Condominioweb.com forum                   Inserisci un quesito
 06-06-2009 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Leggi, regolamenti e Assemblee - Sentenze

Certificato Prevenzione Incendi. Chi deve pagare?

 
Condominioweb.com forum >
albgiur
Buongiorno, Sono un condomino (proprietario di un appartamento) di un palazzo, costruito nel ’96 per il quale le pratiche per il rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi si sono da tempo arenate e solo ora emerge la mancanza di tale documento (esiste solo l’esame del progetto dei VV.FF. con parere favorevole, sempre del 1996). L’abitabilità è stata regolarmente rilasciata dal comune. L’amministratore non è in possesso di tutta la documentazione necessaria a presentare richiesta di sopralluogo ai VV.FF., quindi bisognerà procedere alla produzione di tutta questa documentazione. Ovviamente la produzione dei documenti e le pratiche e assistenza del libero professionista abilitato a seguire l’iter hanno un costo. Noi condomini siamo costretti ad accollarci il costo di tutte le attività per l’ottenimento del certificato oppure possiamo rivalerci su chi avrebbe dovuto portare a termine le pratiche per la certificazione? Cosa consigliate di fare?
lollolalla
Sono passati oramai 13 anni. Il Certificato di Prevenzione Incendi non dura così tanto, ma scade prima: a seconda del caso per cui è stato fatto, può durare al max 6 anni... 6 + 6 = 12 ... voi siete a 13! Era compito dell'amministratore richiederne il rinnovo. Mi pare che da voi la pratica si sia arenata per troppo tempo per dare la colpa a qualcun altro...
lollolalla
Il responsabile della richiesta del CPI è l'amministratore il quale in caso di inadempienza rischia l'arresto fino ad un anno e una multa da 500 a 5000 euro. La cosa non la fa fisicamente l'amministratore, ma deve incaricare un tecnico abilitato a redarre il CPI, predisporre tutti i documenti necessari e , se necessario, predisporre tutti i lavori per la messa a norma, prima della richiesta della visita dei vigili del fuoco. Ovviamente, l'amministratore deve fare la richiesta, e il condominio deve pagare il tutto: tecnico (o amministratore se è lui il tecnico), pratiche varie, eventuali lavori di sistemazione. Finora chi ha risparmiato queste spese? Voi o l'amministratore? Lui era ed è obbligato a richiedere il CPI e si sta prendendo delle responsabilità civili e penali, per cui potrebbe far redarre il tutto e presentarvi le spese senza nemmeno la delibera assembleare, in quanto obbligo di legge. Altrimenti cosa dovrebbe fare se l'assemblea decidesse di non predisporre la pratica, considerando i rischi che corre? Ovviamente il tutto vale solo se siete obbligati alla redazione del CPI.
lollolalla
Nel tuo caso il rinnovo è ogni 6 anni. Comunque voi adesso lo dovete ancora richiedere. Per cui date mandato ad un tecnico per il reperimento di tutti i documenti necessari ed eventualmente per verificare che tutto sia a posto e fate questa benedetta pratica. E' ovvio che sarà un vostro onere economico produrre tutto il necessario. L'amministratore dovrà dare mandato al tecnico per ottemperare alla legge, sia che voi siate favorevoli, sia che siate contrari. Sugli obblighi di legge non si discute.
Dello stesso argomento
Pasqualotto
Chiedo scusa per l'intromissione: ma di quale delle "attività" elencate nell'allegato al D.M. 16.02.1982 si tratta ? La domanda formulata perchè potrebbe anche trattarsi di "attività" per le quali rinnovo del C.P.I. è previsto "una tantum". Saluti.a
albgiur
Intanto grazie per il ragguaglio. Ma intendi dire che comunque è colpa di noi condomini (tra l'altro io ci vivo da soli due anni) oppure era compito dell'amministratore, eletto dai condomini, provvedere? Siamo in qualche modo tutelati noi condomini? Grazie per eventuale risposta
Scritto da lollolalla il 03 Giu 2009 - 13:51:42:
Sono passati oramai 13 anni. Il Certificato di Prevenzione Incendi non dura così tanto, ma scade prima: a seconda del caso per cui è stato fatto, può durare al max 6 anni... 6 + 6 = 12 ... voi siete a 13! Era compito dell'amministratore richiederne il rinnovo. Mi pare che da voi la pratica si sia arenata per troppo tempo per dare la colpa a qualcun altro...
albgiur
Trattasi di autorimessa con più di 9 box privati. Inoltre non si parla di rinnovo, bensì di emissione per la prima volta del certificato (cioè il certificato ad oggi non esiste). Mancano però un sacco di documenti come le certificazioni strutture (solai, separazioni tra box, certificazioni porte REI installate dal costruttore ....)
Scritto da Pasqualotto il 04 Giu 2009 - 18:40:52:
Chiedo scusa per l'intromissione: ma di quale delle "attività" elencate nell'allegato al D.M. 16.02.1982 si tratta ? La domanda formulata perchè potrebbe anche trattarsi di "attività" per le quali rinnovo del C.P.I. è previsto "una tantum". Saluti.a
albgiur
Sicuramente noi condomini ci stiamo già attivando su questo. Il mio quesito inizialmente era nato dal fatto che in qualità di proprietario che acquista un appartamento dopo 10 anni che il condominio è stato costruito, sinceramente mi aspetto che chi viene pagato per fare il proprio lavoro (in primis costruttore, il tecnico del comune che rilascia agibilità e abitabilità senza che ci sia il CPI, e l'amministratore - mi sembra che quest'ultimo sia pagato per preoccuparsi di queste cose no? -) dopo 10 anni lo abbia fatto. Noi condomini non discutiamo la legge, ma di solito il primo CPI lo dovrebbe pagare il costruttore o il primo proprietario se ha già acquistato prima dell'agibilità, e poi gli altri pagheranno il rinnovo... invece a me toccherà pagare per inadempienze di altri. Di nuovo saluti.
Scritto da lollolalla il 05 Giu 2009 - 14:24:18:
Nel tuo caso il rinnovo è ogni 6 anni. Comunque voi adesso lo dovete ancora richiedere. Per cui date mandato ad un tecnico per il reperimento di tutti i documenti necessari ed eventualmente per verificare che tutto sia a posto e fate questa benedetta pratica. E' ovvio che sarà un vostro onere economico produrre tutto il necessario. L'amministratore dovrà dare mandato al tecnico per ottemperare alla legge, sia che voi siate favorevoli, sia che siate contrari. Sugli obblighi di legge non si discu [...]
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com