Condominioweb.com forum
 10-10-2009 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Vita in condominio

Cosa si può fare per la legge in un "vano agibile non abitabile"?

 
Condominioweb.com forum >
artyca
Prendo spunto da un posto molto seguito per riaffrontare una questione che pare davvero assurda. Nel mio caso ho un piano con piene caratteristiche di abitabilità, con Cucina, Soggiorno, Bagno e Stanza. Al piano superiore sottotetto, collegato con una scala interna, una mansarda agibile (Altezza media maggiore di 2.40 metri), accatastata non abitabile. Dato che qualcuno ha detto che la mansarda non può essere usata come camera da letto, chiedo cortesemente dove questo sta scritto, quale è il riferimento normativo preciso, e non il sentito dire. Oppure quale norma mi dice cosa posso fare e quando posso stare in questo locale: posso stare 1 ora al giorno? 2 Ore, 6 ore? Cosa ci posso mettere.. armadi e basta? Non possono eserci piastrelle per terra? Deve per forza essere al grezzo. C'è qualche nosrma che mi inpedisca di fargli finitire di pregio? (Sempre bene inteso che la parte inferiore della casa ha da SOLA i requisiti di abitabilità, senza bisogno del vano superiore). Quale legge mi può impedire di andare a dormire in una soffitta? E se arrivasse un controllo a casa mia? Se nella soffitta ci fossero solo armadi sarebbe tutto a posto, mentre se ci fosse anche un letto non sarei in regola? La cosa sarebbe assolutamente ridicola perchè mi pare ovvio che il giorno del controllo toglierei i letti spostandoli nella stanza al piano di sotto, e lascerei nella soffitta solo gli armadi, e la sera stessa ripristinerei il tutto facendomi una gran dose di risate. Altro controllo? Altro spostamento di letti... Si capisce che è IMPOSSIBILE proibire di adibire a stanza una soffitta di un appartamento già di per se abitabile. Vedrei invece un'irregolarità se la sola parte al piano inferiore non avesse da sola l'abitabilità, ad esempio de mancassero il bagno o una stanza, e questi fossero nella parte non abitabile.
koine.rock
"Dato che qualcuno ha detto che la mansarda non può essere usata come camera da letto, chiedo cortesemente dove questo sta scritto, quale è il riferimento normativo preciso" Non è che il sottotetto non può essere abitato (cioè utilizzato come cucina, soggiorno o camera) ma per esserlo deve avere certe caratterisstiche: 1) altezza media di mt. 2,70 come previsto dal Decreto ministeriale Sanità 5 luglio 1975 (oppure di mt. 2,40 nelle regioni che hanno una legge che lo permette: Piemonte, Lombardia e molte altre) 2) se ha queste caratteristiche bisogna prima chiedere il Permesso (previsto da DPR 380/2001) al Comune per rendere il sottotetto abitabile. * " Oppure quale norma mi dice cosa posso fare e quando posso stare in questo locale: posso stare 1 ora al giorno? 2 Ore, 6 ore? Cosa ci posso mettere.. armadi e basta? Non possono eserci piastrelle per terra? Deve per forza essere al grezzo. C'è qualche nosrma che mi inpedisca di fargli finitire di pregio?" Dipende da Comune a Comune in base al regolamento edilizio di ogni comune. Dove lavoravo prima la Normativa prevede che nel sottotetto si potesse accedere solo con botola, non faveano mettere la scala e nemmeno le piastrelle, nulla. Dove lavoro ora si può piastrellare, illuminare e pure riscaldare, non si puà fare il bagno, si può usare come stenditoio. Ci puoi stare quanto vuoi come se stessi in cantina ...quindi non metterci un letto e non un tavolo su cui studiare ...o magari quello è ok ma non metterci armadi con vestiti dentro. Dipende tutto dal regolamento del tuo Comune. Un volta dopo una denuncia un Giudice chiese se sui mobili nel sottotetto c'era polvere: se NON c'era allora era usato e "vissuto" quindi secondo lui adibito ad abitazione. Se invece c'era polvere per lui significava che era effettivamente usato come ripostiglio. * "La cosa sarebbe assolutamente ridicola perchè mi pare ovvio che il giorno del controllo toglierei i letti spostandoli nella stanza al piano di sotto, e lascerei nella soffitta solo gli armadi, e la sera stessa ripristinerei il tutto facendomi una gran dose di risate." Si, più o meno è così. Anche se non è che ti avvisano prima del controllo. Poi ..un controllo potrà arrivare sempre, a tutte le ore, per decenni e decenni. * "Vedrei invece un'irregolarità se la sola parte al piano inferiore non avesse da sola l'abitabilità, ad esempio de mancassero il bagno o una stanza, e questi fossero nella parte non abitabile." Non devi vederla tu ma la Normativa del tuo Comune (ogni comune ne ha una, spesso diversissime) o un Giudice se ci sarà un processo. * " Dopo essermi scusato, continuo ad avere difficolta a capacitarmi che senso potrebbe avere una norma secondo la quale se in un locale (la soffitta appunto) ho solo armadi sarei in regola, mentre se oltre agli armadi ci fosse anche un letto allora sarei fuori regola. " Tante norme sono senza senso. Possiamo applicarle o non applicarle. Ma la legge poi fà il suo corso. Dicevo che nel mio comune vietavano addirittura di accedere al sottotetto così il problema "mansarda abusiva2 si risolveva alla radice. Dipende tutto dal regolamento vigente nel tuo comune (se me lo mandi lo leggo e ti dico se e cosa puoi fare nel sottotetto). * "Si chiamano locali non abitabili, però ci si può entrare. Se ci entro vuol dire che lo abito" Beh, attenta, anche in cantina ci puoi entrare ...ma non ci puoi abitare. * "La cosa assurda della mia vicenda è che per queste soffitte sottotetto sono stati pure pagati gli oneri di urbanizzazione..." Questo non credo. Se fossero stati pagati gli oneri PER L'USO ABITATIVO allora sarebbero abitabili, punto! Probabilmente sono stati pagati gli oneri ridotti PER L'USO RIPOSTIGLIO. * "Però mi domando...l'edificio è stato realizzato esattamentte secondo un progetto approvato dalla commissione edilziza comunale. Se il comune approva il progetto cosa ci può essere di irregolare?" Sicuramente/probabilmente sul progetto vedrai scritto SOTTOTETTO NON ABITABILE, AD USO LOCALE DI SGOMBERO sui disegni approvati dal Comune.
studiocasacondominio
Da quello che scrivi la soffitta-sottotetto è tua esclusiva ? Solo tu ci puoi accedere ? per accedere usi delle scale solo tue, in esclusiva ? Se è così puoi farci quello che vuoi, tranne che stipulare un contratto di locazione per una cosa diversa da quella che è. Non devi inoltre nel suo uso creare danni a terzi, ma questo dovrebbe essere ben difficile.
studiocasacondominio
E' molto semplice. Le norme sono due. Il diritto di proprietà. Il non ledere gli altrui diritti nell'uso della proprietà. In quelle soffitte puoi farci quello che vuoi nell'ambito del privato. Non puoi aprirci una discoteca, un bar, locare i locali come abitazione senza cambiare destinazione d'uso, mentre potresti locarli con la destinazione d'uso attuale. Ma di poterci mettere armadi, piastrelle, una palestra privata è un tuo diritto fondamentale che nessuno può impedirti.
Dello stesso argomento
studiocasacondominio
Scritto da artyca il 06 Ott 2009 - 16:36:35:
Grazie molte per la notizia che mi solleva non poco. Ultima cortesia: ci sono riferimenti normativi specifici in merito per avere delle "pezze d'appoggio" in merito ad eventuali contestazioni? Lo scrivo perchè pare che non tutti abbiano la vostra visione delle cose.
Facendola breve. Non è che serve una normativa per permetterti di fare qualcosa. La normativa esiste per impedirti o limitarti. Quello che non ti è vietato, è permesso (anche se c'è ogni tanto qualche testa che non lo sa). C'è una normativa che vieta di piastrellare soffitte, garage, cantine ecc., ecc.. No ! E così via......
Elenina
Le altezze minime medie le stabiliscono i regolamenti edilizi locali, che puoi trovare sul sito del tuo Comune. Solitamente l'altezza media dei locali abitabili non deve essere inferiore ai 2,70m (2,40 o 2,20 per bagni o corridoi) e devono essere soddisfatti i rapporti aeroilluminanti e le superfici minime (per es., una cameretta non può considerarsi tale se inferiore ai 9mq). Nessuna normativa ti impedisce invece di rivestire il pavimento del sottotetto con piastrelle, anche d'oro, se più ti aggrada. Però se già la questione ti pare assurda e le normative superflue e continuerai in ogni caso ad usare il sottotetto come camera in barba a eventuali controlli (che peraltro aggirerai furbescamente e con gran divertimento...) non vedo il perché di questo post.
Elenina
comunque rimando al post: http://www.condominioweb.com/forum/topic.asp?whichpage=5&TOPIC_ID=68396 (vedo che hai postato la stessa questione anche li)
fabrizio fab
Qualcuno sa nel Comune di Ancona quanto deve essere l'altezza media o minima per essere un locale abitabile?? Non riesco a trovare niente! Fa bis
Il Supremo
Se effettivamente hai tutte le misure e le altre cose in regola(cmq questo lo deve appurare un tecnico credo geometra o architetto) ti rimangono solo da pagare gli oneri urbanistici al comune e lo puoi rendere abitabile,cosi' guadagni in valore dela casa e non hai rotture,il problema non è l'abitabilita' ma il fatto che il costruttore non abbia pagato le somme dovute per un sottotetto abitabile,è piu' o meno lo stesso motivo perchè non si possa vendere un sottotetto non abitabile a pieno valore. Certo ci sono delle volte che pur avendo le misure il comune non ti rilascia l'abitabilita' perchè esistono cmq dei limiti a livello di costruzione/edificio.
artyca
Innanzitutto mi scuso con tutti (specie Elenina e La franci)se ho usato un tono che poteva sembrare offensivo, usando il termine "risata". Non intendevo apparire arrogante, ma solo esprimere una perplessità che deriva anche dalla paura di trovarmi, come altri partecipanti del forum, in un grosso guaio per essermi "fidato" di quello che mi hanno detto i venditori. Nel mio caso a onor del vero ero stato adeguatamente informato dello stato delle cose e quindi di certo non posso dire di essere stato raggirato, semmai mi era stato assicurato che lo stato delle cose non mi avrebbe creato problemi. Questo mi preme perchè nella vita di tutti i giorni mi sforzo di essre SEMPRE una persona per bene, rispettosa delle regole (e a volte si fa fatica in questo mondo difficile) e soprattutto del mio prossimo, pertatnto mi dichiaro pubblicamente pentito di avere usato quell'espressione, obiettivamente infelice se non spiegata. Dopo essermi scusato, continuo ad avere difficolta a capacitarmi che senso potrebbe avere una norma secondo la quale se in un locale (la soffitta appunto) ho solo armadi sarei in regola, mentre se oltre agli armadi ci fosse anche un letto allora sarei fuori regola. L'esempio che facevo dello spostare i letti non voleva essere la giustificazione di una "furbata" ma un paradosso per evidenziare l'incosistenza di un eventuale prescrizione di questi tipo. Per studiocasacondominio, se può aiutarmi a chiarirmi le idee: - ai locali soffitta posso accedere solo io; - le scale sono interne quindi assolutamente in esclusiva; - nella soffita, regolarmente approvate ho tre porte finestre verso un poggiolo esterno, quindo ho abbondantissima superficie finestrata - ho altezza media ponderale maggiore dei 2.40 metri richiesti per i sottotetti - per fortuna ho dei vicini splendidi con cui vado veramente d'accordo, in quanto sappiamo rispettarci a vicenda. Se studiocasacondominio mi potesse dare il riferimento normativo sul fatto che sotto le ipotesi che mi ma elencato posso usufruire dei locali come meglio credo mi farebbe una enorme cortesia.
artyca
Grazie molte per la notizia che mi solleva non poco. Ultima cortesia: ci sono riferimenti normativi specifici in merito per avere delle "pezze d'appoggio" in merito ad eventuali contestazioni? Lo scrivo perchè pare che non tutti abbiano la vostra visione delle cose.
artyca
Grazie ancora. Certo che c'è qualcosa di incredibile in queste dizioni. Si chiamano locali non abitabili, però ci si può entrare. Se ci entro vuol dire che lo abito.... Che distinzione o discriminante ci può essere fra entrare ed abitare? Il tempo di stazionamento? Se ci passo 10 minuti ci entro, se ci passo 1-2 ora lo abito? Mah... forse ecco perchè sono questioni sulle quali cui il dibattito è infinito....
artyca
Io sono un progettista e mi occupo di edilizia, quindi non avrei problemi ad arrangiarmi. La cosa assurda della mia vicenda è che per queste soffitte sottotetto sono stati pure pagati gli oneri di urbanizzazione... Come è possibile che il comune accetti di ricevere gli oneri di urbanizzazione per una soffitta che poi è tecnicamente (ma non fisicamente per requisiti) non abitabile? Come dici tu l'unico motivo dovrebbe essere per una questione di indici urbanistici. Però mi domando...l'edificio è stato realizzato esattamentte secondo un progetto approvato dalla commissione edilziza comunale. Se il comune approva il progetto cosa ci può essere di irregolare? Se bisogna fare tutti questi balzelli e acrobazie normative allora: a) NON si lasciano costruire questi locali b) se li si lascia costruire, approvando un progetto non si creano problemi. Sinceramente non so se con qualche procedura si possano anche "legalmente" rendere abitabili i locali.
artyca
Davvero non posso credere che una sentenza di un giudice di basi sulla presenza di polvere in un locale...aa Ma che siamo impazziti???? Per quanto riguarda il PRG, il regolamento edilizio e tutti i suoi documenti attuativi del mio comune non c'è una sola parola che dica cosa si può fare e cosa non si può fare in un vano agibile non abitabile.... Si definiscono solo le caratteristiche geometriche. Come ho già scritto però nel mio caso le caratteristiche richieste ci sono tutte (Superficie, altezza, superfici finestrate...) Il problema è stato solo di indici edilizi. Credo quindi che non si potranno mai sanare a meno di una qualche modifica o sanatoria ad Hoc.
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com