Certificazione

  1. #1
    Non Ŕ collegato
    { 3 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    533
    Reputazione
    16

    Certificazione

    Ciao a tutti,
    nella chiostrina del nostro condominio e' stata rimossa una canna di eternit
    installata in fase di costruzione dell'edificio (1957) a uso eslusivo di un attivita' commerciale.
    Puo' l'amministratore rilasciare una certificazione dell'esistenza di una canna fumaria
    a servizio dell'attivita'commerciale e permetterne in futuro il ripristino?
    grazie


  2. #2
    Non Ŕ collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,790
    Reputazione
    74
    Ciao, non Ŕ che l'amministratore deve certificare l'esistenza della canna fumaria privata del locale.
    L'amministratore si occupa solo delle parti comuni.
    La canna fumaria, tu dici, che era del locale, si da il caso che la rimozione della stessa e il ripristino di essa oppure il non ripristino spettino al proprietario del locale.
    Quindi Ŕ un problema privato non condominiale e perci˛ l'amministratore ne si sarebbe dovuto occupare della rimozione nŔ di fare chissÓ quali certificazioni.

  3.  Inserisci un quesito, iscriviti gratis al forum adesso ╗
  4. #3
    Non Ŕ collegato
    { 3 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    533
    Reputazione
    16
    cosiderato che la canna attraversa da cielo a terra la chiostrina che e ' condominiale,
    io penso che sia normale che a dichiarare l'esistenza di una canna sia il condominio nella figura dell'amm.
    Altrimenti chi puo ' dichiarare quanto detto?

  5. #4
    Non Ŕ collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,790
    Reputazione
    74
    Ciao, io non conosco la conformazione del vostro edificio, che significa chiostrina, cosa intendi?
    Se c'Ŕ una canna fumaria che serve ad una certa unitÓ immobiliare Ŕ privata punto basta, anche se passa sulla facciata del Condominio.
    Il proprietario di questa canna fumaria ne sarÓ responsabile, sia della sua rimozione, sia della sua installazione, sia penalmente che civilmente.
    Se Ŕ una canna fumaria condominiale, per esempio quella delle caldaie centralizzate, Ŕ condominiale e quindi non pu˛ essere utilizzata da un cond˛mino.
    Un cond˛mino potrebbe chiederne l'uso al Condominio, questo sý, ma non per questo un bel giorno pu˛ deciderne di disfarsene.
    Hai capito?
    Ciao

  6. #5
    Non Ŕ collegato
    { 3 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    533
    Reputazione
    16
    questa e' descrizione della chiostrina:

    "La chiostrina (o cavedio - oggi sinonimo della chiostrina, ma in origine individuante l'atrium o anche "pozzo luce") costituisce uno spazio, funzionale a dare aria e luce ai cosiddetti ambienti di servizio (bagni, corridoi, locali deposito, ecc.), vale a dire a tutti gli quegli ambienti non destinati ad essere abitati: essa, dunque, serve a soddisfare esigente igieniche e a garantire la salubritÓ degli edifici ed, in questo ambito, Ŕ di norma disciplinata dal Regolamento Edilizio che ne stabilisce l'area e l'ampiezza minima."

    La canna che attraversa la chiostrina e' privata ma e' pur vero che la chiostrina fa parte dello spazio comune condominiale.
    Detto questo se il condominio dell'unita commerciale fra 15 anni avra ' intenzione di reinstallare una canna nello stesso spazio
    di quella rimossa con quale documentazione potra' far valere il suo diritto.
    Avrei pensato oltre che dichiarare oppure certificare come amministratore il suo diritto ,anche di verbalizzarlo nella prossima assemblea

  7. #6
    Non Ŕ collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,790
    Reputazione
    74
    Citazione Originariamente Scritto da redwolf4 Visualizza Messaggio
    questa e' descrizione della chiostrina:

    "La chiostrina (o cavedio - oggi sinonimo della chiostrina, ma in origine individuante l'atrium o anche "pozzo luce") costituisce uno spazio, funzionale a dare aria e luce ai cosiddetti ambienti di servizio (bagni, corridoi, locali deposito, ecc.), vale a dire a tutti gli quegli ambienti non destinati ad essere abitati: essa, dunque, serve a soddisfare esigente igieniche e a garantire la salubritÓ degli edifici ed, in questo ambito, Ŕ di norma disciplinata dal Regolamento Edilizio che ne stabilisce l'area e l'ampiezza minima."

    La canna che attraversa la chiostrina e' privata ma e' pur vero che la chiostrina fa parte dello spazio comune condominiale.
    Detto questo se il condominio dell'unita commerciale fra 15 anni avra ' intenzione di reinstallare una canna nello stesso spazio
    di quella rimossa con quale documentazione potra' far valere il suo diritto.
    Avrei pensato oltre che dichiarare oppure certificare come amministratore il suo diritto ,anche di verbalizzarlo nella prossima assemblea
    Abbi pazienza redwolf4, la definizione di chiostrina, in se per se, la conosco.......non c'Ŕ bisogno della spiegazione, perdonami eh...per˛!
    Intendevo chiederti, prima, perchŔ mi definivi "chiostrina" il luogo dove passa una componente privata cioŔ la canna fumaria.
    Qui si tratta di una vera e propria servit¨.
    PerchŔ se la canna fumaria del proprietario del locale passa nella chiostrina condominiale (cioŔ di tutti) significa che in passato voi cond˛mini avete acconsentito o per contratto o per testamento o con un regolamento di Condominio contrattuale art. 1058 c.c. oppure si Ŕ costituita coattivamente art. 1032 c.c.
    Oppure ancora l'ha ottenuta per usucapione, perchŔ trattasi di una servit¨ apparente, esiste c'Ŕ, tutti sanno che ci passa la canna fumaria e, quindi, trascorsi 20 anni, Ŕ una servit¨ usucapita.
    Alla luce di ci˛ appare evidente che se esiste una di queste situazioni non c'Ŕ bisogno di nessuna certificazione.
    Se, invece, non Ŕ posta in essere nessuna di queste situazioni Ŕ bene che, in un verbale di assemblea, TUTTI quanti i cond˛mini accettino e firmino all'unanimitÓ l'eventuale passaggio futuro nella chiostrina condominiale di una nuova canna fumaria.
    Attenzione se, poi, qualche cond˛mino vende la sua u.i. ed in futuro il nuovo acquirente di questa u.i. non acconsente il passaggio della canna fumaria vedrÓ soddisfatta la sua richiesta perchŔ lui non firm˛ quel documento.
    In questi casi Ŕ bene trascrivere quel verbale nella Conservatoria dei Registri, in modo da farlo valere anche per i futuri acquirenti e/o eredi magari a spese dell'attuale proprietario, ovviamente se interessato.

    Tutto questo, lo ripeto, se non ci sono le condizioni che prevede il Codice Civile descritte precedentemente.
    Ciao

  8. #7
    Non Ŕ collegato
    { 3 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    533
    Reputazione
    16
    scusa Brico per la precisazione ,ma pensavo veramente che non usassi il termine CHIOSTRINA ma CAVEDIO, stiamo qui per esporre i nostri problemi e cercare di risolverli a volte non si sa con chi si dialoga,ti ringrazio fin d'ora per le varie risposte dettagliate.
    Tornando al nostro problema s'identifica proprio come tu hai esposto nel primo caso.Quindi trascorsi 20 anni, Ŕ una servit¨ usucapita. Ma se vorra' installare la canna tra 10 anni quale documento attesta cio'?
    grazie

  9. #8
    Non Ŕ collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,790
    Reputazione
    74
    Ciao, a parte il fatto che non ti devi scusare di nulla, ci mancherebbe, io ti ho solo scritto che il termine chiostrina si sa quale Ŕ, non si capiva per quale motivo la canna fumaria privata passasse in una parte condominiale tutto qui.
    Al completamento del ragionamento se, come "arma", si ha soltanto una, presunta, usucapione (ho usato il termine presunta perchŔ fin quando un giudice non dichiara l'effettivo raggiungimento non si pu˛ dire di aver usucapito) ricordati che essa viene meno proprio quando l'oggetto usucapito (in questo caso la servit¨ per far passare la canna) la elimini.
    Il proprietario, proprio perchŔ ritiene di aver usucapito il passaggio nella chiostrina, ne deve rimettere a dimora immediatamente un'altra, altrimenti se la vuole rinstallare tra 15 anni (tempo da te posto ad esempio) ci potrebbe essere qualche cond˛mino che potrebbe contestare questa installazione ed ecco che il proprietario non sarebbe pi¨ in grado di dire che giÓ 15 anni prima aveva usucapito tale servit¨.
    Non so se mi sono spiegata.
    Il mio modesto consiglio Ŕ di fare una scrittura privata in cui si stabilisce la servit¨ specifica al propeitario del locale, firmata da tutti i cond˛mini e trascritta presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari, attraverso un notaio.
    In questo modo non c'Ŕ bisogno neanche di rivendicare l'usucapione.
    Diversamente se si ritiene di aver usucapito, Ŕ consigliabile metterne subito una nuova, sempre che qualche cond˛mino, giÓ adesso, possa contestare questa servit¨, in questo caso, appare logico, che per poter veder riconosciuta l'usucapione, il proprietario, dovrÓ necessariamente farsela riconoscere da un giudice e, soltanto a sentenza definitiva, potrÓ installare la nuova canna fumaria.
    Se, invece, lasciava quella esistente (faccio un esempio giusto cosý per farti capire) e qualcuno contestava l'esistenza di questa canna, chiedendo al proprietario di rimuoverla, era il contestatore che doveva intraprendere una azione legale dimostrando che il propietario del locale non aveva usucapito tale servit¨ e quindi con la sentenza di rimozione per mancata usucapione della serit¨ il proprietario la doveva rimuovere, se invece il giudice dava ragione al proprietario, la sentenza gli valeva per sempre come titolo di usucapione.
    Ciao

  10. #9
    Non Ŕ collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,790
    Reputazione
    74
    Ciao a riguardo potrebbe interessarti anche questo, giusto per darti un p˛ pi¨ l'idea di cosa sia una servit¨ e come la si ottiene.
    http://www.condominioweb.com/servitu...stratore.11402

    Comunque nel forum ci sono altre discussioni a riguardo.
    Ciao

  11. #10
    Non Ŕ collegato
    { 7 mi piace }
    Frequentatore Amministratore di condominio
    LocalitÓ
    Torino
    Messaggi
    316
    Reputazione
    28
    Ma il regolamento di condominio cita o non cita tale situazione?

  12. #11
    Non Ŕ collegato
    { 301 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,733
    Reputazione
    66
    A me la questione sembra molto pi¨ semplice.
    La canna fumaria Ŕ stata rimossa nel 2014. Esisteranno sicuramente i documenti della pratica obbligatoria presso la Asl, i quali ne testimoniano l'esistenza.

    Ma anche se non ci fossero e il proprietario dl locale decidesse tra 6 mesi o 4 anni di ricostruirla, salvo intervenute modifiche di legge potrÓ farlo in quanto Ŕ solo un uso pi¨ intensivo della cosa comune (chiostrina); per questo, non farei nessuna dichiarazione o verbalizzazione, che potrebbe suonare come favoritismo o scomodo precedente. E in base al quale un domani potrebbero tirarti per la giacca per avere altri "certificati".

  13. #12
    Non Ŕ collegato
    { 3 mi piace }
    Frequentatore Impiegato
    LocalitÓ
    Roma
    Messaggi
    533
    Reputazione
    16
    rispondo ad Aldo , sul regolamento non e' menzionato nulla e neanche sull'atto d'acquisto dell'unita' commerciale.
    Evidentemente un tempo funzionava cosi'.

  14. #13
    Non Ŕ collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,790
    Reputazione
    74
    Citazione Originariamente Scritto da efisio Visualizza Messaggio
    A me la questione sembra molto pi¨ semplice.
    La canna fumaria Ŕ stata rimossa nel 2014. Esisteranno sicuramente i documenti della pratica obbligatoria presso la Asl, i quali ne testimoniano l'esistenza.

    Ma anche se non ci fossero e il proprietario dl locale decidesse tra 6 mesi o 4 anni di ricostruirla, salvo intervenute modifiche di legge potrÓ farlo in quanto Ŕ solo un uso pi¨ intensivo della cosa comune (chiostrina); per questo, non farei nessuna dichiarazione o verbalizzazione, che potrebbe suonare come favoritismo o scomodo precedente. E in base al quale un domani potrebbero tirarti per la giacca per avere altri "certificati".
    Ma non Ŕ cosý!
    Che cosa centrano i favoritismi?
    Ti assicuro che le servit¨ non Ŕ che ci si sveglia al mattino e si pretendono sai?
    Basta un solo cond˛mino che si oppone e la canna fumaria non la mette pi¨.
    L'art. 1102 c.c. in tal senso Ŕ chiaro (se ti volessi riferire a questa opzione) tu puoi usare la cosa comune purchŔ non nŔ alteri la destinazione e non impedisca ad altri di fare lo steso uso.
    Io non credo che insieme alla canna fumaria del locale possano passare, eventualmente, le canne fumarie di tutti gli appartamenti, se Ŕ cosý, per caritÓ potrebbe pure passare l'art. 1102 c.c. ma non credo.
    Qui si tratta di una normalissima servit¨, e per mantenerla occorrono i presupposti giusti.
    Ciao

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da redwolf4 Visualizza Messaggio
    rispondo ad Aldo , sul regolamento non e' menzionato nulla e neanche sull'atto d'acquisto dell'unita' commerciale.
    Evidentemente un tempo funzionava cosi'.
    Questo era scontato se non non vi ponevate il problema.
    Ciao

  15. #14
    Non Ŕ collegato
    { 301 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,733
    Reputazione
    66
    Citazione Originariamente Scritto da brico Visualizza Messaggio
    Ma non Ŕ cosý!
    Che cosa centrano i favoritismi?
    Ti assicuro che le servit¨ non Ŕ che ci si sveglia al mattino e si pretendono sai?
    Basta un solo cond˛mino che si oppone e la canna fumaria non la mette pi¨.
    L'art. 1102 c.c. in tal senso Ŕ chiaro (se ti volessi riferire a questa opzione) tu puoi usare la cosa comune purchŔ non nŔ alteri la destinazione e non impedisca ad altri di fare lo steso uso.
    Io non credo che insieme alla canna fumaria del locale possano passare, eventualmente, le canne fumarie di tutti gli appartamenti, se Ŕ cosý, per caritÓ potrebbe pure passare l'art. 1102 c.c. ma non credo.
    Qui si tratta di una normalissima servit¨, e per mantenerla occorrono i presupposti giusti.
    Ciao

    - - - Aggiornato - - -



    Questo era scontato se non non vi ponevate il problema.
    Ciao
    Se si sia formata una servit¨, pu˛ stabilirlo solo un giudice. Con tutti i distinguo del caso, visto che il proprietario del locale Ŕ pure comproprietario della chiostrina, quindi per un verso imporrebbe la servit¨ a sŔ stesso.

    Sull'installazione di una canna fumaria in facciata, esistono una sfilza di sentenze. Secondo te, rileva che sia su una facciata interna, anzichŔ su quella buona? No problem, la mette sulla facciata buona, poi fagli causa.

  16. #15
    Non Ŕ collegato
    { 413 mi piace }
    Utente gold
    Messaggi
    4,790
    Reputazione
    74
    Citazione Originariamente Scritto da efisio Visualizza Messaggio
    Se si sia formata una servit¨, pu˛ stabilirlo solo un giudice. Con tutti i distinguo del caso, visto che il proprietario del locale Ŕ pure comproprietario della chiostrina, quindi per un verso imporrebbe la servit¨ a sŔ stesso.

    Sull'installazione di una canna fumaria in facciata, esistono una sfilza di sentenze. Secondo te, rileva che sia su una facciata interna, anzichŔ su quella buona? No problem, la mette sulla facciata buona, poi fagli causa.
    Ciao efisio, mi sembra di averlo giÓ scritto che solo un giudice pu˛ stabilire una servit¨, tranne se non esiste un cartaceo scritto e registrato, quindi su questo chiunque sarebbe d'accordo.

    Che, sulla installazione di una canna fumaria sulla facciata esistono una sfilza di sentenze, siamo perfettamente d'accordo pure su questo, l'unica cosa Ŕ che redwolf non mi sembra parli di canna fumaria posta su una facciata esterna ma, di una canna fumaria che passa in una chiostrina condominiale da cui Ŕ stata tolta e che, egli, si pone il problema se tra 15 anni potrÓ rimetterla senza che nessuno abbia da dire qualcosa, il ragionamento e le considerazioni ruotavano e ruotano intorno a questo dilemma che, per me, Ŕ risolvibile soltanto come suddetto.
    Ciao

+ Rispondi alla Discussione

Dello stesso argomento


  1. Ciao a tutti ho bisogno del vostro aiuto, sono un amministratore di un piccolo condominio in cui si stanno ultimando dei lavori di ristrutturazione....
  2. Salve,ho un dubbio. Quasi tutti i cond˛mini nel 2010 mi hanno versato la 1░ rata relativa alla ristrutturazione (qualcuno anche 3 rate insieme). I...
  3. Se come amministratore effettuo al 31.12.2010 un bonifico parziale alla ditta incaricata dei lavori di straod manut, saldando il conto entro i primi...
  4. Scusate, mi trovo di fronte a questa difficoltÓ: Le spese per lavori di manutenzione delle parti comuni, sono state ripartite tra i condomini,...