Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
99228 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Decreto ingiuntivo a proprietario non residente, alcune precisazioni
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Decreto ingiuntivo a proprietario non residente, alcune precisazioni

Decreto ingiuntivo: come comportarsi in caso di un proprietario non residente

Avv. Alessandro Gallucci  

In un condominio che amministro devo procedere ad un'azione di recupero del credito contro un condòmino moroso.

Fin qui nulla di strano, direte. È vero: il problema, almeno per me, è che, trattandosi di un immobile in una località balneare, il proprietario è residente in altra città addirittura di un'altra regione.

Devo rivolgermi ad un avvocato di quella città per il deposito del decreto ingiuntivo?

La notifica del decreto va eseguita presso la residenza, oppure nella casa del condominio che amministro?

Questi i quesiti che ci ha posto il nostro lettore, quesiti, comunque, nient'affatto banali, posto che rispetto alla competenza territoriale, il codice di procedura civile pone una specifica regola riguardante proprio i condomini.

Competenza nelle cause tra condòmini

La regola generale nel caso di controversie contro persone fisiche (art. 18 codice di procedura civile), pone la competenza per territorio in capo all'Autorità Giudiziaria (Giudice di Pace o Tribunale a seconda del valore della controversia) del luogo in cui il convenuto ha la residenza o il domicilio e nel caso in cui questi siano sconosciuti, nel luogo di dimora.

Lo stesso codice di rito, tuttavia, prevede una deroga al generale criterio appena indicato, ossia un'eccezione alla regola generale.

L'art. 23, primo comma, del codice processuale civile, infatti, specifica nelle cause tra condòmini com'anche in quelle tra il condominio ed i condòmini ad essere competente è l'Autorità Giudiziaria del luogo dove si trovano i beni comuni o la maggior parte di essi.

Lo abbiamo accennato prima, lo specifichiamo adesso per chiarezza. L'Autorità Giudiziaria competente è:

  • il Giudice di Pace per le controversie fino ad € 5.000,00 e per qualunque valore in relazione alle controversie aventi ad oggetto misura ed modalità d'uso dei servizi di condominio di case (art. 7 c.p.c.);
  • il Tribunale per le cause di valore superiore, nonché per le procedure esecutive e per quelle di volontaria giurisdizione.

Rispetto alle competenze è bene rammentare che il Governo è stato delegato ad adottare dei decreti legislativi che, nell'ambito di una rivisitazione delle competenze degli uffici giudiziari, dovrebbero aumentare e non di poco le attribuzioni dei giudici di pace in materia condominiale.

Notifiche degli atti giudiziari

In sede di compilazione del registro di anagrafe condominiale, al condòmino è richiesto di indicare la residenza o il domicilio (art. 1130 n. 6 c.c.). La ratio della norma è evidente: consentire l'esatta e semplice individuazione del luogo ove inviare le comunicazioni condominiali.

=> La notifica di un atto indirizzato al condominio a mezzo portiere è regolare

Tali indicazioni devono ritenersi sufficienti anche in relazione alla notificazione degli atti giudiziari?

Al riguardo è utile ricordare che, a mente dell'art. 138, primo comma, del codice di procedura civile:

L'ufficiale giudiziario esegue la notificazione di regola mediante consegna della copia nelle mani proprie del destinatario, presso la casa di abitazione oppure, se ciò non è possibile, ovunque lo trovi nell'ambito della circoscrizione dell'ufficio giudiziario al quale è addetto.

Il successivo articolo 139 specifica ulteriormente le modalità di notifica, chiarendo che la stessa debba essere eseguita prima presso la residenza e quando questa non sia nota presso dimora e domicilio.

Rispetto ai condòmini residenti in altra città, quindi, la notifica andrà indirizzata primariamente presso la residenza, al di là di indicazioni contenute nell'anagrafe condominiale (sulla quale si può comunque fare legittimo affidamento) e solo in presenza di elementi certi che facciano presupporre la presenza del condomino in altri luoghi, presso tali luoghi.

Da non perdere: Lettere fuori la cassetta postale, cosa fare?

=> Decreto ingiuntivo condominiale, nel giudizio di opposizione è inutile lamentarsi dell'illegittimità della delibera

=> Pagamento oneri condominiali e decreto ingiuntivo

Cerca: decreto ingiuntivo

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento