+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 10 di 10

Controllo del cc BANCA E CASSA CONDOMINIALI

  1. #1
    Non è collegato { 0 mi piace } Nuovo utente Impiegato 0
    Località
    Messaggi
    21

    Controllo del cc BANCA E CASSA CONDOMINIALI

    QUALI SONO I MOTIVI CHE UN AMMINISTRATORE PUò OPPORRE , ALLA RICHIESTA DI CONTROLLO DI UN CONDOMINIO DEL CC.BANCA E CASSA CONDOMINIALI?


  2. #2
    Non è collegato { 0 mi piace } Frequentatore Geometra 26
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    634
    non vedo alcun motivo, se l'amministratore è onesto ed utilizza bene il c/c condominiale.

    ar


  3.  Inserisci un quesito, iscriviti al forum adesso »
  4. #3
    Non è collegato { 110 mi piace } Staff Moderatore Geometra 51
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,170
    Per me 'gatta ci cova' .... magari fa girare i soldi con altri condominii o sul suo conto personale


  5. #4
    Non è collegato { 15 mi piace } Frequentatore assiduo Amministratore di Condominio 27
    Località
    Padova
    Messaggi
    1,375
    Scritto da rapacekl il 14 Ago 2012 - 19:20:05: QUALI SONO I MOTIVI CHE UN AMMINISTRATORE PUò OPPORRE , ALLA RICHIESTA DI CONTROLLO DI UN CONDOMINIO DEL CC.BANCA E CASSA CONDOMINIALI?

    Semmai bisogna girare la domanda: quali sono i motivi che dovrebbero spingere un condomino a controllare l'estratto conto?non è sufficiente controllare i bilanci?



  6. #5
    Non è collegato { 108 mi piace } Frequentatore assiduo 48
    Messaggi
    1,349
    Ciao Giulio.
    Un'Assemblea mi incaricò di controllare i movimenti bancari del C.c.: deliberarono specificamente a tal fine. Trovai delle restistenze iniziali, poi mi venne data la documentazione; negli ultimi 2 anni c'erano stati 8 movimenti non giustificati: l'Amministratore usava soldi del Condominio "X" per pagare utenze del Condominio "Y", per poi ripianare il tutto, tranne in 1 caso (con bilancio già chiuso) e conseguente ammanco di € 2500,00 per il Condominio "X". Lui disse che era un errore (prima) che erano soldi che avanzava dal Condominio (di fronte al Giudice di Pace); fu condannato al risarcimento e alle spese legali di controparte.
    Può bastare come motivazione?
    Salutoni.


  7. #6
    Non è collegato { 0 mi piace } Nuovo utente Impiegato 0
    Località
    Messaggi
    21
    Scritto da rapacekl il 14 Ago 2012 - 19:20:05:
    --------------------------------------------------------------------------------
    QUALI SONO I MOTIVI CHE UN AMMINISTRATORE PUò OPPORRE , ALLA RICHIESTA DI CONTROLLO DI UN CONDOMINIO DEL CC.BANCA E CASSA CONDOMINIALI?





    --------------------------------------------------------------------------------

    Semmai bisogna girare la domanda: quali sono i motivi che dovrebbero spingere un condomino a controllare l'estratto conto?non è sufficiente controllare i bilanci?




    fidarsi è bene non fidarsi è meglio, sopratutto se l'amministatore ti rifila sulle spese personali il suo compenso per non emettere la fattura del compenso



  8. #7
    Non è collegato { 15 mi piace } Frequentatore assiduo Amministratore di Condominio 27
    Località
    Padova
    Messaggi
    1,375
    Se uno non si fida dell'amministratore lo si cambia e basta. E' inutile nominarlo,dargli difucia per poi chiedere di continuo tutta la documentazione del condominio


  9. #8
    Non è collegato { 108 mi piace } Frequentatore assiduo 48
    Messaggi
    1,349
    A parte che io posso anche non averlo nominato (ho votato contro perchè non mi ispirava fiducia....), il fatto che l'assemblea non lo esautori fa forse venir meno il mio obbligo/diritto di controllo?
    La fiducia basta con chi svolge tali mansioni gratuitamente; per chi è retribuito, non rimane che il controllo, costante, garbato e per quuesto dovuto; l'amministratore che si lamenti di ciò, ha già compreso d'aver sbagliato attività: non gestica più i beni per conto terzi, ma amministri solo i beni di sua proprietà: solo con quelli potrà pretendere di non essere controllato


  10. #9
    Non è collegato { 438 mi piace } Utente elite+ Amministratore interno 110
    Località
    Taranto
    Messaggi
    8,033
    Scritto da Giulio_S il 21 Ago 2012 - 23:00:52: Se uno non si fida dell'amministratore lo si cambia e basta. E' inutile nominarlo,dargli difucia per poi chiedere di continuo tutta la documentazione del condominio

    A quanto detto da Olli vorrei aggiungere che la fiducia potrebbe non bastare neanche se l'amministratore lavora gratuitamente.
    Fossi anche l'unico condòmino ad aver votato contro, ho il diritto di controllarlo, non fosse altro per verificare se esistono validi motivi per una revoca giudiziale.


  11. #10
    Non è collegato { 47 mi piace } Utente elite+ 79
    Località
    Monza
    Messaggi
    5,938
    Conto corrente condominiale: amministratore può aprirlo senza autorizzazioni
    Cassazione civile , sez. I, sentenza 10.05.2012 n° 7162 (Manuela Rinaldi)
    Può l’amministratore di un condominio aprire un conto corrente, per la gestione amministrativa, senza l’autorizzazione dell’assemblea?

    A questa domanda la Cassazione ha risposto in modo affermativo precisando, con la sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 che per esigenze di trasparenza e informazione l’amministratore di condominio è tenuto ad aprire un conto separato.

    Per aprire tale conto, infatti, non ha necessità di specifiche autorizzazioni da parte dell’assemblea che, invece, servirebbero nella ipotesi di apertura di una linea di credito.

    La banca può rivalersi direttamente nei confronti del condominio per uno scoperto nel conto acceso dall’amministratore.

    Così i giudici di Piazza Cavour nella sentenza del 10 maggio 2012, n. 7162, ove hanno precisato che non si può affermare che la mancata apertura di un conto corrente separato (rispetto al patrimonio personale dell’amministratore) rappresenterebbe una irregolarità tale da comportare la revoca del mandato allo stesso, bensì è possibile sostenere che, pur in mancanza di specifiche norme che ne facciano obbligo, l’amministratore è tenuto a far affluire i versamenti delle quote condominiali su di un separato conto corrente intestato al condominio.

    Ciò allo scopo di evitare che possa esserci confusione tra il patrimonio del condominio e quello suo personale.

    Fonte Altalex

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Buon giorno, nel 2008 acquisto un immobile. In sede di atto notarile mi viene fornita garanzia scritta nell'atto che le spese di condominio siano...
  2. Buon pomeriggio a tutti, sono un nuovo iscritto e desidero un vostro parere su come comportarmi per far valere i nostri diritti.Premetto che il...
  3. A fine contratto di locazione, il propietario mi ha chiesto delle spese dubbie da saldare ed anche l'esplicitazione di queste a mio avviso non sono...