+ Rispondi alla Discussione
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 16 a 20 di 20

Un condomino chiede la revisione di tabelle millesimali

  1. #16
    Non è collegato { 0 mi piace } Nuovo utente Geometra 0
    Località
    Napoli
    Messaggi
    40
    Citazione Originariamente Scritto da rosanx Visualizza Messaggio
    ribadisco: paga chi ha voluto che le tabelle fossero revisionate..?? o paga chi ha eseguito le variazioni alle uu.ii. ..e di conseguenza all'effettivo valore dell'immobile????

    Una volta richiesta la revisione delle tabelle ad un tecnico abilitato, pagano tutti in base ai millesimi di proprietà.
    Il problema nasce quando le nuove tabelle devono comunque essere approvate a maggioranza (500ml.) in assemblea.
    Se alla maggioranza non vanno bene, non verranno approvate e restano in vigore quelle attuali.
    Quindi, a questo punto il condomino che ha fatto la prima richiesta si rivolgerà al giudice, il quale dovrà nominare una CTU che il condominio dovrà pagare.
    Altrimenti, in alternativa, dirà all'amministratore di far redigere nuove tabelle da altro tecnico e cercare di farle approvare.
    Tutto ciò, si trasformerà in un mezzo inferno per il condominio, con fazioni che si formeranno e si disferanno a secondo degli umori del momento o dei piccoli interessi personali da portare avanti.
    A questo punto il consiglio che mi sento di dare è quello di non accettare la richiesta e di non inserire all'ordine del giorno l'argomento, ma di farla fare (la richiesta), al condomino stesso nelle eventuali e varie alla fine della prossime assemblea utile che si terrà.

  2. #17
    Non è collegato { 70 mi piace } Frequentatore assiduo 32
    Messaggi
    2,435
    Citazione Originariamente Scritto da rosanx Visualizza Messaggio
    ribadisco: paga chi ha voluto che le tabelle fossero revisionate..?? o paga chi ha eseguito le variazioni alle uu.ii. ..e di conseguenza all'effettivo valore dell'immobile????
    Quando è alterato per più di 1/5 ......, si intende il valore alterato dei millesimi anche di solo uno. Nel senso: prima casa mia valeva 100, adesso vale 80.

    Questa è una delle tante perle della riforma: dimmi tu come fai a saperlo prima di aver revisionato le tabelle di tale grossa variazione. A meno che la ratio legis non fosse quella di previlegiare le variazioni talmente macroscopiche, da poter essere anche a ante revisione considerate ammissibili.

    Paga chi da origine alla variazione.

    Il tuo caso mi sembra più da errore, che a mio avviso sarà il più frequente.

  3. #18
    Non è collegato { 21 mi piace } Frequentatore Geometra 23
    Località
    Messaggi
    587
    Non si trascuri che per la revisione della tabelle regolamentari oggi, con le novellate norme sul condominio, è sufficiente un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio. Ma occorre che ricorrano gli estremi, cioè che si siano verificate almeno una delle seguenti condizioni:

    1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;

    2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell’edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell’unità immobiliare anche di un solo condomino.
    E' evidente che se l'assemblea delibera "al buio" (cioè sulla parola del proponente) nel presupposto che sussistano i motivi per la revisione, occorre precisare che, qualora il risultato della rielaborazione (che comporta il rilievo di TUTTE le u.i. dello stabile, con accessi del tecnico nelle abitazioni di TUTTI i condomini, prelievo ed aggiornamento delle certificazioni catastali e dell'anagrafica, tutte attività invasive della privacy), non certifichi sussistere il motivo, la spesa per la procedura dovrà essere imputata al solo condomino "PIERINO".

  4. #19
    Non è collegato { 0 mi piace } Primi messaggi Disoccupato 4
    Località
    Messaggi
    81
    Citazione Originariamente Scritto da rosanx Visualizza Messaggio
    ribadisco: paga chi ha voluto che le tabelle fossero revisionate..?? o paga chi ha eseguito le variazioni alle uu.ii. ..e di conseguenza all'effettivo valore dell'immobile????
    Scusate ma io non ho ancora capito questa cosa!!!
    Colui che ha chiesto la revisione delle tabelle millesimali, ovviamente, non è l'autore della modifica delle suddette...ha solo chiesto che vengano controllate poiché pensa che con gli anni le diverse destinazioni modificate delle uu.ii. e le modernità aggiunte possano aver variato il valor millesimale (per più di 1/5).

    Chi paga?? Questo che ha richiesto la variazione?
    o paga chi ha dato luogo alla variazione in termini fisici dell'edificio (modificando destinazione e/o ammodernizzando..........a dire del condomino) ?

  5. #20
    Non è collegato { 70 mi piace } Frequentatore assiduo 32
    Messaggi
    2,435
    Ma te l'ha già scritto.
    Paga chi ha dato origine alla variazione delle quote non chi ha chiesto l'accertamento. Ma solo se si rileva un aumento superiore al 20%.

    Gubossa: a meno che non venga deliberato (cosa che a mio avviso diventerà frequente) e il richiedente firmi sul verbale a mò di contratto di accollarsi le spese in caso di variazione sotto il 20%, se l'assemblea delibera con la maggioranza prevista di avviare la revisione, nel medesimo caso (variazione sotto il 20%), se ne accolla le spese.
    Purtroppo, nell'art.69 è scritto solo il caso del sopra il 20%, non anche del sotto tale quota. Quindi che in questo caso vada a esclusivo carico del riformatore non è scritto da nessuna parte.

    Se l'assemblea condivide l'istanza del riformatore, salvo patto contrario se ne accolla le spese in caso di variazione<1/5. E per approvare le tabelle ci vorrà l'unanimità.
    Ultima modifica di efisio; 05-11-2013 alle 22:36

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Dello stesso argomento


  1. Da circa un anno i condomini siamo in attesa che un condomino che ha variato la destinazione d'uso di 2 appartamenti e relativi garage, da abitazione...
  2. Amministro un condominio di 7 condomini dove nel 2008, quando non ero ancora io l'amministratore, hanno approvato ad unanimità dei presenti 7 su 7 le...
  3. Problema semplice (da spiegare) :D Se un Condominio ha necessità di modificare le tabelle millesimali e sottoporle ad accettazione unanime, come...