Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
103253 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Le cose cadute dal balcone devono essere restituite?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Le cose cadute dal balcone devono essere restituite?

Cosa fare quando alcuni oggetti cadono nel balcone del vicino....

Avv. Alessandro Gallucci  

Se cade una cosa da un balcone nel balcone di un vicino oppure sulla sua terrazza o ancora sul tetto del gazebo, questi deve fare entrare il proprietario o comunque è tenuto a restituirlo?

Risponderemo alla domanda, come al solito fornendo gli elementi normativi di riferimenti, prendendo spunto dalla domanda posta da un frequentatore del nostro forum, che scrive:

La scorsa settimana, a causa del vento forte, sono caduti due asciugamani dal mio terrazzo a quello di un vicino. Questo prima li ha piegati e riposti su un suo vecchio armadio di plastica, quasi a farmeli notare ed il giorno dopo li ha fatti sparire.

In genere quando dai piani superiori cade qualcosa questo vicino li pone all'interno del portone su una base di marmo. Con me, siccome mi odia, li ha buttati. Come dovrò comportarmi la prossima volta?!”.

Non conosciamo i rapporti tra queste persone, né le ragioni dei risentimenti indicati, ma evidentemente esiste un modo di comportarsi ed eventualmente pretendere le cose cadute nell'altrui proprietà.

Si badi: un conto è la caduta accidentale, come in questo caso, altro il ripetuto precipitare di cose che, anche qualora involontario, ove le stesse siano pericolose può portare a conseguenze anche di carattere penale (art. 674 c.p.).

=> I lanci dal balcone dei bambini

Svolta questa premessa entriamo nel merito della questione.

Il terzo comma dell'art. 843 c.c. disciplinante l'accesso al fondo altrui recita:

Il proprietario deve parimenti permettere l'accesso a chi vuole riprendere la cosa sua che vi si trovi accidentalmente o l'animale che vi si sia riparato sfuggendo alla custodia. Il proprietario può impedire l'accesso consegnando la cosa o l'animale”.

Dalla norma è possibile trarre due conseguenze:

a) esiste sicuramente il diritto ad ottenere la restituzione delle cose, che non solo perché cadute nell'altrui proprietà divengono di proprietà di altri;

b) la restituzione può avvenire con due modalità, la cui scelta è rimessa in capo al titolare del fondo (con tale termini si individuano anche i fondi urbani, ossia anche le unità immobiliari e le loro pertinenze) che può scegliere se consentire l'accesso per il ritiro o consegnare la cosa medesima.

Per quanto non propriamente ortodosso rispetto a quanto specificato dalla norma in esame, il deposito delle cose cadute in una zona comune rappresenta comunque una modalità di restituzione.

=> Si può accedere al terrazzino adiacente una proprietà esclusiva?

La non perfetta aderenza al dettato normativo sta nel fatto che depositando la cosa in uno spazio di transito o comunque più o meno liberamente accessibile non si ha certezza che a prendere la cosa caduta sia il legittimo proprietario. Certo, visto cosa solitamente cade in condominio, è difficile pensare che si rubino le mutande degli altri.

Nel caso di specie, non è chiaro se gli asciugamani siano spariti, ossia sottratti indebitamente al legittimo proprietario, oppure semplicemente tenuti in custodia aspettando che ne venga chiesta la restituzione.

D'altra parte non si può dire con assoluta certezza che il proprietario del terrazzo sul quale sono caduti sappia di chi siano effettivamente.

Consigliamo al nostro lettore di bussare alla porta del proprio vicino e chiedere quanto di sua proprietà, magari provando a rasserenare gli animi, così da facilitare la restituzione in una prossima circostanza.

->

Si può essere condannati, anche senza essere visti, se si danneggia l'antenna del proprio vicino?

Cerca: caduta oggetti

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento