Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
103219 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Fa rifornimento e paga la segretaria prelevando dal conto del condominio: amministratore condannato per appropriazione indebita
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Fa rifornimento e paga la segretaria prelevando dal conto del condominio: amministratore condannato per appropriazione indebita

Ecco cosa succede all'amministratore che si appropria dei soldi dei condomini. Si parla di oltre 180.000 €...

Avv. Alessandro Gallucci  

Commette il reato di appropriazione indebita aggravata dall'abuso di relazioni di ufficio e dalla rilevanza del danno, l'amministratore di condominio che si appropria di € 180.000,00 destinandoli a spese del proprio ufficio (non inerenti il condominio) e di carattere personale.

Questa, in somma sintesi, la decisione resa dalla Corte di Cassazione penale con la sentenza n. 40970 depositata in cancelleria il 29 settembre 2016 a seguito dell'udienza di discussione del 21 giugno dello stesso anno.

I fatti: un amministratore condominiale veniva condannato, tanto in primo quanto in secondo grado, per il reato di appropriazione indebita aggravata e continuata alla pena di un anno e sei mesi di reclusione nonché alla multa di € 500,00

La sentenza di primo grado poi confermata in appello prevedeva anche un risarcimento del danno in favore del Condominio (costituito parte civile), disponendo una provvisionale, immediatamente esecutiva, nella misura di € 60.000.

La provvisionale è una somma di denaro che il giudice liquida alla parte civile (o danneggiata) a titolo di anticipo sul maggior danno accertato. Insomma la provvisionale, in sede penale, altro non fa che anticipare la successiva condanna in sede civile.

Da non perdere: Quando l'amministratore utilizza i soldi dei condomini per scopi personali

Era disposta, comunque, la sospensione condizionale della pena, subordinata però al pagamento della suddetta provvisionale. Da qui il ricorso in Cassazione dell'imputato

Come si era giunti a questa decisione? L'amministratore subentrato nella gestione del condominio a quello poi condannato aveva revisionato (meglio redatto nuovamente) i rendiconti di gestione e da questi erano emerse appropriazioni di ingenti somme di denaro da parte del suo predecessore. Prelevamenti assolutamente non riconducibili all'esercizio delle sue funzioni.

Tra le destinazioni delle somme distratte dall'uso cui erano destinate, si annotavano pagamenti di rifornimenti di carburante, di vestiti, del compenso della segretaria di studio, oltre che emissione di assegni a favore di soggetti non identificati.

A nulla sono valse le difese dell'amministratore tese a dimostrare che bisognava tenere conto del fatto che né come amministratore né come architetto operante a favore del condominio aveva mai riscosso compensi.

Insomma a fronte dell'impianto accusatorio non erano emerse prove che consentissero l'assoluzione per mancanza di rilevanza penale della condotta dell'imputato.

La Corte di Cassazione – in ultima istanza – ha rigettato il ricorso e confermato la condanna. Gli ermellini hanno considerato inammissibile il ricorso, poiché, contrariamente a quanto previsto dal codice di procedura penale le doglianze erano generiche oltre ad essere ”articolate sulla base di rilievi che tendono ad una rivalutazione del merito delle statuizioni della Corte territoriale; statuizioni, peraltro, nella specie operate dalla Corte di appello con argomenti esaurienti e privi di vizi logici sia sul punto responsabilità, sia in punto determinazione del danno subito e relativa condanna risarcitoria”.

Come dire: in Cassazione si verifica se le leggi sono state applicate correttamente, non si può entrare nel merito. Per di più chiosano i giudici, nel caso di specie non emergevano elementi dubbi. Insomma la prova era stata raggiunta, l'appropriazione v'era stata.

=> Appropriazione indebita in condominio. Come quantificare il danno

=> L'amministratore ruba i miei soldi, se lo dici davanti almeno a due persone allora è diffamazione

Scarica Cass. 29 settembre 2006 n. 40970

Cerca: amministratore indebita appropriazione

Commenta la notizia, interagisci...
Rindi Roberto - Prato
Rindi Roberto - Prato venerdì 24 novembre 2017 alle ore 22:22

Oggetto: impianto di riscaldamento centralizzato.Abito in una palazzina al 3 piano e ultimo. l'impianto centralizzato,e stato messo in regola con le normative di legge scadenza 31/12/2016.Pagato in base alle tabelle millesimali la dovuta spese centrale termica. La spesa all'interno della propria abitazione deve provvedere ogni sigolo condomine per installare le valvoe e ripartitori e testine termostatiche. l'amministratore col suo fontaniere mi ha inistallato soltanto il ripartitore,perche tutto il resto lo avevo intallato io l'amministratore manda il conto di tutto il lavoro e il materiale che avevo inistallato io.Nonostante gli faccio presente del caso.Mi risponde devi pagare. Anche se si va in tribunale dice lui con la sua presunzione tanto vinco io.l'ho messo in mano all'avvocato. E da qurela perche mi fà passare da ladro, invece il ladro e l'amministratore. Vi domaderete perche non cambi amministratore,perche nel palazzo ci sono persone di una certetà che anno timore. Mi sembra di rivedere il film di Alberto Sordi il marchese del grillo della famosa frase io sono io e tu non sei un cazzo. Ecco perche ho messo l'avvocato.

Rindi Roberto - Prato
Rindi Roberto - Prato venerdì 24 novembre 2017 alle ore 22:26

Oggetto: impianto di riscaldamento centralizzato.Abito in una palazzina al 3 piano e ultimo. l'impianto centralizzato,e stato messo in regola con le normative di legge scadenza 31/12/2016.Pagato in base alle tabelle millesimali la dovuta spese centrale termica. La spesa all'interno della propria abitazione deve provvedere ogni sigolo condomine per installare le valvoe e ripartitori e testine termostatiche. l'amministratore col suo fontaniere mi ha inistallato soltanto il ripartitore,perche tutto il resto lo avevo intallato io l'amministratore manda il conto di tutto il lavoro e il materiale che avevo inistallato io.Nonostante gli faccio presente del caso.Mi risponde devi pagare. Anche se si va in tribunale dice lui con la sua presunzione tanto vinco io.l'ho messo in mano all'avvocato. E da qurela perche mi fà passare da ladro, invece il ladro e l'amministratore. Vi domaderete perche non cambi amministratore,perche nel palazzo ci sono persone di una certetà che anno timore. Mi sembra di rivedere il film di Alberto Sordi il marchese del grillo della famosa frase io sono io e tu non sei un cazzo. Ecco perche ho messo l'avvocato.

    in evidenza

Dello stesso argomento