Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima
Like Tree2Ringraziamenti

Consigli su come evitare le valvole termostatiche imposte.

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Ingegnere
    Località
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0

    Consigli su come evitare le valvole termostatiche imposte.

    Buongiorno, ho scoperto questo sito girovagando in rete e mi permetto di chiedere consigli su come sia possibile evitare l’installazione delle valvole termostatiche in Lombardia.

    In termini pratici mi vengono in mente alcune considerazioni che vado ad elencare.

    C’è una legge che obbliga i lombardi ad installarle, è della giunta Formigoni e firmata dal consiglio che è stato recentemente dimesso per il noto scandalo, c’è in primis la firma di Domenico Zambetti, assessore alla casa, che è stato arrestato per voto di scambio con la Mafia.
    Come sappiamo in Lombardia questa giunta ne ha combinate di cotte e crude, ha anche ridotto al minimo la distanza di tralicci per l’alta tensione dalla costruzione di nuove case, distanze irrisorie rispetto a tutte le altre Regioni d’Italia, questo per favorire l’edilizia ma a scapito della salute degli abitanti ed il rischio che questi si ammalino in futuro di leucemia.
    Per quanto riguarda il condominio, come tutti sanno, questo può decidere delle parti comuni ma se il proprietario nel suo appartamento decide di fumare come un turco, di non volere i caloriferi, di volerli fucsia, che irradiano di radiofrequenza o meno è un problema esclusivamente suo.
    A proposito di radiofrequenza, sono note le stime dell’incidenza di questa sull’aumento dell’opacizzazione del cristallino (cataratta), oggi questa malattia è la prima in assoluto negli interventi in Ospedale, viene sempre più diagnosticata anche in età presenile e non più solo alle persone anziane poiché le radiazioni non ionizzanti e le microonde, che ci circondano sempre più, riscaldano il cristallino che è poco vascolarizzato e quindi si opacizza prima del previsto. E’ facile trovare anche 30 – 40 - 50 enni operati, cosa poco probabile anni fa. Altri esiti nocivi dell’aumento delle radiazioni le scopriremo poi con il tempo.
    Fra l’altro è paradossale che ci siano molte cause di persone che si dicono ammalate a causa di radiazioni di ripetitori TV e Radiomobile ed i soldi dell’affitto dei locali per piazzare questa roba va invece a chi le antenne ha permesso di installare sopra il proprio tetto; come è noto il lobo di irradiazione delle antenne va a colpire i caseggiati vicini mentre è quasi irrisorio il disturbo che finisce sotto il tetto.
    Al pericolo radioelettrico nella propria abitazione dovuto all’installazione di termostati, contatori e volendo anche sensori alle finestre che viene imposto dalla legge in cui purtroppo si incorre anche girando per strada od andando nelle case degli altri che magari ignari hanno dotato la casa di antifurti radio, cordless, wifi ecc., si aggiunge anche il pericolo di utilizzare le numerosissime pile da cambiare ogni 2 anni che vanno applicate alle nuove valvole e quindi a stretta vicinanza con il calore dei caloriferi, la cosa può dare origine ad esplosioni nonché al deterioramento prematuro delle pile che possono rilasciare nell’aria residui ossidanti.
    Il tutto ci è stato venduto, non perché si vuole dare del lavoro e scambiare il favore a chi ha permesso, tramite il proprio voto, di dirigere la Regione Lombardia, ma semplicemente perché è giusto che ognuno paghi quanto consuma e per un fantomatico risparmio.
    Questa cosa che è giusto che ognuno paghi quanto consuma è uno slogan degli anni fine 80, in quel periodo si andava dicendo che era meglio mettere una sola antenna condominiale per la TV piuttosto che antiestetiche antenne individuali ma che erano meglio tante caldaie singole piuttosto di una sola, il tutto sempre per muovere l’economia e la gente che su queste cose ci lavora.
    Si è infatti poi scoperto che fra spese di gestione del proprio impianto ed i consumi, bisogna vivere quasi al gelo per poter risparmiare una piccola quota rispetto a chi ha il riscaldamento centralizzato e vive l’inverno al caldo ed infatti negli anni seguenti si è tornati al centralizzato, con buona pace per chi si è fatto abbindolare dalla proposta “allettante”.
    Ora, finita la mungitura di chi si è convinto all’autonomo, si torna quindi alla carica su chi ha il centralizzato.
    Inoltre per quanto riguarda il risparmio ipotizzato, i conti sono presto fatti, attualmente per un appartamento di 3 locali i costi condominiali annuali per il riscaldamento si aggirano dai 1000 ai 1400 Euro, quindi mediamente 1200 Euro.
    Per far installare valvole, termostati e contatori la spesa si aggira attorno ai 150 Euro per calorifero moltiplicati per 6 caloriferi fa 900 Euro (c’è anche chi ne ha 7 se ha i doppi servizi quindi 1050 Euro), per avere però il risparmio, nella quasi totalità degli impianti dei condomini che hanno caldaie non recentissime e che sono quasi tutti in classe G, bisogna provvedere al rinnovo o l’adeguamento della caldaia stessa, la spesa per chi ha un trilocale a Milano fra valvole, contatori e caldaia va dai 2000 ai 3000 Euro, la media è quindi 2500 Euro.
    Se è vero che utilizzando meno il riscaldamento e metterlo a valori “freschi” quando si è assenti da casa, comporta un risparmio del 30%, significa che sui 1200 Euro attuali si andrà a risparmiare 360 Euro all’anno, è altrettanto vero che ci vorranno quindi 7 anni per andare ad ammortizzare la cifra spesa inizialmente e solo dopo si potrà avere un beneficio, questo ipotizzando che il costo delle cose rimanga invariato nel tempo, 7 anni sono un po’ troppi per arrivare a dire che si risparmia.
    Inoltre, da qui a 7 anni, le caldaie diventeranno nuovamente inadeguate, il metano andrà ad esaurirsi e chissà quale altra diavoleria si inventeranno per muovere l’economia sempre in nome del paghi quanto consumi e di un fantomatico risparmio, per queste persone i soldi dell’IMU sono solo un’elemosina.
    Purtroppo, invece di puntare subito al solare, prima vengono utilizzati questi mezzucci per far cassa, un po’ come fanno i rivenditori di elettrodomestici che hanno già il prodotto migliore ma non lo mettono in commercio perché prima devono esaurire il prodotto più scadente.
    Il tutto senza contare che ci sono persone, come gli anziani, che vivono di pensione, nelle nostre città sempre più numerosi, siamo la seconda nazione al mondo in termini di longevità solo dopo il Giappone, e che nei mesi invernali, spesso anche malati, abitualmente passano le loro giornate al caldo in casa e per questi non è quindi previsto alcun risparmio, anzi, considerando che il sistema di calcolo sarà ibrido e cioè una quota millesimi più una quota consumi, pagheranno di più nonostante la spesa sostenuta inizialmente a meno che non decidano di stare al freddo e puntare le valvole al minimo anche se presenti in casa. A questi si aggiungono anche i bambini che in inverno si ammalano di più, con questa legge quindi forse andrà a risparmiare dopo 7 anni solo chi lavora e non ha famiglia.
    Con questo ci sarebbe ancora molto da dire, sempre a sfavore dell’adeguamento e della legge, spero, come credo, di aver rispettato i termini pratici promessi.

    Chiedo a chi questi 4 conti pratici li ha fatti come me un consiglio sul come agire per evitare questo furto, è sicuramente molto improbabile che i carabinieri si presentino con un mandato di perquisizione in casa di ogni famiglia ma è anche giusto agire nel modo più opportuno se si è scelto di non aderire oppure, se obbligati dal condominio, come poter far causa per la scelta scellerata fatta.

    La nuova giunta, per ora immacolata, chissà a cosa d’altro sta pensando, magari, visto che a Milano ci sono ancora moltissime ex case di ringhiera con le scale, a mettere obbligatoria l’installazione dell’ascensore in nome del fatto che con le scale attuali si respira più velocemente e quindi si produce molta più anidride carbonica.
    Sarebbe un’imposizione iniqua ma non quanto questa del riscaldamento che va ad imporre nella proprietà privata del cittadino, altro che popolo della libertà.

    Grazie a chi vorrà rispondermi.



  2. #2
    Non è collegato
    { 63 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore di condominio L'avatar di viburno
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,212
    Reputazione
    33
    Un consiglio iniziale: se vuoi che il forum ti legga, evita di scrivere poemi.
    Chiedi come evitare di installare le termovalvole e contabilizzazione?
    In Lombardia entro il 2014 tutti i condomini dovranno installarle. Personalmente credo che sia un modo civile di imporre,in chi ne è privo, un minimo di consapevolezza dei propri consumi, facendo risparmiare chi è più oculato e facendo pagare il giusto a chi non lo è.
    La collettività ne trarrà vantaggio in termini di minor inquinamento (cosa di cui a Milano abbiamo un grande bisogno!) e minor spreco energetico (ottemperando al protocollo di Kyoto).


  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Ingegnere
    Località
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0
    Grazie Viburno, si in effetti sono stato un pò prolisso ed è forse per questo che non hai letto in modo approfondito, la tua risposta dice cose banali e ripete ciò che ci gli assessori collusi hanno voluto farci credere e cioè che risparmia chi è più oculato e paga il giusto chi non lo è.
    Nel mio scritto invece dico cose diverse, ho dimostrato con semplici calcoli ricavati dalle spese condominiali che questo risparmio non esiste poichè mediamente prima ci sono 7 anni di spese da ammortizzare e dopo chi vivrà vedrà ma è comprensibile aspettarsi ulteriori spese.

    Io aspetto sempre risposte da chi, come me, si è accorto del furto e come intende agire. Grazie


  5. #4
    Non è collegato
    { 630 mi piace }
    Staff Moderatore Geometra L'avatar di Mario Pessina
    Località
    Milano
    Messaggi
    6,212
    Reputazione
    100
    non entro nel merito delle considerazioni politiche che velatamente hai espresso(nel forum non si deve) ma, condivido in pieno la tua analisi, fatta anche da me.. hai pero nei tuoi calcoli, che a mio avviso sono più o meno giusti, dimenticato anche la quota dei condomini morosi che nella Milano è abbastanza rilevante (nel mio condominio su 50 condomini, ben 8 non regolarizzano le quote e con spese ordinarie e straordinarie effettuate negli ultimi 5 anni il debito ammonta a +/- 50000,00
    euro ); Sono però molto d'accordo anche con Viburno , bisogna fare qualcosa per l'inquinamento e il vivere civile ma il come a mio avviso non è l'imposizione (vedi area c)


  6. #5
    Non è collegato
    { 1 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    Località
    Milano
    Messaggi
    597
    Reputazione
    15
    Premesso che sono assolutamente d'accordo sull'utilizzo dell'energia solare, sono però altrettanto convinto che ora, la prima cosa da fare mentre aspettiamo che questa tecnologia sia finalmente fruibile anche nei coindomini, è limitare i consumi. La legge regionale è una buona legge, perché ha il pregio, se non altro, di sottoporre agli occhi di tutti il problema. Io ho vissuto per 20 anni in un supercondominio. Ero al quinto piano di un palazzone e tutta la mia abitazione era esposta alm sole per tutto il giorno.Ho passato inverni con 25, 26 gradi in casa e nonostante spegnessi il riscaldamento, non avendo a disposizione le termovalvole pagavo ugualmente come se avessi avuto i termosifoni bollenti. E' giusto questo? E' questa una sana gestione delle risorse? Per quale motivo chi ha caldo e tiene al minimo il riscaldamento deve pagare come un freddfoloso? (siamo sicuri che siano solo gli anziani quelli che consumano di più?) Il risparmio c'è, eccome. Se ti assenti per un certo periodo da casa e spegni tutto, tu risparmi. Certo, sette anni (presunti) per ammortizzare i costi potrebbero essere considerati tanti, ma chi lo stabilisce? E' tutto in funzione della tua vita privata e di quanto e come utilizzi il riscaldamento. Cosa preferiresti, andare avanti così vita natural durante? E' vero che esiste il problema delle emissioni delle radiofrequenze, ma esiste anche il problema dei cellulari, degli apparecchi in stand by, dei cibi che non sai più cosa mangi, delle sigarette, dell'alcolismo, della droga, degli incidenti stradali ecc. ecc. L'umanità vive sempre più a lungo e direi anche meglio: evidentemente anche noi siamo soggetti a un'evoluzione che in qualche modo affronta questi problemi e spesso li risolve


  7. #6
    Non è collegato
    { 68 mi piace }
    Utente gold Amministratore di condominio L'avatar di Turtle_dive
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,835
    Reputazione
    53
    Come disse un noto attore .... rinuncio... a leggere..


  8. #7
    Non è collegato
    { 98 mi piace }
    Ingegnere Ingegnere
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,688
    Reputazione
    47
    1) Ogni investimento ha un primo periodo di ammortamento prima di produrre i relativi guadagni. Questo è un fondamento dell'econonomia e non ci possiamo fare nulla. Se speri che altri paghino un investimento che poi frutti a te, mi sa che sei caduto male.

    2) Capisco il costo da sopportare, ma il guadagno economico seppure dopo 7 anni ci sarà. Il guadagno a livello di inquinamento invece non ha bisogna di ammortamento. Lo sai che a Milano ci sono quartieri gestiti da un unico impianto, in cui la maggior parte degli appartamenti ha 26 gradi in casa e sta con le finestre aperte tutto l'inverno (ma con i termosifoni accesi, tanto paga uguale) perchè anche l'appartamento più sfig.to arrivi a 20 gradi? E perchè costoro non dovrebbero chiudere i termosifoni, invece di aprire le finestre? La contabilizzazione per costoro sarà un bel deterrente per risparmiare: il risparmio alla fine sarà diviso su tutti (perchè c'è la quota fissa), ma c'è. Se invece vogliono per forza scaldare il cielo intorno alla propria casa, almeno che si paghino il metano!

    3) Per l'inquinamento dell'aria io e altre centinaia di migliaia di persone saremo obbligati a cambiare auto nel 2013: e questo perchè? Perchè aumentano le polveri sottili. Ma ti sei mai chiesto perchè le polveri sottili aumentano solo da ottobre a marzo, mentre negli altri mesi le persone usano le auto allo stesso modo? Non sarà che si accendono i riscaldamenti? Non sarà che Milano è piena di vecchi impianti, ancora a gasolio, e di centrali termiche obsolete che inquinano in maniera spropositata? Mettiamola così: se tu stessi al freddo, io non sarei costretta a cambiare auto. Ma visto che io dovrò per forza cambiare auto, o posso andare a fare il disoccupato, visto che l'auto mi serve per lavorare (non per andare al lavoro, per lavorare) (e cambiandola uscirò pure dagli studi di settore o dal nuovo redditometro o come si chiama, per cui quest'auto mi costerà cara alla fine dei conti), almeno che si faccia qualcosa per migliorare ciò che veramente inquina, cioè gli impianti di riscaldamento! E se per farlo serve una legge, ben venga! Quindi ben venga l'imposizione della termoregolazione e contabilizzazione del calore, e ben venga l'obbligo entro il 2016 di cambiare gli impianti a bassa efficienza!

    3) L'imposizione oramai c'è e nessun condominio si potrà sottrarre. E non serve che ti becchino tramite i carabinieri in casa. Semplicemente nel controllo annuale obbligatorio, l'impianto non sarà a norma, quindi non si potrà accendere ad ottobre.

    Modificato Da - lollolalla il 05 Dic 2012 16:38:05

  9. #8
    Non è collegato
    { 63 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore di condominio L'avatar di viburno
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,212
    Reputazione
    33
    Scritto da Corridore il 04 Dic 2012 - 17:37:43: Grazie Viburno, si in effetti sono stato un pò prolisso ed è forse per questo che non hai letto in modo approfondito, la tua risposta dice cose banali e ripete ciò che ci gli assessori collusi hanno voluto farci credere e cioè che risparmia chi è più oculato e paga il giusto chi non lo è.
    Nel mio scritto invece dico cose diverse, ho dimostrato con semplici calcoli ricavati dalle spese condominiali che questo risparmio non esiste poichè mediamente prima ci sono 7 anni di spese da ammortizzare e [...]
    Tu hai dimostrato solo quello che interessa a te: sminuire il valore epocale di questa innovazione!
    Visto che metti dentro spese che comunque dovresti fare ma che non sono necessariamente legate alla contabilizzazione. Perchè non ci metti anche la realizzazione di un cappotto esterno o la riverniciature delle scale, già che ci sei???
    Se spendi 900€ per le valvole e risparmi 350€/anno, ce ne metterai meno di 3 ad ammortizzare, punto!

    Fattene una ragione, è un pezzo di civiltà in arrivo a cui dovrai soccombere, volente o nolente!


  10. #9
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Ingegnere
    Località
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0
    Grazie a tutti per le risposte ma mi sembra che voi che rispondete siate per seguire la legge Lombarda, il titolo del mio post e la mia richiesta è invece dedicato a chi non vuole farsi pecorella ed il lupo se la mangia, insomma a chi ha capito l’inganno per fregare ancora soldi al contribuente.
    Le ragioni le ho già esposte, mi sembrano condivisibili e si possono sintetizzare, possibile che non ci sia nessuno abituato a ragionare con la propria testa:

    Legge voluta e firmata da una giunta in cui erano presenti collusi con la Mafia, l’assessore alla casa è in carcere poiché in cambio dei voti ottenuti dall’associazione a delinquere, ha fatto avere posti di lavoro ed appalti alle imprese, quindi ha tutte le caratteristiche per essere illegittima. Possibile che su 20 Regioni italiane, la legge è stata approvata solo in Piemonte e Lombardia? Perfino il Lazio non l’ha proposta, eppure i recenti scandali hanno messo in luce i soldi pubblici che sono finiti per scopi privati. La realtà piemontese non la conosco ma quella lombarda è stata su tutti i recenti TG. I soldi stanno finendo anche ai cittadini lombardi e quindi i casi di morosità sono destinati ad aumentare, la gente incomincia a non pagare più neppure il Canone TV. Perché al sud cascano più difficilmente a questi inganni? Li non hanno la faccia tosta neppure di proporle certe leggi.
    La mia non è una velatura politica ma una semplice constatazione dei fatti, basta seguire le notizie e le leggi sono emanate da politici. Qualche tempo fa, quando imposero la temperatura minima di 18 gradi + 2 di tolleranza ai cittadini italiani, quelli delle Iene andarono a verificare le temperature nelle varie zone del Parlamento e misurarono temperature attorno ai 25 gradi, in alcune zone perfino vicino ai 30, pensate che oggi ci siano temperature più basse? Il fatto che questi parlino bene e razzolino male è solo una notizia che mi piace ricordare.
    Il solare è già fattibile ed usufruibile, non è in fase sperimentale, basta volerci investire, invece, come detto, questo è un mezzuccio per spolpare i contribuenti Lombardi.
    Le radiazioni non ionizzanti non sono un problema da poco, troppo semplice affermare che tanto ci sono i cellulari, gli apparecchi in stand by ecc., è come dire che, se la legge ti impone di fumare a casa tua e tu non vuoi perché non ti possono imporre una cosa che fa male nella tua proprietà, dicendo che tanto è già tutto inquinato e gli altri fumano, è puro qualunquismo.
    Inoltre se il concetto è che bisogna inquinare di meno, allora perché inquinare di più con le microonde? Che facciano male è già dimostrato, cataratte in notevole aumento nella popolazione ed altri possibili disturbi che potranno manifestarsi in futuro.
    Affermate che ci chi governa emana queste leggi per il bene della nostra salute ma dimenticate che se non era per un referendum e la disgrazia del terremoto giapponese, questi erano favorevoli ad imporre il nucleare, volevano costruire tante centrali vicino a casa, magari in zona sismica, ormai l'Italia è quasi tutta sismica, e sempre per il principio di muovere l'economia, la loro.
    Che l’investimento non valga il risparmio l’ho già dimostrato, se un utilizzatore riesce ad essere parsimonioso, recupererà i suoi soldi investiti solo dopo molti anni, neanche nelle imprese meno accorte si investe così tanto per guadagnare forse dopo così tanti anni, sapendo poi che il metano è destinato ad esaurirsi e si deciderà finalmente di investire sul solare.
    Inoltre in Italia lavora solo una persona su 3, quelli che vanno in ufficio o lavorano in giro sono una piccola minoranza e quindi sarà poco il loro contributo alla diminuzione dell’inquinamento, come già detto siamo la popolazione seconda al mondo in termini di longevità, nelle abitazioni troviamo tanti anziani, bambini, malati, ecc., insomma le categorie che andrebbero protette e non perseguitate.
    Invece, nonostante siano obbligate a pagare l’adeguamento, continueranno a pagare gli stessi consumi, anzi di più perché, per un semplice principio fisico, se il loro vicino di casa o quello che sta sopra o quello che sta sotto per risparmiare o perché assente decide di lasciare freddo l’appartamento, loro per star bene dovranno consumare di più di prima.
    Chi ci guadagna veramente?
    Gli installatori di caldaie e termosifoni, chi, attraverso la legge ed il proprio tornaconto, è riuscito a fare avere questo lavoro a loro quindi governanti ed associazioni mafiose, gli amministratori e per quanto riguarda i proprietari di appartamento, quelli che possiedono 2, 3, 4 abitazioni, insomma i ricchi che fino ad oggi avevano appartamenti vuoti ed erano obbligati a pagare il riscaldamento.
    Ma chi ha di più, non dovrebbe pagare di più?

    Confido sempre in qualche risposta che avvalori le mie motivazioni, in primis la non legittimità della legge, e per questo sappia consigliare ed indicare la strada più appropriata da seguire, c'è ancora più di un anno di tempo.
    Invito invece ad astenersi chi si è fatto pecorella perché la mia, ripeto, è una richiesta e non una prova a farmi cambiare una decisione che è più che motivata ed irremovibile.


  11. #10
    Non è collegato
    { 1 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    Località
    Milano
    Messaggi
    597
    Reputazione
    15
    "Che l’investimento non valga il risparmio l’ho già dimostrato,"
    No, tu non hai dimostrato nulla. Hai solo espresso una legittima opinione che deve essere rispettata, esattamente come tu devi rispettare quella di chi non la pensa come te. Io, che non sono d'accordo con le tue affermazioni, sarei una pecora, mentre tu, ovvimente, saresti il leone, fiero difensore di non si sa bene cosa. Io, al contrario di te, non ho certezze ma dubbi che esprimo attraverso questo forum. Se tu pensi che il confronto con gli altri sia semplicemente darti sempre e comunque ragione, fai pure. Evidentemente hai bisogno di essere continuamente confortato e rassicurato. E' un problema tuo, però questo forum, per quanto io abbia iniziato a frequentarlo da poco, ho capito che è una importante occasione di confronto e apprendimento. Nulla di più e nulla di meno. Per i comizi, forse è meglio che scrivi ai giornali.
    p.s. mia madre è ricoverata in una casa di riposo, come tanti altri anziani e il suo appartamento è vuoto (come quello di tanti anziani ricoverati). Il riscaldamento l'ho chiuso da tempo e l'anno scorso abbiamo risparmiato 800 euro. Come fai ad affermare che è sbagliato? E sopratuttto, chi sei tu per invitare gli altri a non eprimere una opinione da te non gradita?


  12. #11
    Non è collegato
    { 1 mi piace }
    Frequentatore
    Località
    Torino
    Messaggi
    458
    Reputazione
    23
    Scritto da Corridore il 05 Dic 2012 - 20:37:17: Confido sempre in qualche risposta che avvalori le mie motivazioni, in primis la non legittimità della legge, e per questo sappia consigliare ed indicare la strada più appropriata da seguire, c'è ancora più di un anno di tempo.
    Invito invece ad astenersi chi si è fatto pecorella perché la mia, ripeto, è una richiesta e non una prova a farmi cambiare una decisione che è più che motivata ed irremovibile. [...]
    E' difficile trovare qualche risposta che avvalori le tue motivazioni. Tu vuoi andare contro la legge e pretendi che altri ti sostengano?
    Chi ha proposto questa normativa lo ha fatto per contenere i consumi di un combustibile che tra qualche anno sarà quasi esaurito, per poterne usufruire il più a lungo possibile.
    Confrontarsi nel forum non significa voler a tutti i costi che gli altri condividano le proprie opinioni, anche se errate.



  13. #12
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Ingegnere
    Località
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0
    Oggi ho inoltrato richiesta che sarà accettata, mi trasferiranno negli uffici di Piacenza e quindi mi devo mettere in moto per vendere a Milano per andare a vivere nella cittadina emiliana.

    Sfrutto questa possibilità che mi avevano prospettato qualche tempo fa poiché vivere in Lombardia sta diventando insostenibile, a Piacenza potrò permettermi un appartamento quasi doppio rispetto al trilocale di soli 90 mq di Milano, il nuovo appartamento costerà anche molto meno come del resto la vita in generale, non dimenticate che Milano è anche la città dell’inutile “per i cittadini” ecopoass, ora Area C.

    Da approfonditi calcoli fatti (io sono un Ingegnere statistico) mia moglie potrà dedicarsi di più alla famiglia poiché basterà esclusivamente il mio stipendio per campare dignitosamente ed avere un po’ più di tempo da dedicare a noi, la vita è solo una e conviene viverla al meglio.

    Vi lascio con le vostre convinzioni di esigua minoranza, a voi pochi che vi fate compagnia in questo forum dico che proprio oggi un collega che a malincuore e costretto dalla legge illegittima, ha già installato il nuovo impianto ed adeguato la caldaia con spesa complessiva di 2800 Euro, mi ha detto che già anni fa nel suo condominio l’amministratore aveva proposto questi apparecchi ma nessuno ne aveva capito il beneficio e soprattutto tutti avevano capito che il risparmio era inesistente, questa tecnologia esiste infatti già da anni ma i pochissimi che vi hanno aderito sono solo alcuni condomini dove si è fatto a nuovo anche la caldaia.

    Possibile che senza la legge nessun ci abbia pensato prima? Possibile che gli emiliani, i veneti, i liguri, i toscani, i laziali ed i più inquinati d’Italia romani, insomma l’Italia intera, siano tutti così fessi da perdersi questa opportunità anche ora?
    Forse voi avete avuto l’arguzia di capire il “beneficio” prima dell’obbligo ed avete già installato il sistema da tempo?

    La soluzione alla fine l’ho trovata da me, Piacenza - Milano sono appena 65 Km, non ci vorrà molto quando vorrò venire a trovare parenti ed amici salassati dalle sanguisughe, ho un amico avvocato che mi ha detto che si aspetta un ulteriore aumento delle sue note spese grazie all’aumento dei condomini morosi, il trend è questo e con le spese per la termoregolazione imposta avrà un ulteriore picco, metto anche la sua categoria in quelle già elencate in precedenza che ci guadagnano veramente.

    Lascio la vostra piccolissima minoranza vicinissima allo zero rispetto agli altri 60.000.000 di italiani di cui orgogliosamente faccio parte e vi Saluto.



    Modificato Da - Corridore il 06 Dic 2012 21:27:10

    Modificato Da - Corridore il 06 Dic 2012 21:37:50

  14. #13
    Non è collegato
    { 1 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    Località
    Milano
    Messaggi
    597
    Reputazione
    15
    "Lascio la vostra piccolissima minoranza vicinissima allo zero rispetto agli altri 60.000.000 di italiani di cui orgogliosamente faccio parte e vi Saluto."
    Ecco, bravo. Salutiamoci cordialmente, noi e tu, che parli per sentito dire e tiri in ballo 60.000.000 di italiani. Ma che problemi hai? Perchè devi sempre disprezzare le opinioni altrui? Ma ti reputi così intelligente e più furbo degli altri? Fai l'ecologista e poi sei contro l'area C? Riesci a capire quello che scrivono le altre persone? Tu mischi il caro vita, che a Milano e in tutte le metropoli è piuttosto alto, con una legge che permette di razionalizzare i consumi. Tiri sempre in ballo esempi che riguardano qualcun altro e dici di essere un ingegnere statistico. Bene, ti ripeto che il tuo presunto ammortamento in sette anni delle spese di installazione delle termovalvole è completamente errato. Tu parli per slogan ma, nelle migliore delle ipotesi, non comprendi quello che scrivi. Parli di legge illegittima, ma secondo quale legislazione? La tua, forse? Comunque, per quel che mi riguarda, la discussione finisce qui. Tu non ne vali la pena


  15. #14
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Frequentatore Consulente
    Località
    Torino
    Messaggi
    326
    Reputazione
    17
    Scritto da Corridore il 06 Dic 2012 - 21:13:50: Oggi ho inoltrato richiesta che sarà accettata, mi trasferiranno negli uffici di Piacenza e quindi mi devo mettere in moto per vendere a Milano per andare a vivere nella cittadina emiliana.

    Sfrutto questa possibilità che mi avevano prospettato qualche tempo fa poiché vivere in Lombardia sta diventando insostenibile, a Piacenza potrò permettermi un appartamento quasi doppio rispetto al trilocale di soli 90 mq di Milano, il nuovo appartamento costerà anche molto meno come del resto la vita in g [...]

    Salve a tutti,

    Penso che anche se ti trasferisce a Piacenza,che conosco,continue
    rai a seguire questo utilissimo forum e quindi dico anche la mia.

    E difficile seguirti nei tuoi interventi troppo lunghi,io penso
    quasi come te. Che i nostri politici non fanno le leggi in modo
    equo.
    Io vivo in condominio con riscaldamento teleriscaldato,dopo aver sostituito la caldaia a gasolio,poi cambiato a gas e infine il
    teleriscaldamento. Tutto questo in pochi anni,sempre cercando di
    rispettare le leggi,pagando come tutti e di conseguenza c'è stato
    chi ci ha guadagnato...In Torino ci sono diversi zone che hanno
    il teleriscaldamento però non tutti i condominìi sono allacciati

    Vedo che ci sono ancora vecchie caldaie a gasolio altri che non hanno voluto aderire al teleriscadamento.

    Allora mi chiedo non sarebbe stato meglio obbligare in primis quelli che inquinano di più anzichè fare come al solito in modo
    sbrigativo LEGGI uguali per TUTTI.

    Anche perchè IO non ho ancora capito bene se c'è questo guadagno per poter ammortizzare la spesa (in modo equo).

    In Piemonte l'adeguamento è stato rimandato al 2014 e spero di
    riuscire a capire se c'è la possibilità di ammortamento spesa.

    Spero che ne beneficia l'ambiente e non sia come per le auto,il
    fumo nei luoghi pubblici e le polvere sottile ci sono ancora...

    Non voglio offendere nessuno ma gl'Italiani sono persone troppo pacifiche e si adeguano facilmente a sacrifici...

    Auguri per la nuova dimora e cordiali saluti.




    Modificato Da - sato giam il 07 Dic 2012 19:13:03

  16. #15
    Non è collegato
    { 173 mi piace }
    Amministratore di condominio
    Località
    Forlì
    Messaggi
    2,496
    Reputazione
    0
    non è la giunta formigoni che ha deciso che i contabilizzatori sono un importante mezzo per risparmiare ma
    l'uso da decenni in europa etc...

    per quanto riguarda la radiofrequenza, le batterie che si usano, emettono in 10 anni, le radiofrequenze che il tuo cellulare emette in un giorno !!!!

    il resto non l'ho letto, ma visto l'inizio, sono sicuramente delle stronzate megagalattiche ....

    NB: lo stesso obbligo c'è in piemonte, messo da una giunta se non ricordo male di sinistra


  17. #16
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Frequentatore Consulente
    Località
    Torino
    Messaggi
    326
    Reputazione
    17


    E con questi orientamenti a dx e/o sx e stronzate cosa intendi ?

    Io dico solo BUON SENSO nient'altro.


  18. #17
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Ingegnere
    Località
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0
    Scritto da sato giam il 07 Dic 2012 - 19:09:22:


    Salve a tutti,

    Penso che anche se ti trasferisce a Piacenza,che conosco,continue
    rai a seguire questo utilissimo forum e quindi dico anche la mia.

    E difficile seguirti nei tuoi interventi troppo lunghi,io penso
    quasi come te. Che i nostri politici non fanno le leggi in modo
    equo.
    Io vivo in condominio con riscaldamento teleriscaldato,dopo aver sostituito la caldaia a gasolio,poi cambiato a gas e infine il
    teleriscaldamento. Tutto questo in pochi anni,sempre cercando [...]
    Rispondo a sato giam, uno dei pochi che nel forum la pensa quasi come me, però uno della quasi totalità degli italiani che pensa che questo sia un mezzuccio per spolparvi molto più efficace di IMU, IVA, IRPEF.

    Come detto non conosco la tua realtà in Piemonte, qui in Lombardia la legge l’ha firmata l’assessore alla casa Zambetti, attualmente in carcere proprio perché in cambio di voti, ha promesso nuovi appalti.

    Che gli italiani siano troppo buoni può essere, è certo che i tartassati ed a pagare siano sempre gli stessi.

    Ad esempio anni fa, sempre per legge, sono stati imposti i fori di areazione in cucina ma è ben visibile la situazione e cioè che siano pochi gli appartamenti che hanno il foro, in alcune regioni non ve ne è proprio traccia, o che abbiano tolto le cucine e mangino tutti al ristorante?

    La cosa paradossale è che nella giunta c’è un partito che lo dice a spada tratta che pagano sempre gli stessi ma se avalla queste leggi è ovvio che le cose non cambieranno.

    Quello dei fori è stato un investimento di poche decine di Euro mentre qui si tratta di spendere qualche migliaio di Euro.

    La cosa che più dispiace è che a pagare siano gli anziani che sono davvero tanti e che vivono di minima, a Milano abitano prevalentemente in condomini degli anni 50/60, in tutti questi condomini vanno fatti lavori costosi anche per adeguare la caldaia, è difficile pronosticare per loro un risparmio che li porti a recuperare almeno l’investimento, la quota bookmakers sarebbe molto alta in caso di esito positivo, anche vista l’età non più verde.

    Nei condomini vetusti o caseggiati di periferia abitano invece prevalentemente gli immigrati, chi andrà a controllare e dare sanzioni che non verranno mai pagate, visto che spesso non vengono pagate manco le spese ordinarie?

    Questa situazione, causa la crisi, coinvolgerà anche tanti piemontesi e lombardi.

    Il sistema proposto poi fa acqua da tutte le parti ed è iniquo, il 90% degli impianti è il vecchio a colonna, per garantire i 24° in casa della persona freddolosa che abita all'8° piano, la caldaia dovrà mandare su una certa quantità d'acqua calda che necessariamente passerà per l'intera colonna, riscaldando tutti gli appartamenti, purtroppo i proprietari sono legati fra di loro, solo in pochi condomini nuovi l’impianto non è a colonna ma segmentato.

    I casi che potranno presentarsi sono 2:

    Chi sta all’ultimo si becca una bolletta stratosferica ed assolutamente sproporzionata rispetto al suo consumo reale riscaldando anche chi invece sta sotto gratuitamente, perchè la caldaia continua a fornire calore come se tutti gli impianti singoli fossero collegati, salvo sprecare il calore in eccesso tramite lo scarico.

    Oppure pagheranno anche quelli che stanno sotto poiché i contabilizzatori misureranno il calore, nonostante che questi invece abbiano impostato il calorifero al minimo.

    In entrambi i casi la caldaia brucerà la stessa identica quantità di combustibile come se tutti avessero i caloriferi attaccati.

    Quindi il recupero investimento solo per i parsimoniosi che ho ipotizzato in 7 anni è fin troppo ottimistico, se all’ultimo piano c’è l’anziano freddoloso il tutto va a ramengo.

    Almeno il teleriscaldamento che hai tu è un sistema sicuro, pulito e dovrebbe davvero ridurre le emissioni di anidride carbonica mentre su un impianto tradizionale i contacalorie sui caloriferi, sono una boiata perchè servono poco o nulla e l’investimento è troppo eccessivo.

    Infine si è deciso che l’inciucio sarà in collaborazione con i gestori che stranamente non si lamentano minimamente che i lombardi andranno a risparmiare metano, eh, eh, invece di un ente esterno saranno A2A ed ENEL a controllare i contatori e quindi è possibile bene immaginare i risultati che andranno a rilevare.

    Purtroppo va così è questi non danno nemmeno l’esempio, nei loro uffici, alla motorizzazione, nei comuni e in tutti gli uffici pubblici le temperature sono oltre 25 gradi, già detto delle temperature sahariane rilevate dalla Iene al Parlamento in pieno inverno.

    Il problema di fondo è che in Italia si cincischia sulle nuove tecnologie rinnovabili che è l’unico modo per avere energia pulita, fino ad ieri si pensava al nucleare ed ancora arriveranno a riproporlo perché hanno il loro tornaconto economico, ora il Piemonte e Lombardia si sono inventati questo mezzuccio costoso ed inutile, e dire che in Europa siamo fra i pochi paesi fortunati a poter sfruttare il solare termodinamico poiché godiamo di sole e luce tutto l’anno, il Nord Europa se le sogna le nostre ore di luce.

    Qui, dove ci sarebbe da investire, siamo invece gli ultimi, la Spagna, che ha un clima paragonabile al nostro, fa sul serio dimostrando che le megacentrali solari funzionano alla grande, gli iberici detengono il primato mondiale per potenza installata, superiori anche gli Stati Uniti.

    Mi scuso con te per il fatto di essere sempre prolisso ma a me piace motivare le cose, diffida di chi liquida il tutto in modo sbrigativo dicendo “è legge, si risparmia, si deve fare”, perché o non sa o vuole nascondere la verità oppure è parte in causa come gli amministratori.

    Se tutto va come deve andare, vado a stare meglio ed a pagare il giusto verso metà Febbraio, dopo tutto non vado in capo al mondo, mi sposto solo di 65 Km.

    Un saluto a te, ricambio gli auguri anche per l’imminente Natale.


+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima

Dello stesso argomento


  1. Salve a tutti. Per cortesia chiedo la scadenza del montaggio delle valvole termostatiche da montare ai termosifone. Grazie a quelli che gentilmente...
  2. Solita discussione sugli obblighi sulla contabilizzazione del calore per la regione Lombardia: Il mio condominio ha già una contabilizzazione dei...
  3. buongiorno volevo chiedere se posso mettere le valvole termostatiche nel mio appartamento in quanto dovevano essere già installate due anni fa al...