Condominioweb.com forum                   Inserisci un quesito
 07-07-2008 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Locazioni e spese : diritti inquilino e proprietario

Sfogo info diritti e doveri per i proprietari

 
Condominioweb.com forum >
zambor
salve sono nuovo del forum, complimenti l'ho trovato molto interessante. pongo la mia questione, sono in causa per uno sfratto per morosità, da inizio anno che non paga 310+25 di spese condominiali e lui lavora come lattoniere con regolare bustapaga, ora tramite avvocato sono arrivato alla sentenza per me positiva ed aspetto l'ufficiale giudiziario per un primo appuntamento/sopralluogo, l'appartamento he stato affittato arredato con regolare contratto 4+4 e regolari pagamenti F23 "per annualità successive" dall'inizio del 2006. visto l'andamento della vita e del lavoro mi rendo conto che per un camera e cucina non posso chiedere grosse cifre da cui mi dico "meglio di meno e sicuri che tanti e incerti" leggendo alcuni post vedo inquilini che si aggrappano agli specchi per intimidire i proprietari con mille e futili motivi, come se i proprietari fossero gli inquilini. ora spero di cacciare al più presto l'inquilino per i sopra indicati motivi. ma con quale spirito potrò mai riaffitare l'appartamento ?? le leggi vigenti in italia tutelano gli inquilini, ma ai proprietari chi ci pensa ?, oltre al danno doppia e tripla beffa, perche devo pagare tasse per canoni non percepiti, spese legali e giudiziarie, e condominiali. se si deve comprare un appartamento difficilmente le rate del mutuo sendono sotto i 700 euro, mentre per l'affitto piangono per 400 euro (lorde), cui vanno sottratte spese condominiali (sperando che non ci siano lavori straordinari), ici, tasse sull'immobile, tasse sull'affitto, tasse di registrazione annuali. alla fine se l'inquilino paga regolarmente cosa rimane i soldi per il caffè quotidiano ? dopo certe esperienze si diventa per forza più duri verso gli inquilini, come ci si tutela contro certi comportamenti (un assicurazione ?) scusate ma avevo più di un rospo da rigurgitare e vorrei che mi rispondessero molti inquilini per sentire un parere. grazie
Giuseppina
Scritto da gugu il 03 Lug 2008 - 16:15:35:
Purtroppo nel ns. paese la proprietà è supertassata, ma rimane pur sempre proprietà, situazione diversa da chi proprietà non ne ha. Non voglio fare un discorso di classe, ma come si fa a dire che i proprietari sono la parte debole della situazione??
Lo sono, lo sono. Almeno dal punto di vista proprietario/affittuario, il secondo è sicuramente molto avantaggiato rispetto al primo soprattutto se è disonesto. Leggi le varie esperienze e te ne renderai conto. Giuseppina
diemme
Zambor consòlati : quelli che danno in affitto un locale commerciale stanno ancora peggio! L'inquilino negoziante aumenta le sue merci senza ritegno.... ma gli è garantito che l'aumento Istat (chissà perchè) è solo il 75% di quello misurato dall'Istat (che a propria volta è il 50% di quello reale). In più.... al proprietario conviene fornirsi al negozio dell'inquilino e fargli pubblicità.... perchè se ci fallisce dentro ha fatto strike! a
brunella
buonasera a tt, a proposito di inquilini e proprietari...io sono un'inquilina, tanto per cominciare. quattro anni fa mentre firmavo contratto mi è stato comunicato dal proprietario che il pagamento era la metà a nero il resto in contanti, senza possibilità di assegni e con pagamento diretto della sottoscritta, senza terze persone, eventuali testimoni. trovandomi in una situazione "capestro" accettai. ovvio che nn ho avuto possibilità di accedere ad agevolazioni per libri di testo per mia figlia ed altro, perchè la dichiarazione ISEE risentiva del fatto che corrispondevo al proprietario una cifra irrisoria. il problema che vorrei mi aiutaste a capire è questo: a settembre scade il quarto anno di locazione ed io ho diritto ad altri quattro anni. giusto? poichè mia figlia deve frequentare l'università è ovvio che se dichiarassi quello che pago effettivamente di affitto avrei grandi agevolazioni e che mi spetterebbero anche perchè sono da sola a provvedere a tutto, con grandi sacrifici. domanda: è possibile che io chieda al proprietario che dal mese di settembre riscriva il contratto con la somma che effettivamente pago puntualmente? vi ringrazio tanto se poteste delucidarmi in merito un saluto a tuttiaa
Dello stesso argomento
brunella
ciao a tt, grazie gugu, sei stato gentilissimo. in effetti avevo qualche dubbio sulle possibilità di riscatto da questa situazione "capestro"... io, cmq, i testimoni me li sono creati...andando a pagare con qualcun altro. ma hai ragione tu, quando si innesca questa rivalsa, meglio cambiar casa. ora rifletterò...e soprattutto rifletterò sul fatto che tanta gente cosiddetta "perbene" mostri il suo lato peggiore quando ha a che fare con interessi in denaro... n.b. il proprietario è persona conosciuta, stimata e noto professionista che nn possiede solo il mio appartamento bensì almeno un'altra cinquantina. che gentaglia! scusate lo sfogo, un grazie a che mi ha risposto e a chi lo voleva fare ma nn ne ha avuto il tempo. buone vacanze..ma se ritenete potete continuare a dire la vostra opinione, io la leggerò e, certamente, mi sarà di conforto.a
LALLINA
Devo purtroppo dissentire da quanto dici:
Scritto da gugu il 28 Lug 2008 - 12:32:27:
e/o gli inquilini disonesti e morosi (che comunque non sono la norma) [...]
Non saranno la norma, ma su una città come Torino, nel 2007, a fronte di circa 20.000 nuovi contratti di locazione, ci sono state 2.718 richieste di sfratto (di cui 2.255 per morosità e 463 per finita locazione). I tempi, si sà, sono biblici, senza contare i blocchi concessi dai vari Governi (22 dal 1978 all'ultimo di febbraio 2008). Quindi, a fronte di una tassazione pari al 45% circa, non si ha alcuna garanzia di riottenere il proprio bene nei tempi concordati (4+4).
Scritto da gugu il 28 Lug 2008 - 12:32:27:
egli è innanzittutto, il proprietario del bene, l'inquilino paga semplicemente per usufruirne, e alla fine della fiera, anche l'inquilino corre il rischio di rimanere fregato se il proprietario ha necessità dell'alloggio e lo rivuole, prima o poi quell'inquilino dovrà cercare un'altra sistemazione. [...]
Non ci trovo nulla di strano, ne ci vedo alcuna "fregatura" nel fatto che se una cosa non è tua, pur pagandone l'utilizzo, prima o poi dovrai renderla.
Scritto da gugu il 28 Lug 2008 - 12:32:27:
i proprietari vogliono garanzie dagli inquilini perchè chi ti conosce? ma l'inquilino può vantare lo stesso diritto? [...]
a Questa è bellissima!!! Il proprietario consegna all'inquilino le chiavi di un bene (del valore ad esempio di 200.000euro) e deve pure fornirgli garanzie!!!!!
LALLINA
Scritto da gugu il 28 Lug 2008 - 16:49:46:
Proprietari di immobili del valore di 200.000,00 (taluni acquistati quando c'era la lira con un costo di 60-100 milioni) che ti affittano casa loro [...]
Innanzitutto non puoi sapere quanto l'immobile è stato pagato e quanti sacrifici sia costato.
Scritto da gugu il 28 Lug 2008 - 16:49:46:
si rifiutano sin da subito di apportare qualsivoglia miglioria,[...]
Per quale motivo uno dovrebbe apportare delle migliorie? Quando propongo un'immobile valuto la richiesta del canone in base allo stato di fatto. Si tratta e si raggiunge un accordo. E' come quando compri un'auto usata... non puoi prima concordare il prezzo e dopo chiedere le gomme nuove e lucidatura della carrozzeria.
LALLINA
Scritto da rachele.b il 28 Lug 2008 - 17:35:22:
anche i proprietari onesti dovrebbero affittare a canoni ragionevoli, non pretendere cifre allucinanti per posti disgraziati, perchè nella vita capita di essere nella m.. ed avere problemi, io ho dovuto andarmene per una serie di motivi, ma il signor ex propriatario si è rifiutato di abbassarmi il canone di 50 EURO AL MESE!!! adesso ne pago 120 di meno da un'altra parte ma nello stesso condominio... non so se rendo l'idea....a
Pur comprendendo le difficoltà economiche che ciascuno può avere, non si può pretendere che siano i proprietari (cittadini privati) a doverli risolvere. Non tocca a loro, non sono enti assistenziali.
LALLINA
Scritto da gugu il 29 Lug 2008 - 11:06:54:
Gli accordi e le leggi prevedono che in caso di malfunzionamento di qualcosa dovuto non a normale usura ma a vetustà, il proprietario abbia l'onere della spesa: ciò non sempre accade [...]
Non è la stessa cosa di cui parlavamo prima:
Scritto da gugu il 28 Lug 2008 - 16:49:46:
ti affittano casa loro e si rifiutano sin da subito di apportare qualsivoglia miglioria, [...]
Ti invito a leggere questa: http://www.condominioweb.com/forum/49414&searchterm=stato Modificato Da - LALLINA il 29 Lug 2008 12:17:28
LALLINA
Scritto da rachele.b il 29 Lug 2008 - 10:49:20:
. certo che proprietari non sono enti assistenziali .. però se hai 30-35 appartamenti, li affitti a prezzi assurdi, da 40 anni non effettui nessuna manutenzione, convinci gli altri condomini che la disinfestazione costa troppo quindi regali ospiti indesiderati ai tuoi inquilini [...]
Cosa centra se uno ha 1, 30 o 100 appartamenti?? Non è tenuto a fare assistenza!!! Il proprietario offre, l'inquilino è libero di accettare o meno. Se questo signore affitta a prezzi assurdi, non fa manutenzione ecc. se è così disonesto, dovrebbe trovarsi tutti gli appartamenti vuoti. Il fatto che si sia rifiutato di abbassare il canone di 50€ è probabilmente perchè avendo molti appartamenti ha l'aliquota irpef più alta (a differenza dell'altro proprietario).
LALLINA
Scritto da gugu il 29 Lug 2008 - 12:26:39:
Però, il proprietario di 30 appartamenti non se la passa così male rispetto al proprietario di un singolo alloggio, no?
Non è questo il punto. Cosa centra se uno se la passa bene o male.... Allora perchè non pretendiamo che i supermercati (che guadagnano molto) non regalino il pane???? Come si è abbassato il potere di acquisto di uno stipendio medio, altrettanto si è svalutato l'incasso di un affitto. Poniamo l'esempio di un ufficio locato nel 1996 all'equivalente di 1000 euro. Con l'incasso mensile di quel locale il proprietario ci comprava 1.080 litri di benzina o 950kg di pane. Oggi (con tutti gli aumenti Istat) il canone mensile è di circa 1.200euro, equivalenti a 800 litri di benzina o 450kg di pane. Un proprietario che oggi deve locare nuovamente lo stesso ufficio, sapendo che per 12 anni il solo aumento Istat non gli consentirà di adeguare il canone, mettendo in conto i rischi di mancati incassi e/o danni, non può chiedere meno di 1900/2000. E per questo non deve essere additato come un furfante... E se il mercato prevede un affitto di 1000€ per un bilocale, non puoi fare la guerra, devi solo cercare altrove.
rachele.b
caro zambor a leggere l'inizio del tuo post viene da pensare diciamo così "il mio inquilino fa il lattoniere" non vedo l'ora di cacciarlo.."immagino che con quel lavoro prenda uno stipendio da favola..forse se hai tanti dubbi e pensi di ricadere nelle stesse situazioni meglio vendere no? ricavi un bel gruzzoletto, perchè sicuramente il tuo appartamento sarà perfettamente a norma, in ottime condizioni ecc..a
rachele.b
ultimamente ho scritto al pc per un conoscente il contratto d'affitto che vorrebbe registrare come locatore: 20 mq di negozio + seminterrato in periferia inoltrata (siamo a 2km da fuori milano) 1700 euro al mese!!! già maggiorato del 20% dopo la prima scadenza , con anticipo di 4500 euro senza il minimo riferimento ad interessi legali, pieno zeppo di clausole vessatorie, prticamente sto poveraccio di conduttore dovrà solo pagare, pagare pagare, ma io dico? con i tempi che corrono uno si rende conto che è già una fortuna arrivare a prendere l'affitto ogni mese? nooo, vogliono sempre di più, se si rompe qualcosa sto poveraccio gli deve rifare il negozio quasi quasi...incredibile..e si lamentano.. il mio ex locatore aveva una trentina di appartamenti, canoni alti per la zona, il vizietto di fare gli aggiornamenti istat inventandoseli, non mi ha mai fatto vedere rendiconti di spese in 5 anni, si è vantato di non aver MAI resttituito interessi su cauzioni a nessuno, preferiva affittare a poveri pensionati ignoranti, o stranieri, o gente che non ha minima idea dei suoi diritti. gli ho restituito il suo monolocale di 30 mq a 700 euro al mese infestato da scarafaggi con un certo sollievo
rachele.b
anche i proprietari onesti dovrebbero affittare a canoni ragionevoli, non pretendere cifre allucinanti per posti disgraziati, perchè nella vita capita di essere nella m.. ed avere problemi, io ho dovuto andarmene per una serie di motivi, ma il signor ex propriatario si è rifiutato di abbassarmi il canone di 50 EURO AL MESE!!! adesso ne pago 120 di meno da un'altra parte ma nello stesso condominio... non so se rendo l'idea....a
rachele.b
quando leggo certe cose.. certo che proprietari non sono enti assistenziali .. però se hai 30-35 appartamenti, li affitti a prezzi assurdi, da 40 anni non effettui nessuna manutenzione, convinci gli altri condomini che la disinfestazione costa troppo quindi regali ospiti indesiderati ai tuoi inquilini come ti devo chiamare? (nel quartiere lo chiamano " usuraio" e mi piacerebbe tanto tanto tanto fare una segnalazione alla GDF) io ho avuto la fortuna, dopo che si è rifiutato di abbassarmi il canone di 50 euro, di trovare altro appartamento in fretta senza grandi spese di trasloco, ed ancora una volta sono stata onesta, ho pagato tutto . quando lo incontro mi viene da vomitare. e chi non riesce? ci si trova in mezzo una strada? perchè parliamoci chiaro, il rischio è questo.
rachele.b
quando leggo certe cose.. certo che proprietari non sono enti assistenziali .. però se hai 30-35 appartamenti, li affitti a prezzi assurdi, da 40 anni non effettui nessuna manutenzione, convinci gli altri condomini che la disinfestazione costa troppo quindi regali ospiti indesiderati ai tuoi inquilini come ti devo chiamare? (nel quartiere lo chiamano " usuraio" e mi piacerebbe tanto tanto tanto fare una segnalazione alla GDF) io ho avuto la fortuna, dopo che si è rifiutato di abbassarmi il canone di 50 euro, di trovare altro appartamento in fretta senza grandi spese di trasloco, ed ancora una volta sono stata onesta, ho pagato tutto . quando lo incontro mi viene da vomitare. e chi non riesce? ci si trova in mezzo una strada? perchè parliamoci chiaro, il rischio è questo.
rachele.b
direi che gugu ha capito l'andazzo..mentre lallina fa finta di non capire.. se il suo soprannome nel quartiere è "usuraio" qulacosa vorrà dire.. e in un precedente post ho specificato, i suoi appartamenti non somo vuoti perchè li affitta "bene" cioè a pensionati ignoranti (che ignorano ovviamente) o stranieri, gente che non ha la minima idea di cosa siano interessi su cauzione, che pensa di dover pagare ogni singola cosa, senza MAI vedere una pezza giustificativa, ecc fai un po il conto degli aggiornamenti istat inventati su una trentina d'appartamenti.. SOLO a me in 5 anni ha FREGATO perchè c'è solo questo termine 700-800 euro..no no ma continuiamo a difenderlo...e aggiungo anche che grazie a questo forum ho imparato tante cose, e non ho potuto ricorrere al sunia per riavere indietro i MIEI soldi per la quota d'iscrizione di 7o euro..
Cami
un proprietario furfante? come ci sono inquilini furfanti.. e allora? Sinceramente non ho capito dove volete arrivare... in ogni categoria ci sono persone poco serie. E, gugu, può anche essere che il proprietario di 30 immobili se la passi meglio di quello di un solo immobile ma allora cosa vorresti? che lui affittasse ad un canone inferiore a quello di mercato??? Tutti in affitto dal Berlusca!a
Concettì®
Gli affitti non sono tutti di 400 euro, magari. Io ne pago 750 a milano e ti danno tugurii. La rata del mutuo della casa che ho deciso di comprare mi viene uguale. Sono giunta alla conclusione che avere una casa propria (e non due che già mi sembra super lusso)sia il massimo della vita oggi, visto quanto si spende per sopravvivere. Auguri
cincor
Eccome se ti capisco! Nei miei ultimi 7 anni da inquilina mi è capitato: - proprietario privato con decine di immobili di proprietà sordo a qualsiasi richiesta di sistemare piccole e grandi cose di sua spettanza; - piccolo proprietario di casa ammobiliata che pretendeva di entrare a controllare ogni mese che io non fossero tolti/aggiunti mobili e che, fra l'altro, pretendeva di tenere alcuni mobili occupati con le sue cose (e quindi di poter venire a prenderseli quando voleva); - proprietario di un intero stabile che, ad appena un anno dalla stipula del contratto, raddoppia le spese... Senza dire dei comportamenti "poco seri" alle mie regolari disdette dei contratti... E senza dire delle lunghe ricerche, ogni volta, per trovare un'abitazione decente come rapporto qualità/prezzo: l'inquilino deve fornire mille garanzie (una volta hanno persino telefonato ai miei suoceri per informazioni!!!), mentre quasi tutti i proprietari rispondono stizziti (se rispondono) alle richieste di informazioni prima della stipula del contratto(conoscere prospetto spese, vedere il regolamento condominiale)...
nillo
e poi se succede come a me che da dicembre non paga l'affitto e le spese condominiali, e il giudice alla richiesta di sfratto ha dato alla prima udienza 30 giorni di tempo per saldare il tutto,cosa non avvenuta e oggi le ha dato altri sessanta giorni di tempo sempre per saldare il tutto e poi ....... spero che non le dia alla scadenza dei 60 giorni altra proroga, perchè a questo punto sono io a chiedere un mutuo per pagare le sue spese condominiali e relative tasse. e pensare che è una persona con lavoro fisso da barista e paga € 500 di appartamento bilocale completamento arredato e ristrutturato a nuovo.
gugu
Scritto da zambor il 03 Lug 2008 - 15:41:37:
salve sono nuovo del forum, complimenti l'ho trovato molto interessante. pongo la mia questione, sono in causa per uno sfratto per morosità, da inizio anno che non paga 310+25 di spese condominiali e lui lavora come lattoniere con regolare bustapaga, ora tramite avvocato sono arrivato alla sentenza per me positiva ed aspetto l'ufficiale giudiziario per un primo appuntamento/sopralluogo, l'appartamento he stato affittato arredato con regolare contratto 4+4 e regolari pagamenti F23 "per annualità successive" dall'inizio del 2006. vist [...]
Il parere di un'inquilina. Questione di punti di vista: ci sono proprietari che sono squali e strozzini, ed inquilini che non chiedono altro che avere un alloggio decoroso ad un canone ragionevole disposti regolarmente a pagarlo. Purtroppo nel ns. paese la proprietà è supertassata, ma rimane pur sempre proprietà, situazione diversa da chi proprietà non ne ha. Non voglio fare un discorso di classe, ma come si fa a dire che i proprietari sono la parte debole della situazione??
gugu
Scritto da rachele.b il 03 Lug 2008 - 17:15:24:
caro zambor a leggere l'inizio del tuo post viene da pensare diciamo così "il mio inquilino fa il lattoniere" non vedo l'ora di cacciarlo.."immagino che con quel lavoro prenda uno stipendio da favola..forse se hai tanti dubbi e pensi di ricadere nelle stesse situazioni meglio vendere no? ricavi un bel gruzzoletto, perchè sicuramente il tuo appartamento sarà perfettamente a norma, in ottime condizioni ecc..a
a me sembra invece che nell'inizio post zambor ha voluto solo specificare che l'inquilino lavora, il tipo di lavoro e di conseguenza che ha reddito...ma che non paga...non penso fosse una critica al mestiere di lattoniere. Modificato Da - gugu il 03 Lug 2008 17:53:01
gugu
Scritto da alefiore il 25 Lug 2008 - 15:28:37:
Salve, vorrei dire che i proprietari si lamentano sempre.....io non li riterrei la parte debole perchè quando una persona cerca casa deve fornire loro innanzitutto tutte le referenze possibili e immaginabili, poi comunque si riservano il diritto di selezione dell'inquilino a loro piacimento e a loro comodo (chi paga di più). Io ho una controversia con un conduttore di Firenze che mi ha affittato una soffitta con contratto transitorio e ora, dopo che le ho chiesto se era possibile avere tutte le [...]
Lamentarsi è ragione comune nel nostro paese, lo fanno tutti ma proprio tutti ricchi (ancora di più) e poveri. Pienamente d'accordo siamo la parte debole, il mercato immobiliare della locazione fa veramente schifo ma economia insegna è proprio la legge della domanda e dell'offerta. Sfogo inutile, lo so (anch'io mi lamento)
gugu
Scritto da lulu1812 il 27 Lug 2008 - 00:28:30:
salve a tutti, io penso che non sia una questione che riguarda la categoria inquilini e proprietari, ma bensì il problema è tra persone oneste e persone disoneste, tra chi se ne approfitta e tra chi subisce e questi si celano sia dietro i proprietari che gli inquilini nell'eguale misura e comunque lasciamo perdere le leggi di altri paesi e pensiamo solo che la casa è uno dei diritti primari di ogni essere umano come il cibo e che con uno stipendio da euro 1000 e un affitto da euro 500 che pure [...]
perfetto! hai evidenziato in poche righe come stanno le cose.
gugu
Contrattualmente il proprietario, nonostante il regime fiscale e/o gli inquilini disonesti e morosi (che comunque non sono la norma) ha maggior potere, egli è innanzittutto, il proprietario del bene, l'inquilino paga semplicemente per usufruirne, e alla fine della fiera, anche l'inquilino corre il rischio di rimanere fregato se il proprietario ha necessità dell'alloggio e lo rivuole, prima o poi quell'inquilino dovrà cercare un'altra sistemazione. Allora, i proprietari dicono di avere difficoltà a riavere i loro immobili ecc. ecc., ma rimane il fatto che ne hanno la titolarità (e ci mancherebbe mi risponderete) l'inquilino per posizione reddituale ed economica diversa non è titolare di un bel niente. Questo è il motivo per cui obiettivamente gli inquilini sono la parte debole (contrattualmente). Domanda: i proprietari vogliono garanzie dagli inquilini perchè chi ti conosce? ma l'inquilino può vantare lo stesso diritto? In fondo che ne so io di un proprietario conosciuto per caso sul mercato immobiliare??? Scusate attirerò un vespaio, ma prendiamo questa realtà per quello che è in tutte le sue sfaccettature.
gugu
Sapevo bene a cosa andavo incontro con le mie considerazioni. Ma. Proprietari di immobili del valore di 200.000,00 (taluni acquistati quando c'era la lira con un costo di 60-100 milioni) che ti affittano casa loro e si rifiutano sin da subito di apportare qualsivoglia miglioria, nè di rimborsare l'inquilino per eventuali spese notoriamente (per legge) a carico del locatore. Questo intendo. Non discuto il concetto di proprietà, ma la speculazione di alcuni fra i proprietari a discapito dei meno abbienti e privilegiati inquilini. Lo so che non verrò capita... a
gugu
Scritto da cincor il 28 Lug 2008 - 17:17:23:
Eccome se ti capisco! Nei miei ultimi 7 anni da inquilina mi è capitato: - proprietario privato con decine di immobili di proprietà sordo a qualsiasi richiesta di sistemare piccole e grandi cose di sua spettanza; - piccolo proprietario di casa ammobiliata che pretendeva di entrare a controllare ogni mese che io non fossero tolti/aggiunti mobili e che, fra l'altro, pretendeva di tenere alcuni mobili occupati con le sue cose (e quindi di poter venire a prenderseli quando voleva); - proprietari [...]
Benissimo intendevo proprio tutto quanto sopradescritto!! Allora signori proprietari capite perchè mi permetto di dire che davvero siamo la parte debole?? Mettiamola così: inquilina onesta, ma non fessa, pretende massima serietà da proprietario onesto. Rapporto di uguaglianza morale!!! Se il cielo volesse...
gugu
Si, l'errore è dello Stato, della giustizia, del fisco e compagnia bella. Utopia, ma lo Stato siamo tutti noi che abbiamo delegato altri che ci tutelano male. Mettiamola così, è tutto troppo caro e salato per tutti, da una parte e dall'altra (in questo contesto). Un'ultima inutile considerazione: gli stipendi sono rimasti quelli che sono, ogni altra cosa è stata adeguata, rivalutata, aumentata a dismisura. Per questi motivi è intollerabile che gli affitti siano così cari, che trovare casa in locazione abbia un costo (compreso di compensi alle agenzie) così oneroso a fronte di modesti redditi.
gugu
Scritto da LALLINA il 29 Lug 2008 - 09:36:38:
Per quale motivo uno dovrebbe apportare delle migliorie? Quando propongo un'immobile valuto la richiesta del canone in base allo stato di fatto. Si tratta e si raggiunge un accordo. E' come quando compri un'auto usata... non puoi prima concordare il prezzo e dopo chiedere le gomme nuove e lucidatura della carrozzeria.
1.- Lallina e Jordan e altri proprietari nelle vs. situazioni: non discuto su quanto a Voi accaduto, non è una presa di posizione assoluta contro i proprietari, ma parlo da inquilina onesta, con concrete e tangibili difficoltà a trovare altrettanto...(mi sono imbattuta in agenzie strozzine, che a fronte di compensi elevati, richieste esagerate di garanzie (non sono mutui ma affitti), propongono canoni altrettanto maggiorati e gonfiati). 2.- apportare migliorie in caso di danno: Gli accordi e le leggi prevedono che in caso di malfunzionamento di qualcosa dovuto non a normale usura ma a vetustà, il proprietario abbia l'onere della spesa: ciò non sempre accade, il locatore spesso fa storie e l'inquilino inizia a discutere, talvolta inutilmente... questo intendo. Ci sono proprietari che acquistano alloggi per investimento, li affittano a cifre esorbitanti per pagarsi il mutuo. Questa è prassi consolidata. 3.- Nel rispetto dei sacrifici sostenuti per l'acquisto della prima casa, preciso che con l'avvento dell'euro il mercato immobiliare, che non è mai crollato, ha alzato la quota. Pertanto, su piazza vi sono alloggi che a fronte di un acquisto pagato in lire, hanno raddoppiato il loro valore (e anche più). Quando un immobile viene messo in vendita, molto spesso è caricato di parecchio: il ragionamento che le agenzie fanno ai proprietari è il seguente: si prova a piazzarlo sul mercato con questo ricarico, per scendere di prezzo c'è sempre tempo. Torno a ripetere che uno stipendio non è lievitato altrettanto. Queste sono le leggi del mercato lo so benissimo, ma di fondo ci sono delle sperequazioni incredibili.
gugu
Scritto da LALLINA il 29 Lug 2008 - 12:09:18:

Però era ciò che intendevo dire io, non mi ero spiegata bene! a Modificato Da - gugu il 29 Lug 2008 12:15:43
gugu
E qua ritorniamo daccapo: lo Stato preme fiscalmente e il proprietario si rivale sull'inquilino. Però, il proprietario di 30 appartamenti non se la passa così male rispetto al proprietario di un singolo alloggio, no?
gugu
Scritto da Cami il 29 Lug 2008 - 16:04:19:
un proprietario furfante? come ci sono inquilini furfanti.. e allora? Sinceramente non ho capito dove volete arrivare... in ogni categoria ci sono persone poco serie. E, gugu, può anche essere che il proprietario di 30 immobili se la passi meglio di quello di un solo immobile ma allora cosa vorresti? che lui affittasse ad un canone inferiore a quello di mercato??? Tutti in affitto dal Berlusca!a
Scusami ma se il mercato prevedesse un affitto di 1000€ per un bilocale dovrei sottostare alle richieste del mercato? Non mi interessa fare la guerra ai proprietari o a chicchessia, voglio più equità è tutto.
gugu
Non penso, ma chiedo conferma ad altri, si possa riscrivere il contratto, in quanto è la prima scadenza dei 4 anni, esso si rinnova automaticamente salvo disdetta delle parti nei 6 mesi antecendenti la scadenza. Nessuno ha dato disdetta e il contratto è prorogato di altri 4 anni alle condizioni originarie (canone ecc.) salvo i soliti adeguamenti istat e la registrazione annuale. Praticamente nel contratto è stato dichiarato tot al mese ma tu paghi una differenza in nero non documentata e non provabile. Puoi mettere il proprietario alle strette ma trattandosi di furbetto non saprei (si è cautelato bene: no assegni, no tracce, no testimoni). Io cambierei casa.
gugu
Potresti ANCHE optare per il solo pagamento di ciò che viene dichiarato (Ogni pattuizione volta a derogare i termini di durata del contratto è nulla, così come ogni accordo volto a determinare un canone superiore a quello risultante nel contratto. L'inquilino può chiedere indietro quanto corrisposto in più entro sei mesi dalla riconsegna dell'immobile: L.431/98, ma quest'ultimo fatto tu non puoi provarlo). In ogni caso dovrai però cambiar casa, il tuo proprietario potrebbe renderti la vita infernale. Li è tutto da vedere e decidere.
Jordan
Scritto da zambor il 05 Lug 2008 - 08:43:28:
il punto della situazione sono le troppe tutele che li inquilini hanno, bisognerebbe cacciarlie cambiare la serratura non appena non pagano un canone e chiederli anche i danni, certa gente se ne approfitta dell'impunità delle leggi italiane, questa gente come nel aso del tuo ed il mio inquilino provabilmente sono alla ricerca continua di come sottrarsi ai propri obblighi, non mi stupirebbe che nel loro lavoro risultino dei fannulloni totali, che oltre che essere mantenuti l'appartamento.... bisognerebbe copiare l leggi americane dove se non paghi ti buttano fuori a calci, dove se sei un lavativo ti cacciano seduta stante dal lavoro, e dove se delinqui ti ficcano in carcere, altro che promuovere leggi sociali capestro.
Sono pienamente d'accordo. Negli Stati Uniti se non paghi l'affitto, ti danno 30 giorni per uscire, no un decennio! E se non esci, ti mandano lo sceriffo (magistrato da voi) a sfrattarti immediatamente. I proprietari nelgi USA hanno doveri, MA anche diritti. Le leggi Italiane promuovono la disonesta', i farabutti e tutti i "furbi" che credono lo stato dovrebbe provvedere a i loro bisogni alle spalle di decenti cittadini, mentre loro si fanno la vacanza. Viene il voltastomaco solo a pensarci. Leggi che puniscono i giusti e ricompensano i malfattori sono abominevoli. Modificato Da - Jordan il 05 Lug 2008 18:02:14
Jordan
Ottima idea! A quelli che alla fine di un contratto sfacciatamente si rifiutano di rispettare la loro porzione dei patti - come se i proprietari fossero l'assistenza sociale - bisognerebe aumentare di 3 volte l'affitto, cosi' da smuoverli in breve tempo. Un'altra cosa...se uno non paga i canoni, la caparra non dovrebbe essere restituita, e certo non con gli interessi!? Quali persone intelligenti creano codici civili che non hanno ne' coda, ne' capo.
Jordan
quote:
alefiore ha scritto: "Io ho una controversia con un conduttore di Firenze che mi ha affittato una soffitta con contratto tra
Sicuramente volevi scrivere locatore. Il conduttore sei tu. Se fosse vero che gli inquilini sono la parte piu' debole, allora non ci sarebbe una moltitudine di proprietari che non hanno altra scelta ma di ricorrere ad avvocati e giudici per fare valere i loro diritti.
quote:
alefiore: "quando una persona cerca casa deve fornire loro innanzitutto tutte le referenze possibili e immaginabili, poi comunque si riservano il diritto di selezione..
E' il minimo che un proprietario puo' richiedere, perche' quando una va "per fiducia" a occhi chiusi, basata su niente, rimane spesso fregato. Modificato Da - Jordan il 25 Lug 2008 22:57:28
Jordan
Scritto da lulu1812 il 27 Lug 2008 - 00:28:30:
salve a tutti, io penso che non sia una questione che riguarda la categoria inquilini e proprietari, ma bensì il problema è tra persone oneste e persone disoneste, tra chi se ne approfitta e tra chi subisce e questi si celano sia dietro i proprietari che gli inquilini nell'eguale misura e comunque lasciamo perdere le leggi di altri paesi e pensiamo solo che la casa è uno dei diritti primari di ogni essere umano come il cibo e che con uno stipendio da euro 1000 e un affitto da euro 500 che pure [...]
Nessuno penso voglia contraddire che l'onesta' o la disonesta' sono alla base dei comportamenti umani. Comunque, e' palese che la legge chiude gli occhi quando e' un inquilino a non rispettare i patti. Altrimenti alla fine di un contratto permetterebbe al proprietario di cacciare fuori - tempestivamente - l'inquilino moroso o no, che decide di fare il prepotente. Essere proprietari di un bene e avere le mani legate non e' una piacevole esperienza. L'Italia ha molto da imparare da come le cose sono fatte all'estero. Il fatto che qualcosa sia un "diritto primario" non significa che gli "altri" ti debbono dare da mangiare. Lo stesso vale per la casa. Le persone sagaci e oneste affittano case che si possono permettere, non quelle al di fuori della loro situazione finanziaria, per poi pretendere che i proprietari ci rimettano.
Jordan
quote:
Gugu ha scritto: l'inquilino per posizione reddituale ed economica diversa non è titolare di un bel niente.
Non dimenticare che molti proprietari sono stati prima inquilini e capiscono gli obblighi e i diritti che gli spettano. Cosi' come vuoi validata la tua esperienza da inquilina, dovresti capire che esistono proprietari su questo forum ed altrove che subiscono vere ingiustizie e non c'e' legge che li difenda. Io sono comproprietaria di una casa che mia madre per sbaglio ha affittato a meta' del valore. Essendo mia madre anziana e bonacciona gli inquilini sanno come raggirarla. Pur sapendo che era loro dovere pagare la tassa sulla spazzatura, hanno lasciato - per piu' di un anno - che lo facesse mia madre che di queste cose non se ne intendeva, finche' mia sorella non ha rimediato al problema. Hanno persino convinto mia madre a pagare l'affitto a meta' del mese con delle storie, che se anche vere, non sono problemi di mia madre. Non pagano nessun interesse, che per legge le e' dovuto. Mia madre si lascia intenerire e questi se ne approfittano al punto che non permette a me e mia sorella di intrometterci e fare i nostri ed i suoi interessi. Questi mascalzoni non hanno mai pagato l'acqua da 4+ anni, ne' l'aumento istat che nel contratto e' automatico e puoi' star certa che quando riceveranno notifica di sfratto 6 mesi prima della scadenza dei 4+4, dovro' iniziare una causa per riavere l'uso della mia proprieta'. Due anni fa, quando c'e' stato un problema con il bagno, hanno immediatamente contattato mia madre che subito ha fatto i lavori a spese sue, senza neppure ricevere una fattura, visto che l'idraulico e' stato assunto dall'inquilino. Nel frattempo ci stiamo perdendo bei quattrini a cui si aggiungeranno quelli della causa. In piu' secondo le leggi italiane - dopo tutto questo - dovro' ritornare la cauzione + interessi. Ci sono proprietari che vanno oltre il loro dovere e inquilini mascalzoni. La mia storia non e' rara.
Jordan
Scritto da rachele.b il 28 Lug 2008 - 17:35:22:
... il signor ex propriatario si è rifiutato di abbassarmi il canone di 50 EURO AL MESE!!! adesso ne pago 120 di meno da un'altra parte ma nello stesso condominio... non so se rendo l'idea....a
Proprio come dicevo io. Se un affitto e' troppo alto, si continua a cercare finche' non si trova quello che si puo'/vuole spendere.
zambor
grazie per la tua opinione e risposta, apprezzo quanto dici. si certo come già detto prima "meglio meno ma sicuri che....." e anche li non sono neanche sicuri, ma vivo in una grande città non in un paesino, e comunque se non si hanno conoscenti o parenti a cui affittare come si fà ? dunque in pratica per essere sicuri di prendere l'affitto tutti i mesi bisignerebbe non affittarlo a poco ma addirittura per un tozzo di pane duro, perche tra spese e tasse ti rimangono solo i soldi per il pane duro. "o poveri noi proprietari di casa siamo diventati degli assistenti sociali" per fare un esempio chi vuol comprare casa deve fare un mutuo almeno ventennale, di circa 700 euro mensili con relativi interessi, + pagarsi le spese condominiali di proprietà ed eventuali lavori straordinari, le tasse sull'immobile (e non parlo dell'ici),riscaldamento, e cosi via, mentre un inquilino solo 400 euro +/-, allora cosa conviene, vivere in affitto o acuistare casa?
zambor
per diemme: a si, cavolo! , e cosa succeede se l'attività fallisce ?. per samar: si anchio fino poco tempo fà la pensavo cosi, ora invece............, e comunque per ora vedo ti conviene stare in affitto "agevolato"..... per rachele.b: già, stavo appunto pensando a questa soluzione, e credo sia la migliore possibile, un bel gruzzoletto subito, senza tasse e senza preoccupazioni sulle spalle. per guru: io per primo mi rendo conto delle difficoltà di arrivare a fine mese,per canone ragionevole credo che da un affitto debbano quadagnarci in due, insomma non bisogna ne tirare il collo su un affitto ma neanche a rimetterci(e ti assicuro che da un canone di affitto non rimane granchè), altrimenti che senso ha affittare un appartamento ?, sei daccordo su questo ?. preciso che non ho nulla contro i lattonieri. arriando a un logico ragionamento penso che come per quelli stranieri (non sono razzista) che delinquono sanno benissimo che non li faranno mai nulla perchè sanno che le leggi italiane assicurano loro la totale impunità, cosi si comportano tantissimi inquilini che pagano solo il primo mese e basta, perchè sanno che le leggi italiane li tutelano esattamente come per i delinquenti. ringrazio tutti per avermi risposto e consigliato fino a questo punto
zambor
comunque potete ancora scrivere e aggiungere i vostri interessanti pareri e consigli a riguardo a.
zambor
salve nillo, il punto della situazione sono le troppe tutele che li inquilini hanno, bisognerebbe cacciarlie cambiare la serratura non appena non pagano un canone e chiederli anche i danni, certa gente se ne approfitta dell'impunità delle leggi italiane, questa gente come nel aso del tuo ed il mio inquilino provabilmente sono alla ricerca continua di come sottrarsi ai propri obblighi, non mi stupirebbe che nel loro lavoro risultino dei fannulloni totali, che oltre che essere mantenuti l'appartamento sulle nostre spalle siano anche un grosso fardello per i rispettivi datori di lavoro che a loro volta non possono licenziarli per colpa di leggi che li tutelano, e forse nel tempo libero arrecano danno ai cittadini facendo furti e altro, tanto anche li le leggi glielo permettono. e intanto noi oltre il danno la beffa delle tasse, bisognerebbe copiare l leggi americane dove se non paghi ti buttano fuori a calci, dove se sei un lavativo ti cacciano seduta stante dal lavoro, e dove se delinqui ti ficcano in carcere, altro che promuovere leggi sociali capestro.
zambor
e qui vedendo altri post si scandalizzano quando gli si chiede all'inquilino di firmare una misera fidejussione, io proporrei non 2 o 3 mesi di cauzione ma almeno un anno di caparra a
Samar
Ciao, io sono un inquilino, ti posso dire che il proprietario del mio appartamento ha preferito affittare a me (conosce da anni una vita mio suocero) a pochi soldi , contratto 3+2, piuttosto che affittare ad uno sconosciuto magari potendo chiedere + soldi si, ma come è successo a te rischiando di mettersi in casa persone poco affidabili. Potresti fare la stessa cosa anche tu e cioè affittare a persone che conosci.
Samar
Io vivo a Genova...non è tanto piccola...prova giusto amici e/o parenti, con un pò di pazienza troverai qualcuno, tanto adesso l'ici sulla prima nn la paghi.... OT:Con gli affitti di adesso conviene cmq prendere casa,magari paghi qualcosa in + ma almeno paghi per qualcosa di tuo.
icenet
Rispondo al signo zambor che ieir mi aveva risp con un mess di parte dato che anche lui è un propprietario. L'inquilino lattoniere ha sbagliato a non pagare l'affitto perchè tutto va pagato e bisogna avere il senso civico e morale di essere precisi con i pagamenti. Per la proprietaria ci voleva uno come il sig. lattoniere visto che dopo tutta la mia disponibilità, onesta e precisione sono stato ingannato, raggirato e alla fine la mia proprietaria si trattiene qualche mensilità a nero. Ier il sig Zamor mi chiedeva cosa mi entrava in tasca se andavo alla guardia di finanza per segnale l'evasione fiscale, intanto io voglio la fattura di tutte le cose che uno paga e pagare le tasse èsegno di buon senso civico. Quindi è giusto che la proprietaria incassa a nero? quindi mi farò ridare la mensilità altrimenti vado alla finanza visto che anch'io devo scaricare le fatture al caaf.. Sig. Zambor mi dispiace per la sua situazione, infatti lei a pienamente ragione ma le posso assicurare che non tutti sono come il suo inquilino, ma a differenza che tanti proprietaria fanno di tutto per impossersi del deposito cauzionale.. Vai sempre fino in fondo altrimenti sarai sempre oggetto d'imbroglio
alefiore
Salve, vorrei dire che i proprietari si lamentano sempre.....io non li riterrei la parte debole perchè quando una persona cerca casa deve fornire loro innanzitutto tutte le referenze possibili e immaginabili, poi comunque si riservano il diritto di selezione dell'inquilino a loro piacimento e a loro comodo (chi paga di più). Io ho una controversia con un conduttore di Firenze che mi ha affittato una soffitta con contratto transitorio e ora, dopo che le ho chiesto se era possibile avere tutte le ricevute dei pagamenti e di prendere visione delle spese forfetarie in misura di 150 Euro al mese mi ha inviato la disdetta entro dieci giorni, alla quale ovviamente mi sono opposto e per la quale intendo far valere i miei diritti di risarcimento, anche se dovessi arrivare a chiederle le famose 36 mensilità..... mi spiace ma chi affitta una casa molto spesso lo fa anche perchè non può comprarsela.... Alessandro Fiorentino
lulu1812
salve a tutti, io penso che non sia una questione che riguarda la categoria inquilini e proprietari, ma bensì il problema è tra persone oneste e persone disoneste, tra chi se ne approfitta e tra chi subisce e questi si celano sia dietro i proprietari che gli inquilini nell'eguale misura e comunque lasciamo perdere le leggi di altri paesi e pensiamo solo che la casa è uno dei diritti primari di ogni essere umano come il cibo e che con uno stipendio da euro 1000 e un affitto da euro 500 che pure ogni anno aumenta con l'Istat(che non sò quanto sia giusto questo)è un pò difficile sopravvivere....quindi le leggi che andrebbero cambiate penso che siano quelle di stabilire dei prezzi degli affitti più equi e di abbassare le tasse ai proprietari che affittano ovviamente...insomma un guadagno ci deve essere da entrambe le parti perchè le cose vadano bene... un'inquilina
pignolo75
ciao a tutti sono nuovo del forum e per motivi familiari mi occupo di gestire l'affitto di 1 appartamneto di famiglia. leggendo il forum trovo che ognuno guardi sempre al proprio orticello senza pensare a regole generali valide x tutti. così si legge di inquilini approfittatori e proprietari disonesti. Io mi ritengo un liberare e liberista e sono convitno della necessita di liberalizzare il sistema degli affitti, di fatto ingessato da norme e leggi che impediscono al proprietario di godere di un suo bene, con le conseguenza che ne derivano anche x gli iinquilini Non dimentichiamoci che il proprietario ha pagato e sudato x ottenere quel bene come tutti noi facciamo per qualunque bene, dal cellulare alla macchina, da un paio di scarpe ad 1 tv. Ma 1volta affittato, quel bene cambia stato giuridico, non si hanno + diritti per almeno 8 anni, sia di fronte a brave persone ottimi inquilini, che di fronte a persone poco serie. Per questo i prezzi degli affiutti sono alti, è l'unica tutela ed elemento filtrante che ha 1 proprietario x la sua casa: se non posso essere sicuro di rientare in possesso di una mia cosa almeno cerco di prendere il + possibile! se il sietama fosse libero in entrata e in uscita i prezzi sarebbero + bassi ci sarebbe + mobilità x gli inquilini e anche + appartamenti a disposizione. i propritari avrebbe + diritti sui loro beni e gli inquilini avrenbbero + scelta a prezzi + bassi. so che mi attirerò gli strali e gli accidenti di chi non è propietario, ma se ci pensate a fondo vi accorgerete che sarebeb meglio Scritto da cincor il 28 Lug 2008 - 17:17:23: -------------------------------------------------------------------------------- Eccome se ti capisco! Nei miei ultimi 7 anni da inquilina mi è capitato: - proprietario privato con decine di immobili di proprietà sordo a qualsiasi richiesta di sistemare piccole e grandi cose di sua spettanza; - piccolo proprietario di casa ammobiliata che pretendeva di entrare a controllare ogni mese che io non fossero tolti/aggiunti mobili e che, fra l'altro, pretendeva di tenere alcuni mobili occupati con le sue cose (e quindi di poter venire a prenderseli quando voleva); - proprietari [...] -------------------------------------------------------------------------------- Benissimo intendevo proprio tutto quanto sopradescritto!! Allora signori proprietari capite perchè mi permetto di dire che davvero siamo la parte debole?? Mettiamola così: inquilina onesta, ma non fessa, pretende massima serietà da proprietario onesto. Rapporto di uguaglianza morale!!! Se il cielo volesse...
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com