Oneri dovuti in caso di distacco imp. centralizzato

  1. #1
    Non è collegato
    { 5 mi piace }
    Primi messaggi Altra libera prof.
    Località
    Veneto
    Messaggi
    64
    Reputazione
    2

    Oneri dovuti in caso di distacco imp. centralizzato

    In un condominio dove si ripartisce il riscaldamento in prelievo volontario + % quota fissa, mi confermate (o smentite) che in caso di distacco di un condomino questo non è più tenuto a pagare la quota fissa ma unicamente i costi di manutenzione?


  2. #2
    Non è collegato
    { 388 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Mosquiton
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,326
    Reputazione
    39
    Citazione Originariamente Scritto da Maxi Visualizza Messaggio
    In un condominio dove si ripartisce il riscaldamento in prelievo volontario + % quota fissa, mi confermate (o smentite) che in caso di distacco di un condomino questo non è più tenuto a pagare la quota fissa ma unicamente i costi di manutenzione?
    Assolutamente NO.

    Innanzitutto non ci si distacca su 2 piedi... ma è necessaria una perizia che attesta che il distacco non crea squilibri all'impianto e/o aggravi di spesa agli altri condomini, come richiesto dall'art. 1118 c.c.

    In assenza di tale perizia, il distacco è fuorilegge e il distaccato DEVE pagare la quota fissa (come fosse attaccato, ma con i termosifoni chiusi).
    Ultima modifica di Mosquiton; 13-09-2017 alle 12:54

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 5 mi piace }
    Primi messaggi Altra libera prof.
    Località
    Veneto
    Messaggi
    64
    Reputazione
    2
    Vabbè, io ho fatto un esempio semplice partendo da una situazione in cui i presupposti c'erano già tutti (perizia favorevole ecc ecc).
    Quindi in una situazione con distacco regolare, il distaccato partecipa alla ripartizione della quota fissa o no?
    Io presumo partecipi solo ai costi di mantenimento dell'impianto, ma accetto smentite.

  5. #4
    Non è collegato
    { 388 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Mosquiton
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,326
    Reputazione
    39
    Ripeto, bisogna leggere cosa c'è scritto nella perizia.

    Molte perizie attestano SOLO che il distacco è stato fatto a regola d'arte.

    Se nella perizia si dichiara che il distacco "non crea squilibri all'impianto, né aggravi di spesa agli altri condomini", il distaccato è esonerato dalla quota fissa, altrimenti deve pagarla.

    Questo punto è molto importante, perché con la nuova legge, è praticamente impossibile avere una perizia del genere e, quindi, si DEVE sempre pagare la quota fissa!!!

  6. #5
    Non è collegato
    { 392 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,707
    Reputazione
    22
    Aggiungo a ciò che giustamente ha detto Mosquiton, che oltre al consumo involontario dovrai partecipare alle spese di "conservazione" dell'impianto, ovvero quelle derivanti da interventi straordinari, sostituzioni e messa a norma, perchè rimani pur sempre comproprietario del bene come tutti gli altri e come tale potresti chiedere, un domani, di riallacciarti all'impianto.

  7. #6
    Non è collegato
    { 51 mi piace }
    Frequentatore - L'avatar di Mr_Beaver
    Località
    Lazio
    Messaggi
    154
    Reputazione
    2
    Oltre alla perizia asseverata/certificata da parte di un Tecnico Abilitato (fondamentale ed obbligatoria per consentire il distacco all'utente in questione), la rinuncia al riscaldamento centralizzato non è possibile in presenza di un esplicito divieto contenuto nel regolamento condominiale di natura contrattuale, il quale, mentre non può
    derogare alle disposizioni richiamate dall’articolo 1138, ultimo comma, del c.c
    . e non può
    menomare i diritti che ai condomini derivano dalla legge, dagli atti di acquisto e dalle
    convenzioni, ben può, invece, derogare alle disposizioni legali non dichiarate inderogabili.


    Con la conseguenza che il regolamento condominiale, anche se contrattuale, mentre non può
    consentire la rinuncia all’uso dell’impianto centralizzato di riscaldamento con esonero dall’obbligo del contributo nelle spese di conservazione e manutenzione di detto impianto, ben può vietare la rinuncia al distacco dal centralizzato, non essendo tale divieto in contrasto con la disciplina legale dell’uso della cosa comune (Cass.civ. sent. 6923/01).

    Mia opinione, sono d'accordo, la cassazione fa una netta distinzione tra il divieto "d'uso" e il divieto di "distacco". Una precisazione che a mio parere non va sottovalutata.

    Questo quindi per concludere, che oltre ad una perizia per valutare che non insorgano squilibri funzionali o di spesa nei confronti degli allacciati (solitamente il 30 % dei distacchi possono determinare già un malfunzionamento, ma questo ovviamente è solo un indagine statistica, andrà valutata la perizia), devi controllare che non vi sia una norma contrattuale che vieti il "distacco". Dato che non è in contrasto con il 1118 che specifica "utilizzo".

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Buonasera, nell'ultima assemblea condominiale si è discusso su termorergolazione e contabilizzazione del calore da portare a norma entro il 31...
  2. Gent. Amministratori, volevo chiedere nel caso un condomino si distaccasse dall'impianto centralizzato di riscaldamento a quali spese dovrebbe...
  3. Buongiorno, un condomino da oltre un decennio ha chiesto ed ottenuto il distacco dall'impianto di riscaldamento centralizzato. All'epoca l'Assemblea...
  4. Buongiorno, vorrei porre un quesito ai frequentaori del forum: vorrei sapere che possibilità ha un condomino di staccarsi dall'impianto centralizzato...