Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
89750 utenti
Registrati


Il portale N.1 sul Condominio
I condomini minimi possono usufruire della detrazione IRPEF senza codice fiscale

I condomini minimi possono usufruire della detrazione IRPEF senza codice fiscale

Il condominio minimo è svilcolato dal codice fiscale. Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate ha riconsiderato la peculiarità organizzativa e strutturale del "condominio minimo", svincolandola all'esigenza di dotarlo di un codice fiscale

Con circolare 21 maggio 2014, n. 11/E (paragrafo 4.3), l'Agenzia delle Entrate ha precisato che in presenza di un "condominio minimo", e cioè di un edificio composto da un numero non superiore a otto condomini (prima delle modifiche apportate dalla legge n. 220 del 2012 all'articolo 1129 c.c. il riferimento era a quattro condòmini), rimangono applicabili le norme civilistiche sul condominio, ad eccezione degli articoli 1129 e 1138 c.c., che disciplinano, rispettivamente, la nomina dell'amministratore (nonché l'obbligo da parte di quest'ultimo di apertura di un apposito conto corrente intestato al condominio) e il regolamento di condominio (necessario in caso di più di dieci condomini).

Ecco perchè la mancata richiesta del codice fiscale del condominio non preclude la detraibilità delle spese

Allo stesso modo, il predetto Agente ha ricordato che per gli interventi realizzati sulle parti comuni di tali edifici residenziali, la fruizione dell'agevolazione rimaneva subordinata - e ciò, bene inteso, fin dall'entrata in vigore della legge n. 449 del 1997 (che ha introdotto la detrazione in esame) - alla circostanza che il condominio sia intestatario delle fatture ed esegua, nella persona dell'amministratore o di uno dei condòmini, tutti gli adempimenti richiesti dalla normativa, compreso quello propedeutico della richiesta del codice fiscale.

Ricerca e verifica del codice fiscale del condominio

Ci si è chiesti allora se la fruizione della detrazione nei condomini minimi rimanga subordinata, anche per il nuovo periodo di riferimento,alla cura di questo ultimo adempimento.

L'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n 74/E del 02 febbraio 2016 ha dato risposta al quesito, cambiando la prassi che si è seguita sino ad oggi.

L'esigenza di semplificare gli adempimenti dei contribuenti ha, in particolare, condotto a riconsiderare le istruzioni precedentemente fornite, enfatizzandosi la peculiarità strutturale dei condomini minimi e le modalità con cui essi vengono in genere autogestiti dai singoli partecipanti.

Variazione del codice fiscale del condominio

Ed invero, nel presupposto che il pagamento sia stato effettuato mediante l'apposito bonifico bancario/postale e che, quindi, non vi sia stato pregiudizio al rispetto da parte delle banche e di Poste Italiane Spa dell'obbligo di operare la ritenuta disposta dall'art. 25 del D.L. n. 78 del 2010 all'atto dell'accredito del pagamento, l'Agenzia delle Entrate ritiene, a questo punto e per tali fattispecie, che non sia più necessario acquisire il codice fiscale del condominio.

Scissione e nuovo condominio? Allora la compagine deve dotarsi di un codice fiscale dedicato.

Nel qual caso, per beneficiare della detrazione per gli interventi edilizi e per gli interventi di riqualificazione energetica realizzati su parti comuni di un condominio minimo, i condòmini, per la quota di spettanza, possono inserire nei modelli di dichiarazione le spese sostenute utilizzando il codice fiscale del condòmino che ha effettuato il relativo bonifico.

In sede di eventuale controllo - ricorda sempre la risoluzione - il condòmino/contribuente sarà poi tenuto a dimostrare che gli interventi sono stati effettuati su parti comuni dell'edificio, e, laddove si avvalga dell'assistenza fiscale, è tenuto ad esibire, a monte, ai CAF o agli intermediari abilitati, oltre alla documentazione ordinariamente richiesta per comprovare il diritto alla agevolazione, una autocertificazione che attesti la natura dei lavori effettuati e indichi i dati catastali delle unità immobiliari facenti parte del condominio.

L'assenza del codice fiscale non determina l'inesistenza di un supercondominio

Cerca: codice fiscale condominio minimo

Interventi edili su fune.
Scopri come snellire e velocizzare gli interventi edili
alleggerendone i costi.

Commenta la notizia, interagisci...
Girocca
Girocca venerdì 11 marzo 2016 alle ore 12:19

In pratica l'Agenzia delle Entrate, con una repentina marcia indietro, ha smentito la sua stessa circolare n. 11/E del 21 maggio 2014 (quesito 4.3) e la successiva Risoluzione n. 74/E del 27 agosto 2015.

Saetta
Saetta sabato 02 aprile 2016 alle ore 12:49

Quindi i condòmini potranno portare in detrazione AUTONOMAMENTE quanto speso per i lavori eseguiti su parti comuni. In pratica se io sono un condòmino mi basterà inserire nella dichiarazione dei redditi il 50% dell'importo di ciò che ho speso, indicando il mio C.F., i dati catastali dell'immobile e barrando la casella "parte comune". Ho capito bene?

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ristrutturazione e detrazioni fiscali in condominio

Le detrazioni fiscali in caso di condominio minimo

Le detrazioni fiscali in caso di condominio minimo. Prendiamo spunto da un quesito di un nostro lettore per affrontare la tematica delle detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie nel così detto condominio

Variazione del codice fiscale del condominio

Ogni nuovo amministratore deve provvedere alla richiesta di variazione del codice fiscale. A chi spetta agire per chiedere la variazione del codice fiscale del condominio e che cosa si può fare nel caso d'inadempimento?

Ricerca e verifica del codice fiscale del condominio

Come verificare se il condominio è dotato di codice fiscale. Che cosa posso fare per sapere se un condominio è dotato di codice fiscale? Avendo il codice fiscale di un condominio che cosa posso fare per verificare