Niente conguaglio nella bolletta dell'acqua, se l'aumento della tariffazione sia stato disposto dal gestore del servizio dopo la registrazione del consumo.

Avv. Rosario Dolce del Foro di Palermo -

Aumento in bolletta "acqua"? utente rimborsato!

In fatto. Tizio ha chiesto in giudizio (avanti l'Ufficio del Giudice di Pace di Torino) il rimborso della somma di circa 400 euro pagato alla Società che eroga il servizio idrico e che approvvigiona il proprio immobile.

Ha contestato l'importo riportato in fattura a titolo "regolazione ante 2012 - conguaglio", affermando che trattasi di importi addebitati non in forza di comuni idrici, ma in ragione di una nuova tariffazione applicata successivamente.

Ha, dunque, ritenuto che il costo di cui sopra sia frutto di un adeguamento della tariffazione sopravvenuta, che, in quanto tale, non era dovuto.

=> Acqua. Se il depuratore non funziona è legittimo lo sconto sulla bolletta

=> Il consumo addebitato in bolletta non ha alcun valore se l'utente decide di contestarlo

La società che eroga il servizio integrato idrico ha contestato la domanda proposta, rilevando come la stessa si sia limitata ad applicare la tariffa deliberata dall'ATO. Inoltre, ha precisato che, sul merito, non c'era spazi di negoziazione con il privato sull'ammontare della tariffa, attesa la natura pubblicistica degli atti amministrativi presupposti.

In particolare, l'adeguamento tariffario in disamina era frutto delle scelte dell'Autorità d'Ambito territoriale a cui faceva capo e si spiegava in ragione dell'esigenza di assicurare l'integrale copertura dei costi del servizio.


Continua a leggere l'articolo qui
Leggi tutto »

Altri utenti stanno leggendo: