Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Like Tree2Ringraziamenti

Deleghe comproprietari

  1. #1
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Amministratore di condominio
    Località
    CATANIA
    Messaggi
    2
    Reputazione
    0

    Deleghe comproprietari

    Buongiorno, desideravo un informazione,
    nel caso di un due comproprietari di un unica u.i., regolarmente convocati entrambi, due fratelli che non si parlano e delegano due persone diverse, quale delega ha valore? i delegati rispondono al 50%?


  2. #2
    Non è collegato
    { 1521 mi piace }
    Staff Moderatore Amministratore di condominio L'avatar di Giovanni Inga
    Località
    Palermo
    Messaggi
    19,176
    Reputazione
    100
    L'art. 67 d.a.c.c. dispone che i comproprietari debbano nominare un solo rappresentante al quale conferire il mandato non due.

    Qualora un’unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell’assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell’articolo 1106 del codice.

    Staff
    Palermo

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato
    { 1997 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    19,915
    Reputazione
    100
    secondo me nessuna ,la comunione ha diritto a un solo rappresentante (UNO DEI COMPRORIETARI ) oppure a un solo delegato che rappresenta appunto la comunione e non un singolo comproprietario .

  5. #4
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Amministratore di condominio
    Località
    CATANIA
    Messaggi
    2
    Reputazione
    0
    ne sono consapevole, il problema è che motivi logistici, vivono entrambi fuori, non possono partecipare fisicamente, per motivi che non mi riguardano non si parlano, son venuta a sapere che delegheranno ognuno di loro persone diverse... chi dovrò considerare ?

  6. #5
    Non è collegato
    { 1997 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    19,915
    Reputazione
    100
    nessuno ,devono eventualmente decidere chi sara' il loro rappresentante .

  7. #6
    Non è collegato
    { 152 mi piace }
    Frequentatore assiduo Amministratore interno
    Località
    Bari
    Messaggi
    776
    Reputazione
    17
    In base al 2° comma dell’Art. 67 delle Disp. di Att. del Cod. Civ.
    Qualora un’unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell’assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell’articolo 1106 del codice.
    Se la precedente stesura del medesimo articolo prevedeva, in caso di mancata nomina da parte dei comunisti di un rappresentante della comunione, la possibilità della sua estrazione sorte fatta dal presidente dell’assemblea , con la nuova stesura è stato imposto l’obbligo ai “comunisti” di nominare il rappresentante della loro comunione, che potrebbe essere anche l’amministratore della comunione, se già nominato.
    Pertanto, in caso di disaccordo fra i comproprietari, nessuno di loro potrà partecipare in assemblea.

  8. #7
    Non è collegato
    { 6 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    Località
    Bari
    Messaggi
    162
    Reputazione
    12
    Citazione Originariamente Scritto da G.Ago Visualizza Messaggio
    In base al 2° comma dell’Art. 67 delle Disp. di Att. del Cod. Civ.
    Qualora un’unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell’assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell’articolo 1106 del codice.
    Se la precedente stesura del medesimo articolo prevedeva, in caso di mancata nomina da parte dei comunisti di un rappresentante della comunione, la possibilità della sua estrazione sorte fatta dal presidente dell’assemblea , con la nuova stesura è stato imposto l’obbligo ai “comunisti” di nominare il rappresentante della loro comunione, che potrebbe essere anche l’amministratore della comunione, se già nominato.
    Pertanto, in caso di disaccordo fra i comproprietari, nessuno di loro potrà partecipare in assemblea.
    A meno che (e non è questo il caso) abbiano quote diverse.
    Caso pratico: madre e figlio eredi del defunto padre-marito. Sono in lite e non si parlano e vorrebbero partecipare entrambi all'assemblea ma la madre ha 3/4 della comunione mentre il figlio 1/4 pertanto, all'assemblea partecipa la madre e non il figlio.
    Altro caso a me capitato: 4 eredi (figli) in causa tra loro, 3 figli rappresentano il 75% mentre l'altro figlio solo il 25%. quest'ultimo pretende di partecipare all'assemblea e di votare autonomamente, ma non gli spetta perché gli altri 3 delegano uno di loro a partecipare che è legittimato a farlo per l'intera comproprietà.
    Ultima modifica di Muskjo 2; 10-11-2017 alle 11:19

  9. #8
    Non è collegato
    { 890 mi piace }
    Utente gold Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    4,056
    Reputazione
    46
    Citazione Originariamente Scritto da Muskjo 2 Visualizza Messaggio
    A meno che (e non è questo il caso) abbiano quote diverse.
    Caso pratico: madre e figlio eredi del defunto padre-marito. Sono in lite e non si parlano e vorrebbero partecipare entrambi all'assemblea ma la madre ha 3/4 della comunione mentre il figlio 1/4 pertanto, all'assemblea partecipa la madre e non il figlio.
    Sbagli. Il diritto di partecipazione non dipende dalle quote possedute. Ognuno ha diritto a partecipare in egual modo.

    Art. 1105 cc

    Tutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell’amministrazione della cosa comune.
    (omissis)

    e inoltre:

    (omissis)
    Se non si prendono i provvedimenti necessari per l’amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere all’autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore.

    Ciò significa che se non si mettono d'accordo su chi debba partecipare all'assemblea, un giudice, su richiesta di uno solo dei partecipanti, può decidedere di nominare un amministratore che li rappresenti.
    Ultima modifica di bilbetto; 10-11-2017 alle 11:21

  10. #9
    Non è collegato
    { 6 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    Località
    Bari
    Messaggi
    162
    Reputazione
    12
    Citazione Originariamente Scritto da bilbetto Visualizza Messaggio
    Sbagli. Il diritto di partecipazione non dipende dalle quote possedute. Ognuno ha diritto a partecipare in egual modo.
    Sbagli! Ogni comunista ha sì diritto di partecipare alla gestione della cosa comune come afferma l'Articolo 1105 Codice civile ma poi continua al II comma: "Per gli atti di ordinaria amministrazione le deliberazioni della maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, sono obbligatorie per la minoranza dissenziente."
    Se non trovano l'accordo per la nomina di un rappresentante comune è ovvio che lo decide il o i comunisti che hanno la maggioranza delle quote.

  11. #10
    Non è collegato
    { 890 mi piace }
    Utente gold Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    4,056
    Reputazione
    46
    Sbagli Se sono in due serve l'unanimità

  12. #11
    Non è collegato
    { 0 mi piace }
    Nuovo utente Impiegato
    Località
    Taranto
    Messaggi
    1
    Reputazione
    0
    Se posso esporre un caso.
    proprietario delega l'inquilina a partecipare all'assemblea. L'inquilina passa la delega al proprio marito, che tra l'altro, pur essendo residente in pianta stabile nello stesso immobile ma non risulta legalmente domiciliato.
    Che valenza ha questo condomino nelle decisioni assembleari? L'amministratore aveva il dovere di intervenire?

  13. #12
    Non è collegato
    { 4552 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di Tullio Ts
    Località
    Trieste
    Messaggi
    38,811
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da ste6007 Visualizza Messaggio
    Se posso esporre un caso.
    proprietario delega l'inquilina a partecipare all'assemblea. L'inquilina passa la delega al proprio marito, che tra l'altro, pur essendo residente in pianta stabile nello stesso immobile ma non risulta legalmente domiciliato.
    Che valenza ha questo condomino nelle decisioni assembleari? L'amministratore aveva il dovere di intervenire?
    La delega è incedibile, per cui l'inquilina Olga (nome di fantasia) non può girare la delega al marito Gianni (nome di fantasia), per cui il Presidente deve accettare solo la persona (Olga) scritta sulla delega.

  14. #13
    Non è collegato
    { 1997 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    19,915
    Reputazione
    100
    Il marito dell' inquilina non ha titolo per partecipare all' assemblea visto che non e' ne condomino ne delegato .

  15. #14
    Non è collegato
    { 1997 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    19,915
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da bilbetto Visualizza Messaggio
    Sbagli Se sono in due serve l'unanimità
    Nella comunione conta solo la maggioranza delle quote .quindi non serve necessariamente L' unanimita' se si è' in due .



    P.s. Un comunista che detiene la maggioranza semplice vince sempre .
    Ultima modifica di peppe64; 10-11-2017 alle 12:25

  16. #15
    Non è collegato
    { 890 mi piace }
    Utente gold Amministratore di condominio L'avatar di bilbetto
    Località
    Roma
    Messaggi
    4,056
    Reputazione
    46
    Citazione Originariamente Scritto da peppe64 Visualizza Messaggio
    Nella comunione conta solo la maggioranza delle quote .quindi non serve necessariamente L' unanimita' se si è' in due .



    P.s. Un comunista che detiene la maggioranza semplice vince sempre .
    Quindi non valgono le stesse regole di un condominio minimo composto da due condòmini? Strano ... significherebbe che in una comunione a due quello che ha le quote maggiori, seppur di poco, deciderebbe sempre il da farsi ... devo dirti la verità che la cosa mi puzza un pochino.

  17. #16
    Non è collegato
    { 1997 mi piace }
    Utente d'onore+++ - L'avatar di peppe64
    Località
    Ascoli Piceno
    Messaggi
    19,915
    Reputazione
    100
    il condominio (anche se minimo ) e' il condominio (che e' comunque una comunione ,ma ha regole proprie )

    la comunione e' la comunione .


    una cosa e' un condominio minimo altra e' una comunione tra due o piu' soggetti .



    p.s. in una comunione se io da solo ho la maggioranza semplice vinco sempre (a prescindere dal numero di altri comunisti) (salvo diversa regolamentazione della comunione stessa )

  18. #17
     E' online
    { 1501 mi piace }
    Utente elite+ Pensionato
    Località
    Castel Volturno
    Messaggi
    7,240
    Reputazione
    100
    Citazione Originariamente Scritto da FIORE3 Visualizza Messaggio
    ne sono consapevole, il problema è che motivi logistici, vivono entrambi fuori, non possono partecipare fisicamente, per motivi che non mi riguardano non si parlano, son venuta a sapere che delegheranno ognuno di loro persone diverse... chi dovrò considerare ?
    problema che devono risolvere loro.
    io non accetterei nessuno dei delegati.
    Tullio Ts likes this.

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Dello stesso argomento


  1. Buongiorno, chiedo scusa ho di nuovo una domanda: abbiamo fatto questa benedetta riunione per i parapetti, nessuno dei due preventivi raggiungeva i...
  2. ciao a tutti, scusate cerco una veloce conferma. immobile possieduto da comproprietario A e B, entrambi al 50%. Assemblea. il soggetto A...
  3. Salve, sono comproprietaria di un immobile insieme ai miei 2 familiari. Il regolamento del condominio stabilisce che ciascun partecipante alle...
  4. Buonasera, scrivo per avere una delucidazione su un problema sollevato nell'ultima assemblea nel condominio dove abito e nel quale sono...