Spese straordinaria approvate e vendita appartamento

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Docente
    Località
    Milano
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0

    Spese straordinaria approvate e vendita appartamento

    Buonasera a tutti,
    recentemente l'assemblea ha deliberato dei lavoro straordinari per rifacimento della facciata. La settimana scorsa sono riuscito a vendere casa, so che i lavori spettano a me, ma vorrei tutelarmi per eventuali maggiorazione e/o extra che si potrebbero nascere con l'avanzamento dei lavori. Qualche consiglio?
    Vi ringrazio fin d'ora per tutti coloro che mi concederanno un po' del loro tempo


  2. #2
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Altra libera prof.
    Località
    roma
    Messaggi
    1
    Reputazione
    0
    Mi associo a questa discussione per fare una domanda come nuovo proprietario:
    mi è stato richiesto di pagare una integrazione dei lavori deliberati prima del mio acquisto, so che normalmente questa integrazione spetta al nuovo proprietario ma in questo caso si tratta non di una maggiorazione o una variazione dei lavori prestabiliti ma di un nuovo calcolo della tassa di occupazione suolo pubblico (non è chiaro se per un conteggio errato o se per un aumento della tassa da parte del comune) da €18.000 a €40.000
    Spetta a me o al vecchio proprietario?
    Grazie

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 321 mi piace }
    Staff Moderatore Avvocato L'avatar di avv. A. Gallucci
    Località
    Lecce
    Messaggi
    1,343
    Reputazione
    28
    Citazione Originariamente Scritto da placcait Visualizza Messaggio
    Buonasera a tutti,
    recentemente l'assemblea ha deliberato dei lavoro straordinari per rifacimento della facciata. La settimana scorsa sono riuscito a vendere casa, so che i lavori spettano a me, ma vorrei tutelarmi per eventuali maggiorazione e/o extra che si potrebbero nascere con l'avanzamento dei lavori. Qualche consiglio?
    Vi ringrazio fin d'ora per tutti coloro che mi concederanno un po' del loro tempo
    Questa la situazione attuale:
    http://www.condominioweb.com/attribu...ompratore.1521
    http://www.condominioweb.com/paga-il...liberate.11575
    Per la giurisprudenza il venditore paga ciò che è stata deliberato. Tutto ciò che, connesso a quei lavori, viene deliberato successivamente viene pagato dal compratore.
    Potresti far inserire nel rogito che tutte le eventuali spese ulteriori rispetto a quelle già deliberate relativamente a quei lavori restano a carico del compratore.

  5. #4
    Non è collegato
    { 321 mi piace }
    Staff Moderatore Avvocato L'avatar di avv. A. Gallucci
    Località
    Lecce
    Messaggi
    1,343
    Reputazione
    28
    Citazione Originariamente Scritto da pepeinforma Visualizza Messaggio
    Mi associo a questa discussione per fare una domanda come nuovo proprietario:
    mi è stato richiesto di pagare una integrazione dei lavori deliberati prima del mio acquisto, so che normalmente questa integrazione spetta al nuovo proprietario ma in questo caso si tratta non di una maggiorazione o una variazione dei lavori prestabiliti ma di un nuovo calcolo della tassa di occupazione suolo pubblico (non è chiaro se per un conteggio errato o se per un aumento della tassa da parte del comune) da €18.000 a €40.000
    Spetta a me o al vecchio proprietario?
    Grazie
    Stando alla giurisprudenza che ho citato nell'altro post, spetterebbe al precedente proprietario. Uso il condizionale perché va fatta una valutazione in concreto leggendo il documento (atto del comune) che richiede questa integrazione.

  6. #5
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Docente
    Località
    Milano
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da pepeinforma Visualizza Messaggio
    Mi associo a questa discussione per fare una domanda come nuovo proprietario:
    mi è stato richiesto di pagare una integrazione dei lavori deliberati prima del mio acquisto, so che normalmente questa integrazione spetta al nuovo proprietario ma in questo caso si tratta non di una maggiorazione o una variazione dei lavori prestabiliti ma di un nuovo calcolo della tassa di occupazione suolo pubblico (non è chiaro se per un conteggio errato o se per un aumento della tassa da parte del comune) da €18.000 a €40.000
    Spetta a me o al vecchio proprietario?
    Grazie
    Grazie Dottore,
    grazie per l'autorevole intervento che seguirò senz'altro. Un'ultima cosa, potrebbe l'acquirente obiettare ovvero c'è un precedente a cui mi posso appellare in caso di diniego?
    Grazie
    Ultima modifica di placcait; 04-05-2015 alle 15:04

  7. #6
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Docente
    Località
    Milano
    Messaggi
    16
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da avv. A. Gallucci Visualizza Messaggio
    Questa la situazione attuale:
    http://www.condominioweb.com/attribu...ompratore.1521
    http://www.condominioweb.com/paga-il...liberate.11575
    Per la giurisprudenza il venditore paga ciò che è stata deliberato. Tutto ciò che, connesso a quei lavori, viene deliberato successivamente viene pagato dal compratore.
    Potresti far inserire nel rogito che tutte le eventuali spese ulteriori rispetto a quelle già deliberate relativamente a quei lavori restano a carico del compratore.
    ... ovviamente la citazione di riferimento giusta era questa sopra riportata ...

  8. #7
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente ragioniere
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    4
    Reputazione
    0
    buonasera.
    anche io mi trovo in una situazione strana.

    nel condominio in cui abito, la ripartizione delle spese, a qualsiasi titolo, veniva effettuata sulla vigenza di tabelle millesimali che abbiamo provveduto a rettificare e regolarizzare nel 2014.
    nel 2010 abbiamo sostituito la caldaia e la spesa è stata ripartita normalmente. un proprietario esterno era titolare solo di un box, che non era ricompreso nel conteggio dei millesimi.
    nel 2012 ha venduto a me tale box e sull'atto è indicato che il venditore garantisce che l'immobile è esente da ipoteche, ecc, nonché da arretrati di spese condominiali.
    Ora l'assemblea si è resa conto del fatto che a lui non è stata imputata la quota parte relativa alla sostituzione della caldaia, e alcuni condomini pretendono che si rifaccia il riparto con le vecchie tabelle in uso a tale data, e che paghi io la quota.
    E' corretta la loro richiesta? O posso rifiutarmi sia perchè si tratta di spese deliberate quando non ero proprietario, si aperché sull'atto è indicato che l'immobile non è gravato da spese condominiali pregresse?
    Grazie

  9. #8
    Non è collegato
    { 1349 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio
    Località
    civitavecchia
    Messaggi
    7,716
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da gidiste Visualizza Messaggio
    buonasera.
    anche io mi trovo in una situazione strana.

    nel condominio in cui abito, la ripartizione delle spese, a qualsiasi titolo, veniva effettuata sulla vigenza di tabelle millesimali che abbiamo provveduto a rettificare e regolarizzare nel 2014.
    nel 2010 abbiamo sostituito la caldaia e la spesa è stata ripartita normalmente. un proprietario esterno era titolare solo di un box, che non era ricompreso nel conteggio dei millesimi.
    nel 2012 ha venduto a me tale box e sull'atto è indicato che il venditore garantisce che l'immobile è esente da ipoteche, ecc, nonché da arretrati di spese condominiali.
    Ora l'assemblea si è resa conto del fatto che a lui non è stata imputata la quota parte relativa alla sostituzione della caldaia, e alcuni condomini pretendono che si rifaccia il riparto con le vecchie tabelle in uso a tale data, e che paghi io la quota.
    E' corretta la loro richiesta? O posso rifiutarmi sia perchè si tratta di spese deliberate quando non ero proprietario, si aperché sull'atto è indicato che l'immobile non è gravato da spese condominiali pregresse?
    Grazie
    No non è corretta la richiesta, anche perché se le vecchie tabelle sono state rettificate nel 2014, non si può oggi rifare i conteggi con le vecchie e richiedere una spesa sostenuta nel 2010. Peraltro considera che gli oneri condominiali si prescrivono in 5 anni.
    Ultima modifica di JOSEFAT; 28-05-2015 alle 20:14

  10. #9
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente ragioniere
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    4
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da JOSEFAT Visualizza Messaggio
    No non è corretta la richiesta, anche perché se le vecchie tabelle sono state rettificate nel 2014, non si può oggi rifare i conteggi con le vecchie e richiedere una spesa sostenuta nel 2010. Peraltro considera che gli oneri condominiali si prescrivono in 5 anni.
    grazie della risposta!!!

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. è stata deliberata una spesa di pittura travi in legno esterne al condominio prima della vendita dell'appartamento. Il lavoro è stato eseguito...
  2. Salve qualcuno di voi ha un modulo precompilato da condividermi o linkarmi, per una liberatoria per le spese condominiali x vendita appartamento?...
  3. Ciao ragazzi, sono a chiedervi un'ulteriore consiglio su come comportarmi. Questione: l'appartamento viene lasciato dall'inquilino ed il...
  4. Gentile Condominioweb, ho letto il parere dell’avv Gallucci del 13/10 sulle impugnazioni. Premetto che non sono un avvocato ma solo un ex condomino...