Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Like Tree5Ringraziamenti

Agibilità per vendere un appartamento

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Operaio
    Località
    Genova
    Messaggi
    2
    Reputazione
    0

    Agibilità per vendere un appartamento

    Ciao a tutti. Scusate l'ignoranza.Io devo vendere un appartamento, però quando sono andato a fare il compromesso il notaio mi ha detto se era in regola con l'agibilità. Premetto che lo stesso appartamento lo avevo comprato un anno e mezzo fa e lo stesso notaio mi aveva detto che siccome era stato costruito prima del 67 non era obbligatorio presentare il documento di agibilità. È cambiato qualcosa? Devo per forza averlo?


  2. #2
    Non è collegato
    { 1522 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,184
    Reputazione
    100
    Per vendere casa è necessario il rogito di acquisto, la planimetria catastale, l'attestato di prestazione energetica e l'attestato di agibilità.
    Staff
    Palermo

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 506 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Mosquiton
    Località
    Roma
    Messaggi
    4,059
    Reputazione
    50
    Dipende da dove è collocato l'immobile... se non è nel centro storico, non c'è problema.

    In base all’epoca e localizzazione della costruzione:

    ANTE 1942 – all’interno che all’esterno dei centri abitati
    immobili edificati con o senza licenza: sono legittimi;

    DAL 1942 AL 1967 – all’interno dei centri abitati
    immobili edificati senza licenza: non sono legittimi;

    DAL 1942 AL 1967 – all’esterno dei centri abitati
    immobili edificati senza licenza: sono legittimi;


    DAL 1967 AD OGGI – in tutto il territorio comunale
    immobili edificati senza licenza: non sono legittimi.

    P.S. Da notare che bisogna fare riferimento al centro abitato del 1967. Quindi, anche se adesso è nel centro abitato, probabilmente nel 1967 era ai margini.

    Fonte:
    https://www.studiotecnicopagliai.it/...atti-notarili/
    Ultima modifica di Mosquiton; 22-12-2017 alle 18:41

  5. #4
    Non è collegato
    { 317 mi piace }
    Utente gold Ingegnere L'avatar di marcanto
    Località
    La Mia
    Messaggi
    2,784
    Reputazione
    43
    Citazione Originariamente Scritto da Mosquiton Visualizza Messaggio
    Dipende da dove è collocato l'immobile... se non è nel centro storico, non c'è problema.

    In base all’epoca e localizzazione della costruzione:

    ANTE 1942 – all’interno che all’esterno dei centri abitati
    immobili edificati con o senza licenza: sono legittimi;

    DAL 1942 AL 1967 – all’interno dei centri abitati
    immobili edificati senza licenza: non sono legittimi;

    DAL 1942 AL 1967 – all’esterno dei centri abitati
    immobili edificati senza licenza: sono legittimi;


    DAL 1967 AD OGGI – in tutto il territorio comunale
    immobili edificati senza licenza: non sono legittimi.

    P.S. Da notare che bisogna fare riferimento al centro abitato del 1967. Quindi, anche se adesso è nel centro abitato, probabilmente nel 1967 era ai margini.

    Fonte:
    https://www.studiotecnicopagliai.it/...atti-notarili/
    da dove escono queste fantasie ......la leggittimità edilizia di un immobile dipende dalla sua posizione nel territorio .....????
    faccio notare queste avvertenze riportate nel link indicato
    < Avvertenza:
    trattasi di riflessione commentata in materia di normativa urbanistica, pertanto non deve essere intesa come trattazione giurisprudenziale avente valore verso o presso terzi. >


    io tutto il resto non l'ho neppure letto......perchè francamente non ne vale la pena, e solo tempo perso.

    In merito al problema qui trattato, l'assenza dell'agibilità non è motivo ostativo alla redazione dell'atto di vendita.
    Cosi come non potrà essere nullo un rogito stilato in assenza di agibilità
    E sufficiente che la controparte acquirente venga messa a conoscenza della mancanza e si potrà rogitare.

  6. #5
    Non è collegato
    { 317 mi piace }
    Utente gold Ingegnere L'avatar di marcanto
    Località
    La Mia
    Messaggi
    2,784
    Reputazione
    43
    Citazione Originariamente Scritto da marcanto Visualizza Messaggio
    Cosi come non potrà essere nullo un rogito stilato in assenza di agibilità
    E sufficiente che la controparte acquirente venga messa a conoscenza della mancanza e si potrà rogitare.
    in merito a queste affermazioni .......basta fare una semplice, e senza fatica, ricerca in internet per verificarne / confermarne la sua bontà !!!!
    da: http://www.altalex.com/documents/new...ne-immobiliare
    dal suo punto
    2. La mancanza del certificato di agibilità: la tesi della nullità del contratto di compravendita
    " Si tratta di un obbligo derogabile tramite un diverso accordo fra le parti, con cui, oltre all'esonero del venditore dall'obbligo stesso[4], potrebbe essere convenuto l'esonero, sempre del venditore, dalla responsabilità conseguente all’eventuale impossibilità di ottenere il certificato "

    " Siddetta opinione però è stata per lo più disattesa, sulla base del rilievo che nessuna norma imperativa contempla un obbligo di preventivo rilascio del certificato, trattandosi di documentazione posta a tutela del singolo compratore, non rispondente ad una funzione urbanistica generale "

    e ancora qui
    https://www punto studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_17970.asp

    e in rete di simili se ne trovano a dozzine
    Ultima modifica di marcanto; 22-12-2017 alle 20:45

  7. #6
    Non è collegato
    { 506 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Mosquiton
    Località
    Roma
    Messaggi
    4,059
    Reputazione
    50
    Citazione Originariamente Scritto da marcanto Visualizza Messaggio
    da dove escono queste fantasie ......la leggittimità edilizia di un immobile dipende dalla sua posizione nel territorio .....????
    ESATTO!!!

    La cosiddetta Legge Urbanistica, cioè la legge n. 1150 del 1942, all'articolo 31, stabiliva che per la costruzione di un edificio che ricadesse al di fuori del centro abitato, così come questo era individuato dal piano regolatore vigente, non era necessario essere in possesso di un preventivo titolo abilitativo.

    Fonte:
    https://www. lavorincasa.it/edifici-ante-1967/

  8. #7
    Non è collegato
    { 317 mi piace }
    Utente gold Ingegnere L'avatar di marcanto
    Località
    La Mia
    Messaggi
    2,784
    Reputazione
    43
    Sono cose superate in quanto nel frattempo venne emanata la L. 47/85 che ha qualificato le costruzioni come prima del 1967 e dopo il 1967.
    E l'art di tale leg e' tuttora vigente
    Ultima modifica di marcanto; 23-12-2017 alle 10:30

  9. #8
    Non è collegato
    { 506 mi piace }
    Utente gold - L'avatar di Mosquiton
    Località
    Roma
    Messaggi
    4,059
    Reputazione
    50
    Citazione Originariamente Scritto da marcanto Visualizza Messaggio
    Sono cose superate in quanto nel frattempo venne emanata la L. 47/85 che ha qualificato le costruzioni come prima del 1967 e dopo il 1967.
    E l'art di tale leg e' tuttora vigente
    Appunto... le costruzioni edificate prima del 1967 sono normate in maniera diversa e hanno vincoli meno restrittivi.

  10. #9
    Non è collegato
    { 16 mi piace }
    Primi messaggi Studente L'avatar di LeSaboteur
    Località
    :)
    Messaggi
    59
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Giovanni Inga Visualizza Messaggio
    Per vendere casa è necessario il rogito di acquisto, la planimetria catastale, l'attestato di prestazione energetica e l'attestato di agibilità.
    Per la stipula di un atto notarile non è necessaria la planimetria catastale (bensì i dati di identificazione castale e l'indicazione di almeno tre confini) mentre il certificato di agibilità non è strettamente necessario, potendo prevedere diversamente le parti (es: che l'acquirente si impegni a procurarne il rilascio).

    Per intenderci meglio: l'articolo 1477, uiltimo comma, prevede che in sede di vendita deve essere consegnata tutta la documentazione tecnica ed amministrativa, tra cui il certificato di agibilità.
    Pertanto bisogna distinguere

    1) il caso di omessa consegna -> mero inadempimento all'obbligo ex 1477
    2) mancanza del certificato perché ad. es smarrito -> uguale; nulla vieta che si possa convenire che sia l'acquirente a farselo rilasciare
    3) mancanza dei requisiti per l'agibilità -> deve essere palesato in atto, diversamente ci sarebbe un inadempimento contrattuale per vendita di un bene per un altro (aliuid pro alio) perché normalmente ciò che si vende è agibile, salvo che non si specifichi diversamente
    Ultima modifica di LeSaboteur; 23-12-2017 alle 22:10

  11. #10
    Non è collegato
    { 16 mi piace }
    Primi messaggi Studente L'avatar di LeSaboteur
    Località
    :)
    Messaggi
    59
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Mosquiton Visualizza Messaggio
    Appunto... le costruzioni edificate prima del 1967 sono normate in maniera diversa e hanno vincoli meno restrittivi.
    Avete fatto una confusione enorme.

    Semplicemente: gli immobili edificati in data anteriore al 1 settembre 1967 sono sempre e comunque commerciabili senza che sia necessaria l'indicazione in atto del titolo abilitativo alla facoltà di costruire. A tal fine la legge prevede semplicemente che l'alientante debba rendere in atto una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in merito a ciò. Restano ferme le eventuali sanzioni amministrative in caso di abusività o irregolarità urbanistica. Ma questa è una storia diversa dalla agibilità...

  12. #11
    Non è collegato
    { 1522 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,184
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da LeSaboteur Visualizza Messaggio
    Per la stipula di un atto notarile non è necessaria la planimetria catastale (bensì i dati di identificazione castale e l'indicazione di almeno tre confini) mentre il certificato di agibilità non è strettamente necessario, potendo prevedere diversamente le parti (es: che l'acquirente si impegni a procurarne il rilascio).

    Per intenderci meglio: l'articolo 1477, uiltimo comma, prevede che in sede di vendita deve essere consegnata tutta la documentazione tecnica ed amministrativa, tra cui il certificato di agibilità.
    Pertanto bisogna distinguere

    1) il caso di omessa consegna -> mero inadempimento all'obbligo ex 1477
    2) mancanza del certificato perché ad. es smarrito -> uguale; nulla vieta che si possa convenire che sia l'acquirente a farselo rilasciare
    3) mancanza dei requisiti per l'agibilità -> deve essere palesato in atto, diversamente ci sarebbe un inadempimento contrattuale per vendita di un bene per un altro (aliuid pro alio) perché normalmente ciò che si vende è agibile, salvo che non si specifichi diversamente
    A volte, la realtà è diversa.
    Per esperienza personale, se non si presentano i documenti che ho elencato, specialmente se si deve chiedere un mutuo per l’acquisto, la compravendita non procede.
    Staff
    Palermo

  13. #12
    Non è collegato
    { 317 mi piace }
    Utente gold Ingegnere L'avatar di marcanto
    Località
    La Mia
    Messaggi
    2,784
    Reputazione
    43
    Citazione Originariamente Scritto da LeSaboteur Visualizza Messaggio
    Avete fatto una confusione enorme.

    Semplicemente: gli immobili edificati in data anteriore al 1 settembre 1967 sono sempre e comunque commerciabili senza che sia necessaria l'indicazione in atto del titolo abilitativo alla facoltà di costruire. A tal fine la legge prevede semplicemente che l'alientante debba rendere in atto una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in merito a ciò. Restano ferme le eventuali sanzioni amministrative in caso di abusività o irregolarità urbanistica. Ma questa è una storia diversa dalla agibilità...
    Conosco quella parte della 47/1985 come conosco come e quando la si impiega.
    Perché usi il plurale "Avete fatto" mica sono stato io a fare le tabelle partendo dal 1942 e palesando anche una regolarità in funzione della posizione sul territorio ......anzi l'ho subito contestato ......

  14. #13
    Non è collegato
    { 16 mi piace }
    Primi messaggi Studente L'avatar di LeSaboteur
    Località
    :)
    Messaggi
    59
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Giovanni Inga Visualizza Messaggio
    A volte, la realtà è diversa.
    Per esperienza personale, se non si presentano i documenti che ho elencato, specialmente se si deve chiedere un mutuo per l’acquisto, la compravendita non procede.
    Non si procede non per impedimento legale ma perché le parti generalmente vogliono quei documenti, andando dunque a rappresentare presupposto della volontà contrattuale.

    Io nel dire ciò che dico parlo in termini di stretta legalità; poi la volontà negoziale è sovrana.

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da marcanto Visualizza Messaggio
    Conosco quella parte della 47/1985 come conosco come e quando la si impiega.
    Perché usi il plurale "Avete fatto" mica sono stato io a fare le tabelle partendo dal 1942 e palesando anche una regolarità in funzione della posizione sul territorio ......anzi l'ho subito contestato ......
    Sì, ha ragione: pardon! Ho utilizzato un generico "plurale" perché alla fine della lettura, pur evincendosi la sua padronanza della materia, ricostruirla in modo "riepilogativo" e chiaro mi sembrava doveroso.
    Anzi, colgo l'occasione per dire che da quel poco che sto su questo forum ho imparato ad apprezzare la presenza sua e dei suoi utilissimi commenti!

  15. #14
    Non è collegato
    { 1522 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,184
    Reputazione
    100
    Si vuole la documentazione perché fidarsi è bene ma non fidarsi...
    Quindi, la produzione di tali documenti è richiesta
    Per il resto, posso pure essere d’accordo
    Staff
    Palermo

  16. #15
    Non è collegato
    { 16 mi piace }
    Primi messaggi Studente L'avatar di LeSaboteur
    Località
    :)
    Messaggi
    59
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Giovanni Inga Visualizza Messaggio
    Si vuole la documentazione perché fidarsi è bene ma non fidarsi...
    Quindi, la produzione di tali documenti è richiesta
    Per il resto, posso pure essere d’accordo
    Lei deve essere d'accordo; e se non lo è significa che non ha capito la legge.

    Quei documenti devono essere prodotti, essendo un obbligo ex lege scaturente dalla stipulazione del contratto. Ciò non significa che devono esserci per la stipuilazione, ma devono essere consegnati dopo la stipulazione. La loro mancanza comporta non una invalidità, ma un inadempimento ad un obbligo contrattuale.

    Se qualcuno si rifiutasse di stipulare un contratto per mancanza di quei documenti, non ci si troverebbe più in una fattispecie legale, non essendo richiesto ciò da nessuna parte ma semplicemente di fronte ad una volontà precisa di uno dei contraenti. Che "fidarsi è bene" siamo d'accordo, ma ciò non pone alcuna necessarietà per la stipuila. Anzi, i notai servono proprio a creare questo baluardo di garanzia.

    Senza togliere che detta documentazione è un attestazione formale di uno stato di fatto (l'agibilità o c'è ed è dichiarata; o c'è ma ancora non è stata dichiarata; o non ce ne sono i presupposit) e serve solo ad una corretta identificazione del bene in oggetto. Tant'è che nessun atto di alienazione ne fa quasi mai menzione, se non nei casi "patologici" in cui mancano i requisiti per la sua dichiarazione o manca il certificato nella sua materialità.

  17. #16
    Non è collegato
    { 1522 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,184
    Reputazione
    100
    Usa un altro linguaggio..
    Mosquiton and ale66 like this.
    Staff
    Palermo

  18. #17
    Non è collegato
    { 16 mi piace }
    Primi messaggi Studente L'avatar di LeSaboteur
    Località
    :)
    Messaggi
    59
    Reputazione
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Giovanni Inga Visualizza Messaggio
    Usa un altro linguaggio..
    Il mio linguaggio non è stato nè scurrile nè offensivo. La forma e la sostanza delle mie parole non ledono alcun suo legittimo interesse, se non - al più - il suo orgoglio. Mi spiace essere stato poco gentile, e me ne rammarico sinceramente, ma preferisco esternare nozioni corrette e farle valere a costo di compromettere i rapporti sociali che suggerire inesattezze agli utenti.

    Come noto, ciò in questo forum non è ben accetto. Come in ogni buona assemblea di condominio.
    Maurizio P likes this.

Discussione Chiusa
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Dello stesso argomento


  1. Un appartamento su cui pende un pignoramento per debiti condominiali, può essere venduto nel frattempo dal suo proprietario? Per " frattempo" intendo...
  2. Salve, ho bisogno di un vostro consiglio. Devo vendere un appartamento e volevo chiedervi l'iter da seguire. Grazie
  3. Buongiorno a tutti. Avrei questa domanda da porvi; un condomino che decide di vendere il suo appartamento è tenuto a comunicare questa sua...
  4. Sono sempre io, e vorrei chiedere un parere/consiglio e questo gentile forum: è meglio vendere la propria casa con agenzie immobiliari, con relative...