Condominioweb.com forum                   Inserisci un quesito
 05-05-2005 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Parti comuni e private

Casetta di legno nel giardino privato

 
Condominioweb.com forum >
mf160204
Scusate l'ignoranza: per costruire una casetta di legno (per riparo giochi, sedie, attrezzi vari) in giardino privato devo richiedere qualche permesso comunale (o autorizzazione condominiale)? p.s.mi è venuto il dubbio perchè ho visto che qualcuno ha scritto che per un barbecue in muratura occorre una DIA!
Elena Bartolini
Nel mio e nei comuni limitrofi la "discriminante" è il tipo di copertura ("se sotto ci piove o no", parole del dirigente dell'ufficio tecnico, quindi DIA per policarbonato, legno, ecc. mentre non serve per tende o cannicciati) e se l'opera è "stabilmente infissa al suolo". Una casetta o un gazebo appoggiati per terra non credo sarebbero soggette a DIA... a Riguardo al condominio, se non ci sono particoplari divieti sul regolamento, secondo me NON ha diritto a contestare installazioni su proprietà privata esterna all'edificio in condominio! Saluti! Elena
Elena Bartolini
Scritto da mf160204 il 11 Mag 2005 - 17:15:01:
mi avete fatto venire la depressione! (sto scherzando..) per cui anche se il tecnico del comune mi ha detto telefonicamente che non occorre DIA non è detto che sia vero e devo preoccuparmi di leggere il regolamento edilizio del comune. mah.. ...
No, se il tecnico del comune ti ha detto che non serve è altamente probabile che sia vero! a Io consiglio sempre di telefonare all'ufficio tecnico del proprio comune per farselo dire da loro ciò che prescrive il regolamento, dato che è possibile che ci siano differenze con la legge nazionale, però la persona con cui parli potrebbe anche prendere un abbaglio o non conoscere bene il suo stesso regolamento... a In caso di contestazione non puoi dimostrare che il geometra X del comune ti aveva detto così(e non servirebbe neanche, se fosse in effetti sbagliato!)! Saluti! Elena
Elena Bartolini
Se OGGI nel mio comune per le opere "non stabilmente infisse al suolo" non occorre DIA o autorizzazione e io piazzo la casetta, domani cambia il sindaco e il regolamento edilizio la mia casetta diventa "abusiva" o è una sorta di "diritto acquisito"? Saluti! Elena
Dello stesso argomento
Elena Bartolini
Grazie per il chiarimento koine! a Saluti! Elena
Elena Bartolini
Scritto da mf160204 il 16 Mag 2005 - 16:28:13:
Bè, no: le distanze sono stabilite dal codice civile! le trovi anche nella parte ad hoc di questo sito!
Vero, ma i regolamenti comunali possono aumentare queste distanze... a Saluti! Elena
kira77
vivo in una palazzina nuova dove ci sono solo 2 giardini privati in uno di questi, confinante con la strada, è stata messa una casa dei cani abbastanza grande sarà alta 2mt lunga 2mt e larga 1,5 mt all'incirca il costruttore ieri passando da lì (abita in calabria) guardando la casa ha detto che è un obrorio e che questa cosa potrà compromettere l'abitabilità della palazzina siccome è già in causa con questa signora credo che farà di tutto per madarle dei controlli visto che lei ha piazzato sta casa convinta di poter mettere qualsiasi cosa perchè è il suo giardino secondo voi devo dirle di andare a chiedere all'uff. tecnico cosa dice il regolamento edilizio in merito??? ed in + vuole mettere una di quelle reti verdone fitte fitte per tutta la recinzione che confina con la strada, il vialetto di ingresso e il viale dei garage lo può fare????
Giuseppina
Koine, verba volant ... Nel senso che magari il tecnico comunale, oberato di impegni, non ha neanche ben capito cosa gli si chiede e quindi risponde una cosa per un'altra. Se proprio non si vuol interpellare un tecnico (sarebbe auspicabile perchè se ne intende di più di questi argomenti) è opportuno recarsi di persona all'ufficio tecnico magari con un progettino completo di misure, le fotografie del sito e magari pure una mappa catastale. Le risposte saranno senz'altro più chiare. Saluti Giuseppina
Giuseppina
Lolita, da sola non puoi fare nulla. Le strade sono due (sempre previo incarico ad un tecnico che è l'unico che può presentare le pratiche): 1) smontare tutto e presentare una DIA asseverata da un tecnico abilitato. Poi rimonti. Non puoi dichiarare il falso, è un reato penale e poi occorrono le foto. 2) Presentare (sempre tramite un tecnico) un'istanza di sanatoria per quanto già esistente. Però così ti faranno pagare una multa. Ciao Giuseppina
Giuseppina
chiedi all'Ufficio Tecnico Comunale. Le distanze possono variare da Comune a Comune e da zona a zona. Saluti Giuseppina
Giuseppina
Brava! Giuseppina
Giuseppina
sicuramente basterà la scheda tecnica del costruttore ma un permesso edilizio comporta una serie di altre (tante) cose che può fare solo un tecnico abilitato. La casetta è soggetta a DIA. Punto. Quanto alle spiritosaggini di qualcuno, vorrei ricordare che la multa e la sanatoria valgono SOLO per tutto ciò che poteva essere realizzato (senza spese comunali) con regolare permesso edilizio. Qualcuno poi si sconvolge se dopo aver fatto l'abuso è costretto a pagare la multa al Comune e il tecnico per la sanatoria. Se avesse fatto le cose in regola avrebbe pagato solo il tecnico per la DIA o il permesso di costruzione. Se invece l'abuso, brutto o bello che sia, non si poteva fare non c'è sanatoria che tenga: si dovrebbe demolire ... o si aspetta il prossimo condono. Ma questo è un altro argomento. Giuseppina
ten7697
Art. 873 Distanze nelle costruzioni Le costruzioni su fondi finitimi, se non sono unite o aderenti, devono essere tenute a distanza non minore di tre metri. Nei regolamenti locali può essere stabilita una distanza maggiore.
ten7697
Scritto da koine.rock il 17 Mag 2005 - 12:40:54:
".. ma i regolamenti comunali possono aumentare queste distanze.." ..e a volte diminuirle: Ad esempio nel mio Comune si può costruire in aderenza al confine fabbricati ad uso sgombero di altezza inferiore a mt. 2,40 Se nei regolamenti comunali non è specificato nulla, dovrebbe valere il codice civile
i regolamenti comuniali non possono diminuire le distanze ma solo aumentarle
Lolita
Scusate ma ho le idee molto confuse in proposito. Ho letto il concetto "se è appoggiato per terra non è soggetto a Dia invece se è stabilmento fissato al suolo" sì. Faccio un esempio: ho fatto un camminamento nel mio giardino (2 strisce di piastre). Il mio geometra mi ha detto che non è sogetto ad autorizzazione perché sono poggiate sul suolo (nulla mi vieta di mettere un sasso nel mio giardino). Se invece fossero state fissate con il cemento dovrei chiedere il permesso in Comune. Seguendo questo concetto di "mobilità", ho POGGIATO anche un babecue in cemento e una casetta in legno, anche questa non fissata al suolo. Però leggendo tutto questo ho il dubbio di essere in regola. Chi mi può chiarire le idee ?
Lolita
Grazie per le tue risposte. Nel frattempo ho telefonato in Comune. Il tecnico responsabile era assente però la persona che mi ha risposto mi ha anticipato che, se la casetta non è cementata al suolo, non è necessario il permesso. Per una risposta più sicura dovrei richiamare. Per il barbecue, a questo punto non sollevo neanche la questione. Dove abito io ce l'hanno tutti e non credo proprio che gli altri abbiano chiesto il permesso in Comune. Se malauguratamente qualcuno dovesse richiedere un soprallugo per il mio, prometto che il soprallugo si farà per tutti. Sarebbe logico però, secondo me, considerare un barbecue non fissato al suolo come un "arredo urbano". Saluti
Lolita
Non sono un tecnico e non ho la pretesa di essere esperta in questo campo però, secondo me, tra una casetta di legno in fondo al giardino poggiata per terra e una tettoia sopra la porta d'ingresso c'è una bella differenza. Sinceramente, nella mia ignoranza, non mi aspetterei che per un'opera del genere il permesso del Comune non fosse necessario (una tettoia tocca il decoro architettonico). La cosa mi stupisce e m'insospettisce. Non è che per caso hanno detto così per non muovere le acque e pensando che nessuno sarebbe andato ad indagare? Suppongo che il Comune avrà ricevuto una richiesta di sopralluogo ? Io ormai la casetta e il barbecue li ho già nel giardino. Che cosa posso fare per "sanare" la situazione ? Più che chiedere all'ufficio tecnico se devo chiedere il permesso (facendo finta di non aver ancora fatto niente). Sono tenuti a rilasciarmi una dichiarazione se la chiedo ?
Lolita
Grazie per le Vostre risposte. Se mi confermano che non è necessario la DIA vedrò di farmi rilasciare qualcosa di scritto per essere tranquilla del tutto. Sono convinta anch'io che nel 90% dei casi i guai nascono quando qualcuno richiede un sopralluogo. Vi farò sapere. Grazie ancora
Nico_LC
Riporto brevemente l'esperienza dei miei vicini. Hanno telefonato al tecnico comunale per chiedere se potevano fare delle piccole tettoie a riparo della porta di ingresso. Il tecnico ha detto che non c'era problema, di farle tranquillamente. COntemporaneamente un altro vicino è andato in comune ed ha ricevuto la stessa risposta, hanno quindio costruito le tettoie e dopo 3 mesi è arrivata una bella multa per abuso edilizio con conseguente sanzione ed intervento di geomentra per mettere tutto a posto. Costo totale: Tettoie circa 4000 euro (totale di tutti i condomini) Sanzione e pratiche varie 2800 euro Io fossi in te mi farei fare una DIA o quanto meno una dichiarazione scritta e firmata che non c'è bisogno di DIA. Ciao
denis
E' un po fuori tema ma mi chiedevo se le distanze minime dai confini per gazebo, casettine in legno e simili siano le stesse di quelle delle costruzioni fisse tipo case. Peraltro qualcuno sa dove si trova qualcosa sulle distanze minime? Grazie Denis
denis
Grazie a tutti delle informazioni. Vi sarei grato se poteste dirmi esattamente a che articoli del codice civile vi riferite (907 ??) perchè non le trovo. Grazie ancora di tutto
mf160204
scusa, ma devo chiedere l'autorizzazione dei condomini per costruire una casetta di legno in un giardino privato esclusivo che non ha niente a che vedere con il condominio, posto all'interno del fabbricato, che si vede solo dalle finestre del bagno degli altri piani??? accidenti mi par di sognare. non ci posso credere. ora chiamo l'amministratore.
mf160204
a proposito ho telefonato all'ufficio tecnico del comune in cui abito e mi hanno risposto ridendo che non occorre DIA...bè, almeno questa...
mf160204
mi avete fatto venire la depressione! (sto scherzando..) per cui anche se il tecnico del comune mi ha detto telefonicamente che non occorre DIA non è detto che sia vero e devo preoccuparmi di leggere il regolamento edilizio del comune. mah.. per quanto riguarda i condomini per ora non sono problematici e speriamo che le cose si mantengano così. fra l'altro la casetta non sarebbe impiantata ma solo appoggiata a terra e confinante con i muri del mio appartamento, ossia non rompe davvero le scatole a nessuno. boh, andrò di nuovo in Comune...che vi devo dire.. a
mf160204
dimenticavo: ovviamente sul reg. condominiale non ci sono divieti, trattandosi di giardino esterno al condominio, nascosto all'interno dello stabile (fatto a parentesi quadra) e confinante con altri giardini privati non condominiali. anzi una condomina all'ultima assemblea mi fa "giardino? perchè lei ha un giardino?"..tanto per dirvi come siamo messi.
mf160204
Bè, no: le distanze sono stabilite dal codice civile! le trovi anche nella parte ad hoc di questo sito!
koine.rock
ti rispondo da Tecnico Comunale esperto in abusi edilizi: 1) normalmente qualsiasi opera edilizia necessita di presentazione DIA alComune, sia essa precaria (recinzione semplicemente piantata nel terreno, box prefabbricato in lamiera posato in cortile, tende anti sole, pollaio per le galline, ecc.) o fissa (tettoia, box in cemento armato) 2) ogni Comune ha un suo Regolamento Edilizio pertanto dipende da luogo a luogo, in Comune ti sapranno dire Di solito il Comune chiede che il Condominio dia l'assenso al progetto che presenti con la DIA (qualsiasi opera non interna potrebbe "imbruttire il fabbricato" a detta dei condomini). Se non lo fa, ti conviene chiedere tu agli altri condomini e farlo mettere per iscritto almeno non avrai problemi in futuro.
koine.rock
MEGLIO CHIARIRE BENE: In parte dipende da Regione e Regione e dal Regolamento Edilizo Comunale ..se non è specificato altro nel R.E.Comunale, vale la Legge Nazionale che dice: D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Art. 6 - Attività edilizia libera 1. Salvo più restrittive disposizioni previste dalla disciplina regionale e dagli strumenti urbanistici, ... i seguenti interventi possono essere eseguiti senza titolo abilitativo: a) interventi di manutenzione ordinaria; b) interventi volti all'eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell'edificio; c) opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico o siano eseguite in aree esterne al centro edificato. TUTTO IL RESTO E' SOTTOPOSTO A PERMESSO DI COSTRUIRE O DIA Nelle opere di manutenzione ordinaria (ad esempio qui in Piemonte) sono consentiti solo: riparazioni, intonaci, pavimenti, tegole ..e nulla più! Da esperienza (ogni giorno come Tecnico Comunale "faccio" multe del genere!) posso dire che in molti paesini vige la legge non scritta che "le tettoie si possono fare, non dan fastidio a nessuno e le fan tutti" e spesso i tecnici comunali nemmeno conoscono la legge nei particolari (perchè han già 1000 problemi) e rischiano di dare involontariamente indicazioni non proprio precise! Se il Sindaco mi dice "Ma si, la tettoia la puoi fare", io preferirei leggere questa norma scritta nel Regolamento Edilizio Comunale ..sennò vale la DIA, cioè la Legge Nazionale! Se la norma non è scritta e il mio vicino ha fatto una capannetta attrezzi e il Tecnico Comunale incompetente ha detto che non ci vuole il permesso ma questa la norma non è scritta, denuncio anche il Tecnico Comunale!!!! Per riassumere: - nessuno può costruire nulla senza DIA (a meno che non sia espressamente scritto nel Regolamento Edilizo Comunale) - nemmeno il Coltivatore Diretto o piccolo contadino può farlo! O meglio, ha diritto a costruire (quasi) tutto ciò che serve per la sua attività.. ma deve sempre presentare un progetto in Comune
koine.rock
Leggere il Regolamento Igienico Edilizio è il minimo! ..o se hai un amico Geometra professionista leggetelo insieme. Mi sembra strano che su esplicita richiesta (magari fatti rispondere per iscritto) un Tecnico Comunale risponda in modo errato.. però capita (più che altro perchè le leggi sono tante e alcune vanno un po' interpretate: i legislatori incasinano ancora di più le cose semplici!!!!!). Però di solito le norme comunali/regionali possono essere SOLO PIU' RESTRITTIVE rispetto a quella Nazionale. Non vorrei fare allarmismi, ma se un piccolo Comune SCRIVE nel proprio Regolamento Edilizio che le baracche attrezzi si possono fare senza chiedere alcun permesso, a mio avviso potrebbe essere in contrasto con la Legge Nazionale!!!! Io suggerisco solo questo: 1) se la norma è scritta, fate quello che dice la norma.. male che vada chiedrete i danni al Comune 2) se la norma non è scritta fate una richiesta e pretendete una risposta per iscritto dal Comune.. 3) se la norma non è scritta ma il tecnico comunale vi dice che "si può fare".. beh, io non la farei.. Stando coi piedi per terra posso dire che l'Italia è piena di baracche e tettoie non autorizzate per cui il Comune non romperà mai le scatole.. il problema nasce (al 90%.. parlo solo per le mie esperienze) quando litigate col vicino e lui per ripicca chiede sopralluoghi al Comune per tutto quello che avete costruito.. e in quel caso "i nodi vengono al pettine"! ciao Fabio (Tecnico Comunale)
koine.rock
Premesso che ogni Regione e ogni Comune hanno regolamenti specifici e spesso differenti quindi, REGOLA UNICA, chiedere in Comune che risponderà in base al proprio Regolamento Edilizio.. ..secondo me relativamente al camminamento con lastre poggiate, sei a posto e ha detto bene il tuo tecnico (ricorda sempre quanto ho scritto in premessa: i Regolamenti Edilizi sono di solito PIU' RESTRITTIVI quindi potrebbero persino prevedre la NON POSSIBILITA' del camminamento che hai realizzato!!!) Sempre fatte salve le mie premesse aggiungo che nel mio Comune: - anche i gazebo (con copertura in tessuto) semplicemente appoggiati sono soggetti a DIA (nel Comune in cui lavoravo prima erano soggetti a DIA solo quelli cementati nel terreno) - i gazebo con copertura fissa sono assimilabili a TETTOIA quindi soggetti a DIA La casetta in legno è un'opera di una certa entità quindi soggetta a DIA (se non a Permesso di Costruire!). Sui barbecue qualche Comune lo considera "arredo urbano" (tipo panchina) non soggetta a nulla, altri Comuni lo considerano "opera edilizia" soggetta a DIA. REGOLA UNICA PER NON AVERE DUBBI: SENTITE SEMPRE L'UFFICIO TECNICO DEL VOSTRO COMUNE!!!! I REGOLAMENTI SPECIFICI E PARTICOLARI SONO SPESSO DIFFERENTI DA COMUNE A COMUNE!
koine.rock
"hanno quindi costruito le tettoie e dopo 3 mesi è arrivata una bella multa per abuso edilizio con conseguente sanzione" già.. se non è tutto ben scritto nel Regolamento Edilizio, non costruite NULLA DI NULLA
koine.rock
hai scritto: "secondo me, tra una casetta di legno in fondo al giardino poggiata per terra e una tettoia sopra la porta d'ingresso c'è una bella differenza" ..anche secondo me! :-) ..ma come ribadisco sempre DIPENDE DA COMUNE A COMUNE. E' il Consiglio Comunale che approva il Regolamento Edilizio quindi se cambia il Sindaco magari la prossima volta si potrà fare (MA IL NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO CHE VERRA' APPROVATO NON POTRA' COMUNQUE ESSERE IN CONTRASTO CON LE NORMATIVE NAZIONALI E REGIONALI!) "Io ormai la casetta e il barbecue li ho già nel giardino. Che cosa posso fare per "sanare" la situazione ?" HA DETTO GIUSTO GIUSEPPINA: 1 - o smonti tutto e chiedi in seguito autorizzazione (DIA con Geometra che ti fa il progetto) 2 - o presenti DIA in sanatoria e paghi 516 Euro di multa (+ il costo del Geometra che ti fa il progetto) ATTENTA: i permessi del comune sono "salvo diritti di terzi" quindi se vuole (e se vincerà la causa) il Condominio può protestare per danni al decoro e simili! "Sono tenuti a rilasciarmi una dichiarazione se la chiedo ?" Ogni volta che si scrive al Comune (per qualsiasi "stupidaggine") è bene richiedere risposta scritta ..almeno hai un documento in mano e potresti fargli causa se ti han dato info errate CIAO
koine.rock
DIRITTO ACQUISITO, senza ombra di dubbio! A patto che: 1 - nel Regolamento Edilizio fosse specificato (o si desume) che per quel tipo di opera non era necessaria autorizzazione 2 - si può desumere che tu l'abbia realizzata proprio nel periodo in cui la Normativa Comunale (che spero sia adeguata a quella regionale e Nazionale!) non obbligava a richiedere nulla! Io per stare tranquillo faccio così: quando realizzo opere per cui non serve autorizzazione mando comunque una lettera in Comune (che mi faccio protocollare e terrò sempre con me) in cui comunico che sto facendo quell'opera Se cambia il Sindaco (e la normativa), l'opera edilizia è comunque conforme. La cosa "negativa" che potrebbe capitarti potrebbe solo essere che la nuova normativa ti obbligherà a chiedere un permesso se tu vorrai magari demolirla e ricostruirla (o magari non sarà ammesso ricostruirla!!!!) In ogni caso potrai sempre fare qualsiasi opera di risanamento conservativo e manutenzione sulla tua casetta (a patto di non alterarne le caratteristiche costruttive!) ciao Fabio
koine.rock
".. ma i regolamenti comunali possono aumentare queste distanze.." ..e a volte diminuirle: Ad esempio nel mio Comune si può costruire in aderenza al confine fabbricati ad uso sgombero di altezza inferiore a mt. 2,40 Se nei regolamenti comunali non è specificato nulla, dovrebbe valere il codice civile
koine.rock
i regolamenti comuniali non possono diminuire le distanze ma solo aumentarle ... ...ma dipende dal tipo di costruzione! Confermo: nel mio Comune si può costruire in aderenza al confine fabbricati ad uso sgombero di altezza inferiore a mt. 2,40.. lo so bene perchè lavoro come Geometra all'Ufficio Tecnico! :-) ciao
koine.rock
anche io multo "senza problema" ..e per fortuna! ..perchè sennò varrebbe la legge del più forte o del più ricco e il Comune sceglierebbe chi multare e chi no. Il problema secondo me non è che sia stupido multare una tettoietta o un barbecue (anche secondo me lo è) ma PERCHE' IL SINDACO NON FA' SCRIVERE SUL SUO REGOLAMENTO EDILIZIO: E' POSSIBILE COSTRUIRE TETTOIETTE E BARBECUE E CASETTE ATTREZZI SENZA CHIEDERE IL PERMESSO! ???? ..cosi tutti siam a posto e siam certi che rispettiamo le stesse leggi. ...sembra semplice vero? ...beh ..lo e'!!!!! :-) ciao
koine.rock
vivo in una palazzina nuova dove ci sono solo 2 giardini privati in uno di questi, confinante con la strada, è stata messa una casa dei cani abbastanza grande sarà alta 2mt lunga 2mt e larga 1,5 mt all'incirca il costruttore ieri passando da lì (abita in calabria) guardando la casa ha detto che è un obrorio e che questa cosa potrà compromettere l'abitabilità della palazzina siccome è già in causa con questa signora credo che farà di tutto per madarle dei controlli visto che lei ha piazzato sta casa convinta di poter mettere qualsiasi cosa perchè è il suo giardino secondo voi devo dirle di andare a chiedere all'uff. tecnico cosa dice il regolamento edilizio in merito??? ed in + vuole mettere una di quelle reti verdone fitte fitte per tutta la recinzione che confina con la strada, il vialetto di ingresso e il viale dei garage lo può fare???? ************ Chiedere sempre in Comune è la cosa migliore. Proprio percheè in ogni Comune i regolamenti son diversi. Anche per una recinzione è meglio informarsi bene. Di sicuro tutte queste opere NON incidono sul Certificato di Agibilità del fabbricato.
Baby
Anch'io abito in un piccolo comune, e anch'io ho ricevuto la stessa risposta..... e calcola che non sono in un condominio. risultato? un vicino per rompermi le scatole ha fatto fare un sopralluogo dal comune stesso e quasi quasi ci rimettevo io! Barbara
rebepao
Giusto Erremme, le regole chiare semplificano i comportamenti. Però le regole dovrebbero essere a carattere nazionale e non a macchia di leopardo. Un comune (a volte) approfitta sulla confusione che si crea da una fumosa interpretazione delle leggi locali, per acchiappare qualche soldino dai cittadini. 516 euro sono il costo del gazebo o della casetta che con la sanzione diventa il doppio, ma allora è solo questione di soldi e non di estetica... Non viene usato il classico granello di sale che dovrebbe valutare caso per caso se la costruzione è brutta o bella in armonia con l'edificio a cui è vicina. Avevo voglia l'anno prossimo di costruirmi una pergola in giardino ma con tutto quello che ho sentito in questa discussione e con il timore di qualche tiro mancino di un vicino invidioso penso che mi terrò il mio povero ombrellone... Ahimè a a a Saluti, Rebepao
rebepao
Tante grazie, consiglio saggio. a Saluti, Rebepao
erremme
cioè nel senso...te vorresti sapere chi ti ha fatto la denuncia? No, noi non lo diciamo, non so in base a quale riferimento di legge, ma a non lo diciamo. Poi per il fatto di far vendere e installare sempre e comunque casette e barbecue...a dico che una regola ci vuole, altrimenti ...è anarchia, e se ognuno fa come vuole......... a CHE CAOS VIENE FUORI!!!!! a
erremme
Scritto da stilves il 20 Giu 2006 - 14:46:48:
La domanda che vorrei fare è questa:e se volessi mettere una tenda per esterno in una casa singola i miei vicini potrebbero mandarmi il comune?
per la tenda, nel mio comune, è prevista la presentazione di una "manutenzione ordinaria": semplice comunicazione,... dove comunque comunichi dimensioni, colore e tessuto, con foto dell'immobile per far vedere dove e come viene installata ciao erremme a
erremme
per le casette per gli attrezzi, concordo in pieno con koine.rock, e dico che dovrebbero FERMARE i venditori di queste casette, che a questi poveri clienti gli dicono che si possono installare senza nessun permesso. E' successo più di una volta che nel mio Comune siano state fatte smontare; logicamente sono sempre i vicini a che sporgono denuncia e scatta il sopralluogo....... Per il barbecue ...... sempre nel mio Comune, è stato considerato ABUSO EDILIZIO, ed al povero malcapitato......le sue bistecche alla brace gli sono costate care!!!!!!!!! ciao erremme a
erremme
Scritto da rebepao il 21 Giu 2006 - 17:22:54:
.......ma allora è solo questione di soldi e non di estetica... Non viene usato il classico granello di sale che d [...]
...no, non è proprio così. Il comune se scopre che hai fatto un abuso, e una casetta in legno lo è, non è che ti fa sanare, pagare la multa e via..... Puoi sanare SOLO se ci sono le condizioni di ammissibilità con il regolamento edilizio: sani ciò che avresti potuto fare con un permesso regolare, vedi D.I.A. o permesso di costruire. In caso contrario, se non ci sono i "requisiti"...DEMOLIZIONE. Quindi di che ti preoccupi? Vuoi fare un pergolato, ...fallo, ma con regolare autorizzazione, o comunque una comunicazione. Dipende dal regolamento del Comune: può darsi che dove sei te, non ci voglia altro che una comunicazione. Informati presso un tecnico di tua fiducia, uno che presenta normalmente pratiche edilizie ae, o presenti una D.I.A, o un permesso di costruire ma mi sembra eccessivo...o una comunicazione. In questo modo sei con le spalle coperte, se non si può fare, ti fermano prima ...... ciao a
demagigi
Mi sono letto tutti gli interventi di questo post e siccome in questo momento ho un problema con il proprietario del fondo confinante che mi sta costruendo anche sul confine, a mt. 2 dal mio box, (vedere mio post senza risposte) mi sono fatto l’idea che anche nei comuni prevalgono gli interessi economici. Perché, se il codice civile impone una distanza minima di mt. 3 il mio comune non la fa rispettare? Perché non si mette contro ad uno pieno di soldi che costruendo tre palazzine e diversi box rimpingua le casse del comune, il cui sindaco prima di essere tale era manifestamente contro l’espansione edilizia del paese. Forse avevano ragione i miei figli quando vistomi irritato x quanto stava accadendo e sapendo che avevo intenzione di andare a chiedere in comune, mi hanno riso in faccia.
stilves
Per kira77 :bhè una casetta per attrezzi 2metri per due metri è una cosa una invece enoprme per cani è un altra. Per demagig.------->HAI PERFETTAMENTE RAGIONE MA SOPPRATUTTO HA RAGIONE IL FIGLIO QUANDO RIDE DEI COMUNI E SOPRATTUTTO DELLE PERSONE CHE CI LAVORANO E APLLICANO LE LEGGI A SECONDO I PROPRI INTERESSI O SOPRATUTTO CHIUDONO TUTTE I DUE GL'OCCHI PER AMICI E VOGLIONO FARE I BACCHETTONI CON ESTRANEI.BASTA VEDERE COSA HANNO SCRITTO ((E QUI GLI FACCIO TUTTI I MIEI COMPLIMENTI )) A COLORO CHE HANNO SCRITTO IN PRECEDENZA IN PARTICOLARE A CHI HA SCRITTO: ...IO NEL MIO COMUNE MULTO SENZA PROBLEMI IO QUA IO LA... BRAVO MA SE CAPITI NEL MIO COMUNE SCOMMETTI CHE CAMBI LAVORO?
stilves
Mi sembra vergognoso che si debba fare una dia per una casetta per gli attrezzi:VERGOGNA!!!! La domanda che vorrei fare è questa: e se volessi mettere una tenda per esterno in una casa singola i miei vicini potrebbero mandarmi il comune?
stilves
a Ma come?Tutte le villette hanno una casetta o un barbeque!!Togliamo a tutti e multiamo tutti?Piuttosto erreme sarebbe intelligente cambiare la legge ,non fare non vendere le casette e barbeque, ma dove siamo a mosca?Non capisco! Tanto per fare un po di umor """ma la villetta certosa in sardegna allora?Anche quella è abusiva e non è come la mia di 5mq ma di 1000mq...""" PS:ma se interviene il comune per un vicino io posso sapere il nome?
stilves
caos???caos?? in italia? ma scherzate?? Ovunque c'è l'abusività!!! Vogliamo parlare di quanti gazebi e barbeque sono dichiarati?ZERO e non provate a dire bugie!!!! Un tettuxccccio posso capirlo(anche se in italia è vergognoso) ma un barbeque .... E voi mi parlate di caos....fin che mi dite che siete obbligati a multare se c'è una denuncia capisco,tutto il resto ,...erremme forse è la stessa gelosia che porta alla denuncia? Infine il comune è obbligato a dare il nome,se poi si come sempre e come in futuro lo si farà sempre piu si modellano le leggi a proprio piacimento... Cmq ragionando in questo modo arricchitte i carrozzieri del vostro paese,spero per le vostre macchine non lavorate per il comune dove vivo io,HIHIHIHI CIAO BELLI!!!
protea
Grazie per tutte le informazioni che sono riuscito a trarre dalle vostre esperienze, una domanda: quando si parla di distanza, il codice civile cito "Le costruzioni su fondi finitimi, se non sono unite o aderenti, devono essere tenute a distanza non minore di tre metri..." si riferisce a qualsiasi costruzione qindi anche muretti con reti? se la mia casetta la posiziono aderente al muretto??? :-)
condofree
Dall'ufficio tecnico del mio comune mi dicono di fare il progetto, quindi io dovrei pagare un geometra/ingegnere per una casettina da 300/400 euro. C'e' proporzione secondo voi ? Non potrebbe bastare la scheda tecnica del produttore visto che tali casette si acquistano anche negli ipermercati ?
bazbazbaz
Scritto da mf160204 il 10 Mag 2005 - 16:06:00:
a proposito ho telefonato all'ufficio tecnico del comune in cui abito e mi hanno risposto ridendo che non occorre DIA...bè, almeno questa...
vedi cosa il regolamento contrattuale dice in merito per la dia fai una richiesta scritta in comune e protocollala in modo da avere risposta scritta. in un mio condominio dopo che il proprietario rassicurato telefonicamente ha costruito un gazebo in legno ha dovuto abbatterlo...
Lionelf
Per costruire la casetta per gli attrezzi, anche se in legno, ci vuole per certo la DIA. Ne ho avuto l'ennessima conferma leggendo qualche mese fa "l'esperto risponde" del sole 24h ove veniva posto lo stesso quesito. Se vuoi nei prossimi giorni giorni ti posso inviare il N° del quesito o un pdf. Saluti a tutti.
tomjoke
vorrei sapere cosa possono rischiare i miei vicini.nel nostro condominio abbiamo 4 giardini privati per ogni appartamento,il mio confina con quello dei vicini che hanno 2 cani e che non viene pulito dai loro bisogni molto spesso,i cani sono tenuti molto bene mangiano,bevono ed scono spesso ma il problema rimane l'odore che manda quello spazio adibito ai cani.quello che volevo sapere e' se legalmente rischiano qualcosa perche' l'altro confinante ha minacciato piu' vote di fargli togliere i cani dal comune.io amo molto gli animali e non vorrei che accadesse qualcosa,vi ricordo che i cani sono tenuti benissimo ma vorrei informarmi x evitare il peggio..ho provato a parlare con il padrone ma lavora fino a sera tarda,quindi i cani escono quando torna; ma durante il giorno si liberano dei loro bisogni in giardino,la mattina ritorna a lavoro ed il giardino rimane sporco..cosa rischiano questi miei vicini???attendo notizie molte grazie
HARRY73
Ciao A Tutti. dopo aver letto tutti i vostri messaggi, posso solo dire: Vendesi Casetta per gli attrezzi, in legno, appena montata. Ebbene si, lo appena montata, su uno spazio di proprietà e fino ad ora nessuno dei condomini ha detto nulla. Però, consultato l'ufficio tecnico del comune, vengo a sapere che era necessaria una DIA, che non ho fatto. Quindi, non vedo alternative.Mi toccherà smontarla e provare a venderla: non è cosi?la multa ammonta ancora a 516 euro o ci sono spese aggiuntuive?nel caso ci sia un ordine di demolizione, c'è da pagare sempre la multa? grazie Modificato Da - HARRY73 il 20 Ott 2009 14:43:54
lucy69
Ciao Harry76, posso solo dirti che proprio in questi giorni mi sono informata dal tecnico del mio comune.Premetto che sono in una villetta privata, con giardino solo mio. Anch'io devo mettere una casetta porta attrezzi, tot. mq 6, e praticamente mi costano di piu' tutti i permessi e oneri che la casetta in se stessa, mi sta quasi scappando la voglia di metterla. Ci vuole naturalmente la DIA, che fatta da un geometra mi costa sui 600,00€, poi ci sono gli oneri comunali che si aggirano sui 150,00€... e poi dopo aver dichiarato il " fine lavori " devo anche modificare la scheda catastale, altri 600€.... E' veramente una cosa assurda, anche perche' non e' niente di fisso.... Ho chiesto al tecnico se dopo un tempo breve, decidessi di toglierla cosa succede... Devo rimodificare la scheda catastale, altri 600€. Comunque stessa cosa anche se metto un gazebo di ferro o legno. Per qualsiasi cosa che rimane fissa, e' d'obbligo fare questa trafila... Che bell'italia !!!a Ho chiesto a cosa andavo incontro se non avessi fatto la Dia e tutto il resto... Dunque, come hai detto tu, multa di 516,00€, poi sei comunque obbligato a fare la Dia(GEOMETRA 600,00€)e modifica catastale, altri 600,00€. Quindi forse forse a fare tutto in regola " ci guadagno !! ". Butta via tutto prima che escano a controllare !!!! Modificato Da - lucy69 il 02 Feb 2010 08:58:42
cref
Salve a tutti: ho comprato da poco una casa in zona residenziale posta su un terreno pertinenziale di oltre 1500 mq, ma non ho il garage, questo x un amante del brico come me e’ un vero problema, ho letto tutte le vostre discussioni xke’ anche io dovrei mettere una casetta, o meglio ho bisogno di attaccare insieme 2 casette da 6 metri x 5 l’ una e voglio stare tranquillo col comune che da queste parti e’ molto fiscale. Stavo pensando di poggiare queste 2 casette su 6 ruote, con una bella struttura in ferro. Cosa ne pensate ? potranno mai dirmi qualche cosa ? grazie. APRI NUOVA DISCUSSIONE,GRAZIE
 
 

 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com