Regolamento di utenza contrattuale

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Commerciante
    Località
    Napoli
    Messaggi
    11
    Reputazione
    0

    Cool Regolamento di utenza contrattuale

    Urge conoscere attualmente i millesimi che occorrono per cambiare un regolamento di utenza contrattuale Grazie


  2. #2
    Non è collegato
    { 3438 mi piace }
    Utente d'onore+++ Amministratore interno L'avatar di Leonardo53
    Località
    Taranto
    Messaggi
    22,900
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da dolceamaro Visualizza Messaggio
    Urge conoscere attualmente i millesimi che occorrono per cambiare un regolamento di utenza contrattuale Grazie
    Parli di un regolamento contrattuale di condominio?
    Nel regolamento contrattuale possono esserci clausole di natura CONTRATTUALE che incidono sui diritti individuali di ciascun condòmino e possono esserci anche clausole di natura REGOLAMENTARE che regolamentano le cose comuni del condominio.

    Per cambiare le clausole di natura CONTRATTUALE occorre l'unanimità di 1.000 millesimi.
    Per cambiare le clausole di natura REGOLAMENTARE è sufficiente la maggioranza del 2° comma art. 1136 c.c. (maggioranza degli intervenuti ed almeno 500/1000)

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Commerciante
    Località
    Napoli
    Messaggi
    11
    Reputazione
    0
    Nel regolamento di utenza contrattuale un articolo vieta la sosta delle auto sul suolo parte comune chiedo quanti millesimi occorrono autorizzare la sosta delle auto Grazie

  5. #4
    Non è collegato
    { 2007 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    19,963
    Reputazione
    100
    quoto Leonardo53 : Per cambiare le clausole di natura REGOLAMENTARE è sufficiente la maggioranza del 2° comma art. 1136 c.c. (maggioranza degli intervenuti ed almeno 500/1000)

  6. #5
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Commerciante
    Località
    Napoli
    Messaggi
    11
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da peppe64 Visualizza Messaggio
    quoto Leonardo53 : Per cambiare le clausole di natura REGOLAMENTARE è sufficiente la maggioranza del 2° comma art. 1136 c.c. (maggioranza degli intervenuti ed almeno 500/1000)
    quando comprammo l'appartamento il proprietario ci fece firmare il regolamento di utenza contrattuale che vietava la sosta delle auto sul suolo comune per costringerci ad acquistare i box
    ora si vuole cambiare questo articolo per permettere ad altri condomini di usufruire lo spazio comune per adibirlo a sosta auto a pagamento i proprietari dei box si lamentano per concorrenza sleale e calo del valore dei box sono sufficienti 500/1000 per cambiare il regolamento?

  7. #6
    Non è collegato
    { 3438 mi piace }
    Utente d'onore+++ Amministratore interno L'avatar di Leonardo53
    Località
    Taranto
    Messaggi
    22,900
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da dolceamaro Visualizza Messaggio
    quando comprammo l'appartamento il proprietario ci fece firmare il regolamento di utenza contrattuale che vietava la sosta delle auto sul suolo comune per costringerci ad acquistare i box
    ora si vuole cambiare questo articolo per permettere ad altri condomini di usufruire lo spazio comune per adibirlo a sosta auto a pagamento i proprietari dei box si lamentano per concorrenza sleale e calo del valore dei box sono sufficienti 500/1000 per cambiare il regolamento?
    Secondo me si, perchè si tratta di regolamentare l'uso di una parte comune.
    Ricorda che serve anche la maggioranza degli intervenuti (teste).
    Se ci sono proprietari di soli box senza appartamento, ogni proprietario, pur con pochi millesimi, rappresenterà una testa.

  8. #7
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Commerciante
    Località
    Napoli
    Messaggi
    11
    Reputazione
    0
    Nonostante non si è raggiunto la maggioranza per cambiare la clausola che vietava la sosta delle auto su una parte comune, l'amministratore incurante della decisione dell'assemblea ha autorizzato la sosta a pagamento alla mia rimostranza ha risposto che convocherà una nuova assemblea in Giugno 2017 chiedo un vostro parere se un singolo condomino (premesso che sono usufruttuario la nuda proprietà sono delle mie due figlie) può sollecitare una nuova assemblea entro trenta giorni e come agire verso l'amministratore che non ha rispettato la decisione dell'assemblea. Vi ringrazio per la risposta buona giornata

  9. #8
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Commerciante
    Località
    Napoli
    Messaggi
    11
    Reputazione
    0
    Buon giorno peppe64 non riesco a conoscere esattamente i millesimi occorrenti per cambiare una clausola di un contratto di regolamento contrattuale ripeto si tratta di una clausola contrattuale e non disciplinare la clausola, all'unanimità abbiamo accettato e firmato il contratto ed ora e sufficiente la metà dei condomini per cambiarla ma allora che razza di contratto abbiamo sottoscritto.

  10. #9
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Commerciante
    Località
    Napoli
    Messaggi
    11
    Reputazione
    0
    Non condivido quando asserisce Lonardo 53 Leggasi:
    e clausole dei regolamenti condominiali predisposti dall'originario proprietario dell'edificio condominiale ed allegati ai contratti di acquisto delle singole unità immobiliari, nonché quelle dei regolamenti condominiali formati con il consenso unanime di tutti i condomini, hanno natura contrattuale soltanto qualora si tratti di clausole limitatrici dei diritti dei condomini sulle proprietà esclusive o comuni ovvero attributive ad alcuni condomini di maggiori diritti rispetto agli altri, mentre, qualora si limitino a disciplinare l'uso dei beni comuni, hanno natura regolamentare. Ne consegue che, mentre le clausole di natura contrattuale possono essere modificate soltanto dall'unanimità dei condomini e non da una deliberazione assembleare maggioritaria, avendo la modificazione la medesima natura contrattuale, le clausole di natura regolamentare sono modificabili anche da una deliberazione adottata con la maggioranza prescritta dall'art. 1136, comma 2, c.c. (Cass. Civ. 943/1999).

  11. #10
     E' online
    { 1318 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio
    Località
    civitavecchia
    Messaggi
    7,528
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da dolceamaro Visualizza Messaggio
    Non condivido quando asserisce Lonardo 53 Leggasi:
    e clausole dei regolamenti condominiali predisposti dall'originario proprietario dell'edificio condominiale ed allegati ai contratti di acquisto delle singole unità immobiliari, nonché quelle dei regolamenti condominiali formati con il consenso unanime di tutti i condomini, hanno natura contrattuale soltanto qualora si tratti di clausole limitatrici dei diritti dei condomini sulle proprietà esclusive o comuni ovvero attributive ad alcuni condomini di maggiori diritti rispetto agli altri, mentre, qualora si limitino a disciplinare l'uso dei beni comuni, hanno natura regolamentare. Ne consegue che, mentre le clausole di natura contrattuale possono essere modificate soltanto dall'unanimità dei condomini e non da una deliberazione assembleare maggioritaria, avendo la modificazione la medesima natura contrattuale, le clausole di natura regolamentare sono modificabili anche da una deliberazione adottata con la maggioranza prescritta dall'art. 1136, comma 2, c.c. (Cass. Civ. 943/1999).
    Infatti nel tuo caso di tratta di una norma prevista nel regolamento contrattuale di natura regolamentare, pertanto può essere modificata con la maggioranza qualificata del secondo comma dell'art. 1136 c.c. , non occorre l'unanimità dei consensi.
    In ogni caso l'amministratore prima della delibera non può e non deve prendere iniziative in proposito, anche perché non avrebbe titolo prima dell' approvazione condominiale
    Ultima modifica di JOSEFAT; 11-05-2017 alle 12:32

  12. #11
    Non è collegato
    { 466 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore di condominio
    Località
    Pavia
    Messaggi
    1,877
    Reputazione
    48
    Devi distinguere le due problematiche un conto è regolamentare l'uso dello spazio comune adibito a parcheggio (maggioranza prescritta dall'art. 1136, comma 2, c.c.);
    altro discorso cambiare la destinazione d'uso della parte comune, ad esempio da giardino/cortile condominiale a parcheggio condominiale.

    Articolo 1117 ter Codice Civile Modificazioni delle destinazioni d'uso

    Per soddisfare esigenze di interesse condominiale l'assemblea, con un numero di voti che rappresenti i quattro quinti dei partecipanti al condominio e i quattro quinti del valore dell'edificio, può modificare la destinazione d'uso delle parti comuni

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Buongiorno, la mia domanda è la seguente: in condominio abbiamo un regolamento contrattuale ormai vecchio di diversi anni e vorremmo apportare delle...
  2. Salve, mi chiedono di partecipare come delegato in una assemblea di condominio. prima di accettare l'incarico mi accorgo che nel regolamento di...
  3. Un regolamento contrattuale deve essere obbligatoriamente trascritto e con esso le tabelle millesimali? E ancora il non aver richiamato il medesimo...
  4. Come si fa a vedere nel rogito di acquisto se il regolamento è contrattuale?