Riparti spese condominiali in contratto a canone concordato

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    napoli
    Messaggi
    3
    Reputazione
    0

    Riparti spese condominiali in contratto a canone concordato

    Buonasera; sono nuovo del forum e saluto tutti.
    Vorrei cortesemente sapere se, nell'ambito di un contratto a canone concordato (il cosiddetto 3+2), é possibile inserire una clausola che deroghi la ripartizione prefissata degli oneri accessori riportata nell'allegato G del decreto.
    in particolare vorrei sapere se é possibile inserire una clausola in base alla quale tutti gli oneri condominiali ordinari (esclusi quindi i lavori straordinari) siano di competenza del conduttore.
    grazie mille
    carlo2727


  2. #2
    Non è collegato
    { 85 mi piace }
    Frequentatore assiduo
    Località
    Messaggi
    765
    Reputazione
    34
    temo di no, almeno questo è quanto riferito a me, i contratti concordati sono "blindati" soprattutto sotto questi aspetti. Temo che qualsiasi clausola inserita non possa ritenersi valida, c'è da dire che l'allegato G escluda a priori gli oneri straordinari, non so a quali ordinari ti riferisci per essere a totale carico del conduttore.

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    napoli
    Messaggi
    3
    Reputazione
    0
    Mi riferisco ad esempio al compenso per l'amministratore del condominio.

  5. #4
    Non è collegato
    { 23 mi piace }
    Frequentatore Impiegato L'avatar di riavulill
    Località
    Napoli
    Messaggi
    160
    Reputazione
    4
    L'amministratore eroga un servizio rivolto alla proprietà ed infatti è da questa nominato, perchè l'affittuario dovrebbe pagarne il compenso?

  6. #5
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    napoli
    Messaggi
    3
    Reputazione
    0
    L'amministratore eroga un servizio rivolto alla gestione di un bene comune. Di questo ne beneficiano tutti gli utilizzatori anche se in qualitä di conduttori.
    L'amministrazione gestisce dipendenti (portiere), imprese dì pulizia, manutenzione di parti comuni. Sono fattispecie al servizio di chi utilizza non della proprietà

  7. #6
    Non è collegato
    { 3426 mi piace }
    Utente d'onore+++ Amministratore interno L'avatar di Leonardo53
    Località
    Taranto
    Messaggi
    22,852
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da carlo2727 Visualizza Messaggio
    L'amministratore eroga un servizio rivolto alla gestione di un bene comune. Di questo ne beneficiano tutti gli utilizzatori anche se in qualitä di conduttori.
    L'amministrazione gestisce dipendenti (portiere), imprese dì pulizia, manutenzione di parti comuni. Sono fattispecie al servizio di chi utilizza non della proprietà
    Io sono del parere che almeno la metà del lavoro dell'amministratore non riguarda il conduttore.

    L'amministratore incassa le quote del conduttore?
    L'amministratore rende conto della gestione al conduttore?
    L'amministratore ha l'obbligo di far visionare la documentazione condominiale anche ai conduttori?

    Al link di seguito c'è una tabella indicativa di riparto spese proprietario/inquilino in cui viene affermato che le spese di amministrazione spettano al proprietario.
    http://bit.ly/2lmBABC

  8. #7
    Non è collegato
    { 1223 mi piace }
    Utente elite+
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,117
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da carlo2727 Visualizza Messaggio
    se, nell'ambito di un contratto a canone concordato (il cosiddetto 3+2), é possibile inserire una clausola che deroghi la ripartizione prefissata degli oneri accessori riportata nell'allegato G del decreto.
    Temo proprio di no, e non potrebbe esser diversamente... Un concordato è un contratto superblindato ed agevolato dove le norme regolatrici discendono specificatamente dall'accordo territoriale vigente, al quale bisogna fedelmente attenersi.
    Quando si adotta una tabella di riparto spese, il principio generale a cui attenersi è il seguente: mentre sono ammissibili deroghe favorevoli al conduttore, al contrario risultano impraticabili e nulle le pattuizioni in deroga peggiorative per il conduttore.
    Un patto che aumenta il peso degli oneri accessori è palesemente in contrasto con l'accordo territoriale e l'Allegato G, a maggior ragione se tale allegato non prevede a carico del conduttore le spese dell'amministratore: infatti l'Allegato G non prevede che la spesa dell'amministratore sia a carico del conduttore... proprio non prevede il riparto eventuale di tale spesa! Lo stesso vale e dicasi per qualsiasi spesa ordinaria non contemplata dall'Allegato G.

    Esaminando l'accordo territoriale di Napoli del 2015 emerge che detto accordo per la stipula materiale dei contratti concordati rimanda sistematicamente ai "contratti tipo" allegati al D.M. 30.12.2002, ad ulteriore conferma della validità dell'Allegato G.
    Ultima modifica di albano59; 28-12-2017 alle 22:17

  9. #8
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Architetto
    Località
    Messaggi
    24
    Reputazione
    0
    desumo che allora meno che meno sia possibile caricare - come ho sentito dire qualcuno fa - il 50% dell'assicurazione condominiale sull'inquilino....

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Salve a tutti, vado subito al sodo. devo locare un immobile sito nel comune di Palermo, microzona 5, 140 mq circa e secondo la tabbella, che vi...
  2. Buongiorno, volevo chiedere un'informazione... che spese extra bisogna affrontare alla chiusura del contratto di locazione a canone concordato? ...
  3. Salve a tutti, sapete dirmi se la riduzione dell’aliquota della cedolare secca al 10%, prevista dal nuovo Piano Casa, varrà soltanto per i contratti...
  4. Buongiorno, sto locando un immobile a canone concordato. Per quel che riguarda la stesura del contratto faccio riferimento all'allegato "A" del DM...