Condominioweb.com forum                   Inserisci un quesito
 10-10-2007 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Vita in condominio

Rumori notturni intollerabili

 
Condominioweb.com forum >
margot
Ciao a tutti, nelle mie peregrinazioni alla ricerca di una possibile soluzione a un problema che per carenze legislative non ne ha alcuna mi sono imbattuta in questo forum, chiedo l'ausilio e la comprensione di chiunque abbia tempo e voglia per darmela.Espongo il mio problema:"abito" da 3 anni in un condominio senza regolamento condominiale, al primo piano sopra un ufficio e sotto una nana alta poco più di niente, che cammina presumo con gli zoccoli olandesi, si accoppia con un valliggiano nel cuore della notte, attacca la lavatrice alle 23:00, e apre il divano letto alle 23:30 se è tutto a posto.Nel senso che può farlo anche alle 2 del mattino.Mi ha fatto impazzire il primo anno, poi ho imparato a difendermi, con successi alterni ma almeno ribadisco continuamente il concetto che ad azione corrisponde reazione.Mi vendico, sempre e comunque, ogni qualvolta lei mi sveglia. Con l'ufficio sottostante la faccenda è più complessa.Fino all'anno scorso è stato affittato a uno studio di promotori finanziari che affidavano le pulizie ad un uomo che le svolgeva trisettimanalmente dalle 04:30 alle 06:30. Ne ho ricavato un esaurimento nervoso che mi ha costretto a rassegnare le dimissioni dal lavoro che tanto avevo faticato a conquistare.Preciso che nè le raccomandate all'amministratore nè gli inviti all'uomo a venire in altri orari hanno sortito alcun effetto.Solo l'arrivo dei carabinieri, alla centesima volta che li chiamavo(vigili e polizia non sono mai venuti)ha fatto cambiare abitudini all'individuo.I promotori, risentiti, sono andati via e la proprietaria si è scagliata verbalmente contro di me accusandomi di averle fatto perdere un vantaggioso contratto d'affitto con la mia fissa per i rumori. L'altro ieri l'ufficio è stato riaffittato e stanotte alle 02:00 sono venuti gli operai che l'hanno illuminato a giorno e hanno finito i lavori per permetterne l'inaugurazione questa mattina. Non ho la solidarietà di altri condomini perchè sopra l'ufficio c'è solo il mio monolocale e un locale adibito a deposito e anche la fracassona di sopra la sento solo io. Sono terrorizzata che ricominci tutto, in primis le pulizie notturne.Non posso per motivi economici cambiare casa nè posso permettermi di non dormire la notte per ragioni di soppravivenza. C'è qualcuno che mi aiuta, per favore? Grazie
corsoumberto
Ciao a tutti i partecipanti. Voglio solo dirvi che sono solidale con voi. Anch'io ho aperto di recente un forum simile (http://www.condominioweb.com/forum/54172), e ho approcciato la cosa, almeno all'inizio, attraverso la "linea morbida" (anche se capisco che non è facile, e non sempre mi riesce, anzi), e puntando sull'insonorizzazione delle pareti della mia stanza. A proposito di ciò, i consigli in merito sono sempre i benvenuti, soprattutto se inerenti eventuale accollo di spese da parte del "responsabile dei rumori". Ciao.
corsoumberto
Riporto una provocazione che ho inserito nel forum da me aperto su analogo argomento: perché non facciamo pressioni sui legislatori per la concessione di "incentivi" all'isolamento acustico (similmente a quelli concessi, come sgravio fiscale, per l'isolamento termico)?
giacu
Prova a parlare loro francamente, senza stio ma amichevolmente. Magari ottieni qualche risultato tipo l'"accoppiamento" alla sera e non nel cuore della notte. Procura una registrazione di ciò che senti e fagliela ascoltare: magari capiscono, sempre che con lo facciano per esibizione, perchè ci sono anche questi casi. In difetto consultati con il tuo legale. Capisco l'imbarazzo, però hai il diritto di dormire.
Dello stesso argomento
fede79
Scritto da tasmania1 il 06 Nov 2007 - 11:11:27:
Io mi ritrovo con un problema notturno piuttosto imbarazzante. I vicini del piano di sotto entrambe disabili: lui in carrozzina, lei poliomelitica, sposati da poco, si sono stabiliti nell'appartamento al piano di sotto. Cerco di tollerare i rumori dovuti al loro handicapp quali sbattere le porte, le persiane, l'uso delle stampelle ecc.; ora però sono al livello di farmi venire un esaurimento nervoso a causa dei loro rapporti sessuali. Questi a qualsiasi ora del giorno, ma soprattutto della nott [...]
Il fatto d essere entrambi disabili credo che comporti loro solo dei problemi fisici non mentali , quindi sono persone intelligenti , anche se nel momento in cui disturbano il prossimo , non sò proprio quanto lo siano. Mettili in imbarazzo, dicendogli che senti tutto il loro rapporto sessuale, magari nasce in loro un senso di vergogna e si calmano. Inizia dicendoglielo con calma. Se non capiscono già dalla seconda volta arrabbiati e diglielo in maniera più scocciata. Secondo me, non vuol dire essere cattive se ci si arrabbia con persone disabili, anche perchè tu una soglia di tolleranza nei loro confronti ce l'hai, quella dello sbattere le porte, le persiane ecc.
don bosco
Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Il cittadino può rivolgersi al Giudice di Pace (art.7 C.P.C.) per ottenere il rispetto dell’art.844 del Codice Civile che, regolando i rapporti di vicinato, vieta le immissioni, le esalazioni, i rumori e gli scuotimenti che superano la "normale tollerabilità". Non è necessaria l’assistenza di un patrocinatore legale e per questa materia il Giudice di Pace è competente qualsiasi sia il valore della controversia. Avvalendosi di un consulente tecnico d’ufficio per gli accertamenti, il Giudice potrà inibire immediatamente l’attività rumorosa, oppure imporre, se tecnicamente possibile, determinati accorgimenti che riducano il fastidio provocato. Il trasgressore potrà essere condannato al risarcimento dei danni nei confronti di coloro che hanno dovuto subire il fastidio provocato dal rumore. Nei confronti di chi provoca rumore può anche essere intentata anche una causa penale sulla base dell’art.659 del Codice Penale: il disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone (ad esempio a causa di schiamazzi notturni provenienti dai frequentatori di un locale, abuso di strumenti sonori o segnalazioni acustiche); L’art.659 C.P. è disposto a tutela della quiete pubblica e privata e colui che viene riconosciuto colpevole di reato è sottoposto ad una serie di "spiacevoli" conseguenze. L’azione penale inizia con un atto di denunzia-querela presentato alla Polizia Giudiziaria (ad es. Carabinieri, Polizia) che lo trasmette immediatamente alla Pretura (competente in base all’art.7 c.p.p.) perché proceda agli accertamenti volti a verificare la sussistenza del reato. saluti Umberto "Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo" Voltaire
bai43
Scusate perchè non aprite una nuova discussione anzichè riaprirne una vecchia? Salutia Non puoi scegliere il paese dove nascere, ma puoi scegliere gli amici. (Fonte 2000) bai43
michy77
Cara Margot come ti capisco! Sono dalla tua parte completamente; io e mio marito abitiamo da un anno e mezzo in questo appartamento che devo dire in effetti è meno insonorizzato rispetto a quello in cui abitavo prima con i miei (quello dei miei ha 30 anni, il nostro 7). Nonostante ciò i vicini di sopra, con cui andiamo d'accordissimo, e che hanno 2 bambini di 1 e 1/2 e 10 anni non li sentiamo praticamente mai, e ti garantisco che non stanno muti in casa perchè parleranno pure loro. Il problema sono quelli di sotto! A prescindere dal fatto che prima di noi, il nostro app.to è stato abitato da 2 famiglie che se ne sono andate x la disperazione (infatti quelli di sotto gli suonavano x ogni minima cavolata), ora ci siamo dentro noi! Mi spiego meglio: quando siamo arrivati 2 anni fa, e non abitavamo ancora, mentre stavamo facendo i lavori di imbiancatura i "signori2 si sono permessi di venire su alle 16.00 e alle 17.00 per dirci di non parlare perchè svegliavamo i bambini (ne hanno 3 e ogni anno lei rest incinta x non andare a lavorare). X 1 anno e mezzo abbiamo sopportato il loro casino e quello dei bambini (corse, sbattimento di sedie contro il muro ecc.) senza dire mai nulla, solo una volta sono andata giù ed è uscito anche il vicino che ha l'appartamento a fianco al loro a lamentarsi, perchè pestavano giù come matti. Ora cosa è successo, che da un pò di tempo a questa parte, hanno cominciato a fare casino fino a mezzanotte, ma non i bambini: loro 2! Tirano le tende, spostano mobili, lei addirittura ieri ha cominciato a camminare anche con i tacchi e il tutto perchè? Perchè (e me lo ha detto chiaramente) le dà fastidio il solo fatto che noi abitiamo sopra di loro. E' arrivata a dirmi che sente il rumore delle mie ciabatte sul pavimento (ho le ciabatte in gomma non in plastica), che le sveglio i bambini xchè passo l'aspirapolvere (1° lo passo negli orari consentiti e 2° ho il folletto nuovo che è forse uno tra i + silenziosi al mondo), che insomma gli diamo fastidio noi. Così da 2 settimane non dormo + la notte o dormo male x via dei rumori, ho messo anche i tappi ma credetemi si sentono lo stesso. Inoltre siccome l'altro giorno bagnando le piante è andata giù un pochino d'acqua dal canale di scolo, mi ha fatto venire i vigili in casa! E ho saputo che hanno presentato anche un esposto ai carabinieri xchè noi turbiamo la loro quiete: noi usciamo alle 7.30 mio marito, io alle 8.15 e la sera fino alle 18.00 non siamo mai a casa, chissà come le turbiamo la quiete....ha tutto il giorno x fare mestieri e pulizie, casino e non casino ma loro no! Te lo fanno la notte. Io sono alla soglia dell'esaurimento, mio marito non demorde e dice di non dargliela vinta, che noi non cambiamo casa x darla ancora una volta buona a loro! Ecco perchè spero magari con i pannelli isolanti di risolvere in parte questo problema che ci sta guastando la serenità in famiglia...
michy77
"Infatti, la cosa che mi fa impazzire è la totale mancanza di solidarietà da parte di amici e parenti che sono a conoscenza del mio problema e che quando ritengono opportuno ascoltarmi lo fanno sempre con toni derisori, tendendo a sminuire o ridicolizzare la situazione, annuendo sempre al fatto che probabilmente ho una percezione dei rumori amplificata rispetto alla normale tollerabilità." PAROLE SANTE!Hai tutta la mia comprensione. Infatti è la stessa cosa che capita a me! Se lo racconto ai miei parenti o agli altri vicini di casa sembra che io sia una intollerante che odia i bambini e non sa stare in condominio.....chissà com'è che ci ho vissuto 30 anni e non ho mai avuto alcun problema. Mio papà addirittura l'altro giorno mi dice e compra un paio di ciabatte tipo le pianelle! Son rimasta di un male guarda...oltre al danno anche la beffa. Qui è la solita storia: fimchè uno non c'è dentro non può capire! Però un pò di sensibilità secondo me non guasterebbe. Comunque se ti può consolare sappi che io ti credo!
michy77
Qualcuno potrebbe dare un suggerimento anche a me per come mettere giù la lettera all'amministratice del condominio, per il problema rumori prodotti dai proprietari dell'appartamento sotto al nostro? La mia "storia" è scritta qualche riga più in alto. Grazie a tutti per l'aiuto
michy77
Che ne dite se viene messa giù così? Ho preso spunto da quella riportata sopra e l'ho adattata alla nostra situazione , ________________ Alla c.a. Sig.ra Oggetto: molestie, disturbo alla quiete/riposo del Condominio “...........” di Via ...... n°... in ...... Egr. Amministratrice, a seguito della mia telefonata in data ....... la presente , per significarLe quanto segue: 1) da tempo io e la mia famiglia siamo costretti a subire un notevole disturbo proveniente dall’appartamento del piano inferiore al nostro (Sig.ri ...........) ; 2) tale disturbo – che si protrae fino a tarda ora notturna (00.30-01.00 circa) – consiste in: spostamento di mobili, trascinamento di mobili o oggetti con rotelle, utilizzo smodato di acqua con ininterrotta apertura/chiusura del miscelatore nonché dello sciacquone del WC, urti contro i muri, dialoghi ad alta voce, sbattimento dei serramenti durante la chiusura/apertura. Segnaliamo inoltre che durante gli orari di riposo pomeridiani dei giorni festivi, si verifica la produzione di rumori derivanti dall’utilizzo del triciclo dei bambini, che corrono da una parte all’altra nel pezzo antistante il balcone dei suddetti Sig.ri e sul loro terrazzo, urtando anche contro la ringhiera e il muro, il rumore si propaga quindi attraverso le pareti al nostro appartamento. Questo impedisce a me e alla mia famiglia, di condurre una normale vita familiare, nonché di poter effettuare anche un minimo di legittimo riposo, con inevitabili ripercussioni sullo benessere psico-fisico. 3) più volte invitati a porre più attenzione dapprima gentilmente e poi in toni più fermi, e nonostante i nostri richiami, da parte loro abbiamo sempre ricevuto menefreghismo e porte sbattute in faccia. E’ stato anche messo a verbale nell’ultima assemblea condominiale ma notiamo che la situazione è rimasta sempre la stessa. Considerato che quanto sopra, configura l’ipotesi di vere e proprie molestie e di disturbo della quiete e del riposo, si invita la S.V. ad utilizzare i poteri di legge (adempiendo, in particolare, ai doveri di cui all’art. 1130 c.c. ) affinché cessi immediatamente tale spiacevole situazione e sia ripristinata un minimo di vivibilità all’interno dello stabile condominiale. In difetto, e senza ulteriore preavviso, si adirà per vie legali, al fine della piena tutela dei diritti della mia persona e famiglia. Distinti saluti Michy
michy77
Ragazze scusate ma qui mi trovate in disaccordo. Non siamo noi a dover cambiare casa! Io non rinuncio ad una casa sognata, desiderata, acquistata e sistemata anche con sacrifici per colpa di certi str..... . Mi spiace su questo mi trovano irremovibile. Non gli darò mai la soddisfazione di aver vinto anche questa volta, come hanno fatto con le due famiglie che abitavano prima di noi e che sono fuggite dalla disperazione. Io lotterò per far valere i miei diritti e poichè le persone che non tollerano i rumori degli altri ma sono i primi però a farli sono loro, che vadano via loro di casa. Per ora il mio problema notturno lo sto risolvendo con i tappi, certo uno dice "guarda te cosa son costretto a fare, per colpa della loro maleducazione devo condizionare la mia vita!" ma vi assicuro che la soddisfazione di pestargli giù non glie la do. Anzi, sono sicura che si rodono perchè vedono che siamo indifferenti, mentre il loro desiderio sarebbe quello di vederci prendere un esaurimento e costringerci ad anadare via. Nossignore. Io sto imparando a farmi le mie cose fregandomene (e difficile vi assicuro perchè ho ancora paura che ogni mio rumore venga frainteso ed interpretato come un dispetto nei loro confronti e quindi che loro ne facciano apposta di +), ma poi mi sono detta: ma per quando andranno avanti a fare così? io sono sopra, loro sotto, perciò io continuo a farmi la mia vita e se sentono casino peggio per loro! Nel frattempo però continuiamo sul piano "legale" a portare avanti i nostri diritti tramite la raccomandata all'amministratrice e via dicendo. Voglio vedere se dopo che vengono intimidati di procedere per vie legali non se la fanno sotto. Con le rate che non pagavano da 2 anni ha funzionato. Non volevano pagare xchè non hanno soldi (ma continuano a fare figli, vanno in vacanza ecc. c'è un mio topic in proposito chiamato "il vicino non paga le rate da un anno")ma come l'amministratrice ha detto loro che avrebbe proceduto x vie legali e ha contattato l'avvocato, se la sono fatta sotto e ora pagano! E pagano pure l'avvocato! Michy
michy77
x Rossi 76: Mi spiace davvero tanto per te, ti capisco pienamente. Certo quando ci sono delle ingiustizie così, quando uno cerca di essere sempre onesto e laborioso nella vita, di fare del suo meglio ed essere tranquillo, e poi si ritrova in situazioni del genere per colpa della cattiveria e della gelosia umana devo dire che è molto difficile sperare. Nel vostro caso capisco tutto il vostro impegno e i vostri sacrifici, convengo con voi che sia triste e spiacevole dover rinunciare o vedersi sparire alle spalle x obbligo e non x scelta il lavoro e la fatica di una vita, ma la vostra salute viene prima di tutto. Se la situazione è così critica da non permettervi di vivere serenamente e godervi la vostra intimità fra le calde mura domestiche allora si, forse è il caso di fare un piccolo sforzo anche doloroso (quale quello di rinunciare a questa casa) adesso ma di goderne i frutti con calma dopo. tu dici: "sono disperata ma non riesco a reagire e sto usando l'arma della indifferenza ma vedo che fa' peggio, perche' istiga di piu' le bestie " certo che si arrabbiano! Loro sono persone povere, ma non economicamente, interiormente. Manca loro l'arma più grane e più forte: la carità! E' come quei deficenti che ho sotto io! Sono invidiosi del benessere altrui (economico e affettivo), premetto che io e mio marito stiamo bene ma non siamo figli del Marajà, ma loro sono invidiosi e cattivi perchè se stanno male loro anche gli altri devono stare così. Credimi, quando tu dici "potrei fare del male a una bestia ma a questa melma non gli auguro il bene, mi dispiace parlare cosi'"mi trovi daccordo. Il male non si augura a nessuno e sono pienamente concorde, ma questa gentaglia, questa feccia della società deve pagare prima o poi anche se sono convinta che stiano già pagando nel solo fatto di non poter provare sentimenti buoni. Già questo è il loro castigo, e che ci crepino!!! SCUSATE LA DUREZZA DELLE MIE PAROLE. Michy
gabbe
Cara Margot, Ti capisco benissimo. Io sono in una situazione simile. Ho aperto un post dal nome "angoscia da urla agghiaccianti" e il titolo credo spieghi tutto. Ho quello del piano di sotto che la notte ha dolori e incubi. In un primo momento pensavo che fosse quello del piano di sopra, vista l'intensità delle urla che si diffondevano per tutta la camera da letto. Dopo un anno gliel'ho detta con le buone e lui mi aveva dato la sua massima disponibilità a risolvere. Nel frattempo mi sono trasferito in salotto a dormire, trasformando la stanza in un bivacco, ma almeno riuscivo a dormire senza tappi e/o ipnotici. Poi, non sentendo più quelle urla da fantasma nel castello, mi sono riappropriato della mia camera. Come non detto: urla e discorsi ad alta voce. Poi avviene che si rompe un tubo nel mio appartamento, presumibilmente, e genera una macchiolina nel loro. Si precipita la compagna del tipo in casa mia e mi comunica che avevano già chiamato il muratore e che voleva risolvere il tutto alla svelta, senza preoccuparsi che ci avrei voluto vedere chiaro. Beh ne segue una piccola discussione come puoi immaginare... Ora ho deciso che gli faccio guerra al tipo insieme al mio geometra, e costringerò quello del piano di sotto a far insonorizzare il suo soffitto della camera. Farò registrare i rumori costi quello che costi e avvierò una procedura legale col giudice di pace. Se quello di sotto sta male perchè ha i dolori e gli incubi, che si faccia curare o insonorizzi la stanza. Adesso non transigo più. Margot, in sintesi il consiglio che posso darti è di non farti travolgere dallo stress. Per il momento magari trasferisciti in un'altra stanza e nel frattempo senti anche te il tuo geometra... Sono loro che hanno già sentito casi del genere... Sono sicuro che ti saprà consigliare.. come il mio... A breve ti dico di più Tanti cari auguri e non mollare!!! ciao Gabriele
TheSnowGoose
Scritto da Nikon il 08 Nov 2007 - 18:13:20:
Io ho avuto più o meno lo stesso problema e ho risolto parzialmente con l'insonorizzazione del soffitto e di 3 pareti, 2500€ ma sempre meno che cambiare casa... Auguri...ciao!!
Ciao mi interesserebbe avere maggiori dettagli sull'intervento di isolamento che hai effettuato. In particolare: - da che parte proveniva la sorgente di disturbo? (sopra, sotto o di fianco?) - da che tipo di rumori devi "difenderti"? - che tipo di isolamento è stato effettuato e con quali materiali? - perchè hai isolato il soffitto e 3 pareti e non hai isolato anche la quarta parete? - in percentuale, di quanto hai risolto? Grazie in anticipo per la risposta. TheSnowGoose ************ Modificato Da - TheSnowGoose il 09 Nov 2007 10:27:48
mary7
quote:
e stanotte alle 02:00 sono venuti gli operai che l'hanno illuminato a giorno e hanno finito i lavori per permetterne l'inaugurazione questa mattina
dovevi chiamare immediatamente i carabinieri.......... Ciao mary7
mary7
quote:
Le forze dell'ordine intervengono solo se chiamate da qualcuno in grado di esercitare autorità nei loro confronti.
assolutamente, alle 2.00 di notte se chiami e dici che dal piano di sotto provengono rumori (dicendo magari che non sai chi è )intervengono
quote:
Senza contare che la proprietaria dopo quell'episodio si è scagliata contro di me in modo veemente,deridendomi per la scarsa tollerabilità ai rumori sostenendo che ognuno fa tutto quello che vuole quando vuole. Mi incute notevole timore.
1) di alla signora che la tollerenza si può avere magari alle 17.00 del pomeriggio e non alle 4.30 di mattina 2)ognuno non può fare tutto quello che vuole e quando vuole) 3)Timore? e perchè? tu sei tenuta a stare in casa tua , è lei è tenuta al rispetto verso gli altri......non farti intimorire sennò questa ti schiaccia a Ciao mary7
mary7
Margot, comincia a procurarti -certificati medici, -registrazione rumori, -testimini, -insomma prove e poi vai dall'avvocato, ma non penso si risolva molto facilmente, se ti fai un giro sul forum potrai leggerne a quantità di questi post per rumori ........... ma ancora ne leggo uno che ha risolto . Auguri a Ciao mary7
mary7
Margot, vedi se ti va bene, non ho capito se vuoi scrivere all'amministratore, se si, leggi se ti va bene. Oggetto: molestie, disturbo alla quiete/riposo del Condominio “……………………” di Via ………n. in ………. Egr. Amministratore, dott. ………………… , la presente , per significarLe quanto segue: 1) da tempo io e la mia famiglia siamo costretti a subire un notevole disturbo derivante dall’appartamento del piano superiore al nostro; 2) tale disturbo - che, avviene non solo durante le ore di riposo pomeridiane ma anche, e soprattutto, si protrae fino a tarda ora notturna – unito alla produzione di veri e propri schiamazzi incontrollati per frequenza ed intensità, impedisce a me, alla mia famiglia ed ai miei ospiti, di condurre una normale vita familiare, nonché di poter effettuare anche un minimo di legittimo riposo, con gravi inevitabili ripercussioni sullo stato psico-fisico. Considerato che quanto sopra, configura l’ipotesi di vere e proprie molestie e di disturbo della quiete e del riposo , si invita la S.V. ad utilizzare i poteri di legge ( adempiendo, in particolare, ai doveri di cui all’art. 1130 c.c. )affinché cessi immediatamente tale spiacevole situazione e sia ripristinata un minimo di vivibilità all’interno dello stabile condominiale. In difetto, e senza ulteriore preavviso, si adirà per vie legali , al fine della piena tutela dei diritti della mia persona e famiglia. Distinti saluti Ciao mary7
mary7
quote:
Mi spiace su questo mi trovano irremovibile. Non gli darò mai la soddisfazione di aver vinto anche questa volta, come hanno fatto con le due famiglie che abitavano prima di noi e che sono fuggite dalla disperazione. Io lotterò per far valere i miei diritti ............
Brava michy77 , condivido in pieno, andassero loro in aperta campagna aaaa Ciao Mary7
nikita
Una informazione sul patrocinio a spese dello stato: devi avere un reddito annuo entro il limite di € 9.723,84 (reddito riferito all'intero nucleo familiare), se tale reddito, risultante dall'ultima dichiarazione, è entro tale limite puoi presentare domanda presso il Consiglio dell'Ordine degli avvocati della tua città e scegliere, una volta ammessa con delibera del Consiglio, uno degli avvocati iscritte in apposite liste.
rossi76
NON SONO MATTA MA COSA DAREI PER STARE NELLA VOSTRA SITUAZIONE. Io sto vivendo a 31 anni l'incubo piu' grande della mia vita, senza che nessuno possa fare niente per me e la mia famiglia. Viviamo sopra una famiglia di matti che ci insulata e impreca contro di noi per ogni movimento brusco che facciamo in casa ho 2 bimbe piccole non posso legarle ma vi assicuro che le tengo il piu' possibile ferme , avanti alla tv e a letto le porto alle 20 30 circa e di vita in casa ne conducono 3 ore al giorno a dir tanto in sintonia con i matti sotto.ho occupato tutta la settimana con attivita' sportive pur di non essere in casa e il week end dormo da mia mamma. Ma nonostante mille accortezze (premetto che e' gente molto maleducata che non rispetta orari del silenzio gridano all'impazzata si picchiano si insultano e se mi cade una forchetta si azzitiscono e ci insultano, non ce la facciamo piu'), loro si sono permessi di picchiare mio marito e di minacciarci verbalmente, siamo stati dai carabinieri e dala polizia e ci hanno detto che mancano i testimoni e che rischiamo una controdenuncia e quindi non abbiamo fatto nulla, ma non finisce qui abbiamo ricevuto minacce anonime scritte, le parole e le frasi sono le identiche che ha espresso nei confronti di mio marito il vicino in passato, da qui deduciamo che l'abbiano scritto l'oro. Subiamo insulti anche per i rumori commessi da altri appartamenti. Credetemi non facciamo nulla di male ma stiamo subendo tanto vogliamo vendere, ma per far prima abbiamo ipotizzato di affittare e andare anche noi in affitto, ma il rischio e' trovare gente che non adempie ai pagamenti e gente cogliona come noi che possa subire da questi matti e scappar via come stiamo facendo noi.AIUTATEMII
rossi76
cara michy77, ammiro il tuo fegato , ma io e mio marito purtroppo non abbiamo il coraggio di ribbellarci subiamo minacce e violenze (solo in un caso) e facendo valere le vie legali, ce l'hanno prospettata negativa e purtroppo soldi in piu' non ne abbiamo, abbiamo dato fondo ai nostri risparmi per una mia grave malattia. la casa che abbiamo ce la siamo costruita con i nostri risparmi e paghiamo ancoa il mutuo, ma l'abbiamo fatta con amore e studiata nei minimi particolari tenendo conto delle nostre possibilita' ecnomiche... e ora dopo aver rinunciato a tutto per questa casa, (io e mio marito in 5 anni di matrimonio senza figli non ci siamo concessi mai nulla abbiamo rinunciato al viaggio di nozze a una pizza in piu' e mille cose ancora per poter costruire la casa dei sogni con le nostre sole forze)adesso dopo 3 anni che la abito, mi sento un ospite e maledico quel giorno che l'ho comprata. sono disperata ma non riesco a reagire e sto usando l'arma della indifferenza ma vedo che fa' peggio, perche' istiga di piu' le bestie (e non posso chiamarle altrimenti).Non potrei fare del male a una bestia ma a questa melma non gli auguro il bene, mi dispiace parlare cosi', io che so cosa significa la sofferenza e quanto valore ha la ita ma sto andando fuori di testa. Scusate lo sfogo
rossi76
per michy77, concordo con te e sono convinta che se non faccio giustizia io personalmente eperche' credo come te che questi esseri vivono gia' nel male. so per certo che non e' gente normale purtroppo, che hanno sempre causato problemi sia loro che le loro figlie, hanno grossi problemi comportamentali, dove e' intervenuto l'assistente sociale, ma non sono disposti a curarsi o tantomeno a dialogare e superare i loro problemi. la peggior cosa e' che i condomini, capiscono, la nostra situazione, ma non ci aiutano a migliorarla, quando ad esempio abbiamo a avuto una sforiata in piena notte di imprecazioni e insulti perche' la mia vicina aveva chiuso la porta finestra a mezanotte e aveva strisciato uno stendino, ma le colpe sono ricadute su di noi, e la vicina cosciente che subivamo per colpa sua non ha avuto il buon sens di scusarsi e difenderci., ma quando se ne parla, mi biasima e non vorrebbe stare al mio posto. ancor peggio quando mio marito e' stato aggredit fisicamente e verbalmente altri vicini hanno assistito da dietro all'occhiello ma non sono intervenuti o tanto meno potevano far finta di uscire per placare le cose, no hano tutti paura, e' anche vero che questa persona in passsato per un raptus ha seppellito, ma dobbiamo aspettare che ....non voglio pensarci. al diavolo la buona educazione e il buon senso , ma ne sto pagando le conseguenze. e al quanto vendere lo faro' il prima possibile, ma la crisi del mattone della mia zona e' un po' un problema.
gefraca
Scritto da margot il 31 Ott 2007 - 12:23:53:
Ciao a tutti, nelle mie peregrinazioni alla ricerca di una possibile soluzione a un problema che per carenze legislative non ne ha alcuna mi sono imbattuta in questo forum, chiedo l'ausilio e la comprensione di chiunque abbia tempo e voglia per darmela.Espongo il mio problema:"abito" da 3 anni in un condominio senza regolamento condominiale, al primo piano sopra un ufficio e sotto una nana alta poco più di niente, che cammina presumo con gli zoccoli olandesi, si accoppia con un valliggiano nel cuore della notte, attacca la lavatrice all [...]
Gentile Margot ti consiglio di consultare un tecnico competente in acustica che, se preparato, saprà darti tutti gli spunti per poter costruire una relazione(acustica) che servirà da canovaccio all'avvocato per chiedere l'adeguamento alle norme a i danni anche biologici. La realtà italiana è fatta di leggi molto belle e precise sui rumori ma che non sono applicate perchè la giustizia in Italia è praticamente un pensiero filosofico piuttosto che un percorso da seguire per rendere più civile la convivenza. ciao. gennaro gennaro casciello
margot
Ho già detto che per l'uomo che veniva a fare le pulizie in notturna sono venuti dopo mesi che li chiamavo in modo incessante e grazie all'intermediazione del medico del pronto soccorso dove mi ero recata disperata. Le forze dell'ordine intervengono solo se chiamate da qualcuno in grado di esercitare autorità nei loro confronti. Senza contare che la proprietaria dopo quell'episodio si è scagliata contro di me in modo veemente,deridendomi per la scarsa tollerabilità ai rumori sostenendo che ognuno fa tutto quello che vuole quando vuole. Mi incute notevole timore. C'è un modo per comunicare all'amministratore in modo inequivocabile l'assurdità di questi comportamenti in modo autorevole senza subire rappresaglie e aggressioni verbali? Qualcuno sa se è possibile per questa problematica usufruire del patrocinio gratuito?
margot
Ti ringrazio moltissimo Mary per le tue risposte. Chiedo però gentilmente se c'è qualcuno che possa fornirmi indicazioni su come difendere il mio diritto alla salute in modo che i miserabili esseri in questione non possano passare dal torto alla ragione. C'è un legale o qualcuno che si è rivolto ad un legale che possa darmi la traccia di una raccomandata incisiva? Aspetto le vostre risposte:purtroppo la prolungata astinenza forzata dal sonno mi ha fatto precipitare in una condizione di estrema debolezza psicofisica, non riesco a far valere le mie ragioni verbalmente e vis a vis.Non ho neanche nessuno disposto ad aiutarmi.Gli amici pensano che esageri e che abbia un sonno leggero:mi dicono di non "pensare" ai rumori.Infatti li sento, non essendo morta nè coma, non li penso. Ringrazio chiunque vorrà essermi d'aiuto
margot
Per favore: C'E' qualcun altro, oltre a Mary che può darmi il suo parere? Magari qualcuno che si è rivolto ad un legale e può fornirmi la giusta traccia per una raccomandata? Ho solo bisogno di una traccia per esporre i fatti in modo freddo, asciutto,tecnico per così dire. Ho bisogno di un parere squisitamente professionale,in modo che l'esposizione dei fatti non risulti viziata da elementi per così dire folkloristici, ma serva alla bisogna invece chè risultare disutile. Sono informatissima sull'argomento, conosco gli articoli del codice civile e del codice penale che "dovrebbero"servire da tutela a chi versa nelle mie stesse condizioni, conosco più o meno tutto quello che c'è da sapere sull'argomento me purtroppo in questo momento non posso rivolgermi ad un legale anche solo per inviare una lettera. Qualcuno ha info chiare e certe sul patrocinio gratuito? Qualcuno che si è rivolto a un legale può dirmi come è stata impostata la lettera? C'è chi può darmi questa info? Grazie
margot
Grazie, avere la comprensione di chi vive un disagio analogo al tuo è una grande consolazione.Infatti, la cosa che mi fa impazzire è la totale mancanza di solidarietà da parte di amici e parenti che sono a conoscenza del mio problema e che quando ritengono opportuno ascoltarmi lo fanno sempre con toni derisori, tendendo a sminuire o ridicolizzare la situazione, annuendo sempre al fatto che probabilmente ho una percezione dei rumori amplificata rispetto alla normale tollerabilità. A volte desidero capiti a loro l'esperienza di un divano letto con struttura in ferro sbattuto sulla testa alle 2 del mattino dopo aver finalmente spento la televisione perennemente accesa a volume altissimo,seguito da un via vai incessante al bagno, spostamenti continui di "non si sa che cosa"(io abito in un monolocale e anche la mostra che sta sopra di me alberga in un monoloculo, cos'avrà mai da sbattere, spostare, marciare come un giannizziere in pochi metri quadrati è un mistero della fede)oppure di un servo pazzo che viene a pulire l'ufficio sottostante alle 4 del mattino, sbattendo lo spazzettone sul battiscopa, spostando anche lui mobila e affini etc. Come possa essere oggetto di scherno e derisione la privazione forzata del sonno di un'altra persona è cosa nota solo agli stupidi di professione.Non dormire per la negligenza e l'egoismo altrui, avere l'ansia di tornare nella propria casa che per antonomasia rappresenta il rifugio, le calde braccia che ti accolgono dopo una giornata di lavoro... Io putroppo non ho le possibilità economiche per cambiare casa per adesso e essendo in affitto anche se fossi milionaria me ne guarderei bene dal foraggiare tecnici acustici, geometri e quant'altro.Scoraggio anche tutti quelli che volessero rivolgersi ad un'associazione che dice voler tutelare i danneggiati dal rumore:l'unico scopo che si preffigge in realtà è convincere i disperati che si rivolgono, pagando un'inutile tessera, a rivolgersi a dei tecnici acustici (ossia a loro)che provvedono a rilevare l'intensità del rumore immesso.A carissimo prezzo.Non dicono che poi questi dati possono essere utilizzati solo per intentare una causa, lunghissima e dispendiosa.Ho conosciuto una persona in causa da 4 anni,con 45 decibel in camera da letto supportata da un tecnico acustico "di grido" e un valente avvocato, che rinvio dopo rinvio non è ancora approdata a niente.E comunque è vergognoso che per poter vivere in pace in casa propria sia necessario, in presenza di problemi del genere, essere abbienti, altrimenti nessuno ti aiuta nè ascolta. Manca un movimento d'opinione in italia, leggi apposite(quelle esistenti le conosco bene, se non puoi investire grosse somme di denaro per avvocati e co rimangono lettera morta)che obblighino amministratori e forze dell'ordine ad intervenire per ripristinare le più elementari norme di convivenza civile.
margot
Sia nel caso sia nell'altro L'UNICA cosa da fare è CAMBIARE casa. Anche se tutto ciò ci fa impazzire, ci rende incapaci di condurre una vita normale, ci instilla rabbia e frustrazione infinite, in MANCANZA di norme certe, rigorose e chiare che regolino insidicabilmente i rapporti di vicinato nessuno di noi può far niente contro la prepotenza e l'arroganza altrui.
tasmania1
Io mi ritrovo con un problema notturno piuttosto imbarazzante. I vicini del piano di sotto entrambe disabili: lui in carrozzina, lei poliomelitica, sposati da poco, si sono stabiliti nell'appartamento al piano di sotto. Cerco di tollerare i rumori dovuti al loro handicapp quali sbattere le porte, le persiane, l'uso delle stampelle ecc.; ora però sono al livello di farmi venire un esaurimento nervoso a causa dei loro rapporti sessuali. Questi a qualsiasi ora del giorno, ma soprattutto della notte durante i loro rapporti hanno l'abitudine di urlare, mi sento tutti i loro Ahaah , Ohohoh ed i "mio Diooooo!" urlano cos' tanto che mi sembra di essere in camera con loro. Giusto per darvi un'idea questa estate sono riuscita a sentire i loro gemiti mentre ero nel box a piano interrato. Con la scusa che sono handicappati gli altri condomini stanno zitti, tanto quella che ha i problemi maggiori sono io... Poi dato che lui si alza presto per andare al lavoro cioè tra le 6 e le 6.30 mi fa partecipe del suo risveglio, magari parlando ad alta voce ed ogni tanto cantando in farsetto canzoni di tutti i generi, persino canzoni di chiesa. Io a volte incazzata ho preso la ciabatta e l'ho sbattuta sul pavimento per farlo smettere, il tizio giustamente ha preso ad urlare ancora di più. Io abito in questo condominio da due anni e mezzo, loro da luglio, ma mi facevano partecipe dei loro accoppiamenti stile sado maso, ancora prima e fortunatamente erano sporadici, ora che vivono qui davvero non ne posso più. Sono arrivata al punto di dire che a quanto pare il loro handicap non è solo fisico, vista la totale mancanza di educazione... Vorrei qualche consiglio da parte vostra su come risolvere questo problema senza ritrovarmi a combattere una battaglia contro due "poverini", passando per la cattiva e senza mettere in imbarazzo loro.
tasmania1
Scritto da fede79 il 07 Nov 2007 - 12:33:34:
Mettili in imbarazzo, dicendogli che senti tutto il loro rapporto sessuale, magari nasce in loro un senso di vergogna e si calmano. Inizia dicendoglielo con calma. Se non capiscono già dalla seconda volta arrabbiati e diglielo in maniera più scocciata. Secondo me, non v [...]
Credo lo sappiano già che si sente tutto. Il paese è piccolo siamo forse in 2000 anime tutte imparentate, ma a parte questo si sente anche in strada. Addirittura ai loro primi accoppiamenti il vicinato pensava fossi io, in quanto sono l'unica separata del condominio e vivo da sola e mi ha invitata a moderare le mie effusioni, quando ho spiegato che "purtroppo" non ero io, non hanno fatto loro nessun richiamo. Inoltre tutto il resto del casino sono convinta lo facciano volontariamente, dimmi quanto è normale cantare in farsetto alle 6.30 del mattino? Un paio di settimane fa, esasperata, mi sono arrabbiata ed ho sbattuto la ciabatta sul pavimento, ma lui ha fatto di peggio e da un po' di mattine puntualmente mi sveglia con urli disumani stile film horror, mi sembra chiaro che sia un dispetto bello e buono. Non voglio passare per cattiva per il semplice fatto che i coniugi oltre ad essere "bravi catechisti" e pure impegnati in comune, sono portati in palmo di mano da tutto il paese. Io invece non sono come loro, anzi... Scusatemi per lo sfogo, ma non ce la faccio più, se non fosse che l'appartamento è dei miei genitori e quindi non pago l'affitto, avrei già cambiato casa e non starei qui a farmi venire l'esaurimento.
Nikon
Io ho avuto più o meno lo stesso problema e ho risolto parzialmente con l'insonorizzazione del soffitto e di 3 pareti, 2500€ ma sempre meno che cambiare casa... Auguri...ciao!!
sixfree
Ciao Margot Ti vorrei illustrare la mia situazione : io e mia moglie abbiamo comprato un vecchio appartamento. La nostra camera da letto ed il bagno confinano con camera da letto e bagno di due pensionati, il muro divisorio è fine e non isolato acusticamente. Il marito soffre di insonnia cronica ed alle 3 o 4 del mattino è sveglio come un grillo ed il suo passatempo notturno è fare bricolage in casa (rumori di cacciavite, raschiamenti, cazzuolamenti, picchiettamenti, rumori di seghetto, oggetti metallici che cadono). Alle 7 del mattino il marito esce in macchina per andare non si sa dove e torna alle 7.30/8 (quindi per vestirsi rumori di armadi, cassetti, ecc.). I due coniugi sono mattinieri : in piedi alle 5.30 del mattino, 7 giorni su 7, ed appena svegli cominciano a parlare se non a litigare ad alta voce (voci roche profonde da fumatori...tipo Sandro Ciotti). Hanno 2 cani che abbaiano. La moglie è una persona frenetica che rimane tutto il giorno in casa e cammina su e giù nell'appartamento tallonando pesantemente sul pavimento, sbattendo cassetti, ante degli armadi, spostando mobili e sedie (o meglio "lanciando"), non fa mai 30 secondi di pisolino. La maggior parte dei giorni della settimana ospitano la nipotina che corre, urla e fa un casino inenarrabile con inevitabili richiami (con megafono) dei "nonnini". Dopo mesi di sofferenza e di notti insonni io e mia moglie dormiamo provvisoriamente dai miei genitori che, fortunatamente abitano vicino. Tra poco insonorizzeremo le 2 pareti dalle queli filtrano i rumori. Speriamo in bene. P.S. Lettera ad amministratore, colloqui con polizia urbana, Carabinieri, discussioni faccia a faccia con le 2 merdacce (gentili le prime e molto violente le seconde con minacce di denuncia e di pestaggi vari) già eseguite senza risultato. Se non ci salva l'insonorizzazione opterò per i tappi della 3M. Speriamo di risolvere!!! Max
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com