Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Like Tree13Ringraziamenti

Obbligo recupero crediti Condomini morosi

  1. #1
    Non è collegato
    { 7 mi piace }
    Frequentatore assiduo
    Località
    Messaggi
    860
    Reputazione
    27

    Obbligo recupero crediti Condomini morosi

    Con la recente riforma del condominio si è normato che l'Amministratore (salvo che sia stato espressamente dispensato dall'assemblea) è tenuto ad agire per la riscossione di quanto dovuto dai condomini morosi, entro 6 mesi dalla chiusura dell'esercizio nel quale il credito esigibile è compreso.

    Nel mio caso con delibera Assembleare del 27 Giugno 2017 si sono approvati i bilanci dal 1.01.2014 al 31.12.2016 (tre anni). I Crediti verso i Condomini Morosi sono diventati liquidi e, quindi, esigibili da tale data (la delibera non è stata oggetto di alcun ricorso e, pertanto, ad oggi è esecutiva). L'Amministratore del Condominio entro che data (nel mio caso specifico) è tenuto, e/o obbligato, ad agire ?


  2. #2
    Non è collegato
    { 1215 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,291
    Reputazione
    60
    I sei mesi non decorrono dall’approvazione del consuntivo, ma dalla fine dell’esercizio. Giova ricordare tra l’altro che un D.I. può essere richiesto anche con l’approvazione del bilancio preventivo e non necessariamente soltanto con l’approvazione del consuntivo. I crediti diventano liquidi ed esigibili anche con la ripartizione del bilancio preventivo.

    Nel tuo caso specifico quindi, l’amministratore avrebbe dovuto agire da tempo. Se la situazione è delicata sarà il,caso che si dia una mossa.

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 7 mi piace }
    Frequentatore assiduo
    Località
    Messaggi
    860
    Reputazione
    27
    Ok, ma nel caso specifico non c'era alcun bilancio preventivo approvato .........

  5. #4
    Non è collegato
    { 1215 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,291
    Reputazione
    60
    Esercizi di tre anni senza nè preventivo nè consuntivo ... una figata. Nel caso da te descritto nessun credito era quindi esigibile. A questo punto i sei mesi partono dall’approvazione del consuntivo quindi dal 27 giugno 2017.

  6. #5
    Non è collegato
    { 4 mi piace }
    Frequentatore assiduo L'avatar di Carlo
    Messaggi
    1,516
    Reputazione
    42
    Citazione Originariamente Scritto da bilbetto Visualizza Messaggio
    Esercizi di tre anni senza nè preventivo nè consuntivo ... una figata. Nel caso da te descritto nessun credito era quindi esigibile. A questo punto i sei mesi partono dall’approvazione del consuntivo quindi dal 27 giugno 2017.
    Su istanza alla Volontaria Giurisdizione del Tribunale, possibile revoca giudiziaria...che figata!!!

    Ciao Stefano
    Carlo

  7. #6
    Non è collegato
    { 7 mi piace }
    Frequentatore assiduo
    Località
    Messaggi
    860
    Reputazione
    27
    ........... Come detto con delibera assembleare del 27.06.2017 si sono approvati i bilanci consuntivi (senza che ci fosse alcuna delibera di approvazione di alcun bilancio preventivo) degli anni 204 + 2015 + 2016. I sei mesi entro cui l'Amministratore ha l'obbligo di agire scadrebbe il 27.12.2017?

    Ma l'Amministratore, entro i sei mesi cui sopra, ha l'obbligo di agire giudizialmente e, quindi, con D.I. ovvero può diffidare il Condomino moroso con raccomandata AR di messa in mora ed agire oltre il suddetto termine giudizialmente?
    In sostanza la diffida e messa in mora basta per non incorrere in eventuali "Responsabilità ?
    Ultima modifica di Patrizia Ferrari; 11-12-2017 alle 07:57

  8. #7
    Non è collegato
    { 1215 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,291
    Reputazione
    60
    Si è detto più volte che l’amministratore PUÒ utilizzare lo strumento del D.I. e non DEVE usarlo. Ciò che conta è che compia tutte le azioni possibili per escutere il debito

  9. #8
    Non è collegato
    { 513 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore di condominio
    Località
    Pavia
    Messaggi
    2,038
    Reputazione
    50
    È sufficiente la messa in mora, il decreto ingiuntivo è un'opzione non obbligatoria, a meno che non sia deliberata dall'assemblea.

  10. #9
    Non è collegato
    { 1430 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio
    Località
    civitavecchia
    Messaggi
    8,183
    Reputazione
    100
    è anche vero che senza D.I. molte volte diventa difficile recuperare bonariamente.
    Mauro G. likes this.

  11. #10
    Non è collegato
    { 7 mi piace }
    Frequentatore assiduo
    Località
    Messaggi
    860
    Reputazione
    27
    Citazione Originariamente Scritto da technobi Visualizza Messaggio
    Carlo puoi gentilmente attenerti al post? Come detto con delibera assembleare del 27.06.2017 si sono approvati i bilanci consuntivi (senza che ci fosse alcuna delibera di approvazione di alcun bilancio preventivo) degli anni 204 + 2015 + 2016. I sei mesi entro cui l'Amministratore ha l'obbligo di agire scadrebbe il 27.12.2017?
    Il Termine per agire nei confronti dei morosi, sia pure con semplice diffida di messa in mora raccomandata per pagare le quote insolute (nel caso specifico) scadrebbe il 27.12.2017 ?

  12. #11
    Non è collegato
    { 513 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore di condominio
    Località
    Pavia
    Messaggi
    2,038
    Reputazione
    50
    L'articolo dispone "entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio nel quale il credito esigibile è compreso"

    Quindi non il giorno dell'approvazione del bilancio ma il giorno di chiusura dell'esercizio.

    La cosa può dar via a tante interpretazioni, motivo per cui l'amministratore farebbe bene a non prendersela comoda ma sollecitare e mettere in mora anche sulla base del bilancio preventivo approvato.

    In mancanza di preventivo regolarmente approvato concordo con bilbetto #4
    Ultima modifica di Mauro G.; 25-11-2017 alle 18:54

  13. #12
    Non è collegato
    { 7 mi piace }
    Frequentatore assiduo
    Località
    Messaggi
    860
    Reputazione
    27
    Ok quindi il termine dei sei mesi scadrebbe nel mio caso il 27.12.2017 ?

  14. #13
    Non è collegato
    { 1215 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,291
    Reputazione
    60
    Esatto .... è l’unico termine che si può considerare valido considerando che prima di tale data il debito non è mai stato reso liquido nè esigibile.

  15. #14
    Non è collegato
    { 7 mi piace }
    Frequentatore assiduo
    Località
    Messaggi
    860
    Reputazione
    27
    Ritorno purtroppo sull'argomento. Alcuni Condomini sostengono, che in virtù della nuova normativa sul Condominio del 2012 (entrata in vigore nel giugno del 2013), l'Amministratore ha l'obbligo di agire (entro il suddetto termine dei sei mesi) oltre la semplice raccomandata di diffida e messa in mora per il pagamento delle quote insolute. In particolare sostengono che l'Amministratore deve procedere alla nomina di un legale ed intraprendere ogni azione giudiziaria per il recupero dei crediti (decreti ingiuntivi e quant'altro necessario per recuperare le quote dai morosi). Diversamente sarebbe passibile di revoca giudiziale per gravi irregolarità.

    Vi risulta il detto assunto? Se si potreste postare anche dei link giuridici che avvalorano questa tesi? Grazie e buone feste anticipatamente a tutti.
    Ultima modifica di technobi; 06-12-2017 alle 11:39

  16. #15
    Non è collegato
    { 1303 mi piace }
    Utente elite+
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,334
    Reputazione
    100
    L'amministratore avrà anche l'obbligo di agire, ma l'assemblea ha l'obbligo di rendere disponibili e liquide le sostanze economiche necessarie al procedimento...
    Lo stato di morosità, la nomina del legale, l'incarico per conseguire il d.i., la disponibilità economica sul c/c condominiale, sono tutti adempimenti che competono alll'assemblea condominiale e non all'amministratore.
    L'amministratore esegue e rappresenta la volontà condominiale; senza la manifestazione della volontà condominiale l'amministratore si ritrova con le mani legate... può solo illustrare ed esplicitare le posizioni morose, ma non può intraprendere alcuna azione per rientrare delle morosità se non dispone di un avvallo assembleare in tal senso.

  17. #16
    Non è collegato
    { 41 mi piace }
    Frequentatore pensionatp
    Località
    Chieti
    Messaggi
    696
    Reputazione
    24
    Citazione Originariamente Scritto da albano59 Visualizza Messaggio
    L'amministratore avrà anche l'obbligo di agire, ma l'assemblea ha l'obbligo di rendere disponibili e liquide le sostanze economiche necessarie al procedimento...
    Lo stato di morosità, la nomina del legale, l'incarico per conseguire il d.i., la disponibilità economica sul c/c condominiale, sono tutti adempimenti che competono alll'assemblea condominiale e non all'amministratore.
    L'amministratore esegue e rappresenta la volontà condominiale; senza la manifestazione della volontà condominiale l'amministratore si ritrova con le mani legate... può solo illustrare ed esplicitare le posizioni morose, ma non può intraprendere alcuna azione per rientrare delle morosità se non dispone di un avvallo assembleare in tal senso.
    In parole povere, l'Amministratore è semplicemente legittimato ad agire con D.I. ( puo' farlo se lo ritiene opportuno) senza alcuna delibera assembleare ma non obbligato.
    In genere, l'argomento viene posto all' odg dell'assemblea che dovrà decidere cosa fare. L' Amministratore dovrà attenersi a quanto poi deliberato.

  18. #17
    Non è collegato
    { 88 mi piace }
    Frequentatore assiduo Disoccupato
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,098
    Reputazione
    17
    Citazione Originariamente Scritto da Mauro G. Visualizza Messaggio
    È sufficiente la messa in mora, il decreto ingiuntivo è un'opzione non obbligatoria, a meno che non sia deliberata dall'assemblea.
    Manco per niente.
    L'amministratore è obbligato.

    "il nuovo art. 1129, IX comma, codice civile decreta che “salva espressa dispensa dell'assemblea l'amministratore deve riscuotere forzosamente i contributi anche con ingiunzione ex art. 63 disp.att. c.c., entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio nel quale il credito esigibile è compreso”."

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da technobi Visualizza Messaggio
    Ritorno purtroppo sull'argomento. Alcuni Condomini sostengono, che in virtù della nuova normativa sul Condominio del 2012 (entrata in vigore nel giugno del 2013), l'Amministratore ha l'obbligo di agire (entro il suddetto termine dei sei mesi) oltre la semplice raccomandata di diffida e messa in mora per il pagamento delle quote insolute. In particolare sostengono che l'Amministratore deve procedere alla nomina di un legale ed intraprendere ogni azione giudiziaria per il recupero dei crediti (decreti ingiuntivi e quant'altro necessario per recuperare le quote dai morosi). Diversamente sarebbe passibile di revoca giudiziale per gravi irregolarità.

    Vi risulta il detto assunto? Se si potreste postare anche dei link giuridici che avvalorano questa tesi? Grazie e buone feste anticipatamente a tutti.
    Hanno ragione i condomini.

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da albano59 Visualizza Messaggio
    può solo illustrare ed esplicitare le posizioni morose, ma non può intraprendere alcuna azione per rientrare delle morosità se non dispone di un avvallo assembleare in tal senso.
    Stai scherzando vero?

    - - - Aggiornato - - -

    http://www.studiolegalelds.it/la-riforma-del-condominio-lobbligo-per-lamministratore-di-recuperare-il-credito-del-condominio-moroso-e-il-rischio-di-mala-gestio/

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Dello stesso argomento


  1. Buongiorno, con la presente mi permetto chiedere una informazione: il nuovo amministratore chiede il pagamento della nomina di un legale, per poter...
  2. Caro Vanni, sono qui dopo qualche giorno, a riscriverti poer porti il seguente questito: Dovendo scrivere all'Amministratore per richiedere il...
  3. Buongiorno, gentilmente vi chiedo la disposizione normativa o la sentenza della corte in cui si evince che le spese di cui all'oggetto vanno...
  4. Salve E' il mio primo post a questo forum ed il motivo principale nasce dal ricevimento mio di una raccomandata da parte dell'amministratore il...