Tinteggiatura camera in casa di fumatori a fine contratto

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Milano
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0

    Tinteggiatura camera in casa di fumatori a fine contratto

    Buongiorno,
    ho letto numerosi thread sull'annosa questione della tinteggiatura a fine contratto di locazione e, per quanto non abbia trovato risposta ai miei dubbi, ho notato molta disponibilità e collaborazione: mi accingo quindi ad esporvi il mio "problema".
    A inizio Febbraio scadrà il mio contratto di affitto di 12 mesi di porzione di unità immobiliare stipulato con cedolare secca.
    La proprietaria, che convive nell'appartamento, vuole che imbianchi a nuovo le pareti della mia camera in quanto sono un fumatore.
    Ora, due cose non mi tornano:
    1- La proprietaria fuma, per tutta casa.
    2- Siamo ad un primo piano che affaccia su una strada molto trafficata di Milano e se tengo la finestra aperta per pochi minuti entra probabilmente in camera l'equivalente di fumo di centinaia di sigarette.
    Tuttavia, da contratto, "il deposito cauzionale viene reso al termine della locazione, con una decurtazione del 50%, previa verifica sia dello stato dell'unità immobiliare sia dell'osservanza di ogni obbligazione contrattuale (utenze domestiche e relativi conguagli)".
    Come posso quindi evitare che si rifiuti di restituire il deposito cauzionale e/o di utilizzare il 50% dello stesso per tinteggiare la camera?
    Nel caso in cui, inoltre, sia costretto a metter mano a pennello e vernice, può pretendere, come vorrebbe, di decidere lei la vernice da utilizzare - e farmi spendere un occhio?

    Grazie in anticipo per la disponibilità e il tempo che vorrete dedicarmi.


  2. #2
    Non è collegato
    { 1666 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,971
    Reputazione
    100
    La stanza si restituisce nelle condizioni in cui si è avuta fatto salvo il normale deterioramento.
    Art. 1590 c.c.
    Staff
    Palermo

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 1666 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,971
    Reputazione
    100
    Staff
    Palermo

  5. #4
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Milano
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Giovanni Inga Visualizza Messaggio
    La stanza si restituisce nelle condizioni in cui si è avuta fatto salvo il normale deterioramento.
    Art. 1590 c.c.
    Ciao Giovanni, grazie della risposta.
    Temo tuttavia non risponda alla mia domanda.
    1- Dubito la camera sia stata ritinteggiata poco prima del mio ingresso.
    2- Anche in caso contrario, e cioè qualora la camera fosse stata ritinteggiata prima che entrassi, nulla mi vieta di tener la finestra e la porta aperte, con conseguente entrata di fumo/smog da un lato e dall'altro - visto che la proprietaria fuma anche nell'ingresso, dove tiene un posacenere.

  6. #5
    Non è collegato
    { 1666 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,971
    Reputazione
    100
    Il link che ho postato, mi sembra alquanto esaustivo riguardo a cosa si debba fare in tal caso. Il contratto prevede la tinteggiatura fine locazione? Credo di no
    Ci sono elementi che possano indurre la proprietari a trattenere parte della caparra per sopperire a canoni di locazione, spese condominiali, rotture o altro?
    Come sono attualmente le pareti lo sapete tu e lei. Quindi, se nulla di quello che ho ipotizzato è presente, a meno ché le pareti non siano giallo ocra, si potrebbe rientrare nell'ipotesi di normale deterioramento con restituzione integrale della caparra.
    Staff
    Palermo

  7. #6
    Non è collegato
    { 23 mi piace }
    Frequentatore -
    Località
    Messaggi
    221
    Reputazione
    16
    ciao giovanni
    Dall'articolo che hai postato si evince che la tinteggiatura finale non è dovuta, in quanto lo sporco (se non eccessivo) rientra nel "normale deterioramento dovuto all'uso" previsto dal codice civile.
    Non si capisce però perché il normale deterioramento non sarebbe riconosciuto (a quanto lascia intuire l'articolo) in caso di appartamento inizialmente consegnato tinteggiato. Voglio dire, se la casa è stata data tinteggiata, comunque il normale deterioramento dovrebbe prevedere che dopo 8 anni le impronte dietro armadi e quadri si siano fatte.

    Inoltre oggi è stato pubblicato questo articolo http://www.condominioweb.com/stuccat...i-spetta.14433
    che parla di obbligo di stuccatura dei buchi. Tuttavia ricordo una sentenza che affermava che, ad esempio, i buchi fatti per appendere i pensili in cucina rientravano nel normale deterioramento dovuto all'uso.
    Gradire quindi se possibile qualche chiarimento su cosa rientra o meno nel normale deterioramento dovuto all'uso previsto dal codice civile.
    Grazie e buon anno

  8. #7
    Non è collegato
    { 1666 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,971
    Reputazione
    100
    Come avrai dedotto, non esiste una regola precisa in tal caso ma il tutto viene lasciato agli accordi stipulati tra le parti (scritti nel contratto) ovvero agli usi e/o prassi del luogo.
    Quindi, tranne i casi previsti, per il resto si lascia alle parti convenire su cosa possa essere considerato dipendente dal normale uso e cosa non lo sia.
    Per quanto riguarda i fori nei muri, ricordo vagamente qualcosa del genere ma dovrei verificare.
    Sono dell'opinione, tuttavia, che i fori prodotti nelle mura, non presenti ad inizio locazione, debbano essere ricoperti a carico dell'inquilino.
    Staff
    Palermo

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Ciao a tutti, ho un problema. Ho appena terminato un contratto di affitto con regolare disdetta di 6 mesi precedente la data chiusura contratto....
  2. Buongiorno a brevissimo lascio un appartamento dopo circa 2 anni di locazione. Ovviamente devo ritinteggiare...e fin qui, mi sta bene le pareti...
  3. Cosa bisogna fare se a fine contratto (intendo primi quattro anni con regolare comunicazione raccomandata) l'inquilino non lascia l'appartamento. ...
  4. posso affittare una camera della mia casa dove abito a studente? c'è un tetto massimo di afitto o è libera contrattazione? grazie