Rifacimento tetto con danni causati da apertura velux

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Pensionato
    Località
    Genova
    Messaggi
    23
    Reputazione
    0

    Rifacimento tetto con danni causati da apertura velux

    Prima di tutto ringrazio, ho scoperto da poco questo forum ma mi sta aiutando moltissimo per far valere i miei diritti in un condominio di 60 condomini con circa il 20 % di morosi e tre pignoramenti in corso, per cui chiedo altri quesiti.

    Abbiamo rifatto il tetto (costo circa 400.000 euro), nel corso di degli ultimi 20 anni sono state aperte più di 15 velux dai proprietari dei sottotetti per fare mansarde.
    Il regolamento condominiale prevede che per l'apertura delle velux oltre ai permessi da richiedere al Comune anche la stipula di una polizza assicurativa per eventuali danni causati al tetto condominiale. Non credo che il precedente amministratore abbia richiesto di attenersi a questa prassi, praticamente ha lasciato fare per avere l'approvazione della sua gestione non sempre corretta)
    Durante l'assemblea nella quale si è deliberato il rifacimento del tetto è emerso dalla relazione del direttore dei lavori (allegata al verbale) che l'apertura delle velux avrebbe danneggiato il tetto. Qualche condomino ha richiesto se si potesse quantificare il danno (nessuna risposta) ed io ho citato l'art. del Regolamento Condominiale relativo all'aperura di velux, queste osservazioni sono state riportate a verbale, ma l'assemblea non ha richiesto di quantificare i danni (purtroppo il mio condominio e composto da persone timide ed inesperte, da furboni che mi mettono in minoranza e da morosi che, o non partecipano alle assemblea condominiali, o che stanno ovviamente zitti).

    1° quesito:A lavori conclusi vengo a sapere che non è stato richiesto alcun permesso al Comune per apertura velux.
    Ciò potrebbe avere ripercussioni su tutto il condominio (per esempio multe) essendo state apportate variazioni esterne?

    2° quesito: A lavori conclusi, vengo a sapere che non tutti i i responsabili hanno stipulato la polizza assicurativa ma che comunque anche i pochi che lo avrebbero fatto, prima dell'inizio dei lavori non hanno fatto nè quantificare il danno nè denuncia alla loro assicurazione, complice l'amministratore.
    Era loro dovere farlo indipendentemente che l'assemblea non abbia deliberato in merito?

    Il nuovo amministratore, in vista del conguaglio finale, mi ha detto che ormai, a lavori conclusi, non essendo più possibile quantificare il danno, tutti i condomini, non essendoci stata la delibera dell'assemblea in merito, devono pagare interamente la quota loro spettante per il rifacimento del tetto e non possono rivalersi, a prescidendere dal regolamento condominiale, su chi ha causato il danno.


  2. #2
    Non è collegato
    { 252 mi piace }
    Utente elite+
    Località
    Monza
    Messaggi
    8,354
    Reputazione
    100
    1) No perché il condominio non centra,anzi è parte lesa da lavori personali e abusivi.

    Art. 1130 cc.
    Attribuzioni dell'amministratore. L'amministratore, deve: 1) ...e curare l'osservanza del regolamento di condominio;

    Emblematico il caso su cui si è pronunciata la Cassazione con la sentenza 18486/2010,alle prese con edifici nei quali – senza deliberazioni esplicite – ci si discosta abitualmente dai criteri di ripartizione delle spese fissati dal regolamento condominiale o dalle tabelle allegate.
    Su questo punto, la Corte ha stabilito che il regolamento condominiale in "disuso" resta comunque valido fino alla sua modifica.

    http://www.ilsole24ore.com/art/norme...3809_PRN.shtml

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 674 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Maila67
    Località
    mantova
    Messaggi
    3,596
    Reputazione
    53
    Citazione Originariamente Scritto da RMPR Visualizza Messaggio
    Prima di tutto ringrazio, ho scoperto da poco questo forum ma mi sta aiutando moltissimo per far valere i miei diritti in un condominio di 60 condomini con circa il 20 % di morosi e tre pignoramenti in corso, per cui chiedo altri quesiti.

    Abbiamo rifatto il tetto (costo circa 400.000 euro), nel corso di degli ultimi 20 anni sono state aperte più di 15 velux dai proprietari dei sottotetti per fare mansarde.
    Il regolamento condominiale prevede che per l'apertura delle velux oltre ai permessi da richiedere al Comune anche la stipula di una polizza assicurativa per eventuali danni causati al tetto condominiale. Non credo che il precedente amministratore abbia richiesto di attenersi a questa prassi, praticamente ha lasciato fare per avere l'approvazione della sua gestione non sempre corretta)
    Durante l'assemblea nella quale si è deliberato il rifacimento del tetto è emerso dalla relazione del direttore dei lavori (allegata al verbale) che l'apertura delle velux avrebbe danneggiato il tetto. Qualche condomino ha richiesto se si potesse quantificare il danno (nessuna risposta) ed io ho citato l'art. del Regolamento Condominiale relativo all'aperura di velux, queste osservazioni sono state riportate a verbale, ma l'assemblea non ha richiesto di quantificare i danni (purtroppo il mio condominio e composto da persone timide ed inesperte, da furboni che mi mettono in minoranza e da morosi che, o non partecipano alle assemblea condominiali, o che stanno ovviamente zitti).

    1° quesito:A lavori conclusi vengo a sapere che non è stato richiesto alcun permesso al Comune per apertura velux.
    Ciò potrebbe avere ripercussioni su tutto il condominio (per esempio multe) essendo state apportate variazioni esterne?

    2° quesito: A lavori conclusi, vengo a sapere che non tutti i i responsabili hanno stipulato la polizza assicurativa ma che comunque anche i pochi che lo avrebbero fatto, prima dell'inizio dei lavori non hanno fatto nè quantificare il danno nè denuncia alla loro assicurazione, complice l'amministratore.
    Era loro dovere farlo indipendentemente che l'assemblea non abbia deliberato in merito?

    Il nuovo amministratore, in vista del conguaglio finale, mi ha detto che ormai, a lavori conclusi, non essendo più possibile quantificare il danno, tutti i condomini, non essendoci stata la delibera dell'assemblea in merito, devono pagare interamente la quota loro spettante per il rifacimento del tetto e non possono rivalersi, a prescidendere dal regolamento condominiale, su chi ha causato il danno.
    Per chiedere un risarcimento del danno si deve prima provare il danno: che danno avrebbe causato l'apertura delle Velux è stato specificato ? e se si perché non si riesce a quantificare il danno se esistente?

  5. #4
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Pensionato
    Località
    Genova
    Messaggi
    23
    Reputazione
    0
    Per chiedere un risarcimento del danno si deve prima provare il danno: che danno avrebbe causato l'apertura delle Velux è stato specificato ? e se si perché non si riesce a quantificare il danno se esistente?

    Leggi bene il mio messaggio, il danno ora non si può più quantificare perchè il tetto è stato rifatto.

    Non era dovere dell'amministratore, prima dell'esecuzione dei lavori, curare l'osservanza del Regolamento condominiale e far quantificare il danno ai responsabili?

  6. #5
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Pensionato
    Località
    Genova
    Messaggi
    23
    Reputazione
    0
    A questo punto, con tetto rifatto, per avere un risarcimento sul costo totale da parte dell'amministratore che non ha fatto rispettare il Regolamento Condominiale, come si può agire?

    E' indispensabile ricorrere alle vie legali?

  7. #6
    Non è collegato
    { 674 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Maila67
    Località
    mantova
    Messaggi
    3,596
    Reputazione
    53
    Ti scrivi:
    Il nuovo amministratore, in vista del conguaglio finale, mi ha detto che ormai, a lavori conclusi, non essendo più possibile quantificare il danno, tutti i condomini, non essendoci stata la delibera dell'assemblea in merito, devono pagare interamente la quota loro spettante per il rifacimento del tetto e non possono rivalersi, a prescidendere dal regolamento condominiale, su chi ha causato il danno.

    Il novo amministratore ha ragione ormai è tardi per tutto: il vecchio amministratore è stato sostituito così come il tetto è stato rifatto: il vecchio amministratore sarà stato inadempiente ma voi condomini dove eravate? se c'era un danno e ora non c'è più andava rilevato quando c'era....Ora è inutile "piangere sul latte versato"...

  8. #7
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Pensionato
    Località
    Genova
    Messaggi
    23
    Reputazione
    0
    Hai proprio ragione. Il mio condominio è composto da "imbecilli". Le poche persone intelligenti sono osteggiate da chi ha interesse.

    Dopo questa fregatura mi opporrò con tutte le mie forze, anche da sola a quanto verrà commesso a danno dei condomini onesti.

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Ho comprato casa in un condominio dove la maggior parte dei condomini non paga e l'amministratore non delibera lavori relativi al ripristino delle...
  2. Buonasera , mi presento velocemente ed illustro la situazione personale , con la speranza possa ricevere un illuminante parere da esperti quali voi...
  3. Abito all'ultimo piano di un condominio ed ho un bagno cieco. Secondo voi posso aprire un lucernaio sul tetto? A chi devo chiedere il permesso?
  4. Buongiorno avrei un quesito per gli esperti del forum; nel mio condominio é stato deliberato il rifacimento del coperto perché si verificavano delle...