Condomino moroso e diritto di voto

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Livorno
    Messaggi
    44
    Reputazione
    0

    Condomino moroso e diritto di voto

    Gentili utenti,
    nel mio condominio ci troviamo nella condizione in cui alcuni grossi condomini morosi (per quasi 45 mila euro) pur non presentandosi alle assemblee (forse per paura di essere linciati ) lasciano le loro deleghe a persone molto vicine all'amministratore, amici e parenti (e fino all'anno scorso allo stesso amministratore, quando poteva essere delegato).
    Avendo, complessivamente, quasi trecento millesimi, questi condomini, per bocca (direttamente o indirettamente) dell'amministratore fanno il bello e il cattivo tempo, impedendo anche (di conseguenza) di riuscire a revocare l'incarico all'amministratore stesso, colpevole, secondo noi, di aver lasciato che questa morosità arrivasse fino a queste cifre nel corso degli anni.
    C'è, secondo voi, un modo per evitare che questi super-morosi abbiano diritto di voto in assemblea?
    E' legalmente previsto che si possa deliberare, magari con la maggioranza di un terzo, la loro esclusione delle votazioni?

    Grazie della cortese attenzione.


  2. #2
    Non è collegato
    { 2002 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    19,947
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da tarnisil Visualizza Messaggio
    Gentili utenti,
    nel mio condominio ci troviamo nella condizione in cui alcuni grossi condomini morosi (per quasi 45 mila euro) pur non presentandosi alle assemblee (forse per paura di essere linciati ) lasciano le loro deleghe a persone molto vicine all'amministratore, amici e parenti (e fino all'anno scorso allo stesso amministratore, quando poteva essere delegato).
    Avendo, complessivamente, quasi trecento millesimi, questi condomini, per bocca (direttamente o indirettamente) dell'amministratore fanno il bello e il cattivo tempo, impedendo anche (di conseguenza) di riuscire a revocare l'incarico all'amministratore stesso, colpevole, secondo noi, di aver lasciato che questa morosità arrivasse fino a queste cifre nel corso degli anni.
    C'è, secondo voi, un modo per evitare che questi super-morosi abbiano diritto di voto in assemblea?
    E' legalmente previsto che si possa deliberare, magari con la maggioranza di un terzo, la loro esclusione delle votazioni?

    Grazie della cortese attenzione.
    no.non esiste nessun modo per escludere dette persone . sono condomini quindi hanno il diritto di votare e partecipare sia di persona sia attraverso la delega .

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Livorno
    Messaggi
    44
    Reputazione
    0
    Eh, come infatti temevo... grazie!

  5. #4
    Non è collegato
    { 1223 mi piace }
    Utente elite+
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,117
    Reputazione
    100
    Piuttosto di meditare imprese impossibili quali togliere il voto ai morosi, perché l'amministratore non si è ancora attivato con decreti ingiuntivi a danno dei morosi, anche sulla semplice base dei rendiconti (consuntivi e preventivi) approvati ????
    http://www.condominioweb.com/condomi...tenza1307.ashx
    Saluti

  6. #5
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Livorno
    Messaggi
    44
    Reputazione
    0
    Si è deciso solo quest'anno, ahimé, dicendoci alle precedenti assemblee che forse conveniva aspettare con il decreto ingiuntivo perché qualcosina, ogni tanto, sganciavano...

    La spiegazione del suo comportamento è comunque, secondo me, molto semplice: si è tenuto buoni quei condomini perché, nonostante la morosità crescente, gli hanno sempre dato la loro delega, che gli ha sempre garantito di essere rinnovato di anno in anno e ha garantito ai condomini morosi di non ricevere, appunto, il decreto ingiuntivo... è sempre stato, diciamo, uno "scambio di favori".
    In ogni caso, l'amministratore casca sempre in piedi: il mega debito adesso ricardrà sulla testa di noi condomini "in regola" e lui ne uscirà comunque pulito pulito. Inoltre, è molto probabile che, una volta messi all'asta i locali a seguito del decreto ingiuntivo, se li compri lui all'incanto giusto, uscendone ancora più arricchito...

  7. #6
    Non è collegato
    { 630 mi piace }
    Staff Moderatore Geometra L'avatar di Mario Pessina
    Località
    Milano
    Messaggi
    6,212
    Reputazione
    100
    una volta messi all'asta i locali a seguito del decreto ingiuntivo
    ---------------------------

    Il decreto ingiuntivo, non mette all'asta i locali !!!

    http://www.mondoinformazione.com/dir...-apere/118201/

    dopo il decreto , se impagato, vi è il pignoramento immobiliare
    http://dirittoimmobiliare.altervista...mpi-procedura/

    un buon avvocato, potrebbe anche far pignorare lo stipendio nella misura di un quinto, la macchina, i beni e poi la casa !

    Comunque per arrivare alla fine passano quasi 4/5 anni , sempre che qualcuno acquisti gli appartamenti e con i tempi che corrono ....
    tenendo in considerazione inoltre che , l'avvocato costa !
    Frustra fit per plura quod potest fieri per pauciora- E' inutile fare con più, ciò che può essere fatto con meno (Rasoio di Ockham)
    Staff
    Milano

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Da quanto mi risulta attualmente l'amministratore di condominio che sia anche condomino può sia votare per se stesso che ricevere deleghe, salvo...
  2. se non ricordo male anche l'amministratore-condomino può esprimere il suo voto in assemblea, salvo quando la questione trattata comporta un conflitto...
  3. Vorrei sapere cortesemente se un condomino moroso perde il diritto al voto in assemblea e come vengono gestiti i suoi millesimi. Grazie...
  4. ma le spese che vengono ripartite sia al proprietario che all'inquilino, vengono mandate ad entrambi la raccomandata?perchè un vecchio amministratore...