Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Like Tree8Ringraziamenti

Come gestire gli animali con regolamento contrattuale

  1. #1
    Non è collegato
    { 66 mi piace }
    Frequentatore assiduo Pensionato
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,027
    Reputazione
    24

    Come gestire gli animali con regolamento contrattuale

    Buon dì, sono ora io che ho problemi con un cane e dovrei trovare una soluzione. Da tempo un condomino proprietario di un cane, non esegue le norme, lasciando che l'animale faccia i suoi bisogni sul balcone, ora con lavaggio e altro sta insudiciando anche altri balconi fra questi anche il mio, esiste un regolamento di condominio di tipo contrattuale dove erano tollerati solo cani al momento della stipula fatta nel 1973, ora nonostante questo regolamento e questo cane, non voglio nuocere a chi l'animale ce la per compagnia e agisce nel rispetto altrui, come, cosa dovrei fare perchè questo padrone rinsavisca , natalino.


  2. #2
    Non è collegato
    { 1315 mi piace }
    Utente elite+
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,358
    Reputazione
    100
    Mi sembra che il problema non sia il cane, ma l'insufficiente sporgenza del gocciolatoio del balcone soprastante.
    A parte questo difetto facilmente risolvibile, va anche ricordato al tuo soprastante che lui dal suo balcone non può permettersi di riversare sui suoi sottostanti tutto ciò che gli vien voglia di riversare: un conto è un normale e sporadico gocciolio da un balcone, altro è una fontana, se poi consta pure di "acqua sporca"...
    La norma a cui riferirsi è quella relativa allo stilicidio (art. 908 c.c.)

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 66 mi piace }
    Frequentatore assiduo Pensionato
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,027
    Reputazione
    24
    Ti ringrazio, sarà dura purtroppo ho 4 piani sopra di me che sgocciolano, tra cui uno di questi sembra abbia già fatto un'azione legale contro, scusate il titolo, l'animale( a due gambe), natalino

  5. #4
    Non è collegato
    { 631 mi piace }
    Staff Moderatore Geometra L'avatar di Mario Pessina
    Località
    Milano
    Messaggi
    6,212
    Reputazione
    100
    http://www.laleggepertutti.it/49475_...-sotto-e-reato

    se è vietato far sgocciolare i balconi innaffiando i fiori , pensa a lavarlo con le deiezioni canine !!!!
    http://www.brocardi.it/codice-penale...ii/art674.html
    Frustra fit per plura quod potest fieri per pauciora- E' inutile fare con più, ciò che può essere fatto con meno (Rasoio di Ockham)
    Staff
    Milano

  6. #5
    Non è collegato
    { 66 mi piace }
    Frequentatore assiduo Pensionato
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,027
    Reputazione
    24
    Buon giorno, grazie anche a te, sarà dura per me trovare e dire sei stato tu, con quattro persone che lo possono fare e coglierle sul fatto, natalino.
    volendo usufruire del regolamento contrattuale , dove dice che sono ammessi solo cani presenti alla stipula del regolamento, chi devo interpellare.
    Ultima modifica di natalino; 07-01-2015 alle 09:10

  7. #6
    Non è collegato
    { 435 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,924
    Reputazione
    76
    Citazione Originariamente Scritto da natalino Visualizza Messaggio
    Buon giorno, grazie anche a te, sarà dura per me trovare e dire sei stato tu, con quattro persone che lo possono fare e coglierle sul fatto, natalino.
    volendo usufruire del regolamento contrattuale , dove dice che sono ammessi solo cani presenti alla stipula del regolamento, chi devo interpellare.
    L'amministratore!
    L'amministratore DEVE far rispettare il regolamento quindi se questo condòmino è arrivato DOPO il 1973 il cane NON lo può tenere.
    Se l'amministratore non fa rispettare il regolamento, esso, è inadempiente ai suoi doveri e, quindi, ne risponderà nelle sedi opportune, così come il trasgressore del regolamento.
    Direi che è piuttosto semplice come problematica invece, proprio perché c'è una manifesta trasgressione del regolamento contrattuale.
    Ciao

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da brico Visualizza Messaggio
    L'amministratore!
    L'amministratore DEVE far rispettare il regolamento quindi se questo condòmino è arrivato DOPO il 1973 il cane NON lo può tenere.
    Se l'amministratore non fa rispettare il regolamento, esso, è inadempiente ai suoi doveri e, quindi, ne risponderà nelle sedi opportune, così come il trasgressore del regolamento.
    Direi che è piuttosto semplice come problematica invece, proprio perché c'è una manifesta trasgressione del regolamento contrattuale.
    Ciao
    Leggi anche qui:

    http://www.condominioweb.com/il-regolamento-contrattuale-puo-vietare-la-detenzione-di-animali-in-condominio-ma.934

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da brico Visualizza Messaggio
    L'amministratore!
    L'amministratore DEVE far rispettare il regolamento quindi se questo condòmino è arrivato DOPO il 1973 il cane NON lo può tenere.
    Se l'amministratore non fa rispettare il regolamento, esso, è inadempiente ai suoi doveri e, quindi, ne risponderà nelle sedi opportune, così come il trasgressore del regolamento.
    Direi che è piuttosto semplice come problematica invece, proprio perché c'è una manifesta trasgressione del regolamento contrattuale.
    Ciao

    - - - Aggiornato - - -



    Leggi anche qui:

    http://www.condominioweb.com/il-regolamento-contrattuale-puo-vietare-la-detenzione-di-animali-in-condominio-ma.934
    http://www.condominioweb.com/il-regolamento-contrattuale-puo-vietare-la-detenzione-di-animali-in-condominio-ma.934

  8. #7
    Non è collegato
    { 4 mi piace }
    Primi messaggi Amministratore di condominio L'avatar di Alessandro78
    Località
    Ravenna
    Messaggi
    118
    Reputazione
    7
    Citazione Originariamente Scritto da brico Visualizza Messaggio
    L'amministratore!
    L'amministratore DEVE far rispettare il regolamento quindi se questo condòmino è arrivato DOPO il 1973 il cane NON lo può tenere.
    Se l'amministratore non fa rispettare il regolamento, esso, è inadempiente ai suoi doveri e, quindi, ne risponderà nelle sedi opportune, così come il trasgressore del regolamento.
    Direi che è piuttosto semplice come problematica invece, proprio perché c'è una manifesta trasgressione del regolamento contrattuale.
    Ciao

    - - - Aggiornato - - -



    Leggi anche qui:

    http://www.condominioweb.com/il-rego...dominio-ma.934

    - - - Aggiornato - - -


    http://www.condominioweb.com/il-rego...dominio-ma.934
    VIETATO VIETARE! Anche se il regolamento condominiale contrattuale vieta l'accesso agli animali domestici, la legge dello Stato 220/212 dice ben altro

  9. #8
    Non è collegato
    { 66 mi piace }
    Frequentatore assiduo Pensionato
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,027
    Reputazione
    24
    Buon di, vi ho letto e vi ringrazio per le informazioni che mi avete dato, purtroppo è solo un padrone(del cane) che disturba e sporca comportandosi così, nel dire che è dura è perchè altri proprietari di animali, dovessi io mettere in pratica il regolamento potrebbero andare di mezzo, non centrando niente.
    Però,da come mi avete spiegato, coinvolgendo l'amministratore ad eseguire il suo lavoro, creandogli magari paura di perdere l'animale, questo potrebbe forse ravvedersi e cambiare comportamento , natalino.

  10. #9
    Non è collegato
    { 435 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,924
    Reputazione
    76
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro78 Visualizza Messaggio
    VIETATO VIETARE! Anche se il regolamento condominiale contrattuale vieta l'accesso agli animali domestici, la legge dello Stato 220/212 dice ben altro
    Non è come dici te, forse non hai capito il mio riferimento, come la problematica posta da Natalino, riguarda un regolamento contrattuale, presumo che tu conosca la differenza tra un regolamento assembleare ed uno contrattuale, a scanso di equivoci leggi anche questo:

    http://www.condominioweb.com/condomi...tenza2090.ashx

  11. #10
    Non è collegato
    { 4 mi piace }
    Primi messaggi Amministratore di condominio L'avatar di Alessandro78
    Località
    Ravenna
    Messaggi
    118
    Reputazione
    7
    Citazione Originariamente Scritto da brico Visualizza Messaggio
    Non è come dici te, forse non hai capito il mio riferimento, come la problematica posta da Natalino, riguarda un regolamento contrattuale, presumo che tu conosca la differenza tra un regolamento assembleare ed uno contrattuale, a scanso di equivoci leggi anche questo:

    http://www.condominioweb.com/condomi...tenza2090.ashx
    Gentile Brico, conosco benissimo le differenze tra i diversi tipi di contratto e ti dico una cosa che forse ti risulterà una novità... Lo sai che NESSUN tipo di regolamento può andare contro le leggi dello Stato? Adesso che lo sai, capirai che è VIETATO VIETARE l'introduzione di animali domestici e di compagnia in condominio. Poi cosa siano gli animali di compagnia è un'altra storia. Te hai fatto riferimento al 2012, la legge nel mentre è cambiata...
    Ultima modifica di Alessandro78; 21-01-2015 alle 16:42

  12. #11
    Non è collegato
    { 435 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,924
    Reputazione
    76
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro78 Visualizza Messaggio
    Gentile Brico, conosco benissimo le differenze tra i diversi tipi di contratto e ti dico una cosa che forse ti risulterà una novità... Lo sai che NESSUN tipo di regolamento può andare contro le leggi dello Stato? Adesso che lo sai, capirai che è VIETATO VIETARE l'introduzione di animali domestici e di compagnia in condominio. Poi cosa siano gli animali di compagnia è un'altra storia. Te hai fatto riferimento al 2012, la legge nel mentre è cambiata...
    Guarda già sono state fatte numerosissime discussioni in tal senso nel forum, figurati.....informati e vedrai....
    Io non intendo polemizzare ho solo precisato la differenza tra un regolamento assembleare ed uno contrattuale.
    In quello contrattuale si può vietare, in quello assembleare no, per il semplicissimo motivo che la norma non è tra quelle inderogabili.
    Tutto qui, non volevo dire null'altro, poi, ognuno di noi, può anche dire che l'uomo è andato su marte, per carità, bisogna poi vedere se corrisponde al vero....
    Ciao Alessandro!

  13. #12
    Non è collegato
    { 4 mi piace }
    Primi messaggi Amministratore di condominio L'avatar di Alessandro78
    Località
    Ravenna
    Messaggi
    118
    Reputazione
    7
    Brico, questo ti leverà ogni dubbio clicca qua nel tuo caso è interessante il paragrafo "Disturbo all’igiene e disturbo della quiete pubblica", ma ricorda che la colpa è dell'uomo e non dell'animale...

  14. #13
    Non è collegato
    { 435 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,924
    Reputazione
    76
    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro78 Visualizza Messaggio
    Brico, questo ti leverà ogni dubbio clicca qua nel tuo caso è interessante il paragrafo "Disturbo all’igiene e disturbo della quiete pubblica", ma ricorda che la colpa è dell'uomo e non dell'animale...
    Ciao Alessandro perdonami ma continui a non capire, proprio dove tu mi hai detto di cliccare, se leggi attentamente, i riferimenti che porta questo link sono solo alle decisioni assembleari, ovvero ai regolamenti di condominio assembleari e su questo non c'è alcun dubbio.
    Leggitelo bene quel link!

    Invece, leggi questo che ti spiego io.
    Il regolamento di condominio contrattuale è un vero e proprio contratto che firmano TUTTI e segue le stesse regole che ci impone l'art. 1321 c.c., è un accordo tra le parti, capisci dove ti sfugge il concetto.
    Ti faccio un esempio.
    Se tizio, caio e sempronio, sono i proprietari di un palazzo con 10 appartamenti e un bel giorno decidono di redigere e registrare, presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari un regolamento del Condominio di loro proprietà, dove ci sono dei divieti, delle limitazioni al diritto di proprietà sui singoli appartamenti, per esempio si può porre divieto di destinare l'uso di questi appartamenti per studi medici, professionali, ecc...ecc.....
    Oltre a questi divieti e limitazioni si può anche vietare di detenere animali all'interno degli appartamenti, lo decidono loro, gli stessi proprietari.
    Hai capito la differenza?
    Sono loro stessi che firmano e che non possono non rispettare ciò che loro stessi hanno firmato, altrimenti qualsiasi giudice di qualsiasi Tribunale, condannerebbe, l'eventuale trasgressore, al rispetto della norma che proprio lui stesso ha firmato.
    E' un regolamento che se registrato opportunamente presso i Pubblici Registri (oggi più semplicemente Agenzia delle Entrate) e allegato ovviamente ed automaticamente ai rogiti di acquisto è opponibile a terzi, vita natural durante.
    Ci sono poi dei limiti anche per i regolamenti contrattuali non si può fare eccezione a norme costituzionali o imperative di legge, né occuparsi di questioni estranee alla regolazione della vita del Condominio, inoltre non si può derogare dagli artt. del Codice Civile descritti per benino nell'art. 1138 C.C.
    Proprio questo articolo non dice vietato vietare come hai scritto te, non è così, non c'è scritto, non è una norma costituzionale, non è imperativa, niente di tutto questo.
    Per questo, qualora il divieto fosse scritto su un regolamento contrattuale, qualsiasi trasgressore non potrebbe che soccombere in sede di giudizio.

    Ripeto, nel forum, già io ed altri forumisti abbiamo ampiamente discusso su ciò, molti la pensano come te, molti altri hanno dubbi, molti invece la pensano come la sottoscritta, altri attendono sentenze prossime, perché, inevitabilmente ci saranno e vedremo come saranno.
    Io dico che seguiranno la falsariga di quelle precedenti, per esempio come quella che ti ho postato prima, ma ce ne sono tantissime e, poiché, la giurisprudenza, dove trova il dubbio o la poca chiarezza, ricordasti segue sempre i precedenti, raramente va controcorrente.

    Quello che dici te vale solo per i regolamenti assembleari, tu non sei la Cassazione che leva ogni dubbio (me l'hai scritto te), io i dubbi ce li ho, guai a non averne, soprattutto in giurisprudenza però, dove non esiste la norma o dove c'è una leggera ombra di dubbio (per me è leggerissima) si segue il Codice, sempre e comunque.
    Ciao
    Gipar likes this.

  15. #14
    Non è collegato
    { 435 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,924
    Reputazione
    76
    Citazione Originariamente Scritto da brico Visualizza Messaggio
    Ciao Alessandro perdonami ma continui a non capire, proprio dove tu mi hai detto di cliccare, se leggi attentamente, i riferimenti che porta questo link sono solo alle decisioni assembleari, ovvero ai regolamenti di condominio assembleari e su questo non c'è alcun dubbio.
    Leggitelo bene quel link!

    Invece, leggi questo che ti spiego io.
    Il regolamento di condominio contrattuale è un vero e proprio contratto che firmano TUTTI e segue le stesse regole che ci impone l'art. 1321 c.c., è un accordo tra le parti, capisci dove ti sfugge il concetto.
    Ti faccio un esempio.
    Se tizio, caio e sempronio, sono i proprietari di un palazzo con 10 appartamenti e un bel giorno decidono di redigere e registrare, presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari un regolamento del Condominio di loro proprietà, dove ci sono dei divieti, delle limitazioni al diritto di proprietà sui singoli appartamenti, per esempio si può porre divieto di destinare l'uso di questi appartamenti per studi medici, professionali, ecc...ecc.....
    Oltre a questi divieti e limitazioni si può anche vietare di detenere animali all'interno degli appartamenti, lo decidono loro, gli stessi proprietari.
    Hai capito la differenza?
    Sono loro stessi che firmano e che non possono non rispettare ciò che loro stessi hanno firmato, altrimenti qualsiasi giudice di qualsiasi Tribunale, condannerebbe, l'eventuale trasgressore, al rispetto della norma che proprio lui stesso ha firmato.
    E' un regolamento che se registrato opportunamente presso i Pubblici Registri (oggi più semplicemente Agenzia delle Entrate) e allegato ovviamente ed automaticamente ai rogiti di acquisto è opponibile a terzi, vita natural durante.
    Ci sono poi dei limiti anche per i regolamenti contrattuali non si può fare eccezione a norme costituzionali o imperative di legge, né occuparsi di questioni estranee alla regolazione della vita del Condominio, inoltre non si può derogare dagli artt. del Codice Civile descritti per benino nell'art. 1138 C.C.
    Proprio questo articolo non dice vietato vietare come hai scritto te, non è così, non c'è scritto, non è una norma costituzionale, non è imperativa, niente di tutto questo.
    Per questo, qualora il divieto fosse scritto su un regolamento contrattuale, qualsiasi trasgressore non potrebbe che soccombere in sede di giudizio.

    Ripeto, nel forum, già io ed altri forumisti abbiamo ampiamente discusso su ciò, molti la pensano come te, molti altri hanno dubbi, molti invece la pensano come la sottoscritta, altri attendono sentenze prossime, perché, inevitabilmente ci saranno e vedremo come saranno.
    Io dico che seguiranno la falsariga di quelle precedenti, per esempio come quella che ti ho postato prima, ma ce ne sono tantissime e, poiché, la giurisprudenza, dove trova il dubbio o la poca chiarezza, ricordasti segue sempre i precedenti, raramente va controcorrente.

    Quello che dici te vale solo per i regolamenti assembleari, tu non sei la Cassazione che leva ogni dubbio (me l'hai scritto te), io i dubbi ce li ho, guai a non averne, soprattutto in giurisprudenza però, dove non esiste la norma o dove c'è una leggera ombra di dubbio (per me è leggerissima) si segue il Codice, sempre e comunque.
    Ciao
    Ah!!!!
    Dimenticavo di dirti, un piccolissimo particolare, che sono completamente d'accordo con te quando scrivi che la colpa è dell'uomo e non dell'animale, guarda su questo la penso esattamente come te e ne faccio una bandiera, tanto è vero che io vivo in un Condominio dentro un appartamento con un cane, dove non c'è un regolamento contrattuale che lo vieta ed il nomignolo "brico" che uso in questo forum era proprio di un altro cagnolino che avevo e che purtroppo, per ragioni naturali, oggi non c'è più a cui ero molto affezionata.
    Perciò pensa un po' chi è questa brico, che ti ha scritto tutto quello sopra.........e ti assicuro, che se cambiassi casa, per ipotesi, e decidessi di comprarla in un Condominio dove vengo a conoscenza, prima di acquistarla, che c'è un regolamento contrattuale che vieta la detenzione degli animali ovviamente me ne guarderei bene dall'acquistarla oppure se l'acquisto dovrò inevitabilmente rinunciare al mio cane, poichè questa rinuncia non alberga nei miei pensieri, cerco casa altrove anche più brutta ma che non abbia un regolamento con tale divieto, perché lo si voglia o meno un regolamento contrattuale poi lo devo rispettare
    Ciao, quest'ultima cosa solo per farti capire che hai a che fare con una persona che AMA gli animali ma la legge è legge.....
    wolverine75 and albano59 like this.

  16. #15
    Non è collegato
    { 4 mi piace }
    Primi messaggi Amministratore di condominio L'avatar di Alessandro78
    Località
    Ravenna
    Messaggi
    118
    Reputazione
    7
    Brico, un regolamento che sia contrattuale o assembleare non può andare contro le leggi dello Stato. In un regolamento contrattuale ci può anche essere scritto che è vietato l'ingresso di animali, basta impugnarlo e si vince. L'unico caso che lo può vietare è se affitti casa e nel contratto di locazione ti viene espresso il divieto di introdurre animali

  17. #16
    Non è collegato
    { 1315 mi piace }
    Utente elite+
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,358
    Reputazione
    100
    Alessandro, quanto affermi è vero... a decorrere dall'entrata in vigore della Legge 220 dell'11-12-2012.
    Invece sul pregresso (quindi ante 11-12-2012) laddove disposto da regolamento contrattuale il divieto rimane pienamente vigente.

  18. #17
    Non è collegato
    { 4 mi piace }
    Primi messaggi Amministratore di condominio L'avatar di Alessandro78
    Località
    Ravenna
    Messaggi
    118
    Reputazione
    7
    dal sito della LAV "Per Legge (n.220/2012), dal 18 giugno 2013, nei regolamenti di condominio non possono essere inserite, né ritenute più valide, disposizioni volte a limitare la libertà di vivere con un animale familiare. Infatti l’articolo 16 della Legge 220/12 (GU n.293 del 17 dicembre 2012), integra l’articolo 1138 del Codice Civile con la disposizione: “Le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali da compagnia”.
    Non c'è un prime nè un dopo, c'è che non si può vietare l'ingresso degli animali domestici e/o di compagnia (quali sono???) in condominio.

Discussione Chiusa
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Dello stesso argomento


  1. Buongiorno, vorrei sapere a chi riesce a rispondermi, con la nuova riforma condominiale nessuno può più vietare di avere animali domestici. Io...
  2. Se il regolamento condominiale contrattuale vieta la detenzione di animali domestici all'interno delle proprietà eslusive, il divieto è tassativo...
  3. Appurato che anche le sentenze recenti non possono consentire di avere animali in condominio, qualora questi siano vietati dal regolamento...
  4. Nella speranza che sia la sezione giusta vi chiedo di aiutarmi nella distinzione tra i due tipi di regolamento. Fondamentalmente il regolamento...