Condominioweb.com forum
 02-02-2008 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Locazioni e spese : diritti inquilino e proprietario

Spese condominiali dopo 4 anni

 
Condominioweb.com forum >
Martins
Buongiorno a tutti. Mia mamma abita in un alloggio in affitto in un supercondominio. Paga regolarmente il canone da sempre e non ha mai avuto problemi. L'immobiliare (proprietaria) ieri si è presentata dopo anni che non si faceva sentire e vedere presentando a mia mamma su un fogliettino di carta scritto a penna conguagli vari di spese non ben definite relative agli anni 2003-2004-2005-2006-2007 per un totale di circa 600 euro. Purtroppo io non ero presente, quindi mia mamma a preso solo atto della situazione e fortunatamente non ha pagato niente, per adesso. Ma è possibile che chiedano ora spese relative agli anni precedenti? non cadono in prescrizione dopo 2 anni? E' possibile avere in qualche modo i vari bilanci consuntivi del 2003-2004-2005-2006-2007 per verificare il tutto? Come si fa a sapere quali spese sono di competenza dell'inquilino e quali del proprietario? Grazie Martins
vermaccio
<<non cadono in prescrizione dopo 2 anni?>> si. quindi NULLA dovete dargli.
Giovanni1943
Io non conosco i termini di prescrizione;però una richiesta simile dovrebbe essere accompagnata da un elenco ben preciso x anno a cui si riferisce e con una tabella CHIARA che le cifre richieste sono di esclusiva spettanza all'inquilino.aLTRIMENTI "ciccia" -"articolo v°- chi ha i soldi in mano ha vinto. Se non ti danno quei giustificativi, NON PAGARE!Se voglioni farti causa, al giudice li devono portare comunque,TUTTI E BEN GIUSTIFICATI.a
Martins
Grazie per le vostre risposte. L'immobiliare possiede solo l'appartamento di mia mamma, gli altri sono quasi tutti privati. Vi ricordo che mia mamma ha sempre pagato puntualmente il canone di affitto più un acconto sulle spese condominiali, con la speranza a fine anno di vedere i conti del bilancio dell'amministratore e vedere se in fase di conguaglio doveva dare ancora dei soldi per le spese oppure no. ma questo non è mai avvenuto dal 2003 ad oggi; l'immobiliare non ci ha mai chiesto niente in più in tutti questi anni. Si è solo presentata l'altro giorno scrivendo su un pezzo di carta da formaggio (!), a penna, quattro cifre buttate lì, senza nessun giustificativo o descrizione. Ma mia mamma può chiedere all'amministratore i bilanci degli anni passati? E cos'è che ha la prescrizione di 2 anni, il canone d'affitto o il pagamento delle spese condominiali? Ciao e grazie Martins
Dello stesso argomento
Martins
Grazie a tutti. Scusate, ma anch'io non ho ancora ben chiara la situazione riguardo la prescrizione. C'è una legge? Un regolamento? Martins
gugu
Scritto da eucosta il 04 Feb 2008 - 19:53:55-] ...La prescrizione è ( credo)sulle spese ( oneri accessori)che ha tua mamma, da non confondere con le spese di condominio che ha il proprietario. Cmq stai attenta sulla prescrizione. Buongiorno, la mia situazione è analoga (+/-) nel senso che è dal 2003 che non ricevo più nè richieste telefonichè, tantomeno per iscritto, di conguaglio sulle spese condominiali. Sono conduttrice di contratto di locazione ex patti in deroga: nel canone di locazione mensile sono compresi 30,00 € di acconto per le spese condominiali (N.B.: sempre pagati unitamente all'affitto). Poichè non mi ancora chiaro il discorso della prescrizione, chiedo: vista la situazione, il proprietario può ancora richiedermi un conguaglio per tutti gli anni precedenti? Potrà presentarmi una richiesta del genere quando lascerò l'immobile? o tutto quanto sopra è prescritto? Scusate non vorrei essermi ripetuta ma non ho capito bene. GRAZIE
eucosta
Salve... attenzione dire cosi Vernaccio... è un pò... rischioso. Alcuni dicono...La prescrizione, per il debito condominiale, è quinquennale e tale termine si interrompe con la messa in mora. Quella che dici tu Vernaccio è la legge n 841 22 dicembre 1973. dagli una occhiata - http://www.sicet.it/normativa/leggi/leggi_nazionali/legge_841-73.htm Da come si presenta il problema e dice Martins la mamma abita in un alloggio in affitto quindi è un conduttore e avrà un contratto regolare da dove dovrebbe essere scritto a quali spese partecipa e cosa e come. Attenzioni quindi. Martins Da come dici non si capisce se tutto lo stabile è della proprietaria o solo il suo appartamento. cmq è tutto da leggere il contratto ciao eugenio e come diceva TOTO'...e io pago....
eucosta
ciao Martins quindi tua mamma è un conduttore e non ha niente che fare con il condominio. Devi guardare il contratto e vedere a che spese partecipa. Questa è la legge. Art. 9 Legge 27-07-1978, n. 392 Disciplina delle locazioni di immobili urbani. Oneri accessori [1] Sono interamente a carico del conduttore, salvo patto contrario, le spese relative al servizio di pulizia, al funzionamento e all'ordinaria manutenzione dell'ascensore, alla fornitura dell'acqua, dell'energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell'aria, allo spurgo dei pozzi neri e delle latrine, nonché alla fornitura di altri servizi comuni. [2] Le spese per il servizio di portineria sono a carico del conduttore nella misura del 90 per cento, salvo che le parti abbiano convenuto una misura inferiore. [3] Il pagamento deve avvenire entro due mesi dalla richiesta. Prima di effettuare il pagamento il conduttore ha diritto di ottenere l'indicazione specifica delle spese di cui ai commi precedenti con la menzione dei criteri di ripartizione. Il conduttore ha inoltre diritto di prendere visione dei documenti giustificativi delle spese effettuate. Poi cè l'articolo 10 sui conduttori verso il condominio. Art. 10 Partecipazione del conduttore all'assemblea dei condomini [1] Il conduttore ha diritto di voto, in luogo del proprietario dell'appartamento locatogli, nelle delibere dell'assemblea condominiale relative alle spese e alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento d'aria. [2] Egli ha inoltre diritto di intervenire, senza diritto di voto, sulle delibere relative alla modificazione degli altri servizi comuni. quindi se loro hanno scritto su un pezzo di carta... che fa puzza...e non solo di formaggio, devi chiedere al proprietario di prendere visone delle spese che ti chiedono, fatti fare tutte le fotocopie e un consiglio raccogli piu che puoi documenti li porti da un sindacato e fatti assistere... è più facile!!! Se vuoi chiederle all'amministratore non so se te le darà. Ma il proprietario non puo rifiutarsi. La prescrizione è ( credo)sulle spese ( oneri accessori)che ha tua mamma, da non confondere con le spese di condominio che ha il proprietario. Cmq stai attenta sulla prescrizione. anche perchè per il canone d'affitto cè lo sfratto per morosità. e non credo che si dimenticano di domandare gli affitti i proprietari... Ciaoa eugenio e come diceva TOTO'...e io pago....
eucosta
salve... allora un po di legge? ok La prescrizione e' un mezzo con cui l'ordinamento giuridico opera l'estinzione dei diritti quando il titolare non li esercita entro il termine previsto dalla legge (codice civile, art.2934 e segg.). Non tutti i diritti sono soggetti a prescrizione (per esempio la proprieta', le azioni inerenti la contestazione della paternita' e quelle di riconoscimento filiale, il riconoscimento di eredita' e le domande di divisione dei coeredi, etc.etc. ). E' bene consultare, in merito, la norma regolatrice (art.2934 c.c.). Per legge esiste una prescrizione ordinaria a cui sono riferibili tutti i crediti per i quali la legge non specifica qualcosa di diverso. Tale termine e' di dieci anni. Per determinati crediti, invece, vengono specificate delle prescrizioni brevi (di solito di cinque anni). Affitti, pigioni e ogni altro onere legato alla locazione 5 anni, art.2948 c.c. Spese condominiali 5 anni, art.2948 c.c. pero attenti alle sentenze della cassazione e tale termine si interrompe con la messa in mora. chiaroa ciao eugenio e come diceva TOTO'...e io pago....
eucosta
per Martins Come prevede l’articolo 1219 del Codice civile, la messa in mora necessita di forma legale. fax email e telefonate e... carte di formaggi non valgono. giuridicamente riconosciute sono: LA RACCOMANDATA A/R capitoa ciao eugenio e come diceva TOTO'...e io pago....
eucosta
x gugu sì... il proprietario te li può richiedere in qualsiamo momento. Anche fra dieci anni.Che fare? fino alle date che non rientrano dalla prescrizione puoi opporti, incrocia le ditaa speri se ne scordi? no... lui ti citerà per morosità tutti i dieci anni. a E' importante sapere non possono essere rilevate d'ufficio da un giudice. Cio' significa che se non ti opponi il giudice te li fa pagare tutte quindi e' necessario contestare attivamente il decorso dei termini (personalmente o attraverso un avvocato), senza aspettare che sia il giudice a rilevare il fatto. La prescrizione è da considerare subito, sia quando si intende esercitare un diritto sia quando ci vengono chiesti adempimenti (pagamenti di multe, bollette, cartelle esattoriali, etc... e i debiti condominiali di gugua). a ciao eugenio e come diceva TOTO'...e io pago....
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com