Cambio destinazione uso e utilizzo accesso carrabile

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente -
    Località
    Catania
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0

    Cambio destinazione uso e utilizzo accesso carrabile

    Un condomino ha trasformato una abitazione in garage ed ora usufruisce, per raggiungere tale garage, dell'accesso carrabile condominiale. Detto condomino non era proprietario dell'accesso carrabile e non risulta infatti inserito nella tabella millesimale relativa.
    Può usarlo senza chiedere l'autorizzazione ai condomini proprietari solo perchè qualcuno gli ha dato la chiave?
    E' necessario che chieda l'autorizzazione in assemblea?
    Che maggioranze occorrono?
    Eventualmente bisogna modificare la tabella millesimale?
    Grazie anticipatamente dell'aiuto.


  2. #2
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente -
    Località
    Catania
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0
    Nessuno può darmi qualche indicazione? Grazie.

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente -
    Località
    Catania
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0
    Qualcuno può aiutarmi ?

  5. #4
    Non è collegato
    { 317 mi piace }
    Utente gold Ingegnere L'avatar di marcanto
    Località
    La Mia
    Messaggi
    2,784
    Reputazione
    43
    Intanto ci troviamo in presenza di una variazione di destinazione d'uso dell'U.I., con tutte le sue implicazioni sia di natura condominiale si di consensi comunali.
    " ed ora usufruisce, per raggiungere tale garage, dell'accesso carrabile condominiale. " se tale accesso è carrabile ed in aggiunta anche condominiale ....perché non lo dovrebbe usare.
    Per accedere al nuovo garage transita su degli spazi comuni condominiali ???
    L'accesso carrabile è usato anche dagli altri ???

    Per quanto riguarda la modifica delle tabelle millesimali:
    a tal proposito vige l'art. 69 comma 1 delle disp. di att. del CC
    "2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione."

    Premesso ciò >>> la trasformazione da abitazione a garage decreta comunque (quasi sicuramente) una riduzione della rendita dell'immobile con una eventuale modifica millesimale a vostro svantaggio.
    Nel senso che, se si entra nei casi di modificare le tabelle.....il soggetto in questione potrebbe vedersi ridurre i suoi millesimi a fronte di una rendita catastale più bassa.

  6. #5
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente -
    Località
    Catania
    Messaggi
    7
    Reputazione
    0
    L'accesso carrabile è usato da coloro che posseggono i garage e che risultano inseriti nella tabella millesimale definita "passo carraio" e a cui vengono addebitate le relative spese (installazione e manutenzione cancello automatico ecc...); questo condomino non ha mai partecipato a tali spese, non aveva accesso dal passo carraio e non possedeva le relative chiavi. Prima della trasformazione in garage, infatti, accedeva al suo immobile dall'androne condominiale sito su altra via.
    Per tale motivo si ritiene che avrebbe dovuto chiedere l'accesso dal passo carrabile in assemblea.
    Per quel che riguarda le tabelle millesimali, il problema si pone dal momento che sono necessari, nella zona dei garage notevoli lavori di ristrutturazione che verranno ripartiti tra i soli proprietari di garage inseriti nella tabella "passo carraio". L'appartamento di cui parlo è stato trasformato solo in parte in garage per cui non si sa come procedere.

  7. #6
    Non è collegato
    { 4 mi piace }
    Primi messaggi Impiegato
    Località
    Alba
    Messaggi
    135
    Reputazione
    2
    sembra situazione simile a quella di chi prima ha rinunciato all'utilizzo dell'ascensore e poi dopo le spese piu ingenti decide di usarlo e ne chiede le chiavi.

    - - - Aggiornato - - -

    Forse in entrambi i casi essendo migliorie che aumentavano il valore dello stabile non doveva essere esonerato dalla spesa?
    Ultima modifica di Mirko2016; 25-12-2017 alle 10:15

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Buonasera, un condominio da diversi anni ha occupato una parte del giardino condominiale dove tiene dei cani. Vista la poca disponibilità a...
  2. Buongiorno, nel condominio nel quale risiedo, la proprietaria di un locale sottostante facente parte del condominio, la scorsa estate ha effettuato...
  3. Buongiorno, ho un appartamento di 42 mq calpestabili composto da 2 bagni e situato al piano terra di uno stabile. L'appartamento è un ex...
  4. Vorrei sapere che maggioranza serve per cambiare una destinazione d'uso su un area comune? Il cambio riguarda un area che al momento risulta...