Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Like Tree16Ringraziamenti

Comproprietari in assemblea

  1. #1
    Non Ŕ collegato
    { 13 mi piace }
    Frequentatore assiduo Altra libera prof.
    LocalitÓ
    Pianeta Terra
    Messaggi
    781
    Reputazione
    24

    Comproprietari in assemblea

    un immobile per ereditÓ Ŕ di proprietÓ di rossi al 50% bianchi al 25% e verdi al 25%
    la convocazione Ŕ stata inviata a tutti e 3
    in assemblea Ŕ presente solo bianchi: deve avere la delega di rossi e verdi? oppure pu˛ votare e rappresenta l'intero immobile?
    grazie


  2. #2
    Non Ŕ collegato
    { 4866 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di Tullio Ts
    LocalitÓ
    Trieste
    Messaggi
    40,718
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da gondar Visualizza Messaggio
    un immobile per ereditÓ Ŕ di proprietÓ di rossi al 50% bianchi al 25% e verdi al 25%
    la convocazione Ŕ stata inviata a tutti e 3
    in assemblea Ŕ presente solo bianchi: deve avere la delega di rossi e verdi? oppure pu˛ votare e rappresenta l'intero immobile?
    grazie
    Pu˛ votare per l'intero immobile e senza alcuna delega, perchŔ si presume che i tre comproprietari abbiano deciso che Bianchi sia il rappresentante;

    Dacc art. 67
    ...
    - Qualora un'unitÓ immobiliare appartenga in proprietÓ indivisa a pi¨ persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che Ŕ designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice. ...

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso ╗
  4. #3
    Non Ŕ collegato
    { 13 mi piace }
    Frequentatore assiduo Altra libera prof.
    LocalitÓ
    Pianeta Terra
    Messaggi
    781
    Reputazione
    24
    grazie, tullio del tuo costante aiuto!
    abbi pazienza, qualche domanda per avere le idee pi¨ chiare (sai che sono un crapone!):

    1) un appartamento ereditato da rossi al 50% bianchi al 25% e verdi al 25% "Ŕ" proprietÓ indivisa oppure "viene assimilata" alla proprietÓ indivisa?

    2) il dacc 67 rimanda al 1106 cc che dice: "....nello stesso modo l'amministrazione pu˛ essere delegata ad uno o pi¨ partecipanti..." quindi in termini condominiali chi viene in assemblea non deve dimostrare con le deleghe ((Ŕ questo il punto principale)) di rappresentare tutti, ma Ŕ sufficiente la sua presenza per rappresentare l'appartamento.
    Eventuali contestazioni di rappresentanza riguardano i rapporti tra comproprietari e non il condominio: Ŕ corretto?

    ancora grazie!

  5. #4
    Non Ŕ collegato
    { 4866 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di Tullio Ts
    LocalitÓ
    Trieste
    Messaggi
    40,718
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da gondar Visualizza Messaggio
    grazie, tullio del tuo costante aiuto!
    abbi pazienza, qualche domanda per avere le idee pi¨ chiare (sai che sono un crapone!):

    1) un appartamento ereditato da rossi al 50% bianchi al 25% e verdi al 25% "Ŕ" proprietÓ indivisa oppure "viene assimilata" alla proprietÓ indivisa?

    2) il dacc 67 rimanda al 1106 cc che dice: "....nello stesso modo l'amministrazione pu˛ essere delegata ad uno o pi¨ partecipanti..." quindi in termini condominiali chi viene in assemblea non deve dimostrare con le deleghe ((Ŕ questo il punto principale)) di rappresentare tutti, ma Ŕ sufficiente la sua presenza per rappresentare l'appartamento.
    Eventuali contestazioni di rappresentanza riguardano i rapporti tra comproprietari e non il condominio: Ŕ corretto?

    ancora grazie!
    Un appartamento ereditato da Bianchi, Rossi e Verdi risulterÓ in comproprietÓ tra i tre soggetti, Bianchi, Rossi e Verdi ed eventuali contestazioni tra i tre comproprietari, non possono interessare il condominio essendo i tre in solido comproprietari dell'appartamento.
    gondar likes this.

  6. #5
    Non Ŕ collegato
    { 1209 mi piace }
    Utente elite+ Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    5,282
    Reputazione
    60
    Citazione Originariamente Scritto da gondar Visualizza Messaggio
    grazie, tullio del tuo costante aiuto!
    abbi pazienza, qualche domanda per avere le idee pi¨ chiare (sai che sono un crapone!):

    1) un appartamento ereditato da rossi al 50% bianchi al 25% e verdi al 25% "Ŕ" proprietÓ indivisa oppure "viene assimilata" alla proprietÓ indivisa?

    2) il dacc 67 rimanda al 1106 cc che dice: "....nello stesso modo l'amministrazione pu˛ essere delegata ad uno o pi¨ partecipanti..." quindi in termini condominiali chi viene in assemblea non deve dimostrare con le deleghe ((Ŕ questo il punto principale)) di rappresentare tutti, ma Ŕ sufficiente la sua presenza per rappresentare l'appartamento.
    Eventuali contestazioni di rappresentanza riguardano i rapporti tra comproprietari e non il condominio: Ŕ corretto?

    ancora grazie!
    Aggiungo a quanto scritto correttamente da Tullio che l'amministratore, inviando l'avviso di convocazione a tutti i comproprietari dell'unitÓ immobiliare (indicati nel registro di anagrafe condominiale), ha adempiuto all'obbligo di informazione a tutti gli aventi diritto. StarÓ ai partecipanti della comunione designare un rappresentante tra loro o, in alternativa, un delegato esterno alla comproprietÓ. In quest'ultimo caso sarebbe opportuno che la delega fosse sottoscritta da tutti i comproprietari, per dimostrare al Presidente che il delegato abbia il titolo per assistere e votare in assemblea.

    Per rispondere alla tua domande:

    1) E' comunque una proprietÓ indivisa di cui vengono indicate le quote. Tutti sono contemporaneamente proprietari di tutto l'immobile, con diritti (di voto) e doveri (di spesa) proporzionali alle quote;

    2) Eventuali contestazioni sono da regolare tra i comproprietari, perchŔ tutti, avendo ricevuto l'avviso di convocazione, possono partecipare all'assemblea. Presentandosene uno solo (Tullio lo ha detto) si "presume" che gli altri siano d'accordo.
    Ultima modifica di bilbetto; 07-12-2017 alle 13:27
    gondar and albano59 like this.

  7. #6
    Non Ŕ collegato
    { 13 mi piace }
    Frequentatore assiduo Altra libera prof.
    LocalitÓ
    Pianeta Terra
    Messaggi
    781
    Reputazione
    24
    grazie!
    i quesiti possono sembrare banali ma a volte (spesso?) mi si offusca la mente....

  8. #7
    Non Ŕ collegato
    { 88 mi piace }
    Frequentatore assiduo Disoccupato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    1,098
    Reputazione
    17
    Si presume, mica tanto vero.
    Nel senso che chi si presenta in assemblea, non avendo ricevuto dagli altri comproprietari la designazione a rappresentarli (meglio se scritta) poi si assume tutte le responsabilitÓ civili che dovessero risultare se uno degli altri comproprietari lo chiami a rispondere del suo operato.

  9. #8
    Non Ŕ collegato
    { 1298 mi piace }
    Utente elite+
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    7,323
    Reputazione
    100
    Trattandosi di proprietÓ indivisa (e lo Ŕ perchÚ il titolo proviene da una ereditÓ, per altro con quelle quote quasi sicuramente a seguito di testamento) eventuali contrasti e dissonanze fra i tre comproprietari non coinvolgeranno mai il Condominio.
    SarÓ sempre una regolazione di rapporti circoscritta ai soli tre comproprietari.

  10. #9
    Non Ŕ collegato
    { 3634 mi piace }
    Utente d'onore+++ Amministratore interno L'avatar di Leonardo53
    LocalitÓ
    Taranto
    Messaggi
    23,713
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da albano59 Visualizza Messaggio
    ...per altro con quelle quote quasi sicuramente a seguito di testamento...
    Hai fato bene a dire quasi perchŔ potrebbe essere anche un'ereditÓ senza testamento.

    A e B sono conviventi (non coniugi) ed acquistano un appartamento al 50% ciascuno.
    Muore il convivente B che ha due figli di altro convivente.

    Il soggetto A resta con il 50%
    i figli C e D ereditano il 50% del genitore in parti uguali.

    A = 50%
    C = 25%
    D = 25%

    .... io sono abbastanza avanti con l'etÓ ma per il futuro dobbiamo abituarci a fare questi ragionamenti

  11. #10
    Non Ŕ collegato
    { 88 mi piace }
    Frequentatore assiduo Disoccupato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    1,098
    Reputazione
    17
    Potreste darmi dei riferimenti di leggi o sentenze che affermano che l'assemblea non deve entrare nelle questioni fra comproprietari?
    Ossia che l'assemblea non ha potere indagatorio per quanto riguarda la rappresentanza del comproprietario che si presenta in assise.
    In poche parole, se io solo mi presento in assise condominiale e nessun altro comproprietario si presenta con me, io non sono tenuto a dare all'amministratore nessuna delega e nemmeno nessun fantomatico verbale di elezione degli altri comproprietari. Detto in altre parole, per l'assemblea sia sufficiente che tutti gli aventi diritto siano stati convocati a norma di legge e che almeno (o anche solo) un comproprietario si presenti. Inoltre nessun comproprietario pu˛ impugnare la costituzione dell'assemblea se un solo comproprietario si presenta (perchÚ avrebbe potuto presentarsi anche chi vuole impugnare - ossia sarebbe in difetto di interesse). Me lo confermate?
    A quale legge o sentenza posso appellarmi?

  12. #11
    Non Ŕ collegato
    { 4866 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di Tullio Ts
    LocalitÓ
    Trieste
    Messaggi
    40,718
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da ChannelMaster Visualizza Messaggio
    Potreste darmi dei riferimenti di leggi o sentenze che affermano che l'assemblea non deve entrare nelle questioni fra comproprietari?
    Lo dice l'art. 67 Dacc, giÓ postato #2

    - Qualora un'unitÓ immobiliare appartenga in proprietÓ indivisa a pi¨ persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che Ŕ designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice. ...

    Per cui se l'amministratore ha convocato, come suo dovere, tutti i comproprietari (in questo caso 3 - Rossi, Bianchi e Verdi) e si presenta in assemblea soltanto Bianchi, si deduce che Ŕ stato designato dagli altri e non Ŕ necessaria nessuna delega perchŔ Bianchi essendo comproprietario dell'u.i. non ha nessuna necessitÓ di delega per partecipare.

    Se invece in assemblea si presentano pi¨ proprietari, si capirÓ che Ŕ proprio il contrario, ovvero non si sono messi d'accordo e vogliono partecipare tutti o alcuni di questi comproprietari, ma anche in questo caso nessuno potrÓ decidere chi sarÓ il rappresentante se non loro stessi, in quanto la facoltÓ di estrarre a sorte a cura del Presidente d'assemblea, come era precedentemente al 18.06.13 previsto dall'art. 67 Dacc, Ŕ stato abolito.

    Abolito
    ;
    - Qualora
    un piano o porzione di piano appartenga in proprietÓ indivisa a pi¨ persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nellĺassemblea, che Ŕ designato dai comproprietari interessati; in mancanza provvede per sorteggio il presidente.
    paul_cayard and bilbetto like this.

  13. #12
    Non Ŕ collegato
    { 1298 mi piace }
    Utente elite+
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    7,323
    Reputazione
    100
    Tullio Ŕ giÓ stato perfetto ed esaustivo, come sempre.
    paul_cayard likes this.

  14. #13
    Non Ŕ collegato
    { 3634 mi piace }
    Utente d'onore+++ Amministratore interno L'avatar di Leonardo53
    LocalitÓ
    Taranto
    Messaggi
    23,713
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da albano59 Visualizza Messaggio
    Tullio Ŕ giÓ stato perfetto ed esaustivo, come sempre.
    Tullio Ŕ stato perfetto ed esaustivo ma per quanto riguarda l'abolizione del sorteggio a cura del Presidente, la modifica della Norma Ŕ stata molto evasiva ed ha contribuito ad aumentare le controversie, non dando alcuna indicazione chiara al Presidente (come nel vecchio articolo).

    Se si presentano due comproprietari con idee diverse che vogliono presenziare entrambi e vogliono esprimere voto diverso uno dall'altro, il Presidente avrÓ una bella gatta da pelare.
    DovrÓ assumersi la responsabilitÓ di allontanarli entrambi e non far votare nessuno dei due, motivando e verbalizzando il disaccordo tra i due.

    Prima della riforma questo punto era fin troppo chiaro e non c'era margine per dar lavoro agli avvocati. Per fortuna hanno trovato il rimedio ed ora si che si pu˛ correre in Tribunale

  15. #14
    Non Ŕ collegato
    { 4866 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di Tullio Ts
    LocalitÓ
    Trieste
    Messaggi
    40,718
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da Leonardo53 Visualizza Messaggio
    Tullio Ŕ stato perfetto ed esaustivo ma per quanto riguarda l'abolizione del sorteggio a cura del Presidente, la modifica della Norma Ŕ stata molto evasiva ed ha contribuito ad aumentare le controversie, non dando alcuna indicazione chiara al Presidente (come nel vecchio articolo).

    Se si presentano due comproprietari con idee diverse che vogliono presenziare entrambi e vogliono esprimere voto diverso uno dall'altro, il Presidente avrÓ una bella gatta da pelare.
    DovrÓ assumersi la responsabilitÓ di allontanarli entrambi e non far votare nessuno dei due, motivando e verbalizzando il disaccordo tra i due.

    Prima della riforma questo punto era fin troppo chiaro e non c'era margine per dar lavoro agli avvocati. Per fortuna hanno trovato il rimedio ed ora si che si pu˛ correre in Tribunale
    Non ho toccato il problema dei due o pi¨ comproprietari presenti in assemblea per il semplice motivo che la domanda posta dall'OP non prevedeva questo ma diceva --> 1░ post ... un immobile di proprietÓ di rossi al 50% bianchi al 25% e verdi al 25%, la convocazione Ŕ stata inviata a tutti e 3, in assemblea Ŕ presente solo Bianchi ...
    Inoltre integrata da quella del post #10

    - Potreste darmi dei riferimenti di leggi o sentenze che affermano che l'assemblea non deve entrare nelle questioni fra comproprietari?

    Tra l'altro avevamo giÓ discusso il caso diverse volte ed eravamo giunti al risultato che il Presidente non pu˛ prendere decisioni e se i comproprietari presenti (anche per delega) non si mettevano d'accordo non sarebbe accettato nessuno, sicuramente Ŕ una lacuna della norma ma Ŕ l'unica soluzione che pu˛ essere adottata dal Presidente.
    Ultima modifica di Tullio Ts; 08-12-2017 alle 16:59

  16. #15
    Non Ŕ collegato
    { 1298 mi piace }
    Utente elite+
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    7,323
    Reputazione
    100
    Infatti... ne avevamo giÓ parlato: la presenza contemporanea di pi¨ comproprietari in disaccordo diventa un grattacapo per il Presidente.
    Se gli interessati e l'assemblea addivengono ad una soluzione estemporanea condivisa meglio per tutti, altrimenti il Presidente a fronte di una situazione di stallo e dissonante rispetto al nuovo 67 dacc, suo malgrado non potrÓ considerare presente quella ProprietÓ nŔ tanto meno lasciar intervenire e votare i comproprietari presenti, pur non potendo allontanarli dall'assemblea.
    I comproprietari possono presenziare in quanto cond˛mini, ma formalmente saranno considerati e conteggiati come assenti, a causa del disaccordo non risolto sulla nomina del loro unico rappresentante ammesso a parlare e votare in assemblea.

    Si, il nuovo 67 dacc Ŕ un mostro

  17. #16
    Non Ŕ collegato
    { 88 mi piace }
    Frequentatore assiduo Disoccupato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    1,098
    Reputazione
    17
    Io per˛, permettetemi, l'assunto che se si presenta un solo comproprietario questo automaticamente lo legittima a parlare anche per gli altri che non si sono presentati, non mi quadra.
    Ci sono sentenze in merito, che voi sappiate?

  18. #17
    Non Ŕ collegato
    { 2118 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    LocalitÓ
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    20,459
    Reputazione
    100
    e' legittimato in quanto comproprietario .(ovvero e' titolare del diritto di partecipare e votare al pari degl'altri comprorietari ossia tutti hanno il potere di rappresentare la comunione ,quindi essendo l'unico presente egli ha titolo per rappresentare la comunione )






    p.s. non rappresentata gli altri ma rappresenta la comunione .
    Ultima modifica di peppe64; 09-12-2017 alle 11:43

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Dello stesso argomento


  1. Buongiorno, in un immobile con due o pi¨ proprietari, presenti tutti in assemblea, come deve ritenersi il loro voto se sono discordi? e se uno non...
  2. In sede di assemblea se ci sono due comproprietari che non si mettono d'accordo su chi ha diritto di voto e parola,come si ci organizza?...
  3. Vi sottopongo una questione che pu˛ essere determinante per la costituzione delle maggioranze in assemblea condominiale. Due fratelli sono...
  4. salve a tutti un'altra cortesia . in caso di comproprietÓ di un appartamento,in assemblea possono comparire uno dei 3 comproprietari o ci vuole la...