Niente prorogatio se l'amministratore di condominio è stato revocato dal giudice

Avv. Giuseppe Donato Nuzzo - Foro di Lecce -

La revoca dell'amministratore di condominio disposta dal Giudice stoppa la prorogatio

Il Tribunale di Fermo, sentenza n. 608 del 12 ottobre 2017, ha stabilito che la revoca giudiziale dell'amministratore di condominio comporta la cessazione immediata dell'incarico e l'impossibilità di qualsiasi prosecuzione del rapporto, anche in regime di prorogatio imperii. Un'eventuale proroga, infatti, si porrebbe in contrasto con il decreto di revoca del giudice.

=> Amministratore condominiale in regime di prorogatio. Può essere disposta la revoca giudiziale?

Accolta la domanda della condomina che aveva impugnava la delibera condominiale, in quando l'assemblea era stata convocata dall'amministratore già cessato dalla carica,a seguito di revoca disposta con provvedimento del giudice. Respinte invece le difese del Condominio, che sosteneva la validità della delibera, in quanto l'ex amministratore aveva convocato l'assemblea in regime di prorogatio imperii.

La ratio dell'istituto della prorogatio è quella di garantire al condominio una continuità nella gestione. Le norme di riferimento sono l'art. 1129, comma 8, c.c. e l'art. 71-bis, comma 4, disp. att. c.c.

La Cassazione, in particolare, ha più volte chiarito che l'amministratore, anche quando sia scaduto, dimissionario o non rinnovato nell'incarico, continua a svolgere ad interim le sue funzioni, "salvo che sia stato revocato per giusta causa", finché l'assemblea o il giudice non ne nomini un altro al suo posto; e ciò, "non per l'ultrattività dell0investitura prodotta dal precedente atto di nomina, ma per l'esigenza di assicurare la continuità della funzione" (Cass. n. 6555/2010).

Anche alla luce della riforma del condominio, che ha inteso circoscrivere il regime della "prorogatio imperii alle attività urgenti, il Tribunale di Fermo ha ritenuto che la revoca giudiziale dell'amministratore - azionabile da ogni singolo condomino nei casi di gravi irregolarità previsti dalla legge - "comporta il venir meno dei presupposti per la prosecuzione del rapporto di mandato esistente tra le parti e dunque la sua immediata cessazione".

=> Differenza tra amministratore in prorogatio e quello regolarmente nominato

In effetti, il rimedio della revoca giudiziale è esperibile solo nei casi di gravi inadempienze, quindi in casi limitati ed esclusivi in cui la mala gestio dell'ex amministratore non consente la prosecuzione del rapporto con il condominio e l'esercizio di poteri e/o di qualsivoglia attività di rappresentanza.

Invero - si legge nella sentenza in commento - "al fine di ottenere una pronuncia giudiziale di revoca dell'amministratore, deve essere a questo addebitato un fatto tale da giustificare la risoluzione immediata del rapporto di mandato, anche a prescindere dall'inquadramento della condotta nell'elenco esemplificativo fornito dal legislatore della riforma".

È evidente - conclude il giudice marchigiano - "che le ragioni sottese alla revoca giudiziale dell'amministratore poggiano sulla violazione dei doveri impostigli dalla legge; il provvedimento giudiziale è finalizzato a sottrarre il condominio alla condotta contraria alle norme di legge.

Qualsivoglia prosecuzione del rapporto sarebbe evidentemente contraria alla finalità perseguita con la pronuncia dell'autorità giudiziaria".

=> La prorogatio imperii per garantire la continuità nell'amministrazione dell'immobile: le osservazioni utili dopo la Riforma.

Scarica Tribunale di Fermo n. 608 del 12 ottobre 2017

Iscriviti alla Newsletter per non perdere neanche un aggiornamento.
Leggi tutto »

Altri utenti stanno leggendo: