Like Tree2Ringraziamenti
  • 1 Post By Patrizia Ferrari
  • 1 Post By bilbetto

Locale caldaia non a norma

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Altra libera prof.
    Località
    Roma
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0

    Locale caldaia non a norma

    Buongiorno,
    in un condominio c'è una vecchia caldaia a gasolio e quasi la metà dei condomini distaccati. Nella stagione conclusa hanno avuto un consumo eccessivo, ma questo è il minimo. Facendo dei sopralluoghi con diverse ditte per farla trasformare da gasolio a gas mi hanno fatto notare che non rispetta le norme, anche il locale caldaia. Non mi resta che far sostituire quest'impianto o non far partire la prossima stagione perché ne sarei io responsabile.

    Sto convocando i condomini ma se loro rifiutassero il nuovo impianto perché appunto sono quasi la maggioranza i distaccati e mai vorrebbero affrontare una nuova spesa io non posso lasciare quelle 3 persone anziane al freddo????

    Dovrebbe essere una votazione unanime, credo, perchè se decidessero di arrestare l'impianto e non fare una nuova trasformazione e chi era contrario potrebbe citare il condominio per danni perchè è restato l'inverno al freddo.

    Vorrei trovare una soluzione giusta e corretta, sia per chi non vuole affrontare una spesa eccessiva ma soprattutto non vorrei lasciare persone al freddo.

    Grazie


  2. #2
    Non è collegato
    { 446 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Mosquiton
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,716
    Reputazione
    44
    Citazione Originariamente Scritto da Kamano Visualizza Messaggio
    Buongiorno,
    in un condominio c'è una vecchia caldaia a gasolio e quasi la metà dei condomini distaccati. Nella stagione conclusa hanno avuto un consumo eccessivo, ma questo è il minimo. Facendo dei sopralluoghi con diverse ditte per farla trasformare da gasolio a gas mi hanno fatto notare che non rispetta le norme, anche il locale caldaia. Non mi resta che far sostituire quest'impianto o non far partire la prossima stagione perché ne sarei io responsabile.

    Sto convocando i condomini ma se loro rifiutassero il nuovo impianto perché appunto sono quasi la maggioranza i distaccati e mai vorrebbero affrontare una nuova spesa io non posso lasciare quelle 3 persone anziane al freddo????

    Dovrebbe essere una votazione unanime, credo, perchè se decidessero di arrestare l'impianto e non fare una nuova trasformazione e chi era contrario potrebbe citare il condominio per danni perchè è restato l'inverno al freddo.

    Vorrei trovare una soluzione giusta e corretta, sia per chi non vuole affrontare una spesa eccessiva ma soprattutto non vorrei lasciare persone al freddo.

    Grazie
    In teoria, per dismettere tutto l'impianto, devono essere tutti d'accordo (1000/1000).

    Altrimenti, si dovrebbe rifare l'intera caldaia e TUTTI dovrebbero partecipare al pagamento (anche i distaccati).

    La soluzione migliore, per accontentare tutti, è di installare una mini caldaia dimensionata SOLO per i proprietari rimasti. In tal caso, i distaccati non dovranno più pagare nulla (perché non più comproprietari) e gli altri pagheranno meno, perché avranno una caldaia più piccola, solo per loro.

    IMPORTANTE: Naturalmente, nessuno dei distaccati potrà più riallacciarsi alla caldaia!
    Ultima modifica di Mosquiton; 13-09-2017 alle 10:02

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 729 mi piace }
    Super Moderator L'avatar di Patrizia Ferrari
    Località
    Brescia
    Messaggi
    22,100
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da Mosquiton Visualizza Messaggio
    1)In teoria, per dismettere tutto l'impianto, devono essere tutti d'accordo (1000/1000).

    Altrimenti, si dovrebbe rifare l'intera caldaia e TUTTI dovrebbero partecipare al pagamento (anche i distaccati).

    2)La soluzione migliore, per accontentare tutti, è di installare una mini caldaia dimensionata SOLO per i proprietari rimasti. In tal caso, i distaccati non dovranno più pagare nulla (perché non più comproprietari) e gli altri pagheranno meno, perché avranno una caldaia più piccola, solo per loro.

    IMPORTANTE: Naturalmente, nessuno dei distaccati potrà più riallacciarsi alla caldaia!
    1) Non solo in teoria ma legalmente e supportata da perizia che ne giustifichi la dismissione in termini di risparmio
    2) Ottima soluzione pratica ma foriera nel futuro di contestazioni e rivendicazioni qualora la decisione non venga gestita ottimamente con tutti i santi crismi.
    bilbetto likes this.

    Staff
    Brescia

  5. #4
    Non è collegato
    { 737 mi piace }
    Utente gold Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,390
    Reputazione
    39
    Citazione Originariamente Scritto da Mosquiton Visualizza Messaggio
    In teoria, per dismettere tutto l'impianto, devono essere tutti d'accordo (1000/1000).

    Altrimenti, si dovrebbe rifare l'intera caldaia e TUTTI dovrebbero partecipare al pagamento (anche i distaccati).

    La soluzione migliore, per accontentare tutti, è di installare una mini caldaia dimensionata SOLO per i proprietari rimasti. In tal caso, i distaccati non dovranno più pagare nulla (perché non più comproprietari) e gli altri pagheranno meno, perché avranno una caldaia più piccola, solo per loro.

    IMPORTANTE: Naturalmente, nessuno dei distaccati potrà più riallacciarsi alla caldaia!
    La soluzione proposta è interessante ma meritevole di un'approfondita analisi dal momento che l'art. 1118 cc comma 2 vieta espressamente ai condòmini la possibilità di rinunciare ad una parte comune della quale hanno accettato la comproprietà in un atto di vendita.

    Sarebbe peraltro un precedente molto pericoloso perchè giustificherebbe la possibilità, per esempio, al condòmino che abita al piano terra e che per nessuna ragione, neanche potenziale, si serve dell'ascensore, di poter rinunciare alla sua parte di comproprietà.

    Non sarei quindi così sereno a valutare un'opportunità del genere. Piuttosto ovvierei al problema facendo approvare all'unanimità la dismissione dell'impianto e, solo in seguito, concedere a taluni la possibilità di costruirsene uno proprio in virtù dell'art. 1102 cc., magari corroborata da una espressa delibera condominiale di autorizzazione sottoscritta dagli altri.

  6. #5
    Non è collegato
    { 446 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Mosquiton
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,716
    Reputazione
    44
    Citazione Originariamente Scritto da Patrizia Ferrari Visualizza Messaggio
    2) Ottima soluzione pratica ma foriera nel futuro di contestazioni e rivendicazioni qualora la decisione non venga gestita ottimamente con tutti i santi crismi.
    Citazione Originariamente Scritto da bilbetto Visualizza Messaggio
    La soluzione proposta è interessante ma meritevole di un'approfondita analisi dal momento che l'art. 1118 cc comma 2 vieta espressamente ai condòmini la possibilità di rinunciare ad una parte comune della quale hanno accettato la comproprietà in un atto di vendita.

    Sarebbe peraltro un precedente molto pericoloso perchè giustificherebbe la possibilità, per esempio, al condòmino che abita al piano terra e che per nessuna ragione, neanche potenziale, si serve dell'ascensore, di poter rinunciare alla sua parte di comproprietà.

    Non sarei quindi così sereno a valutare un'opportunità del genere. Piuttosto ovvierei al problema facendo approvare all'unanimità la dismissione dell'impianto e, solo in seguito, concedere a taluni la possibilità di costruirsene uno proprio in virtù dell'art. 1102 cc., magari corroborata da una espressa delibera condominiale di autorizzazione sottoscritta dagli altri.
    Ci sono già stati casi analoghi.

    Per info, si veda qui:
    http://www.ilsole24ore.com/art/norme...a-064313.shtml

    In particolare:
    "Il problema però si pone quando occorre sostituire la caldaia o riqualificare la centrale termica. Coloro che si sono distaccati non avranno interesse e il loro voto contrario (quando è elevato il numero dei distaccati) potrebbe incidere negativamente sulla scelta.
    Nel caso esaminato dalla Cassazione, che aveva per oggetto la condanna alle spese per la sostituzione della caldaia, i condomini hanno deliberato la sostituzione della caldaia dimensionandola per il solo numero di appartamenti allacciati all'impianto centralizzato di riscaldamento. Di conseguenza, coloro che si erano distaccati vengono esonerati non solo dalle spese di esercizio, ma anche da quelle straordinarie e di conservazione dell'impianto termico, in quanto non più titolari di alcun diritto di comproprietà.
    "
    Ultima modifica di Mosquiton; 13-09-2017 alle 11:55

  7. #6
    Non è collegato
    { 737 mi piace }
    Utente gold Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,390
    Reputazione
    39
    In tal caso, come dice Patrizia, occorre inserire a verbale l'esito della decisione e l'espressa rinuncia dei distaccati a successive pretese di riallaccio.
    Mosquiton likes this.

  8. #7
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Altra libera prof.
    Località
    Roma
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0
    La dismissione dell'impianto sono costretto a farlo perché non a norma e pericoloso. Ottimo consiglio nel far fare preventivi adeguati solo per chi vuole il centralizzato e deliberare con la formula rinuncia ai distaccati alle successive pretese di riallaccio.
    Penso che sana e giusta come soluzione

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Buongiorno. Nel mio condominio è stato effettuato un sopralluogo da parte di un tecnico per la verifica della rispondenza alla normativa esistente...
  2. Buon sera, ad ottobre abbiamo eseguito dei lavori nel condominio per la messa a norma del locale caldaia. La ditta che ha eseguito i lavori può...
  3. Salve a Tutti, il quesito che vorrei porre è il seguente : La proprietà (Ente Pubblico) di un condominio (edificio con 90 u.a.) ha venduto...
  4. salve, qualcuno sa dirmi per favore come vanno ripartite le spese per la messa a norma de locale caldaia centralizzato, tenedo conto che ci sono dei...