Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Like Tree7Ringraziamenti

Mutui/Finanziamenti Condominiali

  1. #18
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Agente
    Località
    bergamo
    Messaggi
    4
    Reputazione
    0
    grazie, l'avevo già trovato ma non mi è chiaro se la parte che vuole pagare l'intero importo, senza aderire al finanziamento, sia obbligato a farlo dalla delibera condominiale.
    Secondo me si esorbita dal potere dell'assemblea di imporre una decisione alla minoranza, nel senso che un conto è la delibera sui lavori che obbliga anche i dissenzienti, qualora ci siano le maggioranze, ed un conto è obbligare qualcuno che vuole pagare subito la sua quota, perché ha la disponibilità della somma, a non farlo perché è costretto a fare un finanziamento.

  2. #19
    Non è collegato
    { 1227 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,331
    Reputazione
    61
    Infatti ritengo che per impegnare tutto il condominio (dal momento che probabilmente verranno iscritte ipoteche o fide jussioni) sia necessaria l'unanimità. In caso contrario penso che una delibera del genere possa essere viziata da nullità assoluta.

  3. #20
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Agente
    Località
    bergamo
    Messaggi
    4
    Reputazione
    0
    grazie la penso anch'io cosi, visti gli articoli del codice civile

  4. #21
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Agente
    Località
    bergamo
    Messaggi
    4
    Reputazione
    0
    Buongiorno

    aggiungo questo interessante link sull'argomento, in sostanza una delibera, anche con i crismi dell'art. 1108 (2/3 in caso di miglioria del bene comune), non può obbligare i dissenzienti a contrarre il finanziamento.
    Pertanto saranno liberi di saldare l'importo con la propria liquidità e non saranno obbligati in solido con gli altri condomini in quanto la delibera sul finanziamento esorbiterebbe le competenze dell'assemblea.
    http://www.caratozzologroup.it/finan...enti-impianti/

    Sono un legale e a dir il vero la materia è alquanto spinosa infatti potrebbe prospettarsi il caso di un mutuo ipotecario sull'immobile (maggioranza 2/3) che coinvolga di fatto il dissenziente seppur libero di non contrarre il mutuo.
    Inoltre ho trovato giurisprudenza- tra le altre Cass. n 5130 del 6/3/2007, antecedente la riforma, che consente all'assemblea di deliberare sul finanziamento (opposta pertanto al link che ho postato sopra), in quanto materia non considerata extra condominiale seppur non prevista dalla legge o dal regolamento.

  5. #22
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Lissone
    Messaggi
    8
    Reputazione
    0
    Salve a tutti, volevo dare il mio piccolo contributo alla discussione e porre una domanda a qualcuno del settore più esperto, dunque; nell'ottobre del 2013 la nostra ex amministratrice inizio a caldeggiare la possibilità di chiedere un finanziamento di 30.000 per poter effettuare il lavoro della sostituzione del tetto in eternit, aggiunse che per ottenerlo era necessaria la firma di tutti,precisando che la banca non avrebbe messo ipoteche. Firmammo,me incluso quasi tutti, tranne appunto un condomino, nonostante su 13 condomini fossero solo in 3 ad avere bisogno del finanziamento. Dopo un paio di mesi arrivò una lettera dell'amministratrice che diceva che non essendo stata raggiunta unanimità, la pratica non era stata terminata.
    Onestamente tirai un sospiro di sollievo in quanto ripensandoci, non era stata a mio parere una buona idea firmare un qualcosa che in fin dei conti era una firma di garanzia che ci vincolava tutti.
    Tuttavia l'idea del finanziamento non fu abbandonata e dopo varie riunioni nel maggio del 2015 l'assemblea all'unanimità dei presenti(io ero assente), senza in questo caso mettere alcuna firma approvò un finanziamento che veniva richiesto e concesso dalla stessa banca(banca ubi) che quasi due anni prima aveva invece richiesto i 1000-millesimi e le firme di tutti. Concludendo é stato fatto un finanziamento di 3 anni che terminerà nel luglio prossimo per 30000 euro,questo nonostante il fatto che avendo pagato quasi tutti in contanti, si sarebbe potuta chiedere una cifra molto minore,in pratica la banca mensilmente si trattiene dal conto tramite rid la grossa parte della rata,l'altra parte minore é rimborsata dai 3 condomini che hanno fattivamente aderito al finanziamento, direi che tuttosommato é andato anche bene, perché io ho pagato la mia quota subito senza aderire, anche se tecnicamente ho aderito comunque come condominio e fino ad ora nessuno mi ha chiesto altri soldi. Non trovo comunque giusto aver vincolato tutto il condominio e concludo scusandomi per la lunghezza con una domanda:" É il caso che faccia fare una visura al mio immobile? ,secondo voi è possibile che siano state messe ipoteche sugli appartamenti a garanzia? "

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Dello stesso argomento


  1. Salve, a breve, parteciperò alla riunione condominiale annuale. All'ordine del giorno ho fatto inserire il divieto di usare impropriamente lo spazio...
  2. Salve oggi mi è arrivata questa email dalla mia banca,preciso che non ho ricevuto nessuna loro telefonato o altro,ecco la mail: Gentile Cliente,...
  3. Salve a tutti. i miei genitori devono acquistare casa ma, data l'età avanzata (74 e 62), ci sono non poche difficoltà nel trovare un mutuo adeguato...
  4. salve sono in prcinto di stipulare un mutuo prima casa, e leggendo su internet ho visto che la banca centrale dovrà dare delle agevolazioni da marzo...