Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
99366 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Atti di ordinaria e straordinaria amministrazione. Se si "sconfina" niente buona fede ai fornitori e responsabilità personale all'amministratore di condominio
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Atti di ordinaria e straordinaria amministrazione. Se si "sconfina" niente buona fede ai fornitori e responsabilità personale all'amministratore di condominio

Il labile confine tra attività di amministrazione ordinaria e straordinaria: gli effetti in capo all'amministratore e ai terzi che negoziano con il Condominio.

Avv. Rosario Dolce del Foro di Palermo  

Per trarre una soluzione concreta al quesito ci poniamo una domanda altrettanto pratica.

Ed invero, il conferimento da parte dell'amministratore di un incarico ad un ingegnere al fine di provvedere alla verifica delle condizioni di staticità dell'immobile e alla elaborazione di un progetto che preveda come ripristinare i "luoghi" postula una"attività conservativa", che può porre in essere senza bisogno dell'autorizzazione assembleare, oppure trattasi di "opera di straordinaria amministrazione", che, laddove non ratificata assemblearmente, ricada in suo sfavore?

=> Legittima l'affidamento dei lavori alla ditta individuata da una commissione ristretta di condomini

Il caso. Il Tribunale di Milano ha respinto la domanda di pagamento di una parcella emessa da parte di un tecnico (Tizio) a seguito della redazione di un progetto edile nei confronti di un condominio locale.

Il mandato per lo svolgimento dell'attività era stata rilasciato dall'ex amministratore ed aveva ad oggetto la redazione di un parere "all'esito del quale valutare la possibilità di effettuare opere di consolidamento strutturale di un maschio murario dell'edificio".

Secondo il giudice di primo grado l'incarico conferito dall'allora amministratore al tecnico in questione configurerebbe un "atto di straordinaria amministrazione non compreso nei poteri di rappresentanza ex lege di cui all'art. 1130 c.c., in quanto relativo ad opere di manutenzione straordinaria ex art. 1135 n. 4 c.c.".

Tizio, invece, ha sostenuto che "la verifica delle condizioni di staticità dell'immobile e la elaborazione di un progetto che preveda come ripristinare è attività conservativa del bene e non certo opera di straordinaria amministrazione", rientrante - come tale - tra le attribuzioni dell'Amministratore tenuto, ai sensi dell'art. 1130 n. 4 c.c., a "compiere gli atti conservativi relativi alle parti comuni dell'edificio".

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Corte di Appello di Milano del 7 giugno 2017.

Cerca: amministratore di condominio atti di straordinaria amministrazione

Commenta la notizia, interagisci...
Gianni
Gianni giovedì 07 dicembre 2017 alle ore 08:43

Buon Dì. Si tratta di UN lampante esempio di come gli amministratori credono di essere diventati PADRONI-predoni incontrollati

    in evidenza

Dello stesso argomento