Archivio News Newsletter Forum Video Contattaci Annunci immobiliari
67445 utenti registrati
Non è necessaria l'unanimità per trasformare il cortile condominiale in parcheggio

Non è necessaria l'unanimità per trasformare il cortile condominiale in parcheggio

Cass, sez. II Civile, sentenza del 15 giugno 2012, n. 9877
 

La delibera assembleare di destinazione del cortile a parcheggio di autovetture - in quanto disciplina le modalità di uso e di godimento del bene comune - è validamente approvata con la maggioranza prevista dall'art. 1136, comma 5, c.c. (non essendo richiesta l'unanimità dei consensi) ed è idonea a comportare la modifica delle disposizioni del regolamento condominiale che si limitano a dettare norme che disciplinano, appunto, l'utilizzazione e i modi di fruizione delle cose comuni e che, in quanto tali, hanno natura regolamentare e non contrattuale.
Nella specie il proprietario di un appartamento ha convenuto in giudizio il condominio, in persona dell'amministratore pro tempore, eccependo l'illegittimità e l'inefficacia della delibera di cui al punto 2) riguardante la formazione di otto posti macchina per la violazione del divieto posto nel regolamento condominiale con la conseguente lesione del diritti, tra cui quello alla propria salute e delle altre persone che lavoravano nel capannone adiacente di sua proprietà.
 
Commenta la notizia
Dello stesso argomento
  1. Non è sufficiente l’adozione all’unanimità per il diritto di parcheggiare nel cortile
    Parcheggiare nel cortile condominiale unanimità assemblea
  2. Se il parcheggio dei ciclomotori rende difficoltoso l'uso del cortile da parte degli altri condomini l'assemblea può impedirne l'uso
    L'assemblea può regolamentare l'uso del cortile vietando il parcheggio dei ciclomotori
  3. Delibera condominiale di adibire il cortile comune a parcheggio di motocicli
    Adibire il cortile comune a parcheggio dei motocicli, non dà luogo ad una innovazione vietata
  4. Destinazione del cortile comune ad uso diverso.