70855 utenti registrati
La decisione deve essere presa all’unanimità se il distacco dell’impianto di riscaldamento centralizzato comporta un notevole incremento di spese per i restanti condomini

Impianto di riscaldamento centralizzato, serve l'unanimità se il distacco comporta un incremento di spesa per gli altri condomini

 

Perché il condomino possa staccarsi dall'impianto centralizzato senza l'unanimità di consenso dei altri condomini, è necessaria la duplice condizione che dal distacco non derivino né uno squilibrio termico pregiudizievole all'impianto né un aggravio di spese per coloro che continuino ad usufruire dell'impianto. Nel caso di specie il distacco dell’unità immobiliare comportava per i restanti condomini un notevole incremento di spese, cosicché il condomino non aveva diritto a distaccarsi dall'impianto, senza il consenso dell'unanimità degli altri condomini, con conseguente nullità delle delibere condominiali che avevano diversamente stabilito.
 

 

 
  Ricevi ogni settimana le ultime novità per email. Iscriviti alla newsletter.
Più di 65.000 iscritti. Fatti furbo, E' GRATIS!Scopri perchè è importante iscriversi
Commenta la notizia
Dello stesso argomento
  1. Ok, ti distacchi dal riscaldamento centralizzato, ma se gli altri condomini non risparmiano, continui a pagare! Chi si distacca dal riscaldamento centralizzato continua a pagare il gasolio se gli altri condomini non risparmiano
    Ok, ti distacchi dal riscaldamento centralizzato, ma se gli altri condomini non risparmiano, continui a pagare!
  2. Chiedere il distacco dall'impianto centralizzato ma solo a determinate condizioni tecniche Distacco dall'impianto centralizzato condominiale. Dov'è la convenienza? Analisi dei costi e benefici
    Chiedere il distacco dall'impianto centralizzato ma solo a determinate condizioni tecniche
  3. Distacco dal centralizzato o sostituzione della caldaia solo con obbligo di scarico dei fumi sul tetto Distacco dal centralizzato o sostituzione della caldaia solo con obbligo di scarico dei fumi sul tetto
    Dal prossimo 1° settembre gli impianti termici di nuova installazione devono obbligatoriamente collegarsi a camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione con sbocco sopra il tetto dell'edificio.
  4. Distacco dall'impianto di riscaldamento, le considerazioni sul risparmio energetico. I «notevoli squilibri di funzionamento» derivanti dal distacco dell'impianto centralizzato.
    Distacco dall'impianto di riscaldamento, le considerazioni sul risparmio energetico.
  5. L'impianto di riscaldamento non deve essere utilizzato fino alla consegna dei lavori. Nessuna responsabilità per il caldaista se l'impianto di riscaldamento viene utilizzato prima di essere ultimato
    L'impianto di riscaldamento non deve essere utilizzato fino alla consegna dei lavori.