Da oltre 15 anni  
Il regolamento condominiale non è carico del costruttore-venditore
Il portale N.1 sul Condominio

Il regolamento condominiale non è carico del costruttore-venditore

L'art. 1138 cod. civ. si limita a stabilire che la formazione del regolamento, per disciplinare l'uso delle cose comuni e la ripartizione delle spese, è obbligatoria quando il numero dei condomini è superiore a dieci, ma non pone affatto l'obbligo della sua redazione a carico del venditore delle singole unità abitative di cui è composto il condominio, che sia anche costruttore dello stabile. La conclusione che un tale obbligo ricada su quest'ultimo e non, come invece appare logicamente implicito nella norma, a carico dei singoli condomini, costituisce, pertanto, un palese errore di interpretazione ed applicazione del dettato normativo, del tutto priva di fondamento giuridico.

Cerca: regolamento condominiale costruttorevenditore

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Regolamento di condominio e clausole vessatorie, istruzioni per l'uso

Regolamento di condominio e clausole vessatorie, istruzioni per l'uso

Cosa succede se un condomino vuole far valere la nullità di una clausola di regolamento contrattuale. La legge non fornisce la definizione di regolamento di condominio, limitandosi a specificarne contenuto

La distinzione delle clausole del regolamento contrattuale

Regolamento condominiale contrattuale e clausole regolamentari

La distinzione delle clausole del regolamento contrattuale. In tema di condominio negli edifici ha natura regolamentare la clausola che disciplina le modalità d'uso del parcheggio comune anche se inserita

Se il conduttore non consente di eseguire i lavori il proprietario dell'immobile non è responsabile.

Se il conduttore non consente di eseguire i lavori il proprietario dell'immobile non è responsabile.

Obbligare il proprietario ad eseguire lavori di manutenzione, per esigenze di igiene e decoro. Si, ma solo se il conduttore lo consente. Una recente sentenza del Tar Lazio ha annullato una determinazione