Condominioweb.com forum
 06-06-2009 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Ripartizione Spese - Gestione condominiale

Ripartizione spese lavori fogna

 
Condominioweb.com forum >
bubblesoap
Ciao a tutti. Vorrei sottoporvi questo caso: l'anno scorso - luglio 2008 - si è verificata una rottura - con conseguente sversamento di acque chiare e scure, di un pezzo di fognatura nel nostro condominio. Tale perdita ha comportato l'uscita della ditta addetta allo spurgo e della ditta addetta alla riparazione delle opere murarie. La perdita è stata di carattere continuativo. Sono stati necessari non sò quanti viaggi del camion dello spurghi per impedire che le acque si riversassero e allagassero il cortile. Al termine dei lavori l'amministratore ci ha spedito a casa il prospetto della spesa e la ripartizione della stessa. I miei quesiti sono i seguenti: 1. in quale tipologia di lavoro può essere inquadrato tale intervento? (ordinario, straordinario, ecc..) 2. come doveva essere ripartita la spesa? per ora mi fermo qua in attesa di vostre indicazioni... grazie
dolores
1. intervento di natura straordinaria 2. per millesimi di proprietà tra tutti i condomini i cui scarichi confluiscono nella fogna interessata dal guasto (art. 1123 III° co.)
dolores
Una diversa ripartizione, da quella per millesimi, è consentita se prevista nel RdC o se deliberata con il consenso unanime di tutti i condomini. Poi ritengo il comportamento dell'amministratore non in linea con le norme codicistiche. Infatti, l'ultimo comma dell'art. 1135 c.c. dispone che: L'amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria, salvo che rivestano carattere urgente, ma in questo caso DEVE RIFERIRNE NELLA PRIMA ASSEMBLEA.
bubblesoap
L'amministratore ha invece ripartito la spesa in base alle persone sostenendo che tutto quello che riguarda lo spurgo va diviso (perchè è sempre stato così) in base alle persone. La mia tesi è invece quella di dolores. Sono d'accordo per la divisione a persona per lo spurgo ordinario ma non certo per questo tipo di intervento. Andiamo avanti... La spesa era stata poi suddivisa in due rate. La prima rata l'ho regolarmente pagata (anche perchè la rata prevedeva il pagamento di altri lavori condominiali), la seconda invece non l'ho ancora pagata. Al termine dell'ultima assemblea condominiale l'amministratore mi ha pregato di saldare la seconda rata per poter pagare i fornitori, assicurandomi che poi avrebbe rivisto la ripartizione della spesa e restituito, se del caso, le somme che avrei versato in più. Secondo voi qual'è il comportamento corretto che io dovrei tenere? Se pago e l'amministratore non rivede la ripartizione? Tengo a precisare che la ripartizione della spesa non è mai approdata in assemblea (nemmeno nell'ultima) e l'assemblea non l'ha mai votata. Grazie
Dello stesso argomento
bubblesoap
Io non metto in discussione l'operato dell'ammministratore nel caso di specie. C'è stata un'urgenza e lui è intervenuto. Non mi sogno nemmeno di chiedere, come tu hai ventilato, una riunione per raccogliere preventivi..ecc..ecc.. Mi sarei certo aspettato che alla prima riunione di condominio portasse all'attenzione dell'assemblea l'intervento effettuato, spiegando i lavori che sono stati fatti e chiedendo la ratifica (così come il c.c. prevede) per l'intervento. La cosa che non mi convince per nulla e che vorrei approfondire è se la ripartizione dei lavori "a persona" è corretta. Io ritengo di no. E te lo spiego il perchè: Sono d'accordo con Dolores che trattasi di un intervento straordinario e non certo di un intervento ordinario di spurgo dei pozzi neri. Un conto è far uscire l'impresa per spurgare il pozzo, un conto è farla uscire perchè una tubatura o un pezzo di fogna si è rotto...sei d'accordo su questo? Trattandosi di intervento straordinario applicherei l'art. 1123 comma 3 del codice civile. Ripartirei in base ai millesimi e non certo in base alle persone. Anche perchè la rottura è indipendente dal numero di persone che risiedono nel condominio. Se il mio ragionamento è corretto come posso farlo valere nel caso in cui l'Amministratore continui per la sua strada? Se invece mi dici che il mio ragionamento non ha ne testa ne coda..beh...non ho problemi. Mi metto il cuore in pace. Sono pienamente cosciente dei miei diritti e dei mie doveri come condomino. Le spese (i doveri) le ho sempre regolarmente pagate e intendo regolarmente pagarle. Ma vorrei anche vedere tutelati i miei diritti...non trovi? Come mi ha chiesto l'Amministratore intendo comunque saldare la seconda rata ma gradirei anche sapere come posso eventualmente difendere questo mio diritto..tutto qua.
canterano
Passi per lo spurgo (viaggi dei camion) ripartito in base alle persone (perchè è sempre stato così), mentre le opere murarie di riparazione fra millesimi di valore dei proprietari serviti dall'impianto. Se la spesa è stata particolarmente onerosa avrebbe potuto indire un'apposita assemblea per reperire i fondi. Secondo i parere di bubblesoap che cosa si poteva fare in una situazione de genere? Reperire dei preventivi e convocare un'assemblea straordinaria? Se sono stati necessari non sò quanti viaggi del camion dello spurghi per impedire che le acque si riversassero e allagassero il cortile e l'amministratore non fosse intervenuto nel frattempo? Lo avreste citato per inadempienza contrattuale. Non volete pagare le spese? L'amministratore potrebbe citarvi in giudizio per l'illecito arricchimento con buone possibilità di vittoria. La perizia del CTU nominato dal Tribunale potrebbe stabilire che in quella situazione di emergenza i lavori erano urgenti e necessari e sono stati regolarmente eseguiti ai prezzi medi di mercato.
canterano
La richiesta iniziale è stata: "Al termine dei lavori l'amministratore ci ha spedito a casa il prospetto della spesa e la ripartizione della stessa." L'amministratore ha la facoltà di emettere decerto ingiuntivo per le somme richiaste ai condomini a titolo di acconto. In seconda battuta bubblesoap scrive: "Tengo a precisare che la ripartizione della spesa non è mai approdata in assemblea (nemmeno nell'ultima) e l'assemblea non l'ha mai votata." Quindi la somma che sarebbe stata richiesta in due rate anticipate per per far fronte alle spese impreviste non è stata ancora resa liquida da una delibera condominiale. L'assemblea del condominio avrebbe dovuto deliberare l'intero importo con la ripartizione delle quote nella misura dovuta da ciascun condomino. Nel caso di bubblegum, ci sarà una fattura che indica l'entità dei lavori di riparazione che si sono resi necessari. Detti lavori dovrebbero essere ripartiti fra millesimi di valore delle quote, salvo che l'assemblea non deliberi all'unanimità un diverso tipo di ripartizione. A questo punto bubblesoap dovrebbe chiedersi per quale motivo la delibera di ripartizione dei lavori per valore delle quote millesimali non è stata inserita all'od.g. dell'assemblea.
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com

Ultime discussioni
  • Ripartizione spese per ripristino pilastri in condominio
  • Sostituzione Basculante Box Privato
  • Proroga del 770 al 19 settembre 2014
  • Tegole difettose e crepate, chi deve pagare la sostituzione?
  • Quote condominiali dei negozi
  • Consiglio su nomina amministratore
  • Chiavi ingressi condominiali ai genitori: si o no?
  • Nomina amministratore - Delibera nulla?
  • Dimissioni amministratore
  • Allagamento garage a seguito forte temporale
  • Ripartizione spese manutenzione tetti a falde centro storico
  • Nomina e riconferma amministratore
  • E' un condominio o NON è condominio?
  • Appartamento disabitato e pagamento spesa termosifoni centralizzati