Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
89667 utenti
Registrati


Il portale N.1 sul Condominio
Manutenzione del possesso solamente se il pericolo è concreto

Manutenzione del possesso solamente se il pericolo è concreto

Che cosa si deve intendere per turbativa nel possesso

In tema di azioni a tutela del possesso, presupposto fondamentale affinché le stesse possano trovare accoglimento è che l'esercizio del possesso sia leso quanto meno da un pericolo concreto non essendo sufficiente la sola astratta possibilità che le azioni altrui possano in futuro essere di danno a tale situazione.

Questo, in somma sintesi, quanto affermato dalla Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 2291 del 5 febbraio 2016.

Il nostro ordinamento giuridico tutela il possesso, ossia “il potere sulla cosa che si manifesta in un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto reale” (art. 1140, primo comma, c.c.).

In buona sostanza una cosa è il diritto di proprietà, ossia la situazione giuridica soggettiva che ricollega la titolarità giuridica d'un bene ad un soggetto di diritto, altro il suo possesso.

Infatti può accadere che chi possiede non abbia alcun titolo (attuale) a farlo: si pensi a chi possiede e stia maturando l'usucapione della proprietà o di altro diritto reale sul bene (es. servitù). Anche in questi casi di possesso la legge riconosce tutela al possessore.

Come dire: al di là del diritto sulla cosa, il legislatore ha inteso tutelare anche la situazione materiale non chiaramente inquadrabile nell'alveo dei diritti reali.

L'azione principe che consente di tutelare il possesso, è quella prevista dall'art. 1170 del codice civile, dedicato alla così detta manutenzione del possesso.

In sostanza, in base a questa norma, chi ritiene d'essere molestato nel possesso di una cosa immobile o di una universalità di mobili può chiedere la cessazione della turbativa.

La legge pone particolari condizioni per l'esercizio dell'azione di manutenzione. In particolare, com'è specificato nel secondo comma dell'art. 1170 c.c., l'azione può essere esperita:

a) se il possesso dura da oltre un anno, continuo e non interrotto, e non è stato acquistato violentemente o clandestinamente.

b) se il possesso, invece, è stato acquistato in modo violento o clandestino, l'azione può essere esercitata, decorso un anno dal giorno in cui la violenza o la clandestinità è cessata.

Che cosa si debba intendere per turbativa nel possesso lo ha chiarito la Corte di Cassazione in molte delle sue pronunce e da ultimo con la sentenza n. 2291 menzionato in principio.

In questo caso le parti che avevano originato la causa si lamentavano che il loro vicino aveva realizzato un'autorimessa sulla sua proprietà e che ciò avrebbe potuto recare turbativa nel possesso della loro proprietà in quanto le basculanti di accesso si affacciavano sul loro cortile e questo avrebbe portato a passaggio di autovetture.

Nel corso di causa era stata anche chiarita l'esistenza di una servitù di passaggio a favore del titolare dei garages, ma non è stato questo il cuore della controversia.

Gli originari attori, poi ricorrenti in Cassazione, ritenevano che doveva essere considerata legittima l'azione di manutenzione del possesso nei casi in cui la turbativa non sia attuale, ma anche solamente potenziale, ossia che debba trovare tutela anche il pericolo di turbativa nel possesso. Il Tribunale, la Corte d'appello e poi i giudici di legittimità gli hanno dato torto.

Motivo: gli ermellini, esaminando il contenuto delle sentenze citate dai ricorrenti a sostegno della loro tesi, hanno specificato che sebbene il pericolo di turbativa del possesso possa essere a base di un'azione di manutenzione, tale pericolosità debba essere però concreta e non solamente potenziale.

Come si legge in sentenza “non basta, in definitiva, il solo pericolo astratto a consentire la tutela possessoria ma occorre, invece, un serio e concreto pericolo, anche quanto alla ventilata ipotesi di aggravamento della servitù, pericolo questo non integrato, così come opinato con apprezzamento di merito non suscettibile di censura in questa sede, perché adeguatamente motivato, dalla sola installazione di porte basculanti per i garages, porte insistenti sul terreno del proprietario di questi ultimi (come non appare contestato)” (Cass. 5 febbraio 2016 n. 2291).

=> L'installazione di una persiana nel cortile non configura turbativa del possesso.

=> Usucapione, cosa succede se il proprietario contesta il possesso?

Scarica Cass. 5 febbraio 2016 n. 2291

Cerca: possesso manutenzione turbativa

Interventi edili su fune.
Scopri come snellire e velocizzare gli interventi edili
alleggerendone i costi.

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

La canna fumaria deve essere rimossa se altera l'estetica del fabbricato.

La figlia pretende l'acquisto per usucapione dell'eppartamento concessogli da 20 anni. Troppo Facile.

La figlia pretende l'acquisto per usucapione dell'eppartamento concessogli da 20 anni. Troppo Facile. In tema di usucapione ventennale di beni immobili, il comportamento della madre, a sua volta usufruttuaria

L'installazione di una persiana nel cortile non configura turbativa del possesso.

Ecco perchè le persiane installate nel cortile non configurano una turbativa sul possesso. Il mero ruotare sui cardini delle persiane non determinano un aggravamento della servitù di veduta Il caso – Il ricorrente

Spoglio di un'area mediante la realizzazione di un muro di cinta.

L'esperibilità delle azioni di reintegrazione e manutenzione nel possesso nel caso di più compossessori. Corte di Cassazione sent. n. 16369 del Spunti di grande interesse ci fornisce la recente sentenza