Bilocale affittato ad 1 persona, ma di fatto ci vivono in 7! Posso far liberare l'immobile?

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Milano
    Messaggi
    1
    Reputazione
    0

    Bilocale affittato ad 1 persona, ma di fatto ci vivono in 7! Posso far liberare l'immobile?

    Buonasera a tutti, mi sono appena iscritto!
    Vengo al dunque: a febbraio ho affittato un bilocale di circa 42 mq ad un ragazzo straniero, ho registrato il contratto e presentato la dichiarazione di cessione fabbricato.
    Questo ragazzo è sposato e ha una bambina, ma la moglie e la figlia sono stati messi anagraficamente sotto lo stato di famiglia del fratello del mio inquilino (che è la persona con il quale mi interfaccio per i pagamenti e le altre questioni, visto che è in Italia da più tempo e parla meglio), per evitare eventuali problemi con il rilascio dell'idoneità alloggiativa per 3 persone.
    Ad inizio mese il fratello dell'inquilino mi chiede se conoscessi qualcuno che poteva affittargli una casa, visto che da lì a qualche giorno avrebbe dovuto lasciare la sua in quanto era stata aggiudicata all'asta.
    Dopo questa richiesta avevo una sensazione, ma speravo che la cosa non si avverasse, e cioè che si trasferisse con tutti gli altri (sua moglie, due figli, moglie dell'inquilino e figlia) nel mio appartamento.
    Purtroppo ieri ho avuto la conferma di questa mia sensazione, confermatami da una persona che abita lì vicino!
    A parte il fatto che la casa è assolutamente inidonea a ospitare 7 persone e visto che vorrei disfarmi di quella casa, avendo già un potenziale acquirente (il proprietario dell'alloggio sottostante, che diventerebbe così proprietario di tutto lo stabile), dite che posso appigliarmi ad una qualche inadempienza del contratto per mandarli via?
    Nel contratto è riportato che la casa è affittata esclusivamente all'inquilino e ai familiari attualmente conviventi (il fratello ha una famiglia a se) e che lo stesso non può subaffittare o consentire a terzi l'uso, in tutto o in parte, della casa.
    Altra domanda: dal mio punto di vista rischio qualcosa per questa situazione?
    Posso fare qualche segnalazione, in Comune o ai carabinieri, affinchè attivino una eventuale procedura di sgombero per rischio di condizioni sanitarie precarie?
    Grazie in anticipo le vostre risposte e scusate per la lunghezza del post.


  2. #2
    Non è collegato
    { 458 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore di condominio
    Località
    Pavia
    Messaggi
    1,855
    Reputazione
    48
    Porta la cosa all'attenzione di un legale, saprà cosa consigliarti.
    Puoi anche chiedere informazioni al Comune in via informale e poi agire di conseguenza.

  3. #3
    Non è collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,791
    Reputazione
    74
    Ciao, da quello che scrivi non mi sembra ci siano le metrature minime per persona i cosiddetti 'requisiti igienico-sanitari' che ci dice il decreto ministero della sanità 5 luglio 1975 il quale, sommariamente dice:


    Art. 2

    Per ogni abitante deve essere assicurata una superficie abitabile non inferiore a mq 14, per i primi 4 abitanti, ed a mq 10, per ciascuno dei successivi.

    Le stanze da letto debbono avere una superficie minima di mq 9, se per una persona, e di mq 14, se per due persone.

    Ogni alloggio deve essere dotato di una stanza di soggiorno di almeno mq 14.

    Le stanze da letto, il soggiorno e la cucina debbono essere provvisti di finestra apribile.

    Art. 3

    Ferma restando l'altezza minima interna di m 2,70, salvo che per i comuni situati al di sopra dei m. 1000 sul livello del mare per i quali valgono le misure ridotte già indicate all'art. 1, l'alloggio monostanza, per una persona, deve avere una superficie minima, comprensiva dei servizi, non inferiore a mq 28, e non inferiore a mq 38, se per due persone.

    Quindi io direi di fare una bella comunicazione al Comune chiederne l'accertamento e aspettare che venga applicata la legge, in caso contrario, come dice Mauro, ossia, avvocato e cominci l'iter che, prima o poi ti darà ragione e non potrebbe essere altrimenti.
    Ciao

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Buonasera a tutti, Dopo aver perso il lavoro ho dovuto lasciare la casa in cui ero in affitto e tornare a vivere con mia moglie dai miei genitori....
  2. Buongiorno ho questo problema, il nostro condominio ha deliberato che la partizione dell'acqua viene fatta a persona. Ogni anno l'amministratore...
  3. Buonasera a tutti, volevo porvi un quesito. Sono diventata proprietaria di un immobile a Luglio 2013. A gennaio 2014 è stato notificato al...
  4. Nel giugno del 2006 a seguito di una scrittura privata NON registrata lasciavo ad un signore una copia delle chiavi di un mio immobile al fine di...