Morosità condomino e interruzione della fornitura d'acqua.
Morosita

Morosità condomino e interruzione della fornitura d'acqua.

Che cosa succede se non si approva il rendiconto?
Spese

Che cosa succede se non si approva il rendiconto?

La tutela della salute dei condòmini prevale sul decoro del complesso residenziale.
Amministratori

La tutela della salute dei condòmini prevale sul decoro...

Interventi periodici di deblattizzazione. Una breve guida per evitare problemi.
Amministratori

Interventi periodici di deblattizzazione. Una breve guida...

Il portale N.1 sul Condominio
Senza fondo speciale è vietata l'azione esecutiva nei confronti dei condòmini morosi

Senza fondo speciale è vietata l'azione esecutiva nei confronti dei condòmini morosi

I terzi creditori non possono agire esecutivamente nei confronti dei morosi se prima non è stato costituito il fondo speciale

Senza fondo speciale è vietata l'azione esecutiva nei confronti dei condòmini morosi

In tema di condominio, nel caso di mancato pagamento delle quote condominiali per i lavori straordinari autorizzati dall'assemblea, i terzi creditori non possono agire esecutivamente nei confronti dei morosi se prima non è stato costituito il fondo speciale previsto dall'articolo 1135 co.1 n.4 del c.c. a tutela della ditta appaltatrice

Così si è pronunciato il Giudice di Pace di Taranto sentenza n. 983 del 18 marzo 2016, ove è stato precisato che qualora il condominio intenda avviare lavori straordinari dovrà prima costituire, obbligatoriamente, un fondo speciale di importo pari all'ammontare dei lavori. La legge, infatti, per evitare le ricorrenti e sgradevoli situazioni di morosità nei confronti delle ditte edili, impone di costituire, all'interno del bilancio del condominio, una particolare riserva.

=> Elenco condomini morosi richiesto dal creditore del condomini. Danno da mancata/ritardata consegna

Questi i fatti di causa. Un condomino, con citazione spiegava formale opposizione avverso il decreto ingiuntivo emesso dal Giudice di Pace di Taranto con cui si intimava di pagare la propria quota riveniente dai lavori di riparazione straordinaria del piazzale condominiale. Nel merito, l'opponente eccepiva l'illegittimità dell'azione monitoria e la mancata costituzione del fondo speciale previsto dall'articolo 1135 comma 1 n. 4 c.c.; pertanto insisteva nella richiesta di revoca del decreto ingiuntivo.

Costituendosi in giudizio, il condominio, contestava in toto tutte pretese del condomino opponente, in particolare, l'opposto precisava che la mancata costituzione e/o approvazione del fondo speciale obbligatorio, così come novellato dalla Legge 220/2012, dipendeva dal fatto che i lavori di riparazione straordinaria del piazzale condominiale (previsti dal contratto di appalto) venivano commissionati dal Condominio in esecuzione della sentenza del Tribunale di Taranto, per cui era superflua la precostituzione del fondo di cui all'art. 1135 comma 1 n. 4 c.c., essendo proprio l'azione monitoria diretta alla formazione di un titolo nei confronti del singolo debitore. Per tali motivi, l'opposto condominio chiedeva il rigetto della domanda e la provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo ai sensi dell'art. 648 c.p.c.

=> Guai per l'amministratore che non consegna l'elenco dei morosi. Rischia di pagare di tasca propria

Nel corso del procedimento, espletata l'attività istruttoria, il giudice adito, sui motivi di opposizione precisava che a norma dell'art. 1135 comma 1 n. 4 cod. civ. l'assemblea, quando nell'esercizio delle sue attribuzioni provvede alle opere di manutenzione straordinaria, quali quelle oggetto del contratto di appalto anzidetto, è obbligata a costituire un fondo speciale, d'importo pari all'ammontare dei lavori, approvandone la ripartizione tra i condomini. In difetto di ciò, all'amministratore, al quale è espressamente inibito (art. 1135 comma 2) di ordinare l'esecuzione di lavori straordinari, risulta precluso, chiaramente, l'esercizio delle attività previste dall'art. 63 disp. att. c.c., non potendo, evidentemente, egli richiedere, a carico dei singoli condomini, l'emissione di ingiunzioni di pagamento per il recupero di crediti giuridicamente inesistenti.

Sul punto, giova ricordare che le norme citate si riflettono verso i terzi creditori del Condominio, i quali se muniti di titolo idoneo, possono, infatti, agire esecutivamente nei confronti dei singoli condomini, restando comunque obbligati ad escutere, primi fra tutti, i morosi ma ciò soltanto a condizione che il proprio debitore, (il Condominio), abbia costituito il fondo speciale summenzionato e che l'amministratore, a sua volta, abbia dato impulso al procedimento di riscossione previsto dall'art. 63 disp. att. del codice civile, ottenendo nei confronti di ciascuno dei morosi l'emissione di specifiche ingiunzioni di pagamento.

=> Condomini morosi: quando l'amministratore non può tacere.

Nella fattispecie in esame, è emerso che da una parte, il Condominio non aveva posto in essere nessuna delle attività previste dalle norme predette e, dall'altra, il terzo creditore, invece di agire contro il Condominio, unico soggetto tenuto a rispondere delle obbligazioni assunte nei propri confronti con la stipula del contratto di appalto, ha agito contro i singoli condomini verso i quali, in virtù di quanto si è detto, non può vantare pretesa alcuna.

A tal proposito, il Giudice pugliese ha meglio precisato che il decreto ingiuntivo, nella sua essenza di procedimento speciale sommario può sussistere solo se corretto sotto il profilo di soggetti legittimati, sia sugli elementi richiesti dagli artt. 633 e successivi del c.p.c. non potendosi ricorrere all'utilizzo del procedimento sommario di ingiunzione, in assenza della sussistenza di elementi fondamentali, quali la esatta indicazione del creditore, del debitore, la quantificazione esatta della somma e la sua liquidità e ciò soprattutto allorquando viene chiesto immediatamente esecutivo. (In tal senso Corte Costituzionale n.393 del 10/11/1993).

=> L'amministratore deve comunicare solo i nominativi che risultano morosi rispetto allo specifico credito vantato

Alla luce di tutto quanto innanzi esposto, il decreto ingiuntivo opposto è stato totalmente revocato per difetto delle condizioni richieste dall'art. 633 c.p.c.

Morosità e recupero crediti condominiali:

tutti gli strumenti, per blindare le casse condominiali e non rischiare il "fallimento".

Scarica Giudice di Pace di Taranto n. 983 del 18 marzo 2016

Cerca: fondo speciale per le morosità

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Morosità acqua. Sarà sempre più arduo recuperare le rate ai condòmini

Collegato ambiente. Non si potrà più tagliare l'acqua agli utenti morosi.

Morosità acqua. Sarà sempre più arduo recuperare le rate ai condòmini. Tempi duri per gli amministratori di condominio. Ai morosi non si potrà più sospendere la fornitura dell'acqua. Si dovrà garantire

Morosità bollette acqua

Forse non si potrà “staccare” l'acqua ai morosi

Morosità bollette acqua. Rispunta tra gli emendamenti al collegato ambientale, l'articolo che era stato soppresso alla Camera in materia di morosità nel servizio idrico integrato. Per gli amministratori

Con la procedura di sfratto non si pagano le tasse sui canoni di locazione mai percepiti

Niente tassazione sui canoni di locazione mai percepiti se è in atto lo sfratto dell'inquilino

Con la procedura di sfratto non si pagano le tasse sui canoni di locazione mai percepiti. La Commissione Tributaria di Potenza, con la sentenza 635/14, smentisce l'Agenzia delle Entrate. L'attivazione