Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
86996 utenti
Registrati


#da non perdere

Il consuntivo del condominio prevede requisiti minimi di trasparenzaIl consuntivo del condominio prevede requisiti minimi di...

Anche senza sopralluogo scatta il risarcimento del danno da infiltrazioniAnche senza sopralluogo scatta il risarcimento del danno da...

Lavori di consolidamento in condominio, nessun rimborso se non urgenti.Lavori di consolidamento in condominio, nessun rimborso se...

Pignoramento immobile con regolare contratto di locazionePignoramento immobile con regolare contratto di locazione

Il portale N.1 sul Condominio
Confermate le scadenze per gli obblighi di impiego delle energie rinnovabili La cronistoria del Milleproroghe

Confermate le scadenze per gli obblighi di impiego delle energie rinnovabili La cronistoria del Milleproroghe

Energie rinnovabili: dal 2014 il 30% dell'acqua usata per lavarsi, cucinare e fare le pulizie, dovrà essere riscaldata usando energia pulita,

Il Senato ha approvato definitivamente il decreto Milleproroghe n. 150/2013, in scadenza il 28 febbraio, convertendolo in legge senza nessun ulteriore emendamento. Il testo, infatti, non ha subito modificazioni rispetto alla versione approvata dalla Camera il 17 febbraio u.s. che aveva già respinto l'emendamento che vedeva un rinvio al 2015 per l'obbligo delle energie rinnovabili negli edifici di nuova costruzione.

È stato quindi mantenuto quanto già previsto dal Decreto Legislativo n. 28 del 3 marzo 2011 che prevedeva l'obbligo per gli immobili in via di costruzione o di ristrutturazione, di prevedere l'uso di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, elettricità e raffreddamento, al fine di ottenere margini di risparmio molto elevati, nel rispetto dell'ambiente e con l'impiego di tecnologie di ultima generazione.

(Dal 2014 obbligo rinnovabili per i nuovi edifici. Dopo il sì della camera, ora arriva in senato il decreto Milleproroghe)

Ricordiamo, infatti, che l'obbligo del ricorso a fonti rinnovabili per gli impianti termici, vale anche per gli immobili esistenti che presentino superfici utili maggiori di 1.000 mq., soggetti a ristrutturazione integrale o a demolizione e ricostruzione.

Le tempistiche già previste perché le percentuali di consumi per l'acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento venissero rispettate, dunque, restano pienamente confermate, non avendo trovato seguito l'emendamento che ne richiedeva lo slittamento di una anno. Nel dettaglio, possiamo così riassumerle:

Il mancato rispetto delle percentuali causa il diniego del titolo edilizio.

Altra novità, quella relativa alla produzione di acqua calda: dal 2014, nei progetti presentati, il 30% dell'acqua usata per lavarsi, cucinare e fare le pulizie, dovrà essere riscaldata usando energia pulita, pena la mancata accettazione del progetto di costruzione dell'edificio.

(Produzione di energia termica da fonti rinnovabili, cosa è il conto termico)

Vediamo, nello schema seguente, la cronistoria del Milleproroghe in riferimento alle rinnovabili.

Cerca: rinnovabili milleproroghe energie

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Dal 2014 obbligo rinnovabili per i nuovi edifici.

Dal 2014 obbligo rinnovabili per i nuovi edifici.

Decreto Rinnovabili: edifici soggetti all'obbligo di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, elettricità e raffreddamento nel rispetto dell'ambiente e con l'impiego di tecnologie di ultima generazione.

Nuova tariffa di rete D1 per l'efficienza energetica

Nuova tariffa di rete D1 per l'efficienza energetica

D1 è la nuova tariffa di rete per i consumi ad alta efficienza. L'Autorità per l'Energia (AEEG) ha approvato,con la Delibera 607/2013/R/eel del 19 dicembre 2013, l'introduzione della cosiddetta tariffa ''D1''

Minaccia normativa per gli impianti fotovoltaici domestici

Impianto fotovoltaico, la minaccia della riforma sullo "scambio sul posto" raffredda gli entusiasmi per l'installazione

Minaccia normativa per gli impianti fotovoltaici domestici. Il 90% degli italiani sono convinti della bontà dell’energia alternativa. Ma arriva la doccia fredda dell'Autorità per l'Energia Elettrica