Condominioweb.com forum
 08-08-2006 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Locazioni e spese : diritti inquilino e proprietario

Comodato d'uso gratuito Deve essere registrato?

 
Condominioweb.com forum >
Mariangela23
Ciao chi mi sa dire cosa devo fare una volta sottoscritto il contratto di comodato gratuito? Deve essere registrato? Dove? Quanto mi costa? Ultima domanda un contratto in comodato d'uso può essere a tempo indeterminato? Grazie Mariangela
Carlo Musto
Si, va registrato. Si pagano 167 euro. Può essere a tempo determinato, ma può essere interrotto in qualsiasi momento. Staff
Ilgiampi
Non è detto che debba essere registrato il contratto di comodato. Se è un contratto verbale (ed è possibile pattuire un comodato verbalmente) non è necessaria la registrazione. site:osservatoriotributario .it/detail_notizie.asp?Chiave=1028
Ilgiampi
Scusate, ho letto male.
Dello stesso argomento
claudiom616
Giusto, ma è nche vero che non si sottoscrivono i contratti verbali. Un saluto Claudio
Patrizia Ferrari
Scritto da Sergio64 il 13 Mar 2009 - 15:03:06:
Buongiorno a tutti, una domanda, il contratto di comodato d'uso gratuito per beni mobili e intendo mobili d'arredamento, e' sufficiente apporre timbro postale con data per far si' che sia valido?
No,non è valido. Però consiglio apri una nuova discussione e non agganciarti a quelle vecchie di anni. a
Patrizia Ferrari
Per cortesia rosben NON andare a ripescare discussioni d'annata,questa era del 2006,ma ne hai riaperte altre del 2007,ci sono utenti che non partecipano più da anni. Se vuoi attenzione ulteriore movimenta e rialza la TUA discussione,grazie http://www.condominioweb.com/forum/128292
valeria81
Scusate se mi intrometto... Il contratto si redige in 2 copie (1 per te e 1 per la registrazione); su ogni contratto si applica una marca da bollo da € 14,62; la tassa da versare è di € 168,00 (imposta di registro - l'importo è fisso) e si versa all'agenzia delle entrate compilando il modello F23 e portandolo in posta o in banca; la registrazione va fatta all'agenzia delle entrate, portando le due copie del contratto e la ricevuta di pagamento (che sarebbe poi una copia del mod. F23 quietanzato). ciao ciao. Modificato Da - valeria81 il 03 Ago 2006 16:02:16
ninotta_2006
Scritto da valeria81 il 03 Ago 2006 - 16:01:33:
Scusate se mi intrometto... Il contratto si redige in 2 copie (1 per te e 1 per la registrazione); su ogni contratto si applica una marca da bollo da € 14,62; la tassa da versare è di € 168,00 (imposta di registro - l'importo è fisso) e si versa all'agenzia delle entrate compilando il modello F23 e portandolo in posta o in banca; la registrazione va fatta all'agenzia delle entrate, portando le due copie del contratto e la ricevuta di pagamento (che sarebbe poi una copia del mod. F23 [...]
il tutto entro 20 giorni dalla stipula ciaoa
Mariangela23
Scritto da Carlo Musto il 03 Ago 2006 - 10:47:23:
Si, va registrato. Si pagano 167 euro. Può essere a tempo determinato, ma può essere interrotto in qualsiasi momento. Staff
Grazie tante e vista la tua disponibilità integro la mia domanda... sai quando non sai cosa devi chiedere esattamente le domande non ti vengono in mente tutte e subito! Le domanda sono questa: La cifra che mi hai indicato comprende l'imposta di registro i tributi sapeciali e le marche da bollo (eventualmente di quante copie)? Dove si registra il contratto? Grazie ancora
Mariangela23
Grazie a tutti! Gentilissimi e preparattissimi, ma dopo apportune valutazioni penso sia meglio stipulare il concordato. L'inquilino già dal primo mese non paga. Vista la mia inesperienza, avevo pensato di dare tempo a queste persone (che sono appena rientrate in italia dalla germania), di trovare il giusto lavoro, di inserirsi nuovamente... poi ho scoperto che posso procedere allo sfratto per mancato pagamento solo avendo in mano un contratto di locazione a canone libero o concordato. Farò comunque tesoro delle vostre informazioni. Ciao
Mariangela23
Sono di nuovo io... uffa ora sono alle prese con la stesura del concordato. Come faccio a calcolare l'oscillazione annua tenendo conto che il costo annuo al mq max è di 78 e min di 51 euro, che i mq sono 87.50 e che il canone è di 600 euro? Grazie
moro61
salve a tutti una domanda, mia madre ha una villetta fuori roma, e al primo piano andranno ad abitare i miei suoceri (ovvero i consuoceri di mia madre), con il comodato d'uso gratuito oltre a presentare la cessione di fabbricato alla ps, devo per forza registrare qualcosa all'ufficio dell'entrate o non e' obbligatorio visto che non ci saranno problemi tra le parti, e sara' un accordo solo verbale...ringrazio chinque possa darmi una risposta.
peppe64
scritto da mariangela 23 Grazie a tutti! Gentilissimi e preparattissimi, ma dopo apportune valutazioni penso sia meglio stipulare il concordato. L'inquilino già dal primo mese non paga. Vista la mia inesperienza, avevo pensato di dare tempo a queste persone (che sono appena rientrate in italia dalla germania), di trovare il giusto lavoro, di inserirsi nuovamente... poi ho scoperto che posso procedere allo sfratto per mancato pagamento solo avendo in mano un contratto di locazione a canone libero o concordato. Farò comunque tesoro delle vostre informazioni. scasa ma all'inizio del post non parlavi di registrare contratto di comodato gratuito?
peppe64
Scritto da Mariangela23 il 03 Ago 2006 - 10:05:50-]Ciao chi mi sa dire cosa devo fare una volta sottoscritto il contratto di comodato gratuito? Deve essere registrato? Dove? Quanto mi costa? Ultima domanda un contratto in comodato d'uso può essere a tempo indeterminato? Grazie Mariangela scusate se mi intrometto..la registrazione è a carico del comodatario o del comodante? 50% al comodatario 50% al comodante
robby71
Scritto da Mariangela23 il 03 Ago 2006 - 10:05:50-]Ciao chi mi sa dire cosa devo fare una volta sottoscritto il contratto di comodato gratuito? Deve essere registrato? Dove? Quanto mi costa? Ultima domanda un contratto in comodato d'uso può essere a tempo indeterminato? Grazie Mariangela scusate se mi intrometto..la registrazione è a carico del comodatario o del comodante?
AlexMcG
ciao MAriangela.....ma cosa ci fai a bologna ??? come sta Samu ? Alex
mic80
Provo a riassumere la mia situazione... Vorrei sottoscrivere un contratto di comodato d'uso con una persona con la quale non ho legami di parentela. io lo la residenza in quella casa (ed è la mia prima casa) questa persona no. nella casa chiaramente la persona vivrà da sola (e io ho la residenza per una persona) posso stipularlo con queste condizioni? mantengo la casa come prima casa? nel caso di controlli è suff la copia del contratto registrato? sono tranquilla da un punto di vista "burocratico"? grazie mille x le info
coronelli
Verificare la richiesta dell'Ufficio per i diritti di copia. A Roma, per esempio, non è contemplata.
roninkaiser
Scritto da Mariangela23 il 07 Ago 2006 - 09:01:48:
Grazie a tutti! Gentilissimi e preparattissimi, ma dopo apportune valutazioni penso sia meglio stipulare il concordato. L'inquilino già dal primo mese non paga. Vista la mia inesperienza, avevo pensato di dare tempo a queste persone (che sono appena rientrate in italia dalla germania), di trovare il giusto lavoro, di inserirsi nuovamente... poi ho scoperto che posso procedere allo sfratto per mancato pagamento solo avendo in mano un contratto di locazione a canone libero o concordato. Farò c [...]
Ciao Mariangela23, ho letto il tuo post è mi interesserebbe molto conoscere il motivo della tua affermazione. Mi trovo nella stessa situazione. Grazie
roninkaiser
Qualcuno mi sa dire cosa succede se alla scadenza del comodato il comodatario non vuole lasciare l'immobile? Lo chiedo per sapere se è meglio un contratto d'affitto 3+2 con importi ridicoli (quasi gratuito) oppure un comodato completamente gratuito....lo chiedo solo al fine della liberazione dell'immobile nel caso il comodatario non voglia rispettare il termine.....mi interessa saperere se seguono lo stesso iter giudiziale oppure uno dei due ha un iter più veloce. Io sono il comodante...
Letterio
Ho letto solo ora la discussione circa il contratto di comodato e vorrei fornire alcune precisazioni: Il contratto di comodato, per sua natura (art.1803 cc), è gratuito quindi non può esserci morosità. Occorre fare molta attenzione: non è lecito stipulare un contratto di comodato invece di un contratto di locazione al fine di evadereil fisco! vi sono, per il locatore (comodante) molteplici rischi collaterali. In ogni caso, ecco la procedura: 1) stipula del contratto in due o tre copie (una per l'aff. del registro, una per il comodante ed una per il comodatario:2)2 0 3 marche da bollo da € 14,62. 3) redigere il modello F23 per il versamento di €168 codice 109T oltre € 7,44 per diritti di copia codice 964T (alcuni Uffici I.D. chiedono il pagamento di € 10,78, sempre con il codice 964T. 3) pagare il dovuto in banca, 4) compilare il mod.69 che viene fornito dall'Uff. Imp.Dir. e presentare il tutto allo stesso ufficio. Stante la natura gratuita del contratto di comodato tutte le spese relativa alla registrazione sono a carico dal comodatario. Saluti Letterio Bonaccorso
Letterio
1) nel caso in cui alla scadenza del contratto di comodato o a seguito di regolare richiesta di rilascio dell'immobile, il comodatarioo non lascia l'immobile occorre rivolgersi al Magistrato (Giudice di Pace) per avere l'ingiunzione ed attevare la procedura di rilascio. Nel caso in cui il comodatario non adempie ai suoi doveri, vi è la possibilità di richiedere anche il risarcimento dei danni (SEMPRE A CONDIZIONE CHE SI TRATTI DI REALE CONTRATTO DI COMODATO) 2) il punto è che il contratto di comodato non è alternativo al contratto di locazione anche se spesso lo si considera tale. In ogni caso, mentre il comodatario ha poca tutela ( non paga niente, deve solo ringraziare il comodante!) il conduttore ha maggiori tutele ed il locatore deve patire non poco per avere libero il proprio immobile. Letterio Bonaccorso
Letterio
Il timbro postale, ammesso che te lo mettano, non serve a niente. Occorre la registrazione presso l'Ufficio del registro. Letterio
rosben
Scritto da roninkaiser il 05 Dic 2008 - 11:36:35:
Qualcuno mi sa dire cosa succede se alla scadenza del comodato il comodatario non vuole lasciare l'immobile? Lo chiedo per sapere se è meglio un contratto d'affitto 3+2 con importi ridicoli (quasi gratuito) oppure un comodato completamente gratuito....lo chiedo solo al fine della liberazione dell'immobile nel caso il comodatario non voglia rispettare il termine.....mi interessa saperere se seguono lo stesso iter giudiziale oppure uno dei due ha un iter più veloce. Io sono il comodante...
io ho lo stesso problema ho una coppia che non se ne va dopo avergli chiuso un comodato gratuito dopo un anno..sai che devo fare per riprendere mai casa ? giud pace? staccare bollettte ? o cosa ? fore ordine ? O si deve aspettare i comodi dei comodatari ? Grazie se mi aiuti Rosben
rosben
Scritto da Letterio il 05 Dic 2008 - 22:56:07:
1) nel caso in cui alla scadenza del contratto di comodato o a seguito di regolare richiesta di rilascio dell'immobile, il comodatarioo non lascia l'immobile occorre rivolgersi al Magistrato (Giudice di Pace) per avere l'ingiunzione ed attevare la procedura di rilascio. Nel caso in cui il comodatario non adempie ai suoi doveri, vi è la possibilità di richiedere anche il risarcimento dei danni (SEMPRE A CONDIZIONE CHE SI TRATTI DI REALE CONTRATTO DI COMODATO) 2) il punto è che il contratto di c [...]
io mi trovo in qst situazione.. ho richiesto l immobile e non me lo ridanno....ho fatto tutto in regola io.... devo andare dal giudice d i pace? posso fare senza avvocato? Grazie se mi aiuti ciao R
Sergio64
Buongiorno a tutti, una domanda, il contratto di comodato d'uso gratuito per beni mobili e intendo mobili d'arredamento, e' sufficiente apporre timbro postale con data per far si' che sia valido? Grazie Sergio
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com