggi
    877
    Reputazione
    17
    Quella che definisci puzza è profumo. Profumo di soldi che in parte vanno allo Stato sotto forma di tasse, in parte al condominio sotto forma di spese condomoniali. Dipendenti, fornitori e quant'altro traggono beneficio dal ristorante.
    Se le licenze sono in regola e gli orari di apertura rispettati, hai poco da fare. Turati il naso, chiudi la finestra o migra in un altro "rinomato" (lol) quartiere di Tornino.
    A me da fastidio l'odore di soffritto e onestamente non sopporterei di vivere sopra un ristorante. Ma....... avendo abitato in Asia ho capito come gira il mondo...... e sono diventato più tollerante, specie con gli asiatici ;o
    Il problema vero a mio giudizio non è il ristorante, ma il costo della corrente elettrica che ti costringe a non usare il condizionatore che farebbe da filtro anche contro l'inquinamento.
    A Taiwan nei mesi estivi con condizionatore h24 la bolletta è di circa 15 euro al mese. Se facessi lo stesso in Italia.... dovrei chiedere un prestito in banca.
    Auguri !

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 301 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio L'avatar di Kurt Cobain
    Località
    Bari
    Messaggi
    5,704
    Reputazione
    86
    Se le immissioni si mantengono entro la soglia della normale tollerabilità, il giudice, nell'ambito del bilanciamento dei contrapposti interessi, può richiedere alle parti interventi finalizzati a contenere le immissioni entro tale soglia, riconoscendo un indennizzo alla parte che le subisce.

    Una volta accertata la natura “intollerabile” delle immissioni , non c'è più spazio per il bilanciamento degli interessi. Si versa in una situazione di illiceità e di, conseguenza, scattano i rimedi della inibitoria delle immissioni e, eventualmente, del risarcimento dei danni.

    In nessun caso chi subisce immissioni intollerabili può essere obbligato a sopportare un ulteriore riduzione della sua proprietà, per l'apposizione, ad esempio, di una canna fumaria per deviare i fumi, che costituisce una vera e propria servitù.

  5. #4
    Non è collegato
    { 1 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    torino
    Messaggi
    3
    Reputazione
    0
    Benissimo, Grazie Kurt, prego invece altri a non scherzare inopportunamente( leggasi Haoren).

    Quello che chiedo chi devo chiamare l ASL?

    E per la questione dell'olio qualcuno sa dirmi qualcosa?

  6. #5
     E' online
    { 71 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore interno L'avatar di Haoren
    Località
    vercelli
    Messaggi
    877
    Reputazione
    17
    Citazione Originariamente Scritto da colla250 Visualizza Messaggio
    Benissimo, Grazie Kurt, prego invece altri a non scherzare inopportunamente( leggasi Haoren).

    Quello che chiedo chi devo chiamare l ASL?

    E per la questione dell'olio qualcuno sa dirmi qualcosa?
    Quello che Kurt ha scordato di suggerirti è che anche il più inesperto avvocato consiglierebbe ai ristoratori di controquerelarti. E' la cosa più ovvia che si fa. Dunque valuta bene se si tratta di "puzza" solo per il naso di persone "snob", oppure se come scrive Kurt si oltrepassa la "normale tollerabilità" considerata la natura dei luoghi (ristorante).
    Certo andrai contro gli interessi del proprietario del ristorante che ogni mese prende bei soldi di affitto ;o !
    Per lo stoccaggio dell'olio credo siano completamente fuorilegge. Dovrebbero smaltirlo secondo le modalità prescritte dal Comune per il tipo di attività commerciale.
    Non puoi trovare un accordo ? Qualche cena gratis per esempio. Poi arriva l'autunno e l'inverno e passa il problema.

  7. #6
    Non è collegato
    { 1 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    torino
    Messaggi
    3
    Reputazione
    0
    Ciao Haoren.

    Ti ringrazio per la risposta,
    La puzza/odore fastidioso lo sente un intero palazzo nessuno escluso, con persone di diversa età, provenienza geografica e ceto sociale( nel palazzo ci sono sia operai, che dentisti, che imprenditori).
    Il fastidio è oggettivo, il proprietario dei locali ne è al corrente e anche l gestore del ristorante ammette che c è. Però s nasconde dietro "gli aspiratori sono a norma", anche se secondo tutti gli abitanti del palazzo si sente la puzza a tutte le ore del giorno per 6 gg a settimaan. Quindi non si tratta di persone snob, fidati è oggettivo il disagio.

    Per l'olio sai indicarmi dove vedere x le leggi, o a chi rivolgermi? Nel senso che loro lo smaltiscono nel modo giusto, cioè si affidano ad una società che lo fa di lavoro. Ho dubbi se è possibile tenerlo in cortile, vicino alle auto in sosta, ricordando che i veicoli magari hanno la marmitta calda....e se va vicino al fusto d'olio magari succede il macello( ok basta parcheggiarle al contrario) ,ma la legge penso che qui o consenta o proibisca.

    Per l'accordo cene a gratis, no solo perchè non mi tolgono il disagio della puzza e del non poter stendere i panni.Vogliamo soo esser liberi di poter aprire le finestre, uscire sul balcone senza sentire sto odore pesante e stendere i panni.
    Haoren likes this.

  8. #7
    Non è collegato
    { 175 mi piace }
    Amministratore di condominio L'avatar di prociotta
    Località
    Forlì
    Messaggi
    2,516
    Reputazione
    62
    le segnalazioni vanno fatte al sindaco, all'asl per gli odori e ai vv.ff per l'olio

    dici che il vostro palazzo è di 5 piani, se il problema c'è anche all'ultimo piano, forse alzando il comignolo dello scarico sul tetto, la situazione migliora
    tengono le finestre delle cucine aperte ? se la risposta è si, documenta la cosa con diverse foto con la data e ora impressa, devono usare la cappa d'aspirazione non la finestra
    ROI likes this.

  9. #8
    Non è collegato
    { 175 mi piace }
    Amministratore di condominio L'avatar di prociotta
    Località
    Forlì
    Messaggi
    2,516
    Reputazione
    62
    x l'olio puoi interpellare anche la forestale, è di loro compentenza l'aspetto ambiente, i vv.ff per l'aspetto sicurezza vista la vicinanza con le auto (ma secondo me, non ci sono problemi )

  10. #9
    Non è collegato
    { 2124 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    20,494
    Reputazione
    100
    vv.f. e non vv.ff. (in quanto vigili del fuoco e non vigili dei fuochi ) ....(piccola precisazione)

  11. #10
    Non è collegato
    { 631 mi piace }
    Staff Moderatore Geometra L'avatar di Mario Pessina
    Località
    Milano
    Messaggi
    6,212
    Reputazione
    100
    1) http://www.condominioweb.com/immissi...istorante.2177

    2)CITTA' DI TORINO
    SERVIZIO CENTRALE CONSIGLIO COMUNALE
    RACCOLTA DEI REGOLAMENTI MUNICIPALI
    REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

    Articolo 44 - Vigilanza1. Il compito di far osservare le disposizioni del regolamento è attribuito, in via generale, agli agenti del Corpo di Polizia Municipale, nonché, in via speciale e limitatamente alle materie di specifica competenza, ad altri funzionari comunali o agli ispettori ecologici del gestore del servizio, a funzionari delle Unità Sanitarie Locali, alle guardie ecologiche volontarie previste dalla legge regionale e, ove consentito dalla legge e previsto da specifica convenzione con la Città, personale di altri enti, preposti alla vigilanza.
    2. Gli agenti del Corpo di Polizia Municipale, e gli altri funzionari indicati al comma 1, possono, nell'esercizio delle funzioni di vigilanza, e nel rispetto di quanto disposto dalla legge, assumere informazioni, procedere ad ispezioni di cose e luoghi diversi dalla privata dimora, a rilievi segnaletici descrittivi e ad ogni altra operazione tecnica, quando ciò sia necessario o utile al fine dell'accertamento di violazioni di disposizioni del regolamento e della individuazione dei responsabili delle violazioni medesime.
    3. All'accertamento delle violazioni di disposizioni del regolamento possono altresì procedere gli appartenenti a Corpi od Organi di Polizia statale.
    4. Gli utenti hanno la facoltà di segnalare eventuali disfunzioni o inadempienze nei servizi erogati tramite i sistemi informativi messi a disposizione dall’Amministrazione.
    Frustra fit per plura quod potest fieri per pauciora- E' inutile fare con più, ciò che può essere fatto con meno (Rasoio di Ockham)
    Staff
    Milano

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Buongiorno a Tutti, mi sono appena iscritto e ho parecchie domande sul mio condominio ma andiamo per priorità. Nell'aprile 09 siamo riusciti a...
  2. Buonasera,sono nuovo del forum.Ho letto molte discussioni relative a problemi di esalazioni moleste e non tollerabili provenienti da un ristorante...
  3. Salve a tutti! Mi chiamo Sara e vorrei proporvi il mio problema. Abito in un palazzo condominiale, al quarto piano e da circa un mese hanno aperto...
  4. Salve, mi sono appena iscritta e vedo che siamo in molti ad avere problemi con l' "eccitante" vita di condominio. Espongo il problema : sono...